Alessandro Del Rosso

Microsoft torna a caccia di pirati

La prossima settimana nascerà una versione aggiornata del proprio sistema antipirateria per Windows, erede della controversa tecnologia Windows Genuine Advantage. Da Redmond si dicono capaci di scovare ogni crack, o quasi

Roma - Forte delle recenti vittorie ottenute in tribunale, che hanno scagionato la tecnologia Windows Genuine Advantage (WGA) da molte accuse, Microsoft è pronta a dispiegare nuovi e più efficaci tool antipirateria per Windows 7. Lo farà rilasciando un aggiornamento a Windows Activation Technologies (WAT), nome con cui dallo scorso anno è noto il sistema WGA di nuova generazione.

WGAVale la pena sottolineare da subito che questo update sarà facoltativo: l'utente potrà infatti scegliere di non installarlo anche quando, verso la fine del mese, verrà distribuito attraverso Windows Update. Al momento non è ancora chiaro se la scelta di non sottoporre la propria copia di Windows 7 alla "verifica di autenticità" porterà a qualche conseguenza, come ad esempio l'impossibilità di scaricare molti dei software disponibili gratuitamente sul Microsoft Download Center o gli aggiornamenti di Windows Update diversi dagli hotfix.

Joe Williams, general manager del team Genuine Windows di Microsoft, spiega in questo post che il WAT Update sarà in grado di rilevare "oltre 70 fra i più noti e potenzialmente pericolosi exploit dell'attivazione". Se fino ad oggi WGA prima e WAT poi si sono sostanzialmente limitati a verificare la validità del product key, il sistema antipirateria di nuova generazione va alla ricerca degli hack con cui è possibile bypassare o ingannare il sistema di attivazione di Windows 7.
Come illustrammo lo scorso luglio su queste stesse pagine, gli hack (o crack che dir si voglia) per Windows 7 sono apparsi fin da subito, non appena Microsoft ha introdotto il meccanismo di attivazione in alcune pre-RC di Seven. Questi tool si avvalgono di vari metodi per bypassare il sistema di protezione di Windows 7, il più diffuso dei quali è l'emulazione di un BIOS OEM, che di fatto rende una copia del sistema operativo difficilmente distinguibile da una genuina: al momento attuale tali hack consentono di superare tutti i test WGA/WAT. Ma anche questi sistemi, per quanto sofisticati, lasciano delle tracce: tracce che la tecnologia WAT di nuova generazione potrebbe essere in grado di fiutare.

A tal proposito Williams ha spiegato che quando WAT Update troverà file della licenza manomessi, disattivati o mancanti, tenterà di riparare questi file e programmerà un controllo settimanale per verificare la regolarità del sistema.

Per conservare l'efficacia nel tempo del proprio scanner anti-hack, Microsoft ha fatto in modo che, una volta installato, questo contatti periodicamente i server di Microsoft per scaricare nuove definizioni: la nuova WAT agirà insomma come una sorta di antivirus, con la differenza che non saranno i virus il suo bersaglio. Williams ha assicurato che WAT non invierà a Microsoft alcun dato personale né alcun'altra informazione che possa essere utilizzata per identificare o contattare l'utente. L'aggiornamento potrà inoltre essere disinstallato in qualsiasi momento.

Ma cosa accade se WAT scopre che la copia di Windows 7 su cui gira è piratata o utilizza una licenza irregolare? In tal senso si comporterà in modo molto simile alla WGA per Vista, comunicando periodicamente all'utente che il suo Windows non è genuino e invitandolo a visitare una pagina web dove trovare maggiori informazioni sul problema ed eventualmente acquistare una licenza valida. WAT disattiverà inoltre tutti gli "extra" del desktop, quali sfondi, icone aggiunte dall'utente e gadget. A parte questo e a parte le fastidiose notifiche saltuarie, Windows continuerà a funzionare regolarmente e senza limiti di tempo.

Williams ha messo in guardia gli utenti dai rischi legati al download e all'installazione di exploit dell'attivazione, product key o software contraffatto, ricordando come "i siti che reclamizzano questi prodotti pirata contengono spesso malware, virus e cavalli di Troia". Il manager non ha poi mancato di rilevare come questi stessi crack vengano utilizzati da certi rivenditori disonesti per far credere ai loro clienti di aver acquistato un PC con pre-installata una copia autentica di Windows.

