Claudio Tamburrino

Decreto Romani, il fronte dei no

Opposizione, Agcom, Sky e Commissione Europea contro il recepimento italiano della Direttiva Audiovisual Media Services e le regole che vuole imporre alla Rete. Mentre gli osservatori stranieri parlano di decreto anti-YouTube

Roma - Corrado Calabrò, Presidente dell'Autorità garante delle comunicazioni, è stato ascoltato dalla commissione Lavori pubblici del Senato: al centro del suo intervento il decreto Romani, che ha agitato i netizen italiani e che ieri è arrivato in Parlamento per ricevere un parere non vincolante da parte di senatori e deputati.

Il vertice dell'Agcom ha espresso vari dubbi sul testo presentato alle camere: ha innanzitutto sottolineato come la delega in materia riconosciuta all'esecutivo fosse "molto, molto ampia, con molto pochi criteri direttivi e molto poco dettagliati". Ha quindi rivendicato "il ruolo e la funzione regolatrice" dell'Agcom, che - secondo la sua analisi - risulterebbe frammentata dal decreto se non addirittura sottratta di alcune competenze. Calabrò si riferisce alle possibili incomprensioni che potrebbe generare il testo ed in particolare la "bipartizione di competenze", dal momento che le autorizzazioni satellitari passerebbero sotto il controllo dell'esecutivo, nonché la definizione programma/palinsesto adottata dal decreto, difforme a quella utilizzata in ambito comunitario. "Tali definizioni vengono utilizzate per disciplinare la pubblicità, le sponsorizzazioni e anche l'autopromozione televisiva". Ulteriori problemi di interpretazione si potrebbero creare inoltre "nell'applicazione delle norme antitrust".

Alla disciplina europea si rifà il Presidente Agcom anche per sottolineare come alcune definizioni in sede europea siano state il frutto di "una soluzione di compromesso che stabilisce come interventi repressivi sono possibili purché proporzionali e sempre ex post. Non è cioè consentito un filtro preventivo". E come nella proposta del Governo "ci sono aspetti che vanno riconsiderati perché non perfettamente coerenti con la direttiva europea". La volontà del decreto di introdurre un'autorizzazione preventiva per l'online "rischierebbe di trasformare quest'ultima in un filtro burocratico". Meglio sarebbe, aggiunge, "restare sulla linea di intervento europeo". Anche per non rischiare che l'Italia diventi "un caso unico nel mondo occidentale a causa dell'articolo 17 che introduce un'apposita autorizzazione per la diffusione continua in diretta e su internet".
La stessa Commissione Europea dovrebbe presto aprire una procedura d'infrazione contro l'Italia per la mancata notifica, attesa entro il 19 dicembre scorso, del decreto che recepisce la direttiva UE in materia di audiovisivi. Secondo alcune fonti Bruxelles sarebbe inoltre intenzionata a procedere nei confronti dell'Italia per alcune perplessità proprio sulle nuove responsabilità che il decreto impone agli ISP, ma anche a servizi come YouTube: "la direttiva europea sul commercio elettronico vieta obblighi di monitoraggio preventivo da parte dei service provider, come stabilisce invece il decreto legislativo", spiegherebbe una delle fonti interne all'UE. Tuttavia quest'ultima eventualità è stata in parte smentita dal Commissario europeo alle Telecomunicazioni Viviane Reding che ha riferito che non si starebbe visionando il decreto.

Contro l'iniziativa del Governo è stata presentata alla Camera, poche ore prima dell'intervento di Calabrò, anche una proposta dell'opposizione (scritto da parlamentari PD, IDV, UDC): il testo, modificato in Rete attraverso Facebook, Word press e wiki, sembrerebbe avere i toni di un appello che vuole recepire le istanze circolate finora tra i netizen.

