Alessandro Del Rosso

Firefox 3.6 Ŕ nato

Mozilla ha rilasciato Firefox 3.6 nella sua versione finale. Questa nuova release Ŕ destinata a tirare avanti fino all'uscita della 4.0, arricchendosi di nuove funzionalitÓ strada facendo. Ecco tutte le novitÓ del nuovo browser

Roma - Ed eccolo, finalmente. Dopo essersi fatto attendere quasi sette mesi, almeno un paio in più del previsto, Firefox 3.6 alias Namoroka è uscito dal grembo materno per affrontare un mondo in cui non interpreta più la parte dell'adolescente ribelle, ma quella del maturo e più forte antagonista di Internet Explorer.

Come usuale, chi già possiede una precedente versione del browser può aggiornare Firefox servendosi del sistema di updating integrato (Aiuto -> Controlla gli aggiornamenti...), mentre tutti gli altri possono scaricarlo dal sito getfirefox.com o da Mozilla Italia. Su quest'ultimo è anche presente un forum appositamente dedicato alle richieste di supporto.

Delle novità di Firefox 3.6 si è a lungo parlato negli scorsi mesi. Quelle principali possono essere sintetizzate nei seguenti punti:
- adozione del nuovo motore di rendering Gecko 1.9.2;
- integrazione con Personas, funzionalità che permette di personalizzare il tema grafico (e solo quello) dell'interfaccia con un solo clic del mouse;
- un accorgimento che limita l'interazione del browser con gli add-on di terze parti, minimizzando la possibilità che uno di essi possa diventare una fonte di instabilità per l'intero browser;
- capacità di esecuzione dei JavaScript in modalità asincrona, così da velocizzare il caricamento delle pagine web e impedire che uno script possa bloccare o rallentare gli altri;
- supporto nativo al Web Open Font Format;
- supporto alle API Drag & Drop e File di HTML5. La prima permette di trascinare i file da uploadare direttamente sulla finestra del browser, la seconda consente a siti e applicazioni web di accedere ai file locali selezionati dall'utente. Un sito dedicato alle foto, ad esempio, può ora lavorare direttamente sulle immagini archiviate nell'hard disk dell'utente: per ottimizzare le proprie foto, dunque, l'utente non sarà più costretto a farne l'upload sul server remoto;
- estensione del controllo dei plug-in introdotto con la scorsa versione del browser, ora capace di verificare lo stato di aggiornamento di altri componenti di terze parti oltre a Flash Player (tra questi Apple QuickTime, DivX Web Player, Silverlight e Java);
- supporto nativo all'interfaccia di Windows 7, con l'esclusione della Jump list (posticipata a un prossimo aggiornamento).

Firefox 3.6Tra le altre novità si citano poi il più completo supporto alle specifiche CSS3 e DOM, un più esteso supporto alla geolocalizzazione (oltre a latitudine e longitudine Firefox può ora fornire ai servizi che ne fanno richiesta l'indirizzo dell'utente), la capacità di rilevare l'orientamento del computer in tutti quei sistemi che integrano un accelerometro (come certi notebook di fascia medio-alta), la possibilità, da parte degli sviluppatori di web application, di utilizzare "eventi sonori" (suoni che vengono riprodotti in determinate condizioni, come l'arrivo di un nuovo messaggio), il supporto alla riproduzione di video in formato aperto nativo in modalità a pieno schermo.

Grazie a nuove migliorie e ottimizzazioni, Mozilla afferma che Firefox 3.6 è ancora più veloce e reattivo, soprattutto nell'esecuzione di codice JavaScript.

notizia dei giorni scorsi che a Firefox 3.6 succederà direttamente la versione 4.0, prevista fra la fine di questo e l'inizio del prossimo anno. Tutte le novità che avrebbero dovuto essere introdotte con Firefox 3.7, ora cancellato, saranno aggiunte alla corrente release per mezzo di aggiornamenti incrementali: tra queste novità la più importante sarà data dalla separazione dei processi in cui girano i plug-in e le tab.