WAT Update è stato concepito per girare su tutte le versioni di Windows, sebbene inizialmente avrà come target le edizioni Home Premium, Professional, Ultimate e Enterprise, e sarà rilasciato sul Download Center a partire dal prossimo 17 febbraio. Verso la fine mese il software apparirà anche tra gli aggiornamenti importanti di Windows Update.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • TecnologiaWindows 7 è già craccatoA meno di una settimana dall'annuncio della RTM dell'OS, un gruppo di cracker cinesi ha bypassato con successo il sistema di attivazione, aprendo la strada a una serie di tool di sblocco preconfezionati
175 Commenti alla Notizia Microsoft torna a caccia di pirati
Ordina
  • cioé il mio computer viene usato da una cosa che non sono io a volere? usi le MIE risorse? il mio tempo macchina, fai scansione sul MIO hard disk, cancelli proprietà MIE ?

    non è violazione di domicilio, distruzione di proprietà altrui ecc ecc?
    non+autenticato
  • Hai ragione user293847 ma ricorda.... il sistema operativo che hai comprato NON E' TUO. Te l'hanno soltanto imprestato.. Sorride
    non+autenticato
  • > Hai ragione user293847 ma ricorda.... il sistema
    > operativo che hai comprato NON E' TUO.

    Ti hanno semplicemente impestato.
    non+autenticato
  • Ragazzi,spero che abbiate una buona ragione per utilizzare quei sistemi operativi della Microzzozz,ma se così non fosse,perché non provate a considerare anche un'alternativa? Ubuntu è la versione di Linux più facile da provare, installare, utilizzare, tanto che anche i quotidiani generalisti ne parlano.

    Analizziamo le differenze principali con gli altri sistemi operativi

    Requisiti
    Ubuntu Linux non ha bisogno di hardware costoso per funzionare (tipo Mac OS X ma che adoro allo stesso tempo) e non vi vincola ad aggiornare il pc(Windows Vista)
    Se il vostro pc attuale funziona con Windows Xp, va benissimo per provare Ubuntu, se invece ha Windows 98 potete provate la versione Xubuntu.

    Costo
    A differenza di altri sistemi operativi, Ubuntu Linux, non costa nulla. Quindi non dovrete spendere soldi per le licenze e questo vale sia per l'installazione che per l'aggiornamento.
    La gratuità è per tutti e vale anche per le aziende.

    Applicazioni disponibili
    Le applicazioni sono simili a quelle per Windows, ma sono più semplici da aggiornare.
    Se avete proprio bisogno di applicazioni specifiche potete usarle tramite Wine o tramite una macchina virtuale. Ovviamente ci sono anche i giochi.

    Compatibilità Hardware
    La gran parte dei produttori hardware fa i driver solo per Windows, nonostante questo molte perifiche sono supportate: scanner, stampanti, schede audio, web cam..

    Che aspettate allora?

    Almeno provatelo, potete scaricarlo subito o farvelo spedire a casa (sì anche questo gratis).
    ..e se poi non vi piace, pazienza, non dovete neanche disinstallarlo perché per provarlo non viene intaccato il sistema operativo esistente.
    POi se questo non vi soddisfa potrete sempre provare Mandriva One, Linux MInt, Fedora... questo link --> http://distrowatch.com/ soddisferà ogni esigenza per passare a Linux e ai sistemi Liberi. A voi la scelta !
  • Ma buttati via tu! Tutto ha un costo, e quindi un prezzo: "non esistono pasti gratis" perchè qualcuno prima o poi li paga (e magari salati). E non parlo solo di denaro: il tempo, i problemi, le difficoltà ecc. La maggior parte di chi utilizza un PC non "smanetta", ha poco tempo, non vuole avere problemi da risolvere o cercare in Rete risposte che non trova. Un sistema Windows utilizzato normalmente, aggiornato è sufficientemente (e dico "sufficientemente" e non totalmente e per sempre)affidabile per un utilizzo quotidiano (lavoro, gioco, studio). E tutto il resto è noia, noia, noia...
    non+autenticato
  • Windows in crash dopo l'update? Colpa di un rootkit

    Se dopo l'installazione delle ultime patch è apparsa la schermata blu, molto probabilmente il computer era già infetto. Dopo l'installazione dell'ultima ondata di patch per Windows Xp, diversi utenti hanno segnalato a Microsoft il blocco del sistema e la comparsa del famigerato schermo blu della morte.

