Claudio Tamburrino

Le colpe dei figli ricadranno sui padri

Preadolescenti hanno scaricato quasi mille canzoni e la madre è stata ritenuta responsabile. Ha fornito loro connessione e computer

Roma - I genitori sono legalmente responsabili per il comportamento dei figli che utilizzano la connessione di casa per scambiare materiale protetto da copyright: lo ha stabilito un tribunale tedesco in una sentenza che fa discutere.

La Corte tedesca ha giudicato responsabile la madre di cinque ragazzi, da uno a 13 anni, rei di aver scaricato quasi mille canzoni: avrebbe dovuto vigilare sul comportamento dei figli che abitavano in casa con lei.

La donna, tra l'altro, ha dichiarato di aver detto ai bambini di non adottare certi comportamenti, arrivando a proibirgli di utilizzare la connessione e il computer di casa per la condivisione di file protetti da diritto d'autore. Ciò non avrebbe però fermato i cinque pargoli (non è specificato per la precisione chi di essi, se tutti o meno, anche se qualche dubbio sul più piccolo di appena un anno sorge) non ancora quattordicenni. E le quasi mille canzoni alla fine scaricate sono state ritenute dalle etichette sufficienti per far causa alla famiglia e ritenere responsabile la donna.
Il caso è quindi proseguito e dopo la condanna in primo grado è arrivata la conferma in appello: anche se in linea generale i minori si ritengono responsabili, in alcune circostante può essere chiamata in causa la responsabilità dei genitori. Tali condizioni variano a secondo della legislazione nazionale cui ci si riferisce: per quella tedesca, a quanto sembra dalla sentenza e nonostante le dichiarazioni della signora coerenti nel sottolineare il suo ammonimento contro il materiale piratato, mettere a disposizione computer e connessione, cioè le condizioni di base per mettere in atto l'azione illegale, è sufficiente per stabilire la responsabilità del genitore.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàConsole, in galera per favoreggiamento al moddingL'associazione dei publisher videoludici britannici usa il pugno duro contro l'importazione illegale di cartucce per Nintendo DS. L'uomo finirà in carcere perché le cartucce sarebbero potute servire a copiare i giochi originali
  • Diritto & InternetSvezia, quando l'ISP non cedeInascoltata la richiesta di fornire informazioni su un utente legato ad un noto tracker bittorrent. Sarebbe una violazione della privacy. Mentre in Italia FAPAV offre nebulosi chiarimenti
  • AttualitàHADOPI si muove, SIAE pensa alla rieducazioneDopo l'insediamento della nuova autorità francese dell'antipirateria tocca all'industria darsi da fare: c'è da scegliere chi dovrà individuare i pirati telematici. Intanto in Italia SIAE rassicura: non vogliamo colpevolizzare nessuno
22 Commenti alla Notizia Le colpe dei figli ricadranno sui padri
Ordina
  • poi però non venite qui a piangere quando vi beccherenno.
    ruppolo
    33147
  • Basta usare rapidshare, o vid2mp3, e legalmente sei a posto perchè non condividi nulla.
    non+autenticato
  • e i patri dei patri dei patri....
    e i patri dei patri dei patri dei patri....

    ao' c'hai scassat'aminchia cu' sta storia!

    (monty pyton - Brian di Nazareth)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zirp
    > la Corte ha fatto bene.

    Ce li vedo tutti i genitori con figli minorenni a mettersi un proxy che blocchi le connessioni p2p...ma andate a raccogliere banane.
  • - Scritto da: Zirp
    > la Corte ha fatto bene.


    Strane teorie, se lo stesso minore avesse ammazzato qualcuno ai genitori non avrebbero detto nulla.... ma scaricare musica via P2P! Caspita questo si che è un crimine inescusabile!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > - Scritto da: Zirp
    > > la Corte ha fatto bene.
    >
    >
    > Strane teorie, se lo stesso minore avesse
    > ammazzato qualcuno ai genitori non avrebbero
    > detto nulla.... ma scaricare musica via P2P!
    > Caspita questo si che è un crimine
    > inescusabile!
    Ma che dici! Avrebbero incolpato i genitori per aver comprato i coltelli per tagliare la carne che il ragazzino ha usato come arma!

    Non capite niente di legge ignoranti!!!! (è ironico ovviamente...)
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marco Rinaldi
    > - Scritto da: Enjoy with Us
    > > - Scritto da: Zirp
    > > > la Corte ha fatto bene.
    > >
    > >
    > > Strane teorie, se lo stesso minore avesse
    > > ammazzato qualcuno ai genitori non avrebbero
    > > detto nulla.... ma scaricare musica via P2P!
    > > Caspita questo si che è un crimine
    > > inescusabile!
    > Ma che dici! Avrebbero incolpato i genitori per
    > aver comprato i coltelli per tagliare la carne
    > che il ragazzino ha usato come
    > arma!
    >
    > Non capite niente di legge ignoranti!!!! (è
    > ironico
    > ovviamente...)

    e chi ha venduto il coltello sarebbe già dentro per favoreggiamento
    :D
    non+autenticato
  • E chi l'ha fabbricato dove lo metti? XD
    non+autenticato
  • Più difficili le indagini per risalire a chi abbia inventato lo strumento.
    non+autenticato
  • > E chi l'ha fabbricato dove lo metti? XD

    Salve, sono un atomo di carbonio. Mò stai a vedere che alla fine è tutta colpa mia, eh!
    non+autenticato
  • Mi raccomando che le carceri sono sovraffollate eh...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Marsh
    > Mi raccomando che le carceri sono sovraffollate
    > eh...

    E faranno di tutto per tenerle come tali.
    Trovare scuse per mettere dentro la gente serve anche a far accettare l'idea strisciante che le carceri debbano essere private per funzionare bene.
    A quel punto, cioè quando diventerà un affare interamente privato, saremo davvero fritti perchè per far andare sempre a pieno regime le aziende carcerarie bisognerà trovare sempre nuovi ospiti, sennò non lavorano, poverine. E quale miglior sistema per riempirle di leggi sempre più restrittive e uno stato di polizia? La pena di morte verrà dopo , ma verrà, anche se per molti detenuti sarà il problema minore.
    non+autenticato
  • No la pena di morte non converrebbe in quel caso: detenuto morto -> un ospite di meno da par pagare allo stato.
    non+autenticato