Giorgio Pontico

IPREDATOR è libera

Una sorta di canto del cigno. Una VPN per anonimizzare e proteggere ogni connessione. Ora disponibile per tutti

Roma - Tunneling della connessione in salsa pirata. Uno schiaffo all'antipirateria propagandata dalle major e accolta dai governi. La gestazione di IPREDATOR è conclusa: la darknet messa in piedi da quelli di The Pirate Bay per fornire ai divoratori di torrent un valido strumento per mascherare la propria connessione, è entrata in funzione.

I netizen svedesi e non solo potranno così mettersi al riparo dalle rappresaglie dei detentori dei diritti che negli ultmi tempi, vista la diffusione di provvedimenti istituzionali ispirati alla Dottrina Sarkozy, hanno stretto la morsa nei confronti dei provider, alla ricerca di indirizzi IP da tradurre in generalità personali con cui compilare una denuncia.

Pagando 5 euro al mese si potrà accedere a IPREDATOR, che provvederà a far passare inosservata le attività dei suoi utenti ponendosi come step ulteriore nel percorso virtuale che proietta l'utente sulla Rete. Peter Sunde, che nonostante abbia ufficialmente abbandonato il ruolo di portavoce dei pirati non nega quasi mai un commento, ha spiegato che la sua darknet non differisce di molto, almeno per quanto riguarda l'infrastruttura, da realtà simili.
Il vantaggio rispetto ad altre connessioni VPN è che IPREDATOR dovrebbe presto poter fare da scudo anche per quella che, all'epoca della sua promulgazione, era stata subito ribattezzata "legge Orwell", per via dell'asfissiante controllo che avrebbe esercitato scrutando in ogni canale di comunicazione elettronica tra i cittadini svedesi.

Sunde ha spiegato che una soluzione efficace per accecare il sistema in questione, il quale per funzionare sfrutta la potenza di uno dei supercomputer più potenti del mondo, è già in cantiere e dovrebbe essere messa a disposizione degli utenti di IPREDATOR.

I creatori di questa darknet pirata non sembrano dunque concedersi un attimo di riposo per rendere IPREDATOR uno strumento sempre più raffinato e in grado di garantire l'anonimità di ogni singolo bit sparato al di fuori dei confini svedesi. "L'unica cosa che il governo svedese può fare adesso - conclude Sunde - è quella di rendere illegale la cifratura dei dati".

Quel che resta della Baia si conferma dunque più vivo che mai, come se processi e mancati tentativi di legalizzazione non si fossero mai verificati. In un post natalizio comparso sul blog, gli attuali tenutari di TPB non esitano a scrivere che "la storia della Baia è ancora da scrivere, è troppo presto per una sua conclusione". Nel frattempo i vecchi capitani devono farsi largo tra ingiunzioni di pagamento da parte della major derubate. Strascichi del processo e di una travagliata estate.

Giorgio Pontico
Notizie collegate
41 Commenti alla Notizia IPREDATOR è libera
Ordina
  • Sembra una battuta scema quella di Sunde, e invece...
    Basta godersela finché si può, perché sono convinto che timidamente, un pezzettino alla volta, una nazione alla volta, cominceranno a comparire le prime proposte di legge per rendere la "crittografia privata" illegale fino a prova contraria; qualcosa come: "se proprio vuoi crittografare i tuoi dati, devi chiedere prima il permesso a noi, che vaglieremo i dati che vuoi crittografare, e dei quali ovviamente dovrai fornirci la chiave di accesso; se ti permetterai di crittografare i tuoi dati personali sul tuo pc personale senza dirci nulla prima, e per caso lo scopriremo, verrai indiziato di atti terroristici o qualcos'altro e l'unico modo che avrai per scagionarti sarà darci la password dei tuoi dati che quindi vaglieremo".
    In UK finisci già in carcere se a qualunque titolo non vuoi/puoi fornire la password di cifratura una volta che per qualunque motivo, anche indirettamente, vieni coinvolto in una indagine...
  • Sarà! Può essere che in futuro saranno messe al bando le VPN private.
    Ma prima di fare tutto questo, devono cercare di capire come non rendere fuori legge tutte le VPN private aziendali (per esempio) Sorride
  • Gli basterebbe autorizzarle solo per le persone giuridiche.
  • Se ci manderanno tutti in prigione, scaricheremo la musica o quant'altro da lì e così poi loro muoriranno tutti di fame in quanto non avranno più nessuno che comprerà i loro prodotti !!!!
    non+autenticato
  • basta che tot persone facciano una associazione senza fini di lucro e chiamarla consorzio dei pirati della città XYZ e tac! ecco la persona giuridica a disposizione di tutti i "consorzisti" (si dice così?)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Luca Colza
    > basta che tot persone facciano una associazione
    > senza fini di lucro e chiamarla consorzio dei
    > pirati della città XYZ e tac! ecco la persona
    > giuridica a disposizione di tutti i "consorzisti"
    > (si dice
    > così?)
    Consorziati ....
  • si avrebbero un mucchio di controversie