    Ora Microsoft fa sapere, dopo aver condotto delle indagini, che la colpa è da attribuire a un rootkit particolarmente bravo nel nascondersi e già presente nei sistemi prima dell'aggiornamento, il Tdss rootkit, che causa problemi a seguito dell'installazione dell'aggiornamento MS10-015.

    Sebbene i ricercatori di Microsoft non si sentano ancora di poter escludere completamente altre cause (le indagini sono tuttora in corso), la spiegazione più probabile e finora l'unica supportata da prove coinvolge proprio la presenza del malware.

    Chiunque sia affetto dal problema può aiutare Microsoft a chiarire con certezza se il Tdss rootkit sia l'unica causa inviando il memory dump.
    WWW.ZEUSNEWS.COM

    ...STRANO MA CON LINUX NON CAPITA MAI!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 16 febbraio 2010 12.15
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: SardinianBoy
    > Windows in crash dopo l'update? Colpa di un
    > rootkit

    > ...STRANO MA CON LINUX NON CAPITA MAI!

    a TE non capita mai.

    e a me non capita con windows.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Asbesto
    > Ma buttati via tu! Tutto ha un costo, e quindi un
    > prezzo:

    Soprattutto il tempo che si perde a reinstallare winsozz, prezzo che nessuno calcola mai...

    > "non esistono pasti gratis" perchè
    > qualcuno prima o poi li paga (e magari salati).

    E invece esistono, guarda un po'...
    Acqua e cibo per la minima sussistenza vengono distribuiti gratuitamente a chiunque ne abbia bisogno, in un paese civile.
    In Italia, per esempio, si puo' morire per mille motivi uno piu' stupido dell'altro, ma di fame non muore nessuno da un bel pezzo, forse neanche durante l'ultima guerra qualcuno e' morto di fame.

    > E
    > non parlo solo di denaro: il tempo, i problemi,
    > le difficoltà ecc.

    ...i virus!

    > La maggior parte di chi
    > utilizza un PC non "smanetta", ha poco tempo, non
    > vuole avere problemi da risolvere o cercare in
    > Rete risposte che non trova.

    Ubuntu fornisce il computer di tutto il necessario per funzionare.
    E questo basta e avanza a chi non smanetta.
    Gli altri le risposte le trovano, perche' le sanno cercare.

    Per windows invece non si cercano risposte, si cercano i crack!

    > Un sistema Windows
    > utilizzato normalmente, aggiornato è
    > sufficientemente (e dico "sufficientemente" e non
    > totalmente e per sempre)affidabile per un
    > utilizzo quotidiano (lavoro, gioco, studio).

    Si, certo, come no...
    Mai viste schermate blu?

    > E
    > tutto il resto è noia, noia,
    > noia...

    Anche il formattare e reinstallare e' noia, noia, noia... soprattutto quando neanche ti danno il cd di reinstallazione.
  • i quotidiani generalisti ne parlano perchè ubuntu ha messo su un buon sistema di marketing.
    su tutto il resto, panzane. una distribuzione come opensuse,ad esempio batte tecnicamente ubuntu 10 a 0, per le tecnologie usate, e per facilità d'uso. fanno bene a definirla "per chi non sa installare debian"
    non+autenticato
  • Ciao Luna,tecnicamente hai Ragione su Ubuntu.Ma ubuntu infatti è principalmente uno StartUp per rendersi conto delle potenzialità su Linux.Poi ovviamente se un individuo sceglie Debian, puramente Debian, allora il discorso cambia.E appunto come dicevo prima non esiste solo Ubuntu, Xubuntu ecc.. ci sono le Red Hat , ci sono le Mandriva e le Open Suse.Comunque sia,a me della microsoft non mi importa nulla,non mi rendo schiavo di un S.O. che offre ben poco.Anzi,ti do su questo link ----> http://www.istitutomajorana.it/passare-linux/index...   27 validi motivi per passare a Linux e scordarti la microzzoz. Preferisco spendere e dare soldi alle comunità Linux/open source che buttare gli stessi soldi comprando un qualsiasi sistema winzzozz. Fìdati!
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 16 febbraio 2010 16.46
    -----------------------------------------------------------
  • beh, non ho letto perchè "n motivi per passare a linux" ne ho letti a decine. ma rispondo che ci sono n motivi per tenersi ben stretto windows.
    io ho scelto gentoo (è la distro che preferisco) per la possibilità di personalizzazione che offre e perchè è difficile, e le cose difficili mi piacciono un saccoA bocca aperta
    tornando a bomba, è una questione di esigenze. linux a mio modo di vedere, in ambito desktop, è improponibile, non tanto per il sistema in se ma per la mancanza di applicativi ben fatti, completi, semplici e usabili.
    va bene invece per la casalinga di voghera che deve leggere quattro sitarelli, andare su faccialibro o cose del genere, ascoltare un poco di musica. ma finisce lì. ogni uso come desktop multimediale avanzato, per utenti leggermente più esigenti o molto esigenti, è una mazzata nei maroni, sei costretto a usare windows o mac os x, dove il parco software è mille volte migliore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: SardinianBoy
    > Ragazzi,spero che abbiate una buona ragione per
    > utilizzare quei sistemi operativi della
    > Microzzozz,ma se così non fosse,perché non
    > provate a considerare anche un'alternativa?

