Claudio Tamburrino

Facebook, un 2009 tutto da ricordare

Per farlo prepara il suo data center: centinaia di macchine al servizio del social network in blu

Roma - Si chiama Prineville, Oregon, ed è il luogo designato ad accogliere il datacenter di oltre 10mila metri quadri di Facebook.

Il progetto dovrebbe costare 188 milioni di dollari e impiegare 200 persone per un anno di lavori. Dovrebbe poi esordire a metà 2011 mantenendo 35 impiegati a tempo pieno.

Facebook ha scelto il luogo anche per l'incentivo offerto dall'amministrazione locale: 2,8 milioni di sconti rispetto al valore della proprietà per 15 anni.
Un datacenter di proprietà dovrebbe così permettere al social network in blu di risparmiare rispetto ai costi sostenuti finora, nonché a guadagnare nuove occasioni per innovare il servizio, in particolare velocizzandolo e cercando i abbassare i costi di gestione.

Finanziariamente, poi, il 2009 è stato per il social network in blu un anno da ricordare: gli utenti sono cresciuti a ritmi impressionanti, per esempio raddoppiati negli Stati Uniti da 54,5 milioni di visitatori nel dicembre 2008 a quasi 112 milioni del dicembre successivo. E arrivando alla fine a raccogliere il 7 per cento del tempo investito online negli Stati Uniti. Un incremento rilevabile sia in termini di visitatori unici, che di visualizzazioni, che di tempo speso: tutti questi dati sono pressoché raddoppiati.

Claudio Tamburrino

Nota: La versione originale dell'articolo conteneva alcune imprecisioni sulle dimensioni stimate del prossimo datacenter di Facebook. Ce ne scusiamo con i lettori.
Notizie collegate
32 Commenti alla Notizia Facebook, un 2009 tutto da ricordare
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)