Da un lato ribadisce l'importanza della Rete: "un bene comune e un fondamentale diritto costituzionale" e la necessità di "garantire la neutralità delle reti di comunicazione, la diffusione delle nuove tecnologie telematiche e lo sviluppo del software aperto", nonché la promozione della banda larga sull'intero territorio nazionale, incentivare l'informatizzazione della Pubblica Amministrazione e del mondo dell'università e della ricerca e rafforzare la democrazia in Rete. Dall'altro, critica le norme del Decreto Romani ritenute lesive della libertà di Internet e quelle in materia di copyright, su tutti l'obbligo di rettifica dei videoblog e la richiesta obbligatoria di autorizzazione ministeriale per i video della Rete.

Critiche, inoltre, sono arrivate da Sky Italia preoccupata dei tetti alla pubblicità per la pay tv che il Governo vorrebbe imporre: "non si comprende la necessità di un intervento legislativo sul classico processo di domanda e offerta che va lasciato al mercato", ha detto Andrea Scrosati, vice presidente Corporate e Market Communication di Sky. Dubbi sono arrivati, d'altra parte, anche dagli osservatori statunitensi: hanno sollevato dubbi sul decreto Romani definito "anti YouTube". L'Italia rischia, nelle parole di Calabrò, di divenire "un caso unico nel mondo occidentale".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessPEC, Telecom-Poste in pole positionConclusa la fase di selezione per la concessione del servizio di posta elettronica certificata. Al primo posto, il raggruppamento temporaneo d'impresa che si era formato a settembre. Battute, ma solo per ora, Fastweb e Lottomatica
  • Diritto & InternetUna legge per trasformare la Rete in una grande TVdi G. Scorza - Videoblog e piattaforme di sharing come televisioni, responsabili dei contenuti e delle violazioni in cui questi eventualmente incorrono. I rischi del recepimento italiano della direttiva UE Audiovisual Media Services
69 Commenti alla Notizia Decreto Romani, il fronte dei no
Ordina
  • Se viene scritto su un muro un insulto diffamatorio, non si può condannare il proprietario dello stabile per averlo permesso o non averlo cancellato immediatamente.
    non+autenticato
  • Mi sembra evidente che l'unico modo di delegittimare la pletora parasssitaria e divoratrice del pubblico danaro (proprio quello che ci fa fare record su record sul debito pubblico)sia la totale e radicale astensione dal voto elettorale...e per astensione intendo proprio non andarci, non farsi registrare nei seggi, insomma andare al mare! A zero votanti zero candidati. Gli eletti politici devono tutti andarsene a casa. E con loro la pletora di quegli italioti che campano a sbafo con i nostri soldi (e poi dicono che non si pagano le tasse...io quando lo faccio mi piange il cuore sapendo dove vanno a finire i danari che sto dando a milioni di connazionali parassiti, finti invalidi, beby pensionistici, dipendenti vari dello stato ecc...levandolo dalla bocca dei miei figli). Chiaramente prima bisognerà capirsi ed intendesi su cosa sia un governo, come lo si debba eleggere, come amministrare e via discorrendo....ma tutto ciò sono solo cazzate utopiche. Bisognerebbe in primis dare tabula rasa, anche con qualche bastonata e sempre sfinire a bastonate il resto finchè non siano lucidi e coscienti delle loro responsabilità...intendo sempre la massa degli zoombi (gli italiani)che affolla questa non-nazione chiamata Italia, di cui spero e mi auguro la disintegrazione totale!!!
    non+autenticato
  • Assurdo: così vanno a votare solo i candidati, e si autoeleggono per mancanza di opposizione.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Assurdo: così vanno a votare solo i candidati, e
    > si autoeleggono per mancanza di
    > opposizione.

    infatti...stranamente per le elezioni non e' previsto un quorum, per i referendum si'....Ecco perche' mi permetto di suggervi le seguenti alternative ai partiti censori(PD,PDL,UDC,LEGA&C.):
    (1) Movimento 5 stelle Beppe Grillo
        http://www.beppegrillo.it/movimento/
        http://www.beppegrillo.it/movimento/firma-day.html
    (2) Partito pirata (ma non ho ancora capito se e' un associazione od   un vero partito: http://www.partito-pirata.it/