    perché nessuno ti garantisce niente e non ha nemmeno interesse a farlo a prescindere da quello che dice un potenziale EULA.

    neanche gli altri ti garantiscono niente, ma sono interessati a farlo.

    Inoltre ho avuto delle esperienze con roba opensource... che va bene solo se sai mettere mano al codice, se sei un esperto.

    Altrimenti per ogni modifica devi pagare uno.

    Così invece hai un prodotto che milioni di persone usano, con documentazione userfriendly e applicazioni che sono nate per girarci e se hai altre interazioni non hai bisogno di WINE o altro di mezzo.

    Potremmo passare a Mac, che ne dici?
    non+autenticato
  • Infatti ho solamente detto "Buttate via Windows !!!!!" Ben venga il Mac!!!!! E nonostante il Mac abbia software proprietario e, se non esistesse Linux passerei al 100% al Mac! Io giuro che ora come non mai mi trovo benissimo col Pinguino e non lo scambierei con nessun altro.Ad ogni uscita di una nuova versione di Microsoft Windows mi pongo sempre la stessa domanda:
    Perché preferisco ancora Linux?Perchè amo il pinguino?
    Ribadisco il concetto,e scusate se adesso faccio un copia e incolla dal mio blog,ma vorrei essere chiaro,preciso e riassuntivo su LINUX:
    1-Sicurezza
    Windows 7 è meglio di Vista?
    Beh sicuramente sì ma è ancora soggetta a una serie infinita di programmi malware che non danno la possibilità di mantenere sicuro e pulito il PC al 100%.
    Un’ipotetica persona molto attenta a ciò che fa quando naviga su internet sicuramente troverà Windows 7 molto più sicuro rispetto ai suoi predecessori; ma se questa ipotetica persona è diciamo un po’ pigra, una di quelle persone che apre tutti i link che gli vengono spediti via mail? Beh … sicuramente non potrà dormire sonni troppo tranquilli.

    Con Linux ogni pigro può star tranquillo .. i malware non frequentano i pinguini

    2-Hardware
    Di recente a casa di un amico.ho appena installato Ubuntu 9.10 su un AMD DURON 1GHz con 512 MB di RAM e tutto gira perfettamente.
    Ovviamente su quel PC non avrei mai potuto installare una versione decente di Windows 7 (Home Premium o superiore).

    3-Costo
    Parliamo dei prezzi di aggiornamento.
    Oggi è possibile ottenere Windows 7 a buon mercato. Girando un po’ per la rete si può facilmente ottenere la versione di aggiornamento a Windows 7 per circa $50. Minkia!

    Ovviamente su questo punto vince nettamente Ubuntu, il cui prezzo è … uhm … zero!

    4-Aggiornamento
    Ecco come aggiornare Ubuntu: nel Gestore Aggiornamenti basta premere l’apposito bottone e tutto vien fatto automaticamente: fatica zero, tempo stimato poco più di un’ora (il tempo dipende soprattutto dalla velocità con la quale vengono scaricati i nuovi pacchetti).

