Alfonso Maruccia

Microsoft, ritorno al futuro

Un ex dirigente parla di scarso senso per l'innovazione e decreta la morte prematura del suo vecchio datore di lavoro. Che risponde elencando i successi di oggi e chiarendo che cosa significa innovazione in quel di Redmond

Roma - Microsoft è un'azienda irreparabilmente vecchia che non sa cosa sia l'innovazione, uccide le sue stesse idee originali quando emettono i primi vagiti ed è inesorabilmente destinata a soccombere sotto il peso del suo gigantismo e per l'azione serrata della concorrenza. Questo secondo di Dick Brass, vicepresidente a Redmond nel periodo 1997-2004 e autore di un editoriale pubblicato sul New York Times che sta facendo parecchio discutere per la fotografia che fa di un'azienda che ha un passato glorioso, un ricco presente e nessun futuro davanti a sé.

"Alcune persone gioiscono degli affanni di Microsoft" scrive Brass nell'introduzione "diplomatica" al suo pezzo al vetriolo contro la lotta di fazioni intestine che da anni si combatterebbe nell'azienda. Quasi ogni prodotto di Redmond viene deriso e preso in giro da una parte del pubblico, a volte con buone ragioni e altre per partito preso, ma Microsoft continua a impiegare "migliaia degli ingegneri più intelligenti e capaci del mondo", genera profitti immensi che negli ultimi 10 anni sono ammontati a 100 miliardi di dollari e Bill Gates, il founder, è "il filantropo più generoso della storia" e ha ispirato molti dei suoi dipendenti a seguire lo stesso esempio.

"Nessuno sano di mente dovrebbe augurarsi il fallimento di Microsoft" dice Brass. Eppure Microsoft è destinata a fallire, a essere schiacciata dalle dimensioni monolitiche del suo business, dal focus eccessivo sui suoi tradizionali cavalli di battaglia (Office e Windows) e dal fatto che col tempo si è trasformata in "una innovatrice maldestra e incapace a competere". "Microsoft non ha mai sviluppato un vero sistema per l'innovazione" scrive Brass, e "alcuni dei miei ex-colleghi sostengono che la società ha effetivamente realizzato un sistema per frustrare l'innovazione".
A supporto della sua tesi, l'ex-dirigente descrive le occasioni di business che la corporation si è lasciata sfuggire al tempo della sua vicepresidenza. Il gruppo sotto la sua gestione, per esempio, aveva inventato una modalità di visualizzazione del testo chiamata ClearType capace di rendere molto più leggibili i caratteri su schermo: nonostante la bontà dell'idea, ClearType dovette fare i conti con i commenti del responsabile dei prodotti Office (a cui il nuovo testo smussato dava il mal di testa) e l'ostracismo del vicepresidente dei dispositivi tascabili che offrì il suo supporto ma solo in cambio del controllo del progetto. "Come risultato - dice Brass - nonostante avesse ricevuto il pubblico apprezzamento, la promozione interna e i brevetti, è passata una decade prima che una versione pienamente operativa di ClearType approdasse finalmente in Windows".

Altro lampante esempio della scarsa attitudine a innovare di Microsoft sarebbe il progetto di tablet su cui Brass e sottoposti stavano lavorando nel 2001, affossato dalla predilezione del responsabile di Office per mouse e tastiera e di cui non si è vista più traccia negli anni nonostante fosse oramai certa la presentazione di iPad da parte di Apple. Anche se altri fattori hanno sin qui contribuito all'insuccesso di Microsoft nell'innovazione e nella "anticipazione del futuro", dice Brass, la competizione interna che paralizza gli spiriti animali di Redmond è diventata "distruttiva e senza controllo" e porterà certamente al collasso del gigante del software se quest'ultimo non sarà in grado di "recuperare la sua scintilla creativa".

Parole forti che non lasciano spazio all'immaginazione, a cui Microsoft ha dedicato una risposta che prova a smentire alcune delle accuse dell'ex-dirigente, parlando dei successi del presente e capovolgendo il concetto di scarsa propensione all'innovazione denunciato da Brass offrendo una visione più ampia del problema. "Al livello più alto - scrive il vicepresidente alle comunicazioni Frank Shaw - pensiamo che l'innovazione debba essere messa in relazione alla sua capacità di avere un impatto positivo sul mondo. Per Microsoft non è sufficiente avere semplicemente una buona idea, o una grande idea, o anche un'idea formidabile. Noi misuriamo il nostro lavoro dal suo impatto generale".

"ClearType viene ora integrato in ogni copia di Windows che produciamo" prosegue Shaw, "ed è installato su circa un miliardo di PC in tutto il mondo. Questo è un ottimo esempio di una innovazione che ha un impatto: innovazione su scala". Certo l'adozione di ClearType sarebbe potuta avvenire più velocemente, concede Shaw, "ma per una società i cui prodotti impattano un numero enorme di persone, quello che è realmente importante è l'innovazione su larga scala, non semplicemente l'innovazione ad alta velocità".

In relazione alle critiche sull'integrazione fra tablet e Office, Shaw rimanda le note di Brass a OneNote e al fatto che il software "è stato essenzialmente creato per i tablet ed è oggi una parte fondamentale di Office". Microsoft ha innovato con l'hardware perché Xbox 360 è stata la prima console di nuova generazione, la prima ad alta definizione, la prima a offrire giochi, musica, video e film in digital delivery su Xbox Live, la prima a integrare i social network di Facebook e Twitter sullo schermo del televisore e sarà ancora la prima a offrire un'esperienza videoludica "controller free" con la distribuzione del Progetto Natal entro quest'anno.

