Alfonso Maruccia

SWIFT, ultimatum all'Europa

Stop allo spionaggio bancario made in USA, chiede il parlamento UE. In risposta gli States minacciano di abbandonare qualsiasi collaborazione nel contrasto al terrorismo

Roma - SWIFT, atto finale: il voto contrario di un comitato del Parlamento Europeo preannuncia quella che potrebbe essere la definitiva capitolazione degli accordi tra Washington e Bruxelles sulla condivisione di dati finanziari dei cittadini del Vecchio Continente. Preoccupati gli States, che minacciano: non ci fate spiare nei conti degli europei? E noi il terrorismo lo combattiamo da soli.

Negli archivi sterminati della Society for Worldwide Interbank Financial Telecommunications (gestione delle transazioni finanziarie di quasi 8.000 istituti finanziari in 200 paesi diversi), gli Stati Uniti avrebbero infilato mani e orecchie per anni con il beneplacito della UE fino a quando l'accordo segreto non è diventato di pubblico dominio. A quel punto le autorità in difesa della privacy si sono allarmate, e gli States hanno chiesto che l'accordo venisse confermato e si trasformasse in un patto di ferro tra le due sponde dell'Atlantico all'insegna dell'investigazione finanziaria a mani libere.

Ma il piano delle autorità statunitensi si è infranto con l'opinione espressa dal comitato sulle libertà civili del Parlamento Europeo, che a maggioranza (29 contro 23) ha votato per la cancellazione dell'accordo su SWIFT offrendo un parere autorevole capace di influenzare il voto che si svolgerà in Parlamento la prossima settimana.
Naturalmente a Washington la cosa non è stata accolta con grida di giubilo: "Se il Parlamento Europeo capovolge l'accordo, non sono sicuro che le agenzie di Washington decideranno ancora di trattare la questione a livello UE" ha dichiarato l'ambasciatore USA presso l'Unione William Kennard.

Messe alle strette dai parlamentari europei, le autorità statunitensi procederebbero insomma da sole nel contrasto al terrorismo internazionale per cui, secondo quanto da tempo sostengono gli USA, la possibilità di rimestare negli archivi di SWIFT (negli anni "traslocato" dal territorio statunitense a quello europeo) si è sempre rivelata molto importante ai fini delle indagini. Per la ratifica del nuovo accordo si è speso anche il Segretario di Stato Hillary Clinton, che ha chiamato il presidente del Parlamento Europeo Jerzy Buzek e la responsabile degli affari esteri della Commissione Catherine Ashton.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
5 Commenti alla Notizia SWIFT, ultimatum all'Europa
Ordina
  • Ricordo anni fa la mia banca mi invio' una lettera informativa dove diceva espressamente che i dati su transazioni di denaro all'estero sarebbero stati memorizzati su un server in Michigan a causa di non so quale legge.

    Comunque questo ennesimo occhio mi sembra l'ennesima violazione della privacy in nome di nobili ideali, dubito fortemente che questo serva a contrastare il terrorismo quindi perche' gli americano devono ficcare il naso nelle nostre transazioni? Perche' l'UE non ha difeso i propri cittadini gia' da prima? Mboh.
    non+autenticato
  • all'epoca SWIFT si trovava negli USA ed è questo pure il motivo per cui l'UE non ha potuto fare nulla in passato

    all'indomani della calata della cortina di ferro voluta dagli amici di Bush, fu lo stesso SWIFT a preoccuparsi, trasferendo armi e bagagli in Lussemburgo

    l'UE sta semplicemente dicendo che non può lasciare la porta aperta, visto che oltrettutto gli USA non hanno firmato il trattato sulla sicurezza elettronica voluta dall'UE
    non+autenticato
  • Credo che Airbus possa spiegarti perché, quando in occasione di un mega-appalto per la fornitura di aerei alla flotta civile cinese (credo) Boeing sembrava conoscere in tempo reale tutti i movimenti finanziari coinvolti...

    Certo, non ha nulla a che vedere con nessun terrorismo, reale o presunto.
  • del resto non dimentichiamo la mitica echelon che ci ha spiati per 50 anni e ha contribuito attivamente a far fallire moltissime nostre aziende tra cui la Inmos

    agli americani piace vincere facile ma devono capire che il mondo è cambiato
    non+autenticato
  • Più che altro gli europei dovrebbero capire che il mondo e' cambiato. Perche' anche ora sono sempre schivi degli americani (vedi body scanner)
    harvey
    1481