    Per aggiornare un PC da Windows XP a Windows 7 ci vogliono in media otto ore e bisogna utilizzare due programmi aggiuntivi – Windows Easy Transfer e PCmover LapLink’s - oltre al DVD di installazione. Sicuramente una pratica non facile!
    Se si vuole passare a Windows 7, da Windows XP, in modo veloce e sicuro beh conviene quasi quasi acquistare un nuovo PC Windows 7. Non è solo facile, ma se si considera il rapporto tempo/difficoltà, del processo di aggiornamento, per un utente medio è anche più conveniente.

    Il percorso di aggiornamento da Windows Vista è molto più facile, ma richiede molto tempo: la stessa Microsoft stima che può durare fino a 20 ore.

    5-Compatibilità hardware
    Vi è una illusione persistente che Linux supporta solo un set limitato di periferiche. Sbagliato!
    Ubuntu Linux supporta praticamente ogni pezzo di hardware esistente. E’ bene precisare che ci sono alcuni componenti, in particolare schede grafiche e chipset, per cui potrebbe essere necessario scaricare un driver per ottenere il massimo dalla scheda grafica, ma il tutto il più delle volte non è troppo complicato da compiere.

    Su questo punto potreste pensare che Windows 7 ha sicuramente un netto vantaggio rispetto ad Ubuntu Linux,ed in parte è vero anche se sembra difficile da credere ma è vero: molte stampanti HP non hanno ancora i driver di Windows 7.
    Sorprendente. Semplicemente incredibile, soprattutto se si considere che l’HP detiene il 54% del mercato delle stampanti degli Stati Uniti.

    6-Applicazioni
    E’ noto che la maggior parte dei Software più “famosi e importanti” sono sviluppati per essere eseguiti su Windows.
    Ma la domanda nasce spontanea:
    quanti di questi software vengono acquistati regolarmente?
    quante persone conoscete che hanno comprato, ad esempio, una versione originale di Adobe Photoshop?
    Ubuntu Linux viene fornito, oltre che con il famoso GIMP, programma di grafica potente e completamente gratuito, con una serie di applicazioni gratuite e pronte per l’uso come la suite per ufficio OpenOffice.
    Se si desidera una suite di Office per Windows 7 bisogna pagare!
    Si vuole un programma di posta elettronica? Beh Outlook Express non viene fornito più con Windows.
    Ubuntu invece è distribuito con Evolution.
    Bisogna eseguire il backup del sistema?
    Entrambi possono farlo, ma solo Ubuntu ha la sua propria linea di back-up, Ubuntu One, con 2GB di memoria.

    Vuoi un programma che non viene fornito con il sistema operativo?
    Facile con Ubuntu Linux: apri Synaptic e scegli il programma che desideri e se non lo trovi lo cerchi su internet e sempre gratuitamente trovi tutto, o quasi, ciò che ti serve.
    Beh con Windows o si va nel negozio di informatica più vicino, portafoglio alla mano, oppure si apre eMule e illegalmente si scarica il programma.

    Un’eccezione in questo caso va fatta per i giochi: è vero che i titoli più appetibili vengono sviluppati unicamente per Windows ma per quanto mi riguarda non mi sento di dare un punto pieno a favore di Windows e poi per giocare davvero, esistono le console (PS3, Wii, Xbox, etc).
    Comunque,che sia chiara una cosa:cerco solo di dare alcuni spunti di riflessione.Ubuntu Linux, come tanti programmi Open Source, meritano quanto meno di essere provati almeno per una volta; negli anni sono stati fatti passi da gigante per renderli sempre più user-friendly: facili da trovare e ancor più facili da usare.

    In un momento storico come quello che stiamo vivendo oggi, tra crisi e instabilità economica, optare per una scelta gratuita, e soprattutto legale, credo che possa solo far bene a tutti. Se si riesce a sensibilizzare il maggior numero di persone, di portarle a conoscenza che esiste un’alternativa valida alle applicazioni a pagamento si può realmente arrivare ad ottenere qualcosa di importante: pensate a quanti soldi si potrebbero risparmiare se tutti i computer della pubblica amministrazione, delle scuole e delle università invece di essere ecquipaggiate con OS a pagamento venissero equipaggiati tutti con Linux....!!!!!!
  • - Scritto da: SardinianBoy
    [...]