    (3) radicali www.agoradigitale.org (sperando che non si fondano con il PD)

    Questi tre partiti fanno l'esatto opposto di quello che fanno i partiti dei censori...Difendono cioe' la liberta' di espressione di opinione Su
    Internet ed usano quotidianamente internet come uno strumento...non lo demonizzano, non lo censurano, sono contro il controllo che vorrebbero
    esercitare le major sugli utenti...Sosteniamoli!!!!!! E facciamo in modo
    che diventino una maggioranza!!!!!
    per sconfiggere i censori la prima cosa e' sapere chi sono:
    PD (legge Levi) PDL&LEGA (Legge Carlucci,Barbareschi,decreto Romani)
    UDC (Legge D'Alia) ... Percio' non votiamo piu' questi qui...!!!!!
    non+autenticato
  • > "http://www.beppegrillo.it/movimento/"
    Scusate per qualche strano motivo se cliccate direttamente sul link del
    Movimento la barra finale non viene considerata nel link e quindi la
    pagina non viene trovata...per evitare questo fate un copia/incolla del link
    completo con la sbarra / finale....
       
    > http://www.beppegrillo.it/movimento/firma-day.html

    Gia' che sono qui vi informo che Beppe Grillo sta raccogliendo le firme per presentare alle regionali il movimento 5 stelle in 5 regioni:
    Veneto,Piemonte,Campania,Emilia Romagna,Lombardia proprio in questi giorni
    (30/31 Gennaio) per maggiori info cliccate sul link sopra....
    non+autenticato
  • .. a cui ormai l'italia è assuefatta.... fortuna che siamo in UE...
    non+autenticato
  • Questa gente qui basta non votarla, e non votarla significa dimenticare che esiste il PDL, per il resto da Forza Nuova a Sinistra e Liberta' va bene tutto purche' non stiano con il PDL.
    non+autenticato
  • Concordo con te, però allargherei il campo d'azione dicendo che si dovrebbe evitare di votare i partiti che sono coalizzati col PDL, il che significa evitare la lega & company.
    non+autenticato
  • - Scritto da: aPenguin
    > Concordo con te, però allargherei il campo
    > d'azione dicendo che si dovrebbe evitare di
    > votare i partiti che sono coalizzati col PDL, il
    > che significa evitare la lega &
    > company.

    Appunto "purche' non stiano con il PDL".
    non+autenticato
  • - Scritto da: lancelot
    > Questa gente qui basta non votarla, e non votarla
    > significa dimenticare che esiste il PDL, per il
    > resto da Forza Nuova a Sinistra e Liberta' va
    > bene tutto purche' non stiano con il
    > PDL.

    Secondo me occorre che i cittadini votino solo i partiti liberisti
    (quelli cioe che si battono per le liberta' civili)....e che io sappia c'e' ne sono solo tre:
    (1) i radicali (sempre che non se li mangi il PD)
    (2) il Movimento 5 stelle di Grillo
    (3) il partito pirata italiano

    Votiamo in massa questi e mandiamo a casa tutti gli altri!!!!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Franky
    > - Scritto da: lancelot
    > > Questa gente qui basta non votarla, e non
    > votarla
    > > significa dimenticare che esiste il PDL, per il
    > > resto da Forza Nuova a Sinistra e Liberta' va
    > > bene tutto purche' non stiano con il
    > > PDL.
    >
    > Secondo me occorre che i cittadini votino solo i
    > partiti
    > liberisti
    > (quelli cioe che si battono per le liberta'
    > civili)....e che io sappia c'e' ne sono solo
    > tre:
    > (1) i radicali (sempre che non se li mangi il PD)
    > (2) il Movimento 5 stelle di Grillo
    > (3) il partito pirata italiano
    >
    > Votiamo in massa questi e mandiamo a casa tutti
    > gli
    > altri!!!!!

