Mauro Vecchio

Facebook, 150 amici posson bastare

Lo dice Robin Dunbar, antropologo alla Oxford University: la nuova socialità allargata online non ha risolto affatto i limiti della neocorteccia cerebrale. Che non riesce a mettere insieme più di 150 relazioni stabili

Roma - Per Wikipedia, il numero di Dunbar è un limite cognitivo di natura teorica che fissa a 150 la cifra complessiva massima di persone con cui sarebbe possibile instaurare relazioni sociali stabili. Rapporti in cui un individuo conosce personalmente i suoi amici, e legati ad altre persone nella sfera sociale.

Il numero di Dunbar è stato teorizzato all'inizio degli anni 90, quando le relazioni online ancora non avevano guadagnato terreno all'interno dell'immaginario collettivo della società umana. L'antropologo britannico Robin Dunbar aveva sottolineato come le dimensioni della neocorteccia cerebrale impedissero il mantenimento duraturo di più di 150 rapporti sociali stabili.

Oggi, tuttavia, l'esplosione della Rete prima e dei social network poi ha fatto crescere vertiginosamente la quantità di amicizie online, spesso distanti dalla vita quotidiana. All'interno della sua vasta schiera di profili amici, l'utente social potrebbe ritrovarsi con contatti che sente ogni giorno sulla bacheca di Facebook, ma che non conosce affatto di persona. E questo Robin Dunbar lo sa bene.
L'antropologo britannico ha infatti annunciato i risultati di uno studio che verrà pubblicato nel corso di quest'anno per conto della Oxford University. Una più aperta socialità online ha forse aiutato a crescere il numero massimo di relazioni consentite dal cervello umano? La risposta è stata piuttosto secca: no.

"L'aspetto interessante - ha spiegato Dunbar al The Sunday Times - è che un utente può arrivare ad ottenere anche 1500 amici su Facebook. Ma quando si va ad osservare il traffico reale di post e simili, si potrà vedere che gli utenti si mantengono sempre all'interno della propria cerchia ristretta di 150 persone già conosciute nel mondo reale".

Niente effetto Facebook, quindi. Dunbar ha certamente ammesso che è stata sviluppata una tendenza ad ammassare amicizie virtuali, anche prive di una certa caratteristica face-to-face. Giusto per essere seguiti insomma, followati. Come ha spiegato lo stesso Dunbar, sarebbero soprattutto gli uomini ad aver bisogno di una fisicità da toccare, all'interno di relazioni che invece le donne accetterebbero di più nella loro dimensione psicologica.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • Digital LifeUSA, la Rete per amicaUno studio statunitense non è d'accordo con chi prospetta un futuro da eremiti della tecnologia. Internet e il mobile rinforzano i mondi sociali reali, infittendo le reti relazionali offline degli individui connessi
  • AttualitàAnche i gamer sono animali socialiGiocano in compagnia e qualche genitore comincia a non temere più che i videogiochi abbiano sui pargoli un effetto nefasto. Pew suggerisce che un certo modo di giocare possa sospingere i minori in una attiva partecipazione nella società
  • AttualitàTwitter, seguaci in venditaSi chiama uSocial e crea pubblico per cinguettii. Prezzo massimo: 3500 dollari
6 Commenti alla Notizia Facebook, 150 amici posson bastare
Ordina