Mauro Vecchio

Yahoo! pagherà per il suo messenger

L'azienda di Sunnyvale dovrà esborsare 12,5 milioni di dollari. Violato un brevetto del 2001 sull'inserimento di riferimenti pubblicitari all'interno di un programma di chat. Acacia colpisce ancora

Roma - La squadra legale di Acacia è tornata a colpire, e questa volta a leccarsi le ferite sarà Yahoo! che dovrà tirar fuori dal suo portafogli una cifra che sfiora i 12,4 milioni di dollari (quasi 9 milioni di euro). L'azienda di Sunnyvale si è dunque arresa davanti alla decisione finale di una corte del Texas: il suo programma di instant messaging ha violato un brevetto depositato nel lontano 2001.

Più precisamente, il brevetto numero 6,205,432, appartenente ad un trio di inventori statunitense e successivamente acquistato da Acacia Research Corporation, società impegnata nell'acquisto delle patenti in ambito tecnologico. Yahoo! avrebbe sfruttato allora una tecnologia non sua, inerente ad un sistema capace di inserire un riferimento pubblicitario all'interno del background di un programma come quello di instant messaging.

In pratica, ciò che fa IMVironments, feature legata al messenger di Yahoo!. Per questo, i legali di Acacia erano stati sguinzagliati, per una causa che ha ora fruttato alla società californiana il 23 per cento delle royalty provenienti dalle vendite di Yahoo! IMVironments.
Si tratta, in sostanza, di un nuovo colpo da tribunale messo a segno da Acacia, società che sin dalla sua fondazione nel 1992 ha raggranellato almeno 337 cause legate alla violazione di brevetto. L'azienda statunitense acquista infatti i brevetti per poi difenderli in tribunale dopo la loro violazione. Qualcuno ha sottolineato come con questa attività abbia messo da parte circa 70 milioni di dollari, frutto di anni di quello che qualcuno potrebbe anche definire patent trolling.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
18 Commenti alla Notizia Yahoo! pagherà per il suo messenger
Ordina
  • ha brevettato l'UFFICIO BREVETTI ovvero un sistema "per catalogare e monitorare tutti i brevetti prodotti al fine di poter verificare se esistono duplicati nell'archiviazione".... LUI ci ha pensato prima che venisse costituito l'Uffico Brevetti Statunitense e quindi io che sono l'erede potrei andare dall'Uffico Brevetti Statunitense e ridurlo sul lastrico... già ma se non c'era l'Ufficio brevetti quando il mio avo l'ha ideato, non ha potuto brevettarlo perchè ancora non c'era e quindi come posso far valere il "mio" brevetto innanzi a quegli "sfruttatori di idee altrui" dell'Uffico Brevetti Statunitense? come faccio a dimostrare che "l'Uffico Brevetti Statunitense" non è (PRIOR ART) perchè quando il mio avo l'ha pensato ancora non esisteva?....forse la dimostrazione è proprio il fatto che il brevetto non esiste....non esite perchè non poteva esistere, per forza "l'Uffico Brevetti Statunitense" l'ha inventato lui, il mio avo...anzi il cugggino del mio avo!A bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Axel
    > ha brevettato l'UFFICIO BREVETTI ovvero un
    > sistema "per catalogare e monitorare tutti i
    > brevetti prodotti al fine di poter verificare se
    > esistono duplicati nell'archiviazione".... LUI ci
    > ha pensato prima che venisse costituito l'Uffico
    > Brevetti Statunitense e quindi io che sono
    > l'erede potrei andare dall'Uffico Brevetti
    > Statunitense e ridurlo sul lastrico... già ma se
    > non c'era l'Ufficio brevetti quando il mio avo
    > l'ha ideato, non ha potuto brevettarlo perchè
    > ancora non c'era e quindi come posso far valere
    > il "mio" brevetto innanzi a quegli "sfruttatori
    > di idee altrui" dell'Uffico Brevetti
    > Statunitense? come faccio a dimostrare che
    > "l'Uffico Brevetti Statunitense" non è (PRIOR
    > ART) perchè quando il mio avo l'ha pensato ancora
    > non esisteva?....forse la dimostrazione è proprio
    > il fatto che il brevetto non esiste....non esite
    > perchè non poteva esistere, per forza "l'Uffico
    > Brevetti Statunitense" l'ha inventato lui, il mio
    > avo...anzi il cugggino del mio avo!
    >A bocca aperta

    Pranzato pesante, vero?
    non+autenticato
  • brevettassi il patent trolling, poi li fotto a questi qua???A bocca aperta
  • ...In grado di permettere di riportare informazioni su un qualsiasi supporto , informatico, cartaceo o altro, e di poterle poi interpretare facilmente mediante un semplice sguardo.

    E vado a bussare a chiunque abbia usato la scrittura, ad iniziare dagli egizi e camuni.
    non+autenticato
  • Cadranno tutti portandosi dietro il sistema dei brevetti

    io intanto brevetto questo: "metodologia per portar piacere a un uomo tramite sfregamento delle labbra sulle parti intime" magari faccio un sacco di soldi
    non+autenticato
  • visto che Acacia è, oramai inequivocabilmente, un patent troll, perchè i giudici gli danno ancora corda? io se fossi un giudice e mi vedo rifilare di nuovo un caso del genere, la darei vinta "a tavolino" agli avversari....come a quelli che fanno cause campate in aria perchè sono diventati obesi mangiando sempre da McDonald, o sono rimasti fulminati trapando sotto la doccia!!

    kmq la dice lunga su come sia stata gestita M$ per anni, visto che molti dirigenti acacia provengono dalle fila di M$....
    non+autenticato
  • aggiungo: condannerei loro a pagare per aver intralciato la giustizia con questioni frivole!
    non+autenticato
  • - Scritto da: bLax
    > aggiungo: condannerei loro a pagare per aver
    > intralciato la giustizia con questioni
    > frivole!

    Quindi ammettendo implicitamente che la giustizia ha grossi bug ?
    E' evidente che non sei un giudice.
    krane
    22544
  • Sempre colpa di Microsoft vero...?
    Fan WindowsFan WindowsFan Windows
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)