    come fai tu osservatore esterno a dire che la comunicazione tra A e B è una comunicazione cifrata e non l'invio di un file composto da byte pseudo-casuali?

    oppure come fai a dire che quei dati non sono codificati secondo un formato dati che i due interlocutori stanno usando?

    io potrei creare per esempio un mio programma di voip che sfrutta un formato tutto suo e distribuirlo agli amici in modo da poter comunicare come ci pare fuori dai sistemi convenzionali

    per fare una cosa del genere dovranno militarizzare il web, portandolo alla quasi paralisi
    non+autenticato
  • >per fare una cosa del genere dovranno militarizzare il web, portandolo alla quasi paralisi

    Esatto, quella è l'idea dei nostri governanti.
    In America è già vietato criptare con chiavi superiori a 128 bit...
    non+autenticato
  • > In America è già vietato criptare con chiavi
    > superiori a 128
    > bit...
    Sei sicuro? quindi, per esempio, tutti i siti https seri sono fuori legge?
    Citami la fonte per favore che sono curioso.
    non+autenticato
  • - Scritto da: poiuy
    > >per fare una cosa del genere dovranno
    > militarizzare il web, portandolo alla quasi
    > paralisi
    >
    > Esatto, quella è l'idea dei nostri governanti.
    > In America è già vietato criptare con chiavi
    > superiori a 128
    > bit...

    sbagliato!
    Il primo emendamento glielo impedisce!
    Una tale norma in USA non potrà mai esistere!
    In America è vietata l'esportazione (esportazione non uso) di algoritmi che usino chiavi più lunghe di...
    Una volta si chiamava ITAR e era una norma che considerava tale esportazione sotto il capitolo della esportazione di armi.
    Oggi (è stata emendata) ricade sotto la giurisdizione del dipartimento del commercio in altre parole per **esportare** algoritmi che facciano uso di chiavi più lunghe devi ottenere il permesso dal dipartimento.
    Tutto qui.
    non+autenticato
  • - Scritto da: ephestione
    > un pezzettino alla
    > volta, una nazione alla volta, cominceranno a
    > comparire le prime proposte di legge per rendere
    > la "crittografia privata" illegale

    Il problema è stato già affrontato, si chiama plausible deniability:
    Meglio nota come crittografia negabile o crittografia ripudiabile è l'uso di sistemi crittografici che consentono ad un utente, qualora gli venga estorta la password di un archivio cifrato, di negare l'esistenza dell'archivio stesso.
    La crittografia negabile viene utilizzata in due ambiti, negazione d'esistenza e ripudiabilità di creazione.
    fonte: http://en.wikipedia.org/wiki/Plausible_deniability

    Truecrypt permette di mascherare, ovvero rendere indimostrabile, la presenza di un hidden container: http://www.truecrypt.org/hiddenvolume
    Gli strumenti esistono, sappiateli usare, non fatevi schiacciare!
    non+autenticato
  • Ma l'autore dell'articolo sa cos'è il canto del cigno?
    Non mi pare proprio che sia un canto del cigno, Ipredator esiste gia da un pò e non mi sembra che sia l'ultimo atto di TPB, perche per canto del cigno si intende questo.
    Insomma, solito giornalismo opinionista...
    non+autenticato
  • Ma chi è ora che segue The Pirate Bay? Cioè sti qua stanno ancora lì, come se niente fosse successo...
    Anzi no, buttano fuori pure IPredator... Boh...