    > 1-Sicurezza
    > Windows 7 [...] soggetta a una
    > serie infinita di programmi malware che non danno
    > la possibilità di mantenere sicuro e pulito il PC
    > al
    > 100%.

    nemmeno linux; è solo meno attaccato e trovi meno persone esperte che ti elencano le sue vulnerabilità che sono sicuramente inconsuete e difficili persino da comprendere. Questo perché è meno attaccato, non meno attaccabile.

    Le donne formose, per dirne una, sono molto più soggette agli stupri di quanto non lo siano dei vecchi grassoni. Sono oggetto di maggior interesse: eppure sono vulnerabili anche i vecchi grassoni.

    > Un’ipotetica persona molto attenta a ciò che fa
    > quando naviga su internet sicuramente troverà
    > Windows 7 molto più sicuro rispetto ai suoi
    > predecessori;

    io sto con Vista64 da quando è uscito e non sono stato *particolarmente* attento. Certo, il pc non è un forno a microonde.

    [...]

    > Con Linux ogni pigro può star tranquillo .. i
    > malware non frequentano i pinguini

    questo è un pericoloso modo populista e deleterio di attirare la gente. Interessante ma pericoloso: insegni a non capire nulla, a comportarsi a caso come se l'invulnerabilità durasse sempre: così crei una audience di scellerati ignoranti che, se dovesse essere linux il prossimo sistema, quindi attaccato da cracker seri, sarebbero ignari, ignoranti e abituati a non sapere nulla.

    > 2-Hardware
    > Di recente a casa di un amico.ho appena
    > installato Ubuntu 9.10 su un AMD DURON 1GHz con
    > 512 MB di RAM e tutto gira
    > perfettamente.

    tutto cosa?

    > Ovviamente su quel PC non avrei mai potuto
    > installare una versione decente di Windows 7
    > (Home Premium o
    > superiore).

    è vero, sulla carta. Ma non abbiamo provato; in effetti dove lo compro un pc così? Quando è uscito ci potevo installare una adeguata versione di Windows e... toh, c'è già e va benissimo!Sorride

    > 3-Costo

    verissimo. Ma anche le foglie secche costano zero. Solo che io devo capire: se ne posso avere quanto voglio MA non me ne faccio nulla con il resto che ho: mi serve?

    > 4-Aggiornamento
    > Ecco come aggiornare Ubuntu: nel Gestore
    > Aggiornamenti basta premere l’apposito bottone e
    > tutto vien fatto automaticamente: fatica zero,
    > tempo stimato poco più di un’ora [...]

    interessante; ma se voglio aggiornare posso avviare e tornare la sera dopo il lavoro. Personalmente se intendo aggiornare, vuol dire che voglio cambiare. Ma sono gusti.

    > Per aggiornare un PC da Windows XP a Windows 7 ci
    > vogliono in media otto ore e bisogna utilizzare
    > due programmi aggiuntivi

    ho seguito personalmente le installazioni di un tester: ha usato solo la roba di sistema (ed è partito da windows 2000!!!!)

    > Se si vuole passare a Windows 7, da Windows XP,
    > in modo veloce e sicuro beh conviene quasi quasi
    > acquistare un nuovo PC Windows 7.

    questo secondo te; resta il fatto che se parli di utente medio, quello parte da ORA, altrimenti SA aggiornare.

    > Il percorso di aggiornamento da Windows Vista è
    > molto più facile, ma richiede molto tempo: la
    > stessa Microsoft stima che può durare fino a 20
    > ore.

    lo dice per pararsi il culo nelle situazioni peggiori.

    > 5-Compatibilità hardware

    tu puoi DIRE quello che vuoi.
    ma poi troviamoci nella vita reale. Ogni cd, ogni cosa esce per "windows o mac"; ogni cosa che si usa DAVVERO (e non è solo testing di un OS senza il resto della vita) è quasi sempre fatta per XP, addirittura, non per "varie cose".

    [...]