    Se per esempio vincesse Grillo introdurrebbe da subito una forma di democrazia diretta per proporre discutere votare le leggi sul Web...
    Vi sembra poco ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Franky
    > - Scritto da: Franky
    > > - Scritto da: lancelot
    > > > Questa gente qui basta non votarla, e non
    > > votarla
    > > > significa dimenticare che esiste il PDL, per
    > il
    > > > resto da Forza Nuova a Sinistra e Liberta' va
    > > > bene tutto purche' non stiano con il
    > > > PDL.
    > >
    > > Secondo me occorre che i cittadini votino solo i
    > > partiti
    > > liberisti
    > > (quelli cioe che si battono per le liberta'
    > > civili)....e che io sappia c'e' ne sono solo
    > > tre:
    > > (1) i radicali (sempre che non se li mangi il
    > PD)
    > > (2) il Movimento 5 stelle di Grillo
    > > (3) il partito pirata italiano
    > >
    > > Votiamo in massa questi e mandiamo a casa tutti
    > > gli
    > > altri!!!!!
    >
    > Se per esempio vincesse Grillo introdurrebbe da
    > subito una forma di democrazia diretta per
    > proporre discutere votare le leggi sul
    > Web...
    > Vi sembra poco ?

    Mi sembra troppo. Gia' i nostri cari concittadini vanno a votare ogni 5 anni e 19 volte su 20 votano in maggioranza da schifo, figurarsi a votare leggi che richiedono competenze tecniche.

    Il web andrebbe usato per promuovere la discussione ma la votazione dovrebbe spettare ad altri. E poi chi garantisce che i voti siano voti??? Io sono perplesso in ogni forma di voto elettronico, troppo semplice contare balle e dire di avere il 99% dei consensi cambiando due record ...

    Comunque vada per Grillo, Di Pietro e chi vuoi tu, ma anche IDV, qualunque roba non sia PDL o suoi alleati.
    non+autenticato
  • - Scritto da: lancelot
    > - Scritto da: Franky
    > > - Scritto da: Franky
    > > > - Scritto da: lancelot
    > > > > Questa gente qui basta non votarla, e non
    > > > votarla
    > > > > significa dimenticare che esiste il PDL, per
    > > il
    > > > > resto da Forza Nuova a Sinistra e Liberta'
    > va
    > > > > bene tutto purche' non stiano con il
    > > > > PDL.
    > > >
    > > > Secondo me occorre che i cittadini votino
    > solo
    > i
    > > > partiti
    > > > liberisti
    > > > (quelli cioe che si battono per le liberta'
    > > > civili)....e che io sappia c'e' ne sono solo
    > > > tre:
    > > > (1) i radicali (sempre che non se li mangi il
    > > PD)
    > > > (2) il Movimento 5 stelle di Grillo
    > > > (3) il partito pirata italiano
    > > >
    > > > Votiamo in massa questi e mandiamo a casa
    > tutti
    > > > gli
    > > > altri!!!!!
    > >
    > > Se per esempio vincesse Grillo introdurrebbe da
    > > subito una forma di democrazia diretta per
    > > proporre discutere votare le leggi sul
    > > Web...
    > > Vi sembra poco ?
    >
    > Mi sembra troppo. Gia' i nostri cari concittadini
    > vanno a votare ogni 5 anni e 19 volte su 20
    > votano in maggioranza da schifo, figurarsi a
    > votare leggi che richiedono competenze
    > tecniche.

    Si parla di discussione...la discussione su internet prevede spesso interventi tecnici su newsgroup che si occupano di argomenti specifici
    o su forum specializzati... chi non vuole votare o non si interessa al
    proprio paese o non ha una opinione ben chiara in mente su una determinata
    legge potrebbe anche non votarla...io sono contrario ai quorum...
    se si fa una votazione chi vuole partecipare partecipa e la votazione deve
    essere cmq valida...diversamente si trovera' sempre qualche milione di persone che non si interessa ad una determinata legge...

    ovvio che bisognerebbe inventarsi una sorta di commissione di esperti per ogni tematica...a cui puo' iscriversi chiunque si senta in grado di rispondere a determinate tematiche....

    cmq il tutto funzionerebbe certamente meglio della democrazia "rappresentativa" di oggi, che in realta' non rappresenta nessuno....
    e che vede da oltre 40 anni sempre gli stessi protagonisti....
    >
    > Il web andrebbe usato per promuovere la
    > discussione ma la votazione dovrebbe spettare ad
    > altri.