Le note di rilascio in italiano di Firefox 3.6 possono essere consultate in questa pagina. Qui è inoltre disponibile un video dove vengono illustrate le principali caratteristiche di Firefox 3.6. Altri link di approfondimento sono forniti in questo post del blog di Mozilla.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • TecnologiaFirefox 3.6 avrà i suoi service pack Mozilla ha deciso di cancellare il rilascio di Firefox 3.7 e, al suo posto, di rilasciare una sorta di service pack per l'imminente Firefox 3.6. Tali update aggiungeranno al nuovo Firefox caratteristiche come la separazione dei processi
  • TecnologiaFirefox 3.6 accoglie Windows 7Mozilla ha rilasciato la prima beta di Firefox 3.6, browser che introduce il supporto parziale a Windows 7 e promette di migliorare la velocitÓ e la reattivitÓ del predecessore
  • AttualitàFirefox allergico ai plugin MicrosoftIl panda rosso e Redmond si fanno la guerra a suon di componenti aggiuntivi, installati surrettiziamente dalla seconda e bloccati a causa di problemi di sicurezza dalla prima. Ma per qualcuno la cura sembra peggiore del male
464 Commenti alla Notizia Firefox 3.6 Ŕ nato
Ordina
  • Con una certa meraviglia, rilevo che nella versione 3.6 di Firefox l'apertura di nuove schede avviene con la successiva sistemazione delle stesse a sinistra delle precedenti, e non a destra come avveniva prima e come avviene in tutti gli altri browser che conosco. O è una grande novità che andrebbe però evidenziata, o la versione italiana si è incidentalmente conformata a quella per i paesi arabi... Perché lì scrivono da destra a sinistra, io ancora da sinistra a destra!! ;0)
    non+autenticato
  • Complimenti alla mozilla.
    Nonostante che il browser e' gratis, e' anche il migliore rispetto la microsoft.
    Grazie a Voi sviluppatori!!
    Continuate cosi'
    non+autenticato
  • Ho installato Chrome e non ho piu' intenzione di tornare indietro a Firefox.
    non+autenticato
  • penso che molti utenti Windows iniziaranno la migrazione...

    Quando ti collegherai a Youtube e ci sarß scritto:
    Il tuo browser non supporta i formati video Youtube, installa Googel Chrome!
    MeX
    16897
  • A parte scherzi, Chrome lo trovo valido, anche se Firefox non aveva particolari problemi, anzi.

    L'unico motivo per ora è il supporto di h.264 per html 5.
    non+autenticato
  • appunto, quello che vado dicendo da ieri!
    Firefox non puˇ ignorare H.264
    MeX
    16897
  • Certo che sta storia del fatto che h.264 non si puo' usare liberamente senza royalty e simili, è un po' un peccato, ma ormai...

    Il formato rimane comunque estremamente avanzato.
    non+autenticato
  • non può nemmeno adottarlo, altrimenti si creano una miriade di problemi di distribuzione per firefox

    c'è un articolo interessante che spiega perchè firefox non adotterà h264 http://shaver.off.net/diary/2010/01/23/html5-video.../

    per esempio compilare chromium col supporto h264 è un reato
    non+autenticato
  • mi sembra che il problema sia solo cacciare la grana.
    MeX
    16897
  • - Scritto da: Birba
    > Ho installato Chrome e non ho piu' intenzione di
    > tornare indietro a
    > Firefox.

    Io uso chrome per la navigazione, e firefox per lo sviluppo... ha dei plugin dei quali non posso più fare a meno.
    non+autenticato
  • Nota a parte, ho visto che Chrome ha dei tool integrati, prova a cliccare col pulsante destro in una pagina, e noterai in fondo diversi tool mica male.
    non+autenticato
  • Va benissimo che i produttori di browser si impegnino al massimo per migliorare il proprio prodotto. Sono un utilizzatore e sostenitore di firefox sin da quando è nato. Oggi uso anche chrome che per alcune cose mi sembra più comodo...
    Ottima la gestione di javascript in questo FF 3.6, ma veniamo al dunque: il vero collo di bottiglia del web non è più js.. è flash !!!

    Ci rendiamo conto che un giochino semplice tipo il gettonatissimo FarmVille di facebook mette in ginocchio un quad-core ????

    Io ricordo bene quando con pentium II e 64mega di ram giocavamo allegramente a sim-city... e ne faceva di cose quel giochino eh !! Ed oggi, con clock a microonde, giga di ram a poche decine di euro, ti arriva un giochino in flash e ti inginocchia un pc... qualcosa deve essere andato storto !!!!

