Alessandro Del Rosso

Mathematica incontra il Web 2.0

La nuova versione del software webMathematica fornisce agli sviluppatori nuove e più potenti funzionalità. Per addizionare applicazioni di calcolo ai siti web dinamici

Roma - Wolfram Research ha recentemente rilasciato la versione 3.0 di webMathematica, un software che permette agli sviluppatori di creare siti web interattivi capaci di svolgere svariati tipi di elaborazioni, visualizzando i risultati direttamente nel browser.

WebMathematica condivide lo stesso motore del celebre ambiente di calcolo simbolico e numerico Mathematica, ma a differenza di quest'ultimo si rivolge espressamente agli sviluppatori web, ed è concepito per implementare - attraverso la tecnologia Java Servlet - specifiche applicazioni di Mathematica.

"Nella maggior parte dei casi gli utenti non hanno bisogno di conoscere Mathematica né di sapere che stanno utilizzando Mathematica" spiega Adalta, distributore unico ufficiale per l'Italia dei software Wolfram Research, in un comunicato. "In un certo senso, Mathematica si può considerare come un ambiente di sviluppo per i siti webMathematica".
Adalta cita come esempio la capacità di Mathematica di generare e manipolare il codice per la modellazione di alcuni processi fisici, e della possibilità di inserire questo stesso codice in un sito webMathematica affinché gli utenti - dotati solo di un web browser - possano eseguire il modello e utilizzare i risultati per i loro lavori di routine.

Alcuni esempi di applicazioni sviluppati con webMathematica sono disponibili qui, e comprendono elaborazione di immagini medicali, calcolo statistico, generazione di grafici, manipolazione base di immagini 3D e ovviamente tutti i classici tipi di calcolo matematico che possono venire in mente.

La nuova versione 3 di webMathematica poggia sul motore di Mathematica 7, ereditandone le funzionalità per il calcolo e la visualizzazione dei dati, la connettività e la programmazione. Le novità principali sono riportate in questo comunicato di Wolfram.

WebMathematica è disponibile per i sistemi operativi Windows, Mac OS X, Linux e Unix ad un prezzo che dipende dal tipo di licenza (fixed, floating o network) e dalla categoria dei clienti (scuole/università, studenti, organizzazioni non profit, pubblica amministrazione, aziende/privati e rivenditori).

Alessandro Del Rosso
3 Commenti alla Notizia Mathematica incontra il Web 2.0
Ordina