Alessandro Del Rosso

Sony e Panasonic spingono sui player 3D

Sulla scia del successo di Avatar, i due giganti giapponesi hanno annunciato i loro primi player a supportare i film Blu-ray stereoscopici

Roma - Due fra i massimi giganti giapponesi dell'elettronica consumer, Sony e Panasonic, nei giorni scorsi hanno annunciato l'introduzione di player e aggiornamenti al firmware capaci di supportare il 3D o, per essere più precisi, i film in stereoscopia.

Gli annunci delle due aziende arrivano dopo che tutti i pezzi del mosaico 3D sono andati al loro posto: negli scorsi mesi gli standard HDMI e Blu-ray sono stati aggiornati per supportare la stereoscopia, e un po' tutti i principali produttori di televisori digitali hanno lanciato o annunciato modelli capaci di supportare il 3D. A dare poi una forte spinta a questa tecnologia è stata la seducente favola cinematografica di James Cameron, Avatar, che ha definitivamente convinto l'industria del settore ad investire nel cinema 3D.

Panasonic ha in piano il lancio di due modelli di televisori al plasma 3D, provvisti di occhiali 3D Eyewear, e di un player Blu-ray 3D, il DMP-BDT900, che verrà venduto in Giappone al prezzo di 130mila yen (circa 1065 euro).
Sony ha invece annunciato che il suo nuovo player Blu-ray BDP-S470, insieme ai precedenti BDP-S570, BDV-E770W e BDV-E570, questa estate potrà beneficiare di un aggiornamento al firmware che gli consentirà di riprodurre i film 3D. L'aspetto più interessante è che alcuni di questi player hanno un prezzo molto abbordabile, il più basso dei quali è di circa 150 euro.

Lo scorso dicembre il colosso ha rivelato l'intenzione di rilasciare un firmware con supporto ai Blu-ray stereoscopici anche per la PlayStation 3.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • BusinessBlu-ray sposa il 3DIl gruppo di supporto dello standard high-def ha annunciato la finalizzazione delle specifiche per la visione 3D. Che sarà retrocompatibile ma richiederà molto probabilmente un nuovo lettore per essere apprezzata appieno
14 Commenti alla Notizia Sony e Panasonic spingono sui player 3D
Ordina
  • Forse avevo capito male io, ma il 3D richiede HDMI 1.4 per gestire tutti i flussi.
    I dispositivi Sony, in particolare la PS3, montano porte HDMI 1.3
    Cosa mi sono perso?
    E cosa si è fumata Panasonic per mettere un BluRay ad oltre 1000 euro, visto che come vendite non è che vada molto?
  • La presa Hdmi della Ps3 è aggiornabile, e la aggiorneranno in modo da poter supportare il 3D.
    non+autenticato
  • Ti sei perso che un una PS3 è praticamente tutto upgradabile A bocca aperta
    Con un aggiornamento del firmware puoi aggiornare anche l'interfaccia HDMI e trasformarla da 1.3 ad una "pseudo" 1.4... dico pseudo perché ovviamente non sarà una vera 1.4 mancando fisicamente alcune componenti quali interfaccia Ethernet e canale audio di ritorno ma a livello di "protocollo" sarà vista dalle TV compatibili come una vera 1.4 il che comprende le funzionalità 3D.
    non+autenticato
  • Mah, credo di averlo già fatto notare... perché usare costosi occhialini 3D attivi invece di quelli da 1 euro usati nelle sale?
    Basterebbe trasformare lo schermo televisivo in un "silver screen" tramite una pellicola polarizzante applicata sulla superficie della tele...
    E invece no, ti vogliono vendere occhialini da 150 euro al paio...
    non+autenticato
  • E allora perchè non usare un display autostereoscopico, o mettere un filtro lenticolare, e fare a meno completamente degli occhialini?
    non+autenticato
  • you're very smart...
    non+autenticato
  • Secondo me la pellicola polarizzante farebbe diminuire contrasto e luminosità per la visione "normale" 2D.
    Per il 3D la diminuzione di luminosità è uno scotto da pagare, perchè farlo pagare anche per la visione 2D?
    non+autenticato
  • Giusto per cuiriosità mi spiegheresti meglio la storia della pellicola polarizzante che sono totalmente ignorante in materia ?

    Grazie 1000Occhiolino
    mura
    1717
  • Una domanda: informarti prima di scrivere emerite minchiate no eh?