    Inizio a comprendere la apple che non l'ha voluto sull'iphone proprio per il suo peso.
    non+autenticato
  • beh se una cosa la fai male non é colpa di Flash... Flash rimane comunque molto pesante ed esoso.

    Con DHTML si possono giß fare cose strabilianti (avete visto Lemmings in DHTML?Sorride )

    Il problema é l'ambiente di sviluppo, in Flash é molto pi˙ agevole creare animazioni ed interattivitß rispetto al DHTML
    MeX
    16897
  • http://www.setteb.it/?p=8102

    Dallo schema in fondo all'articolo per andare sul sicuro si dovrebbe usare Chrome, che supporta sia theora che H264. D'altro canto, sempre secondo l'articolo, la maggior parte dei video è H264.

    Quindi, il problema per theora sarebbe Google, che stranamente lo supporta nel browser ma non su youtube.

    Vedremo...
    FDG
    10933
  • supportarlo nel borwser é un bene.

    Youtube non avrebbe senso in OGG essendo che non ha decodifica HW al contrario di h.264 (per mobile.youtube)
    MeX
    16897
  • speriamo che non si facciano prendere troppo da h264, altrimenti ci ritroveremo ad avere gli stessi problemi che abbiamo avuto con ms e ie

    affidarsi a qualcosa che è blindato e protetto da millemila brevetti vuol dire ipotecare il futuro di internet
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > speriamo che non si facciano prendere troppo da
    > h264, altrimenti ci ritroveremo ad avere gli
    > stessi problemi che abbiamo avuto con ms e
    > ie

    e perché mai? h.264 é uno STANDARD
    Il problema di IE e MS é che non aderiscono agli standard.

    > affidarsi a qualcosa che è blindato e protetto da
    > millemila brevetti vuol dire ipotecare il futuro
    > di
    > internet

    che problemi hai avuto negli ultimi 20 anni con JPG e GIF?

    Invece affidarsi ad un codec che non é ancora uno standard (OGG) e che nel caso in cui venga chiamato in causa proprio dal consorzio MPEG per violazione di copyright che senso ha?
    Bisogna segliere le tecnologie solo in base al fatto che siano open e closed?

    L'importante é che le cose siano STANDARD
    MeX
    16897
  • - Scritto da: MeX

    > che problemi hai avuto negli ultimi 20 anni con
    > JPG e GIF?

    Beh, c'era il brevetto GIF Compuserve...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 gennaio 2010 14.13
    -----------------------------------------------------------
    FDG
    10933
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: MeX
    >
    > > che problemi hai avuto negli ultimi 20 anni con
    > > JPG e GIF?
    >
    > Brevetto GIF Compuserve?


    che problemi ti ha dato il brevetto GIF Compuserve?

    > Questo è FUD, visto che fino ad ora non c'è
    > violazione di brevetti
    > (*)

    ma se sei una multinazionale da milioni di dollari ti fideresti di un "fino ad ora..." o "non si preoccupi, abbiamo depositato in nostri brevetti n x y e z" ?

    > Di uno standard chiuso non te ne fai granché. Lo
    > standard dev'essere aperto e libero da
    > brevetti.

    perché?

    > (*) Personalmente imporrei una sorta di
    > prescrizione sulle cause per violazioni di
    > brevetti. Cioè, non fai causa quando ti conviene
    > ma entro un certo periodo di tempo da quando la
    > tecnologia che violerebbe il brevetto raggiunge
    > il mercato, trascorso il quale non puoi più
    > accampare
    > diritti.

    Non fraintendiamo, i brevetti sul software sono molto controversi e il patent trolling una pratica odiosa, il punto é: allo stato attuale é cosÝ, tu rischeresti?
    MeX
    16897
  • - Scritto da: MeX

    > che problemi ti ha dato il brevetto GIF
    > Compuserve?

    Un sacco di problemi. Tipo doversi scaricare a parte gli exporter GIF. E tutto questo per un cazzuto formato graficoA bocca aperta

    > ma se sei una multinazionale da milioni di
    > dollari ti fideresti di un "fino ad ora..."

    Ma questo vale per qualsiasi tecnologia. Usi un software che magari domani viene ritirato dal mercato per una violazione di brevettiSorride

    Ci siamo andati parecchio vicini di recente o sbaglio?A bocca aperta

    > > Di uno standard chiuso non te ne fai granché. Lo
    > > standard dev'essere aperto e libero da
    > > brevetti.
    >
    > perché?

