Mauro Vecchio

Eric Schimdt e la ricetta dell'innovazione

In una lettera al Washington Post il CEO di Google snocciola cinque principi per salvare il futuro degli Stati Uniti. Incoraggiando la competizione, favorendo l'assunzione degli stranieri e facendo pagare meno tasse alle aziende

Roma - Ha parlato di un ecosistema delle idee in stile Wikipedia, del bisogno da parte del governo degli Stati Uniti di incoraggiare la ricerca scientifica, di facilitare la vita a quelle che sembrerebbero ad uno sguardo superficiale delle idee ad alto rischio. Degli investimenti che probabilmente non frutteranno affatto.

Ha parlato di questo e di altro il CEO di Google Eric Schmidt, in una lettera pubblicata dal quotidiano Washington Post. Una missiva intitolata erasing our innovation deficit, espressione coniata nel corso di un precedente discorso del Segretario per il Commercio statunitense Gary Locke. Un vuoto nell'innovazione di un paese stretto nella morsa della precarietà del lavoro.

Per Schmidt, il trend sarebbe innanzitutto visibile tramite le interrogazioni dei netizen ai motori di ricerca. Query decisamente in calo per quanto riguarda la prenotazione di una vacanza, di un terzo più frequenti per quanto invece riguarda un mutuo bancario. A questa situazione si aggiungerebbe poi un dato di fatto preoccupante: ricerca e sviluppo in aree chiave come quella delle energie rinnovabili si starebbero trasferendo in altre zone del mondo. Quindi, al di fuori degli Stati Uniti.
"C'è una grossa possibilità che questa green Silicon Valley si indirizzerà verso la Germania o la Cina - ha spiegato Schmidt - Non possiamo permettere che questo accada". Per il CEO di BigG, bisognerebbe rivedere un intero modello, che dovrebbe passare dalla tipologia top-down a quella proveniente dal basso, bottom-up.

Al posto dei massicci investimenti messi in campo per NASA, ad esempio, sarebbero ormai emerse idee provenienti dalla realtà quotidiana, partorite in una caffetteria o nei laboratori di un'azienda. L'innovazione sarebbe diventata una questione particolarmente caotica, non prevedibile. Per questo bisognerebbe - secondo Schmidt - coltivare un adeguato contesto, aperto e altamente competitivo.

La ricetta di Schmidt è racchiusa in cinque ingredienti fondamentali. Primo, il Congresso degli Stati Uniti dovrebbe favorire a livello legislativo la concorrenza del mercato e l'ingresso di nuovi attori. Secondo, le aziende dovrebbero accettare il fatto che alcuni investimenti possano non risultare fruttuosi al 100 per cento.

Terzo, il governo dovrebbe continuare ad investire in ambito scientifico, magari facendo pagare meno tasse alle aziende che investono nel futuro della nazione. Quarto, sarebbe cosa buona creare - secondo Schmidt - una Wikipedia delle idee, in modo da mettere a disposizione di tutti prospettive e tecnologie per il bene dell'intera umanità.

Non a caso, Schimdt ha parlato del bisogno degli Stati Uniti di incrementare la propria velocità di banda, in perfetta coordinazione con l'annuncio da parte di BigG di una super-fibra da 1 gigabit al secondo. Infine, il CEO di Google ha sottolineato come le autorità dovrebbero essere più morbide con quegli studenti stranieri che sono costretti a lasciare il paese dopo aver terminato gli studi.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
3 Commenti alla Notizia Eric Schimdt e la ricetta dell'innovazione
Ordina