    Bravetti anche all'estero per via di giustizia a quel che vedo...
    non+autenticato
  • forse perchè si tratta di INgiustizia. E come ben sai, il popolo non approva le INgiustizie, e di tanto in tanto ci si ribella pure.
    non+autenticato
  • Bene, sappiamo che c'è
    sappiamo chi l'ha fatta
    e sappiamo perchè.

    Ora,
    c'è qualcuno che potrebbe dirmi come funziona questa VPN/SSL?
    non+autenticato
  • - Scritto da: XYZ
    > Bene, sappiamo che c'è
    > sappiamo chi l'ha fatta
    > e sappiamo perchè.
    >
    > Ora,
    > c'è qualcuno che potrebbe dirmi come funziona
    > questa
    > VPN/SSL?
    forse www.ipredator.se ?Sorride ah, la pigrizia..
    non+autenticato
  • - Scritto da: bubba
    > - Scritto da: XYZ
    > > Bene, sappiamo che c'è
    > > sappiamo chi l'ha fatta
    > > e sappiamo perchè.
    > >
    > > Ora,
    > > c'è qualcuno che potrebbe dirmi come funziona
    > > questa
    > > VPN/SSL?
    > forse www.ipredator.se ?Sorride ah, la pigrizia..

    Certa gente che non è disposta neppure a fare il minimo sforzo che occorre per informarsi meriterebbe un governo "alla Birmana" o alla "talebana".
    non+autenticato
  • - Scritto da: ullala

    > Certa gente che non è disposta neppure a fare il
    > minimo sforzo che occorre per informarsi
    > meriterebbe un governo "alla Birmana" o alla
    > "talebana".

    Forse non te ne sei accorto, ma già ci siamo dentro.
    Con tutte le scarpe.
    non+autenticato
  • - Scritto da: la befana
    > Forse non te ne sei accorto, ma già ci siamo
    > dentro.
    > Con tutte le scarpe.

    Sorride)))
    non+autenticato
  • > > Certa gente che non è disposta neppure a fare il
    > > minimo sforzo che occorre per informarsi
    > > meriterebbe un governo "alla Birmana" o alla
    > > "talebana".
    >
    > Forse non te ne sei accorto, ma già ci siamo
    > dentro.
    > Con tutte le scarpe.
    e piegati a 90 gradi... In lacrime
    non+autenticato
  • - Scritto da: pippO
    > > > Certa gente che non è disposta neppure a fare
    > il
    > > > minimo sforzo che occorre per informarsi
    > > > meriterebbe un governo "alla Birmana" o alla
    > > > "talebana".
    > >
    > > Forse non te ne sei accorto, ma già ci siamo
    > > dentro.
    > > Con tutte le scarpe.
    > e piegati a 90 gradi... In lacrime

    Parlate per voi!
    ... a me mi trovano in piedi non a 90 gradi!

    Se non riescono a censurare i Birmani (quelli che hanno deciso coraggiosamente di rimanere in piedi) tanto meno riescono a censurare me (che tra parentesi cerco di dare una mano come posso anche con qualche "porta aperta" su server non solo "nazionali").
    Non dico che è tutto facile ma fare qualcosa si può e sopratutto invece di piangere date una mano anche voi..
    Magari senza fare sapere troppo (è meglio)...
    Forza regà che piangersi addosso non serve!
    Se proprio dovete sacrificare il posteriore non facilitategli la vita fatevi trovare in piedi!
    Il poco o tanto che potrete fare sarà semmpre meglio di niente!
    non+autenticato
  • Nel frattempo i vecchi capitani devono farsi largo tra ingiunzioni di pagamento da parte della major derubate.