    Nel mio concetto di "standard" una cosa fatta per tutti non ha limiti anche di natura economica. Altrimenti non è uno standard aperto ma uno "standard" chiuso.

    > Non fraintendiamo, i brevetti sul software sono
    > molto controversi e il patent trolling una
    > pratica odiosa, il punto é: allo stato attuale é
    > cosÝ, tu rischeresti?

    Si rischia comunque. H264 ha già prodotto le sue cause.
    FDG
    10933
  • > Un sacco di problemi. Tipo doversi scaricare a
    > parte gli exporter GIF. E tutto questo per un
    > cazzuto formato grafico
    >A bocca aperta

    parli dei migliaia di freeware per fare le GIF animate? non riuscivi a produrre GIF animate? o a salvare in GIF?

    > Ma questo vale per qualsiasi tecnologia. Usi un
    > software che magari domani viene ritirato dal
    > mercato per una violazione di brevetti
    >Sorride

    appunto! vista la triste situzione bisogna affidarsi a chi puˇ difendersi od offrirti delle garanzie!

    > Ci siamo andati parecchio vicini di recente o
    > sbaglio?
    >A bocca aperta

    giß, ma combattono ad armi pari per l'appunto... mentre cosa é successo alla distro Novel?

    > Nel mio concetto di "standard" una cosa fatta per
    > tutti non ha limiti anche di natura economica.
    > Altrimenti non è uno standard aperto ma uno
    > "standard"
    > chiuso.

    e quindi? sempre standard rimane.
    Inoltre uno standard OPEN puˇ comunque richiedere royalties.
    Non confondere OPEN con FREE

    > Si rischia comunque. H264 ha già prodotto le sue
    > cause.

    quali?
    MeX
    16897
  • - Scritto da: MeX

    > parli dei migliaia di freeware per fare le GIF
    > animate? non riuscivi a produrre GIF animate? o a
    > salvare in GIF?

    In Italia possiamo fare quello che vogliamo, per fortuna.

    Tutti questi avrebbero dovuto in teoria pagare diritti a Compuserve prima e AOL dopo. Se non lo facevano forse era per una certa accondiscendenza dei detentori del brevetto. Immaginati però una Adobe che non paghi...

    E tutto per uno stupido formato di file.

    > appunto! vista la triste situzione bisogna
    > affidarsi a chi puˇ difendersi od offrirti delle
    > garanzie!

    Hai esattamente le stesse garanzie che hai usando H264. Il fatto di pagare brevetti per aver realizzato un prodotto che usa H264 noti non ti garantisce sui brevetti non noti e su eventuali altre cause.

    > e quindi? sempre standard rimane.

    Del termine "standard" non me ne faccio nulla. Mi interessa il concetto che sta dietro.

    > Inoltre uno standard OPEN puˇ comunque richiedere
    > royalties. Non confondere OPEN con FREE

    Personalmente ritengo uno standard del genere chiuso. Per me è libero ciò che è anche esente da vincoli di natura economica.

    > > Si rischia comunque. H264 ha già prodotto le sue
    > > cause.
    >
    > quali?

    Qualcomm contro Broadcom...

    Da sviluppatore: il fatto di fare un qualsiasi software già implica un rischio nei potenziali brevetti infranti. Il fatto di pagarne qualcuno non ti garantisce sugli altri. Se qualcuno ti offre garanzie su cause intentate da terzi, può fartelo al di la che stai pagando o meno per un suo brevetto. ╚ solo un accordo tra due parti.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 gennaio 2010 14.46
    -----------------------------------------------------------
    FDG
    10933
  • > In Italia possiamo fare quello che vogliamo, per
    > fortuna.
    >
    > Tutti questi avrebbero dovuto in teoria pagare
    > diritti a Compuserve prima e AOL dopo. Se non lo
    > facevano forse era per una certa accondiscendenza
    > dei detentori del brevetto. Immaginati però una
    > Adobe che non
    > paghi...

    forse il fatto che erano freeware ne escludevano il pagamento delle royalties?
    Forse allora non é cosÝ male come la dipingi tu?