    Ed a chi, se non ai cittadini cui deve essere applicata ?

    >E poi chi garantisce che i voti siano
    > voti??? Io sono perplesso in ogni forma di voto
    > elettronico, troppo semplice contare balle e dire
    > di avere il 99% dei consensi cambiando due record
    > ...


    Grillo ha accennato ad una sorta di tessera elettronica....
    L'imbroglio cmq ci puo' essere anche nel conteggio delle schede cartacee...Tutto sta nel trovare soluzioni tecniche adeguate affinche'
    non si imbrogli...dipende da chi gestisce questi record ed anche dalla
    sua obiettivita' e dalla sua buona fede...
    anche quando si ascoltano i testimoni in un tribunale...chi ti dice che
    dicano sempre il vero?


    > Comunque vada per Grillo, Di Pietro e chi vuoi
    > tu, ma anche IDV, qualunque roba non sia PDL o
    > suoi
    > alleati.

    Concordo...anche se io preferirei che si andasse verso la democrazia diretta...percio' faccio il tifo per Grillo e per i radicali...
    e quando un giorno si candideranno faro' anche il tifo per loro:
    www.democraticidiretti.org
    non+autenticato
  • > Si parla di discussione...la discussione su
    > internet prevede spesso interventi tecnici su
    > newsgroup che si occupano di argomenti
    > specifici
    > o su forum specializzati... chi non vuole votare
    > o non si interessa

    Ma tu lo leggi PI si'??? Hai visto che razza di interventi alle volte??? E in piu' in fondo non rispondi ad una obiezione fortissima, i cittadini italiani vanno a votare una volta ogni 5 anni, visto che casini fanno???
    Non per farla saccente ma tu non hai presente Popper quando parlava di paradosso della democrazia, il concetto e' questo: il mondo e' sempre piu' difficile, per decidere con intelligenza su certe questioni bisogna sapere sempre piu' cose, solo che c'e' sempre meno gente che ha sufficienti competenze. Insomma serve sapere sempre di piu' ma sono sempre meno quelli che sanno qualcosa, questo e' il paradosso.

    > al
    > proprio paese o non ha una opinione ben chiara in
    > mente su una
    > determinata
    > legge potrebbe anche non votarla...io sono
    > contrario ai
    > quorum...

    Anche io, ma in un referendum e' un conto, viene posta una questione, si e' obbligati a formularla in termini SI NO, diverso e' un articolato di legge di decine o centinaia di articoli. Ci vuole tutta altra testa per decidere. Invece ogni legge dovrebbe essere preceduta da una pubblica discussione e Internet va benone. Insomma no quorum per i referendum, no votazioni via Internet, si' alle discussioni e magari anche per poter fare una proposta di legge.


    > e che vede da oltre 40 anni sempre gli stessi
    > protagonisti....
    >

    Appunto che sono votati da quelli che tu vorresti far diventare legislatori addirittura ...

    > Ed a chi, se non ai cittadini cui deve essere
    > applicata
    > ?

    Certo, facciamo votare ai mafiosi le leggi in materia di criminalita' Sorride

    >
    > >E poi chi garantisce che i voti siano
    > > voti??? Io sono perplesso in ogni forma di voto
    > > elettronico, troppo semplice contare balle e
    > dire
    > > di avere il 99% dei consensi cambiando due
    > record
    > > ...
    >
    >
    > Grillo ha accennato ad una sorta di tessera
    > elettronica....