    >molte stampanti
    > HP non hanno ancora i driver di Windows
    > 7.

    certo ma quando le installi funzionano perfettamenteSorride
    chissà come mai eh? perché lo sai benissimo: 7 è il service pack 3 di VistaSorride

    > soprattutto se si considere che l’HP detiene il
    > 54% del mercato delle stampanti degli Stati
    > Uniti.

    fonte dati l'autorevole SardinianBoyStats?Sorride

    > 6-Applicazioni
    > E’ noto che la maggior parte dei Software più
    > “famosi e importanti” sono sviluppati per essere
    > eseguiti su
    > Windows.
    > Ma la domanda nasce spontanea:
    > quanti di questi software vengono acquistati
    > regolarmente?

    questa domanda non nasce affato spontanea.
    La domanda che nasce davvero spontanea è : perché i veri software non vengono creati per linux?

    Altrimenti dovremmo dire: se gimp costasse 1000 dollari chi se lo cagherebbe?

    Ma se anche non possiamo rispondere, diciamo: quando faranno la roba per linux, allora vedremo. Altrimenti ho una casa vuota, ma niente mobili né persone. Sono solo col mio OS.

    gimp c'è anche per win.

    > Se si desidera una suite di Office per Windows 7
    > bisogna
    > pagare!

    falso.
    openoffice c'è per win.

    > Si vuole un programma di posta elettronica?

    thunderbird c'è per win e se vuoi vai nella sezione download di questo sito oppure informati su it.comp.software.mailreader / comunque c'è windows live mail

    > ...backup del sistema?
    > "solo Ubuntu ha la sua
    > propria linea di back-up, Ubuntu One, con 2GB di
    > memoria."

    questa affermazione non significa nulla: da Vista a Seven c'è il backup integrale e non hai bisogno d'altro.

    > Vuoi un programma che non viene fornito con il
    > sistema
    > operativo?

    scrivi "freeware" e "mi sento fortunato" e vediamo per QUALE os verrà fuori qualcosa Occhiolino

    [...]

    > Beh con Windows o si va nel negozio di
    > informatica più vicino, portafoglio alla mano,

    hai detto due secondi prima che non compra niente nessuno, deciditi.

    > oppure si apre eMule e illegalmente si scarica il
    > programma.

    se si pagassero anche per linux sarebbe lo stesso: discorso ozioso.

    > Un’eccezione in questo caso va fatta per i
    > giochi: è vero che i titoli più appetibili
    > vengono sviluppati unicamente per Windows ma per
    > quanto mi riguarda non mi sento di dare un punto
    > pieno a favore di Windows e poi per giocare
    > davvero, esistono le console [...]

    e per lavorare davvero esiste windows (per fare affermazioni del tuo tenore)

    [...] Ubuntu Linux,
    > come tanti programmi Open Source, meritano quanto
    > meno di essere provati almeno per una volta;

    come ogni altro software, SE sei appassionato. Altrimenti ti serve funzionalità e controllo.

    > negli anni sono stati fatti passi da gigante per
    > renderli sempre più user-friendly

    vero.

    [...] tra crisi e instabilità economica,
    > optare per una scelta gratuita, e soprattutto
    > legale, credo che possa solo far bene a tutti. ..sensibilizzare il maggior numero di
    > persone, ...che esiste
    ...alternativa valida alle applicazioni a
    > pagamento si può realmente arrivare ad ottenere
    > qualcosa di importante: [...]

    la scomparsa delle softwarehouse di tutto l'occidente e l'apertura di agenzie di traduzione a basso costo, ma probabilmente sempre in "cindia"

    Dai su questa cosa distopica finale scherzavo, ma la tua propaganda è scorrettaOcchiolino Proviamo tutti linux per 6 mesi per le nostre vite SENZA windows a disposizione: vedrete da voiOcchiolino
    non+autenticato
  • sinceramnete lo uso a casa dopo anni di linux, win 7 ha problematiche diverse ma cade ancora sugli stessi errori del passato.... e' una vergogna
    non+autenticato
  • Bene benissimo, il problema è che anche questo WAT poi sarà facilmente bloccato dai vari cracker.
    Io spero in un giorno dove effettivamente sarà possibile utilizzare solo windows originale, la gente deve capire che quello schifo è a pagamento e se vuole qualcos'altro deve indirizzarsi verso altri lidi.
    non+autenticato
  • ottima ragione per migrare su linux
    non+autenticato
  • pirati suona romatinco, si chiamano ladri, comunemente,
    o vi affascinano i loro lunghi spadoni..?
    non+autenticato
  • Clicca per vedere le dimensioni originali

    Flora docet.

