Mauro Vecchio

Google silenzia i blog?

Sei spazi online dedicati alla musica sono stati tagliati fuori dalla Rete, rei di aver violato il copyright. Ma la protesta č divampata: i blogger non sarebbero stati avvisati e avrebbero avuto l'autorizzazione a linkare

Roma - Č stato soprannominato musicblogocide. Google ha staccato la spina ad un gruppo di netizen iscritti ai suoi servizi di blogging Blogger e Blogspot. Per la precisione, sei popolari spazi online dedicati alla musica, rei di aver infranto i principi di legge a tutela del diritto d'autore. Il noto Digital Millennium Copyright Act, meglio conosciuto con l'acronimo DMCA.

Sei blogger avvertiti dai responsabili di BigG solo dopo che i rispettivi spazi web erano stati rimossi dalla Rete nella loro interezza. Dopo che un avviso aveva detto loro che il blog cercato non era stato trovato dal server. Uno di questi blogger - irockcleveland - ha quindi ricevuto una spiegazione inviata via email, in cui sono stati illustrate le motivazioni della già avvenuta rimozione.

"La informiamo che abbiamo ricevuto altre lamentele riguardo il suo blog - si legge in una mail spedita all'autore di irockcleveland - Dopo aver rivisto il suo account, abbiamo notato che il suo blog ha violato ripetutamente le condizioni d'uso di Blogger. E dal momento che abbiamo provveduto ad avvisarla più volte del problema, nel rispetto delle nostre policy, siamo stati costretti ad eliminare il suo spazio". Il team del servizio ha quindi ringraziato l'utente per la sua comprensione.
Ma l'utente di comprensione ne ha avuta davvero poca. L'autore di irockcleveland ha successivamente scritto un post sull'help forum del servizio Blogger, spiegando innanzitutto di non aver capito affatto quali dei suoi contenuti avessero violato i principi del DMCA.

Nel corso del post l'utente ha poi spiegato di essere pienamente a conoscenza dei rischi legali della sua attività di blogger musicale. Con una precisazione: negli ultimi anni non avrebbe fatto altro che caricare materiale promozionale inviatogli dalle stesse etichette, o proveniente dagli artisti stessi. Quindi, avrebbe avuto il permesso di caricare i link audio nel suo spazio su Blogger.

Ma le proteste dei vari blogger non si sono esaurite qui. In molti hanno puntato il dito contro i responsabili dei servizi di Google, dal momento che hanno reso vani anni di duro lavoro di scrittura online. Insieme ai link incriminati, sono infatti spariti post originali, recensioni e commenti vari degli altri utenti. Contenuti che non hanno certamente violato i principi base del DMCA statunitense.

Qualcuno ha commentato ampiamente il fatto, puntando innanzitutto il dito contro la decisione di Google di tagliare le gambe ai blog senza alcun avvertimento. In aggiunta, i responsabili dei due servizi avrebbero effettivamente danneggiato gli utenti eliminando contenuti originali insieme ai link incriminati. E questo potrebbe pendere sul capo di Google.

"Google sta trattando i suoi utenti come se fosse un Grande Fratello - ha dichiarato uno dei blogger coinvolti - Prima si spara, dopo si fanno le domande". BigG ha quindi risposto agli utenti, in un post apparso sul blog ufficiale di Blogger Buzz. Con alcuni dettagli riguardo alle recenti decisioni in materia di policy, per rinforzare la tutela del DMCA.

Cosa fa Google quando riceve una notifica dall'industria del copyright? Primo, avverte il blogger in questione via email. Secondo, sposta automaticamente nello status bozze il contenuto incriminato, lasciando la possibilità all'utente di rimuoverlo. Terzo, spedisce una notifica della lamentela al sito ChillingEffects.org, che verifica la legalità delle attività web.
A questo punto, la palla dovrà passare nelle mani dell'utente, che dovrà impegnarsi a compilare un apposito modulo in cui dichiari che i contenuti utilizzati sono autorizzati. Google ha poi fatto sapere di essere al lavoro per rendere questo processo il più semplice possibile. Che per ora si sia adottata la soluzione più veloce, premere semplicemente il tasto elimina?

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUK, i discografici vogliono un DMCAL'associazione delle etichette discografiche inglesi fa scivolare un emendamento nella nuova legge nota come Digital Britain con lo scopo di instaurare un regime di copyright simile a quello statunitense. L'antipirateria? Un business
  • AttualitàUSA, il blog invecchia?Uno studio Pew sottolinea come i classici post siano sempre meno popolari tra i netizen pių giovani. Colpa dei pių attraenti social network. Mentre il blogging sarebbe ormai roba per ultratrentenni
  • AttualitàIl copyright su Flickr? Non esisteThe Independent ha ripreso da Flickr una fotografia protetta da copyright. Il suo autore chiede spiegazioni, ma ottiene soltanto stupore: nessuna violazione, si tratta di contenuti condivisi su Internet
6 Commenti alla Notizia Google silenzia i blog?
Ordina