    Non mi fido

    > L'imbroglio cmq ci puo' essere anche nel
    > conteggio delle schede cartacee...Tutto sta nel
    > trovare soluzioni tecniche adeguate
    > affinche'

    Certo ma se per falsificare una elezione cartacea devo riscrivermi qualche centinaio di migliaia di schede per falsificare una elettronica devo solo cambiare dei bit, c'e' una bella differenza. Inoltre nei seggi ci sono gli osservatori delle varie liste, fare brogli non e' impossibile ma e' dura. Ti dice nulla che sono i governi che vorrebbero le votazioni elettroniche??? Secondo te perche' dato che quando modificano qualcosa sulle elezioni e' perche' pensano che cosi' gli sara' piu' comodo beccare voti??? Pensaci.

    >
    >
    > > Comunque vada per Grillo, Di Pietro e chi vuoi
    > > tu, ma anche IDV, qualunque roba non sia PDL o
    > > suoi
    > > alleati.
    >
    > Concordo...anche se io preferirei che si andasse
    > verso la democrazia diretta...percio' faccio il
    > tifo per Grillo e per i
    > radicali...

    Per i radicali che ci hanno regalato in Parlamento Capezzone, Toni Negri, Cicciolina e compagnia bella manco in foto, grazie. Ma dovendo scegliere tra PDL e radicali meno peggio radicali. Quanto alla democrazia diretta come proposta da Grillo nella tua lettura (non so se davvero Grillo abbia messo giu' le cose come dici tu) non ci penso manco.
    non+autenticato
  • Scritto da: lancelot

    > Ma tu lo leggi PI si'??? Hai visto che razza di
    > interventi alle volte???

    Tifano per vari sistemi operativi...e per i browser come se si trattasse
    di squadre di calcio...anzicche' parlare di dati tecnici...lo so...
    ma ci sono tantissime persone che difendono la liberta' del web...
    tante che si informano... nei posti ben organizzati...esiste una policy
    per cui la gente deve mantenere un certo livello informativo e non deve essere OT ne' trollare... e se lo fa...viene ignorata ed il moderatore banna il Troll..esiste la possibilita' altrove di votare i commenti ...( e la cosa funziona bene...vedi Digg ad esempio che permette di votare i migliori articoli e le migliori notizie prodotte dagli utenti..)
    > E in piu' in fondo non
    > rispondi ad una obiezione fortissima, i cittadini
    > italiani vanno a votare una volta ogni 5 anni,
    > visto che casini
    > fanno???

    Ma che possono fare dopotutto ? La tv , che e' quella che maggiormente
    guardano tende a convincerli che esista solo il PD ed il PDL...
    di continuo le persone vedono ininterrottamente in tv queste persone tutto
    il giorno...tutti i giorni....vince il PD ed aumenta le tasse... quindi
    la gente (dimenticatasi della precedente esperienza) vota il PDL che vara
    leggi non condivise da nessuno...quindi di nuovo rivota il PD... e cosi'
    all'infinito...poi c'e' una percentuale del 20% che non vota proprio perche' totalmente insoddisfatta di tutti... (e proprio fra questo tipo
    di elettorato ci sono le persone meno pecorone e con piu' spirito critico...)...che non vedendo alternative valide anzicche' provare a votare qualcosa di nuovo...decidono di non votare proprio...
    Negli USA alle elezioni in cui ha vinto Bush ha disertato le urne il 40%
    degli statunitensi...poi hanno visto una buona alternativa...e come puoi
    notare...aumentando la partecipazione ha vinto Obama con il 75% dei consensi!!!!

    > per decidere con
    > intelligenza su certe questioni bisogna sapere
    > sempre piu' cose, solo che c'e' sempre meno gente
    > che ha sufficienti competenze. Insomma serve
    > sapere sempre di piu' ma sono sempre meno quelli
    > che sanno qualcosa, questo e' il
    > paradosso.