    Copiare e rubare sono due cose molto diverse.

    Piracy is not theft
    Theft removes the original, piracy makes a copy

    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una mela per uno.
    Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le scambiamo, allora abbiamo entrambi due idee.

    George Bernard Shaw
    non+autenticato
  • - Scritto da: Copyleft
    > Se tu hai una mela, e io ho una mela, e ce le
    > scambiamo, allora tu ed io abbiamo sempre una
    > mela per
    > uno.
    > Ma se tu hai un'idea, ed io ho un'idea, e ce le
    > scambiamo, allora abbiamo entrambi due
    > idee.
    >
    > George Bernard Shaw

    Verissimo e bellissimo.
    Però se tu hai un'idea e vuoi venderla a 10€ capisco che non vuoi renderla di pubblico dominio perché più gente vorrà conoscerla più volte guadagnerai 10€.
    Se vuoi condividerla ben venga, ma altrimenti si tratta di un danno al profitto che potresti avere.
    Non è bello, ma è il mercato.

    La vera soluzione è promuovere i media con licenze aperte, sponsorizzare gli autori con donazioni, creare casi di successo e promuovere così un mercato alternativo.
  • Vero ma il mercato non può essere ingabbiato da logiche oscurantistiche ed anacronistiche che proteggano le opere fino a 70 anni dalla morte dell'autore.

    Chiediamoci cosa era quando è nato e cosa è diventato oggi il diritto d'autore o più propriamente il diritto di sfruttamento.....

    Ma soprattutto a ci vanno i proventi del diritto d'autore? alle major o agli autori e se, come affermano molti, vengono divisi in percentuale quanto è quella delle major e quella dell'autore perchè se un cd costa 25€ e all'autore vanno 30 c. forse sarebbe un pò da rivedere il tutto... o sbaglio?
    non+autenticato
  • - Scritto da: berto
    > Vero ma il mercato non può essere ingabbiato da
    > logiche oscurantistiche ed anacronistiche che
    > proteggano le opere fino a 70 anni dalla morte
    > dell'autore.
    >
    >
    > Chiediamoci cosa era quando è nato e cosa è
    > diventato oggi il diritto d'autore o più
    > propriamente il diritto di
    > sfruttamento.....
    >
    > Ma soprattutto a ci vanno i proventi del diritto
    > d'autore? alle major o agli autori e se, come
    > affermano molti, vengono divisi in percentuale
    > quanto è quella delle major e quella dell'autore
    > perchè se un cd costa 25€ e all'autore vanno 30
    > c. forse sarebbe un pò da rivedere il tutto... o
    > sbaglio?

    quoto in pieno...e aggiungo: che senso hanno queste logiche nel 2010 quando appunto copiare una canzone è un fatto semplicissimo....forse forse le regitrazioni ritorneranno ad essere quello ch erano: pubblicità per i live degli artisti, perdendo finalmente quell'aurea di "prodotto" (oramai "incompleto") mistico che furono gli album di vinile anni 60
    non+autenticato
  • Sono d'accordo con te, ma questo è un problema legislativo che si può cambiare politicamente.
    Raccogliamo delle firme (vere, non elettroniche che non valgono) per proporre un referendum che abroghi la legge.
    La prossima volta non eleggiamo gli stessi deputati che l'hanno proposta e votata.
  • > Ma soprattutto a ci vanno i proventi del diritto
    > d'autore? alle major o agli autori e se, come
    > affermano molti, vengono divisi in percentuale
    > quanto è quella delle major e quella dell'autore
    > perchè se un cd costa 25€ e all'autore vanno 30
    > c. forse sarebbe un pò da rivedere il tutto... o
    > sbaglio?