    Il "silverscreen" NON e' ne' polarizzante ne' polarizzato: serve unicamente a riflettere piu' luce di un normale schermo cinematografico in modo da ovviare l'effetto oscurante delle lenti polarizzate usate sui proiettori e sugli occhiali.
    Un filtro polarizzante sulla tv sarebbe altamente inutile in quanto darebbe a tutto lo schermo un'unica polarizzazione mentre per la stereoscopia servirebbe polarizzare alternativamente (oraria/antioraria o verticale/orizzontale) i frame destinati all'occhio destro e quelli destinati all'occhio sinistro in modo che gli occhiali con lenti polarizzate l'una all'inverso dell'altra funzionino esattamente come degli occhiali shutter.
    L'alternativa economica e' l'anaglyph o i filtri cromatici tipo Dolby 3D (altrimenti detti anaglyph++) che necessitano l'uno i classici occhialini rossi e blu anni 50 e l'altro occhiali a filtri cromatici a 3 componenti da 30-40 euro al paio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: The Bishop
    > Il "silverscreen" NON e' ne' polarizzante ne'
    > polarizzato: serve unicamente a riflettere piu'
    > luce di un normale schermo cinematografico in
    > modo da ovviare l'effetto oscurante delle lenti
    > polarizzate usate sui proiettori e sugli
    > occhiali.

    In realtà il silverscreen serve perchè quando la luce viene riflessa da uno schermo normale perde la polarizzazione che aveva, invece con lo schermo di argento se dal proiettore arriva luce con polarizzazione oraria, anche la luce riflessa sarà con polarizzazione oraria

    > Un filtro polarizzante sulla tv sarebbe altamente
    > inutile in quanto darebbe a tutto lo schermo
    > un'unica polarizzazione mentre per la
    > stereoscopia servirebbe polarizzare
    > alternativamente (oraria/antioraria o
    > verticale/orizzontale) i frame destinati
    > all'occhio destro e quelli destinati all'occhio
    > sinistro in modo che gli occhiali con lenti
    > polarizzate l'una all'inverso dell'altra
    > funzionino esattamente come degli occhiali
    > shutter.

    Ok, in realtà come sistema potrebbe funzionare se a certi pixel gli viene data polarizzazione oraria e ad altri antioraria, però non so se esistono pellicole del genere

    > L'alternativa economica e' l'anaglyph o i filtri
    > cromatici tipo Dolby 3D (altrimenti detti
    > anaglyph++) che necessitano l'uno i classici
    > occhialini rossi e blu anni 50 e l'altro occhiali
    > a filtri cromatici a 3 componenti da 30-40 euro
    > al
    > paio.

    Il sistema dolby 3d si può usare solo con un proiettore, con una televisione lcd o plasma come fai a usarlo?
    Gli anaglifi funzionerebbero ma fanno talmente schifo che non vengono neanche presi in considerazioneA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pino
    > Mah, credo di averlo già fatto notare... perché
    > usare costosi occhialini 3D attivi invece di
    > quelli da 1 euro usati nelle
    > sale?
    > Basterebbe trasformare lo schermo televisivo in
    > un "silver screen" tramite una pellicola
    > polarizzante applicata sulla superficie della
    > tele...

    Il silver screen non polarizza un bel niente, è uno schermo riflettente e basta.
    La sua funzione è di riflettere meglio la luce rispetto ad uno schermo cinematografico tradizionale, e soprattutto di mantenere la polarizzazione che altrimenti verrebbe persa.
    La polarizzazione viene data invece dai filtri polarizzatori posti sulle lenti dei proiettori.

    In secondo luogo, un display LCD è già di suo polarizzato, dato che l'uso di filtri polarizzatori è alla base del funzionamento di qualsiasi monitor o display a cristalli liquidi.
    Solo che non è utile ai fini della visione 3D, dato che ha funzionamento e scopi differenti.
    In particolare è unica e fissa per l'intero schermo, mentre la visione 3D con lenti polarizzate si basa su immagini sovrapposte con differente polarizzazione.
  • Discorso silverscreen a parte che come ti hanno già fatto notare è tutt'altra cosa la tecnologia con LCD attivi è attualmente la migliore in quanto se realizzata bene a scapito di una leggera luminosità ridotta e, ovviamente, del costo degli occhiali consente una resa ottimale quasi da qualunque angolo di visione (al contrario delle lenti polarizzate) ed effetti di ghosting (immagini L/R che si accavallano) praticamente nulli.
    non+autenticato
  • prima: le cuffie
    seconda: il telecomando
    e, finalmente: gli occhialini
    non+autenticato
  • Ottimo... cosí mi posso comprare un buon lettore BD a 100 euro...
    non+autenticato