    E secondo te i politici italiani attuali hanno le competenze giuste per
    decidere ? Secondo me no...e' piu' facile trovare delle persone con le giuste competenze nella societa' civile...che non in politica...!!!
    Anche internet...si e' ridotta cosi' perche' ha iniziato ad essere popolata da bigotti e da "pupazzetti politicizzati" interessati solo a fare propaganda...pero' il cuore pulsante di internet e' fatto da creativi dalla societa' civile...dai centri di ricerca... in grado di esprimersi come mai prima d'ora...ti faccio una domanda semplice semplice...c'e' qualcosa che ti serviva che su internet non hai trovato ? La risposta credo sia no...c'e' qualcosa nel mondo reale che ti serviva e non hai trovato? la risposta credo sia si'...se la gente non e' in grado di prendere le giuste decisioni e' semplicemente perche' e' stata plagiata dai giornali...a pensare ed a ragionare in un certo modo...ora che i giornali (faziosissimi!) non contano piu' niente...perche' si trova facilmente informazione di qualita' e che ormai la comunicazione da verticale si e' trasformata in orizzontale...le cose sono molto diverse...
    Vai a vedere in che condizioni lavorano i dipendenti di Google e confrontali con la realta' italiana... Veramente le libere imprese private e la creativita' sono da evitare e sono un male per i lavoratori e per i giovani, come hanno da sempre affermato in tv ? (Cosa si dice ai ragazzi creativi quando hanno un'idea in Italia? Si dice "stai con i piedi per terra e trovati un impiego statale...meglio il lavoro sicuro che non i sogni")...il confronto con gli USA che ogni cittadino puo' fare attraverso
    internet ( a patto di conoscere un po' di inglese) puo' aprire gli occhi a molte persone su come stiano davvero le cose... sia che votino a destra sia che votino a sinistra...hai mai fatto caso a quante persone giovani vogliono lasciare l' Italia? Secondo te perche'?

    >> io sono contrario ai quorum...
    > Anche io, ma in un referendum e' un conto, viene
    > posta una questione, si e' obbligati a formularla
    > in termini SI NO, diverso e' un articolato di
    > legge di decine o centinaia di articoli. Ci vuole
    > tutta altra testa per decidere. Invece ogni legge
    > dovrebbe essere preceduta da una pubblica
    > discussione e Internet va benone.

    E quindi se ogni legge e' preceduta da una ottima discussione...la gente
    che segue quella discussione si informa e matura una propria opinione che
    poi puo' esprimere con il voto su quella legge!!!

    > > e che vede da oltre 40 anni sempre gli stessi
    > > protagonisti....
    > >
    > Appunto che sono votati da quelli che tu vorresti
    > far diventare legislatori addirittura
    Guarda che il 70% degli italiani e' scontento dei propri politici..e sono influenzati in maniera preponderante dal cosiddetto voto di scambio e dalla tv...!!!Poi c'e' di fatto una oligarchia all'interno dei partiti..
    Ed ecco l'altra idea di Grillo...ogni candidato si puo' presentare al max
    per 2 legislature!! Qui invece devono votare una legge che e' cosa ben diversa!!!!

    > Certo, facciamo votare ai mafiosi le leggi in materia di criminalita'
    i tesserati che votano e che si presentano devono essere incensurati...
    (nel caso del movimento 5 stelle)...in secondo luogo il 90% della societa'
    civile e' fatto da brave persone non da criminali...mi sembra giusto che
    un insegnante ed uno studente possano dire la loro in materia di scuola
    e che un ricercatore possa dire la sua in materia di ricerca...

    > > >E poi chi garantisce che i voti siano
    > > > voti??? Io sono perplesso in ogni forma di
    > voto
    > > > elettronico,
    Si potrebbe affidare la cosa ad servizio estero specializzato in queste cose imparziale e non collegabile a nessun politico italiano...