    Non dico che non debba essere punita, anzi... Sarei la prima a volere che la pirateria software sparisse.
    Però penso anche che sotto l'aspetto elgislativo debba essere trattata diversamente dal furto.

    Fan Atari
  • Flora...peccato che si è venduto a mediaset.
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Flora...peccato che si è venduto a mediaset.

    In che senso?

    Io sono dell'idea che comunque se una persona fa discorsi intelligenti, anche se non sono d'accordo e magari lavora anche per quello che io considero il male assoluto, merita di essere ascoltato.

    Poi la apgnotta a casa la dobbiamo portare tutti quindi...
  • Il fatto che quando si è rifiutato di fare lo stesso lavoro prima con sky, diceva che era per motivi etici, mentre su mediaset a fatto il bravo ipocrita.
    Sgabbio
    26177
  • Il ladro è chi vende, non chi copia.

    Ipotizziamo tre persone, chiamiamole Alberto, Bob e Carlo (A,B,C)

    - Alberto ha una casa, con regolare atto di proprietà. Bob compra la casa per centomila euro, e A. gli cede l'atto di proprietà. Carlo prende un momento l'atto di proprietà da B. , ne fa una fotocopia, poi lo rimette a posto. Poi C. entra nella casa, esibendo l'atto di proprietà fotocopiato, e dicendo che è sua (anche se in realtà non l'ha pagata).
    Questo è, grossomodo, paragonabile a quello che accade con la pirateria, sei d'accordo?

    -Alberto ha una casa, con regolare atto di proprietà. Bob compra la casa, ma Alberto non gli cede l'atto di proprietà, gli cede una fotocopia dell'atto di proprietà; poi Carlo arriva da A., vuole comprare la casa (non sapendo che A. l'ha già venduta a B.), ed A. fa un'altra fotocopia dell'atto di proprietà, si fa pagare una seconda volta (la prima volta si fa pagare da B., la seconda volta si fa pagare da C.).
    Quando B. e C. cercano di entrare nella casa nuova, si accorgono di avere entrambi l'atto di proprietà fotocopiato, vanno a lamentarsi da A., che replica "La casa è mia, non vostra, perchè l'atto di proprietà originale è mio".
    Questo è quello che accade con la vendita di un bene digitale.

    Ora, chi si comporta in modo scorretto? C., quando pirata, o A., quando vende due volte?

    (da adesso in poi, questa sarà la mia risposta standard a chi definisce "furto" il P2P)
    non+autenticato
  • Il furto, in diritto penale, è il reato previsto dall'art. 624 ai sensi del quale:
        chiunque si impossessa della cosa mobile altrui, sottraendola a chi la detiene, al fine di trarne profitto per sé e per altri, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa da euro 154 a 526.

    Quindi la pirateria dal punto di vista legale non e' un furto (perche' non c'e' sottrazione della cosa mobile), ma per il resto e' del tutto comparabile ad un furto: il trarne profitto (il non esborso per la copia originale) e il danno per chi lo subisce.
    non+autenticato
  • - Scritto da: . .
    > Il furto, in diritto penale, è il reato
    > previsto dall'art. 624 ai sensi del
    > quale:
    >     chiunque si impossessa della cosa
    > mobile altrui, sottraendola a chi la
    > detiene, al fine di trarne profitto per sé e per
    > altri, è punito con la reclusione da sei mesi a
    > tre anni e con la multa da euro 154 a
    > 526.
    >
    > Quindi la pirateria dal punto di vista legale non
    > e' un furto (perche' non c'e' sottrazione della
    > cosa mobile)

    Appunto.

    > ma per il resto e' del tutto
    > comparabile ad un furto

    Il resto? Ma ciò che conta è proprio la sottrazione del bene, per definire il furto.

    Per mostrarti l'assurdità di questo ragionamento, prendiamo un altro articolo:

    Articolo 581 del codice penale (percosse):
    Chiunque percuote taluno, se dal fatto non deriva una malattia nel corpo o nella mente, è punito, a querela della persona offesa.

    Tu non hai fatto assolutamente nulla, ma se io ragionassi come te, potrei dire che hai commesso un reato del tutto comparabile al reato di percosse, perchè, a parte il fatto che non hai percosso nessuno, tutto il resto c'è (dal fatto non è derivata una malattia del corpo o della mente)
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)