Alfonso Maruccia

Verizon: non abbiamo disconnesso nessuno

Il provider USA si rimangia le presunte dichiarazioni del suo portavoce. No, i pirati noi non li disconnettiamo, precisa la società: gli inviamo solo gli avvisi che ci girano le major

Roma - Guerra di dichiarazioni all'ombra delle disconnessioni forzate dei pirati telematici: dopo la presunta ammissione di Verizon, che per mezzo del portavoce Bobbi Henson avrebbe nei giorni scorsi confermato di aver tagliato fuori dalla rete chi era stato beccato (dagli investigatori dell'industria multimediale) a condividere sul P2P per tre volte di seguito, il provider statunitense fa ora marcia indietro e parla di incomprensioni da parte dei reporter. Gli avvisi ci sono, ma i clienti non perdono la connessione.

La presunta ammissione della messa in pratica di un numero "ridotto" di disconnessioni era stata fatta da Henson al sito CNET, e ora la stessa portavoce dice a DSL Reports di essere stata male interpretata e di non aver mai parlato di cessazioni automatiche del servizio Internet a seguito di avvisi prodotti dall'industria musicale.

Gli avvisi ci sono e vengono regolarmente girati agli utenti interessati una volta ricevuti dal provider, dice Henson, ma da aprile (quando è stato avviato lo "smistamento") a oggi non ci sarebbe stato nemmeno un utente che ha perso la connessione per tale motivo. "Il nostro obiettivo è proteggere la privacy dei clienti e il principio del giusto processo - dice la portavoce - riconoscendo nel contempo l'importanza della protezione del copyright e l'acquisizione legale dei contenuti".
Henson conferma, come già aveva riportato CNET, che i semplici avvisi si sono rivelati molto efficaci nel ridurre il fenomeno della "pirateria" a mezzo P2P, motivo per cui al momento non si prospetta nessun accelerazione sull'integrazione fra volontà censoria delle major (che di disconnessione a livello di ISP parlano da oltre un anno) e gli interessi commerciali di chi fornisce il servizio e l'infrastruttura per la connettività.

CNET, dal canto suo, continua a ribadire che quelle parole, "sì abbiamo disconnesso i nostri clienti", Henson le abbia pronunciate all'executive editor David Carnoy, e l'idea stessa della disconnessione è implicita nella copia di un avviso allegata all'articolo in cui si stabilisce che "chi riceve avvisi multipli da Verizon rischia di vedersi il servizio Internet interrotto o terminato".

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
2 Commenti alla Notizia Verizon: non abbiamo disconnesso nessuno
Ordina
  • ..."da Verizon rischia di vedersi il servizio Internet interrotto o terminato"..
    Caro Mariuccia, sono scettico!
    Non sul fatto che questo possa essere stato detto e scritto nell'articolo citato, quanto sul fatto che alla notizia corrisponda una sostanza.

    In USA non scherzano su certe cose, se c'è un contratto, un contratto di servizio (sia che sia esplicito sia che sia anche solo implicito) e il fornitore lo cessa UNILATERALMENTE rischiano di essere razzi amarissimi!
    Non ci vuole nulla a correre il rischio che il cliente ti citi per danni e trovi un avvocato (solitamente dalle zanne bene affilate e pagato con una percentuale sul risarcimento) più che disposto a seguire la cosa.
    In USA (common law) le sentenze FANNO GIURISPRUDENZA (come saprai) e i precedenti in tal senso sono più che numerosi e consolidati!
    Quindi... ripeto, mi perdonerai il mio scetticismo, non tanto sul tuo "report" quanto sulla verità di fondo degli episodi riferiti.
    non+autenticato
  • Vedo che la marmotta incarta ancora la cioccolata.
    non+autenticato