    > Per i radicali che ci hanno regalato in
    > Parlamento Capezzone, Toni Negri, Cicciolina e
    > compagnia bella manco in foto, grazie.
    Cicciolina a me era simpatica...rompere la tradizione del bigottismo italico e' cosa buona e giusta...!!! Riguardo ai trasformisti...quelli ci
    sono ovunque (vedi Mastella...ma anche Bondi che faceva parte del PCI..)
    Anche Rutelli che ora fa tanto il cattolico era un radicale nel 1984...
    Mezza classe politica ha debuttato con i radicali ...se ne sono andati ed hanno cambiato fazione perche' i radicali sono sempre stati in minoranza...ecco perche' conviene votare la lista ed evitare i voti di preferenza...!!! io voto le loro idee..!!!
    >(non so se davvero Grillo abbia messo giu' le cose come dici tu)
    Guarda lo dice in decine di video...il piu' importante e' quello della fondazione del movimento 5 stelle del 4 ottobre che dura circa 2 ore...!!! e si trova su c6.tv oltre che su youtube...per risparmiarti di guardare 2 ore di video,ti posto questo video breve in cui ne parla:
    non+autenticato
  • - Scritto da: Franky
    > - Scritto da: lancelot
    > > Questa gente qui basta non votarla, e non
    > votarla
    > > significa dimenticare che esiste il PDL, per il
    > > resto da Forza Nuova a Sinistra e Liberta' va
    > > bene tutto purche' non stiano con il
    > > PDL.
    >
    > Secondo me occorre che i cittadini votino solo i
    > partiti
    > liberisti
    > (quelli cioe che si battono per le liberta'
    > civili)....e che io sappia c'e' ne sono solo
    > tre:
    > (1) i radicali (sempre che non se li mangi il PD)
    > (2) il Movimento 5 stelle di Grillo
    > (3) il partito pirata italiano
    >
    > Votiamo in massa questi e mandiamo a casa tutti
    > gli
    > altri!!!!!

    Io ci sto. Il problema è convncere il resto del popolo italiota e pantofolaio a fare altrettanto.
    non+autenticato
  • > >
    > > Secondo me occorre che i cittadini votino solo i
    > > partiti
    > > liberisti
    > > (quelli cioe che si battono per le liberta'
    > > civili)....e che io sappia c'e' ne sono solo
    > > tre:
    > > (1) i radicali (sempre che non se li mangi il
    > PD)
    > > (2) il Movimento 5 stelle di Grillo
    > > (3) il partito pirata italiano
    > >
    > > Votiamo in massa questi e mandiamo a casa tutti
    > > gli
    > > altri!!!!!
    >
    > Io ci sto. Il problema è convncere il resto del
    > popolo italiota e pantofolaio a fare
    > altrettanto.

    Guarda una certa speranza c'e'...se consideri che internet e youtube sono sempre stati additati da politici e giornalisti come il male assoluto...ma
    nonostante questo ormai internet perfino in Italia pare che abbia una penetrazione del 50%.... se si crea un movimento di opinione tutto e' possibile...basta che non passi l'assunto " votate per i soliti noti perche' altrimenti i voti si disperdono!!" NO!!!! Bisogna votare per il nuovo...bisogna ribaltare gli equilibri che si sono creati..il PD ed il PDL devono diventare una minoranza ed il movimento di Grillo ed i radicali
    una maggioranza....solo cosi' avremo una situazione in cui il web e le liberi opinioni vengono esaltate e non censurate...facciamo passare questo messaggio....!!!!
    non+autenticato
  • Sarebbe una vergogna sarebbe la fine di internet ! Questo dovrebbe darci da pensare   sul perche' si vuole impedire che noi cittadini comunichiamo tra noi, ma poi in realta' e' chiaro che la rete mette paura perche'solo con questa , confrontando le varie notizie,puo' nascere una informazione vera . Le coscienze debbono rimanere addormentate e non conoscere troppo altrimenti potrebbero svegliarsi e da una conoscenza vera potrebbe nascere di tutto. Reprimere la liberta' di comunicare non e' forse un tipo di dittatura ? Spero che chi ne ha la possibilita' si opponga con tutte le sue forze a questa schifezza e non ci faccia ancora una volta vergognare di essere italiani e questo solo per colpa di pochi , che a causa di mancanza di conoscenza, penalizzano tutti noi che ,anche se faticosamente, per i motivi suddetti, una conoscenza la abbiamo acquisita
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 16 discussioni)