    > E tutto per uno stupido formato di file.

    cosÝ stupido che viene usato da pi˙ di 20 anni

    > Hai esattamente le stesse garanzie che hai usando
    > H264. Il fatto di pagare brevetti per aver
    > realizzato un prodotto che usa H264 noti non ti
    > garantisce sui brevetti non noti e su eventuali
    > altre
    > cause.

    ovvio.
    Ma ripeto, se tu sei una multinazionale ti affidi ad un "fino ad adesso..." oppure "io ho depositato..."

    > Del termine "standard" non me ne faccio nulla. Mi
    > interessa il concetto che sta
    > dietro.

    Uno standard é un formato che tutti sono in grato di leggere e scrivere.
    Hai presente il PDF? o il JPG?

    > Personalmente ritengo uno standard del genere
    > chiuso. Per me è libero ciò che è anche esente da
    > vincoli di natura
    > economica.

    si ma sempre uno standard rimane.
    L'importante é che si usano degli STANDARD altrimenti si che son dolori per gli utenti.
    Open e Closed puˇ far la differenza al massimo per chi implementa e sviluppa.

    > Qualcomm contro Broadcom...

    hanno chiesto a te i soldi per l'avvocato?

    > Da sviluppatore: il fatto di fare un qualsiasi
    > software già implica un rischio nei potenziali
    > brevetti infranti. Il fatto di pagarne qualcuno
    > non ti garantisce sugli altri. Se qualcuno ti
    > offre garanzie su cause intentate da terzi, può
    > fartelo al di la che stai pagando o meno per un
    > suo brevetto. ╚ solo un accordo tra due
    > parti.

    giustissimo, ma resta il fatto che h264 ha, almeno sulla carta, le spalle pi˙ coperte rispetto a OGG, ma poi non é nemmeno questo il motivo del suo successo, quanto il fatto che é uno standard certificato ed é supportato per l'encoding HW
    MeX
    16897
  • - Scritto da: MeX

    > forse il fatto che erano freeware ne escludevano
    > il pagamento delle
    > royalties?
    > Forse allora non é cosÝ male come la dipingi tu?
    >
    > > E tutto per uno stupido formato di file.
    >
    > cosÝ stupido che viene usato da pi˙ di 20 anni

    Ripeto: per un formato di file idiota (studiatelo e vedi perché è così) è un'indecenza chiedere soldi.

    > Ma ripeto, se tu sei una multinazionale ti affidi
    > ad un "fino ad adesso..." oppure "io ho
    > depositato..."

    Non cambia un tubo, te l'ho già spiegato. Poi se chi prende certe decisioni è incapace... più probabilmente si tratta di accordi tra aziendeSorride Cioè, è una questione di business.

    > Uno standard é un formato che tutti sono in grato
    > di leggere e scrivere.

    Hai dimenticato il "se" fondamentaleSorride

    Ad esempio, se devi pagare grosse cifre per poterci lavorare su, cioè realizzare prodotti che lo usino, ne limiti l'adozione.

    > Hai presente il PDF? o il JPG?

    Finché non hanno il "se"...Sorride

    > si ma sempre uno standard rimane.

    Allora non mi spiego: il fatto che lo chiami "standard" non rimuove i suoi problemi.

    > Open e Closed puˇ far la differenza al massimo
    > per chi implementa e sviluppa.

    Strumenti che poi andranno a utilizzare gli utenti su cui si riverseranno i costi di cui sopra.

    > > Qualcomm contro Broadcom...
    >
    > hanno chiesto a te i soldi per l'avvocato?

    E allora perché prima mi parlavi di "multinazionali"? E poi se una di queste paga, secondo te chi paga alla fine? Anche solo le spese legali sono scaricate sugli utenti finaliSorride

    > giustissimo, ma resta il fatto che h264 ha,
    > almeno sulla carta, le spalle pi˙ coperte
    > rispetto a OGG...

    Ma dove? Abbiamo detto proprio ora che non è vero! Semmai ci sono più interessi a spingere H264.

    > ma poi non é nemmeno questo il
    > motivo del suo successo, quanto il fatto che é
    > uno standard certificato ed é supportato per
    > l'encoding HW

    Aaaah... alla fine ci siamo. Il motivo del suo successo è il supporto hardware e il fatto che ci siano grossi nomi a spingerloA bocca aperta

    Nota: leggo che Theora è più leggero e non serve il decoder HW.
    FDG
    10933
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | 6 | Successiva
(pagina 1/6 - 29 discussioni)