    Infatti la strada giusta è quella di autoprodursi e fare prezzi onesti, come è il caso di mario bioni e renato zero che si sono autoprodotti. Io ho comperato l'ultimo di mario bioni perchè lo ammiro e trovo che 15 euro per un album di altissimo livello (lui ha dato lavoro ad un sacco di musicisti italiani) siano strameritati.
    La strada giusta è questa! Prezzi giusti e onesti! e stai sicuro che la pila di 300 cd audio che ho in salotto è sempre meglio da vedere che l'anonima pila di cd masterizzati con mp3 (che hanno qualità inferiore, sempre e comunque, e provatelo ad ascoltare con un impianto BOSE poi mi dite se non è così Occhiolino)
  • Scusate stamattina le mie dita hanno dimenticato la d !
    Ovviamente parlo di mario biondi.. A bocca aperta
  • Perfettamente d'accordo: bisogna promuovere e contribuire a questi progetti, Biondi, Zero, Radiohead, Nine Inch Nails e tanti altri "big" hanno tentato con pochi risultati.
    Ma quando gli artisti, anche blasonati, fanno la loro parte tocca a noi utenti e consumatori seguirli, altrimenti siamo bravi solo a lamentarci.
    Come le major.
  • > Infatti la strada giusta è quella di autoprodursi
    > e fare prezzi onesti, come è il caso di mario
    > bioni e renato zero che si sono autoprodotti.
    Ti ricordo che gli artisti che non sono fulmini a ciel sereno, prima di diventare conosciuti e quindi guadagnare indovina da dove passano?Occhiolino
    non+autenticato
  • - Scritto da: TheGynius
    [...]
    > Verissimo e bellissimo.
    [...]
    > Se vuoi condividerla ben venga, ma altrimenti si
    > tratta di un danno al profitto che potresti
    > avere.
    > Non è bello, ma è il mercato.
    Si, ma non funziona, non puo' funzionare.
    Non a lungo.
    E infatti il copyright cosi' come lo conosciamo e' al capolinea e tutto il can-can attorno a questo simpatico osso da rodere si esaurira' quando usciranno di scena piu' o meno definitivamente gli attuali soggetti quali EMI, Sony e altri avvoltoi di siffatta risma.
    Allora le pressioni delle lobby attualmente coinvolte si attenueranno e si riuscira' a riportare la durata del copyright ad una 30ina di anni post mortem, anche meno.

    > La vera soluzione è promuovere i media con
    > licenze aperte, sponsorizzare gli autori con
    > donazioni, creare casi di successo e promuovere
    > così un mercato
    > alternativo.
    Gia'. Questo fara' guadagnare molto meno alcuni, e un po' di piu' tutti gli altri.
    Questo e il mercato digitale che consente di dividere equamente i diritti, non come il sistema "alla SIAE" attualmente in vigore.

    GT
  • - Scritto da: Guybrush
    > E infatti il copyright cosi' come lo conosciamo
    > e' al capolinea e tutto il can-can attorno a
    > questo simpatico osso da rodere si esaurira'
    > quando usciranno di scena piu' o meno
    > definitivamente gli attuali soggetti quali EMI,
    > Sony e altri avvoltoi di siffatta risma.

    Sarà, ma a me non sembra proprio che siano messi tanto male.
    Le major e gli editori si lamentano ma i guadagni sono sempre in crescita.
    Se da un lato vogliono guadagnarci di più, sanno benissimo che un "pirata" colpito non corrisponde a un nuovo cliente, fermo restando che chi copia compie un illecito e causa un danno.
    Quella del file-sharing è una guerra che non possono vincere, semplicemente perché tecnicamente si troverà sempre il modo di scambiarsi informazioni. Dovrebbero snaturare internet, ma a quel punto nessun utente la utilizzerebbe più e a perderci sarebbero anche loro.

    Sinceramente credo che questo lamentarsi di continuo della pirateria sia un modo per chiedere ancora più soldi pubblici, tasse, equi compensi e simili. Insomma un nuovo modo per fare soldi.
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)