"C'è sempre l'opportunità di fare di più, di muoversi più velocemente, di immettere sul mercato prodotti e servizi con modalità nuove e interessanti, e noi appoggiamo tutto questo" chiosa Shaw. ClearType, in tal senso, è una chiara dimostrazione di come le cose abbiano funzionato bene per le centinaia di milioni di utenti di prodotti Microsoft in tutto il mondo.

Quello che il dirigente di Microsoft non chiarisce, lasciando giustamente che siano le speculazioni a occuparsene, è il "come" la più grande corporazione dell'IT intenda proseguire la sua avventura aziendale in un mondo molto diverso dal 1975 (anno della sua fondazione). Stabilito, per assurdo, che Microsoft sia condannata a morire di inedia per scarsità di prodotti freschi e innovativi, le suddette speculazioni viaggiano libere tra l'istituzione di spin-off dedicate agli investimenti finanziari, la definitiva riappacificazione della vecchia mentalità del "software-in-scatola" con le esigenze di una web economy che in fondo è ancora molto giovane rispetto alla storia complessiva dell'informatica, e il passaggio di consegne tra Steve Ballmer, il CEO che ha fatto perdere valore alle azioni in borsa e Ray "Lotus Notes" Ozzie che attualmente detiene il ruolo chiave di Chief Software Architect che già fu di Bill Gates.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaiPad, rivoluzione a metà Il nuovo device conferma solo in parte le attese. Sono prove generali per la trasformazione di Apple. Steve Jobs lancia da San Francisco la sfida ai netbook: ma č presto anche solo per fare pronostici
  • TecnologiaProject Natal, nuovi dettagliMancherebbe ancora un anno all'esordio, ma le indiscrezioni proliferano. Il sistema di controllo dovrebbe essere venduto a un prezzo inferiore agli 80 dollari
198 Commenti alla Notizia Microsoft, ritorno al futuro
Ordina
  • Anche quest'anno si confermano i soliti settori in attivo:

    http://www.businessinsider.com/chart-of-the-day-mi...

    EDIT: altro grafico interessante sul livello di capitalizzazione di MS e delle sue concorrenti:

    http://www.businessinsider.com/chart-of-the-day-to...
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 11 febbraio 2010 18.31
    -----------------------------------------------------------
    FDG
    10933
  • Sorride chissa' cosa si inventeranno ora per mangiare la sera...
    non+autenticato
  • Quando seguii il corso per MCSA, il tutor fece chiaramente capire come le idee SERIE ci fossero, ma venivano puntualmente bloccate, spennate o riadattate per ragioni commerciali.
    Microsoft è questo. Un'enorme macchina-di-soldi, impiantata abbastanza bene nell'IT.
    Il problema è che, con questa politica nei confronti del mercato, sta rallentando il passo sempre di più rispetto la concorrenza.
    Per carità, Apple non è che sia la differenza. Anche loro introducono idee, a volte anche geniali, ma potrebbero fare MOLTO di più.
    Gli unici a spingere l'evoluzione informatica (parlando a livello obiettivo), sono gli ambienti *nix, ove vi è un vero interesse, spinto da necessità e passione, nell'innovazione e nell'elaborazione di nuove idee veramente concrete e risolutive. Anche lì, però, a causa delle politiche di gestione dei progetti (molto spesso troppo divisi gli uni dagli altri ed inutilmente ridondanti tra loro), c'è una sorta di blocco.
    L'innovazione dell'IT ristagna. Ste favole della virtualizzazione e del cloud-computing sono mezzucci per far soldi e promuovere un merging di concetti tra loro, che alla fine, di concreto hanno ben poco. Sono "cazzatine" alla fin fine, rispetto al balzo tra CLI e GUI o in quei casi ove la "differenza" era visibile e palpabile rispetto al passato.

    Per quanto mi riguarda, Microsoft farebbe bene darsi una svegliata. Mollare di botto questa logica economica (molto velenosa) e produrre delle soluzioni veramente innovative. Le capacità economiche non le mancano. Poi, in caso, potrà tornare a far soldi, ma su altri bisogni. Voler cavar sangue dal muro come sta facendo ora, gonfiando prodotti come WinVista o Seven, è da stupidi. Può fare di meglio e sarebbe ora entrasse in quest'ottica d'idee (che porterebbe pure la concorrenza ad adeguarsi e tutti gli utenti a goderne).
    non+autenticato
  • è comparsa in windows quando hanno iniziato a diffondersi gli schermi LCD, quindi, al momento giusto
    non+autenticato
  • guarda che è di default solo da vista in poi, quindi dal 2007
    non+autenticato
  • SE: "quello che è realmente importante è l'innovazione su larga scala, non semplicemente l'innovazione ad alta velocità"
    E: "ClearType viene ora integrato in ogni copia di Windows che produciamo ed è installato su circa un miliardo di PC in tutto il mondo. Questo è un ottimo esempio di una innovazione che ha un impatto: innovazione su scala".
    ALLORA, posto che asseriscono che ClearType è ottimo, perchè hanno aspettato 10 anni per fare "innovazione su larga scala" inserendolo dentro Windows???Lo avevano GIA' pronto! bastava fare 10 prima quello che han fatto con dieci anni di ritardo... è così che si difendono dalle accuse di scarsa innovazione? Dando ragione agli accusatori???
    Io appena ho iniziato a leggere ho pensato: "le solite accuse da ex-dipendente"...ma poi, leggendo che l'attuale vicepresidente alle comunicazioni Frank Shaw, maldestramente conferma quanto detto dall'ex-dipendente Brass, capisco che veramente M$ annaspa per far avanzare la sua pachidermica mole! Occhiolino
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | 5 | Successiva
(pagina 1/5 - 25 discussioni)