Claudio Tamburrino

Google, la privacy Ŕ una Buzzecola

Modifiche nelle impostazioni relative alla privacy di Google Buzz. Sull'onda delle polemiche

Roma - Piovono critiche su Buzz, il nuovo servizio di social networking ideato a Mountain View, e Google con una mossa inattesa annuncia nuove disposizioni per la privacy degli utenti già durante il weekend.

Al centro delle recriminazioni degli osservatori e degli utenti, macroscopici problemi di privacy, la gestione dei profili pubblici, la trasparenza delle impostazioni e la mancanza di visibilità dei meccanismi di scelta delle opzioni di condivisione.

Pochi giorni prima era stato introdotto un primo cambiamento che puntava proprio a rendere più visibile l'intenzione o meno di rendere pubblica la propria lista di follower e following per rendere immediatamente chiaro all'utente se sta o meno mostrando pubblicamente il proprio circolo di conoscenze e contatti. Era stato inoltre deciso di rendere più semplice la possibilità da parte degli utenti di "bloccare" eventuali follower indesiderati, mentre prima era possibile bloccare solo quelli che avevano creato un profilo pubblico. D'altronde prima di questa modifica era possibile visionare solo gli utenti con un profilo pubblico. Così, un utente poteva trovarsi ad essere seguito ma non poter vedere il profilo dell'utente che lo faceva. La soluzione individuata prevede una lista separata degli utenti con profili pubblici e senza.
Un altro dei punti maggiormente criticati era il circolo automatizzato di amicizie imposto da Buzz e costruito con i contatti email e chat maggiormente utilizzati, opzione che doveva essere utile per iniziare con Buzz. Con la nuova modifica, invece di connettere automaticamente le persone, il servizio si limiterà a suggerire ai nuovi utenti un gruppo di persone da seguire o da cui possano voler essere seguite. E che dovranno essere esplicitamente accettati cliccando sul pulsante "Segui le persone selezionate e inizia ad utilizzare Buzz". La stessa opzione dovrebbe essere data nelle prossime settimane agli utenti che già stanno utilizzando il social network. Le nuove impostazioni eliminano anche la condivisione automatica degli album pubblici di Picasa e degli elementi condivisi con Google Reader.

In arrivo dovrebbe inoltre esserci il tab "Buzz" nella barra delle impostazioni di Gmail che permetterà di tenere costantemente sotto controllo le informazioni condivise e di escludere in qualsiasi momento il servizio da Gmail (cosa che naturalmente è già possibile fare cliccando il link in fondo alla pagina "disattiva Buzz"). Tramite le impostazioni si potranno cancellare post e rimuovere completamente il proprio profilo Google, che attualmente in alcuni casi imposta come pubblico il circolo dei contatti di un utente.

Uno dei maggiori problemi è stato infatti relativo alla gestione dei profili pubblici. In particolare, se un utente in passato aveva registrato come pubblico un account, Google Buzz considerava ugualmente pubblica anche la sua rete di conoscenze (creata automaticamente partendo dagli indirizzi maggiormente contattati). Con sommo imbarazzo nel caso di amanti o problemi più seri tipo contatti professionali riservati et similia.

L'annuncio delle modifiche apportate sono state accompagnate dalle scuse di Todd Jackson, manager di Gmail e Google Buzz: "Ci siamo accorti di non aver fatto tutto nel migliore dei modi. Ci dispiace per i disagi che abbiamo causato ma stiamo lavorato duramente per migliorare le cose grazie alle vostre segnalazioni".

╚ stata nell'occasione esclusa l'intenzione di Google di separare il servizio di social network da Gmail, ipotesi che era circolata in Rete nei giorni scorsi. D'altronde anche questo legame ha permesso un parziale successo nei numeri assoluti d'esordio: decine di migliaia di utenti - secondo i calcoli di Mountain View - "hanno dato un'occhiata a Buzz, creando già oltre 9 milioni di post e commenti", con una media di oltre 200 post al minuto trasmessi attraverso l'interfaccia mobile.

Le critiche nei confronti degli errori commessi da BigG restano comunque vibranti: sia perché Google avrebbe dovuto accorgersi prima ed evitare così un'inattesa fuga di dati degli utenti, sia perché restano irrisolte alcune questioni, come il doppio passaggio necessario ad eliminare Buzz (eliminarlo da Gmail non significa cancellare la pubblicazione dei propri contatti e il proprio profilo), circostanza che potrebbe confondere molti utenti. Resta poi il discorso sulla fiducia: usati una volta i dati raccolti con un intento, nulla vieta che, sul crinale della legalità, ciò possa nuovamente accadere per una finalità differente. Calcolando la quantità e il tipo di dati che gestisce Google ciò non appare una notizia confortante.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàGmail è tutto un BuzzGoogle innesta nuove funzioni che trasformano la sua email in uno strumento di condivisione. Punta al pubblico di Facebook, ma si porta dietro l'ombra di Wave
  • AttualitàGoogle Buzz, a Yahoo! fischianoLe orecchie. E decide di ribadire che la sua webmail Ŕ la pi¨ social di tutte. Da prima di tutte. Almeno fino al prossimo update
  • TecnologiaGoogle presenta Wave, l'email killerA Mountain View si progettano passi avanti nell'evoluzione della comunicazione via web, passi che in un sol colpo cancellerebbero uno dei servizi veterani di Internet. SarÓ davvero la fine della posta elettronica?
28 Commenti alla Notizia Google, la privacy Ŕ una Buzzecola
Ordina
  • E' stata una politica ingenua. Se Google voleva dirottare utenti nel nuovo servizio avrebbe potuto semplicemente regalare più spazio (magari in Picasa) a quelli che lo avrebbero attivato.
    non+autenticato
  • adesso tutti i sysadmin che potevano bloccare tranquillamente il social_cazzeggio avranno una bella gatta da pelare: blocchi google, blocchi gmail , per bloccare buzz?

    hanno rotto le palle; alla fine toccherà bloccare tutto google
    non+autenticato
  • il doppio passaggio necessario ad eliminare Buzz (eliminarlo da Gmail non significa cancellare la pubblicazione dei propri contatti e il proprio profilo

    Ho dato un'occhiata alla dashboard di Google ma per ora non si può gestire buzz da lì.
    Come si fa?
    Funz
    12995
  • al di là dell'utilità relativa, l'introduzione del servizio mi è sembrata davvero fatta alla leggera: mi è capitato di ritrovarmi con utenti che avevo bloccato sulla chat che mi rispuntavano tra i follower di Buzz. mi aspettavo un controllo incrociato sulla situazione dei contatti, in modo da evitare spiacevoli sorprese. e invece. google perde colpi?
    r.
  • torna a msn o a facebook allora....
    non+autenticato
  • Perché, ci si può togliere da buzz?
    non+autenticato
  • siSorride
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > siSorride

    e dai drm apple ci si può togliere?
    non+autenticato
  • di che DRM parli?

    iTunes non ha pi˙ DRM, quindi la risposta é siOcchiolino
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > di che DRM parli?
    >
    > iTunes non ha pi˙ DRM, quindi la risposta é siOcchiolino

    ehhhhhh... facciamo i furbetti eh!?
    non diciamo le cose come stanno eh!?

    invece NO... la risposta è NO!!!

    Apple è zeppa di DRM che, peggio che mai, sono gestiti con sistemi TC che ne impdiscono la "rimozione"...

    Mac Hacks Allow OS X on PCs
    http://www.wired.com/gadgets/mac/commentary/cultof...

    Much ado over Apple-Intel developer box - CNET News
    http://news.cnet.com/2100-1016_3-5819211.html
    non+autenticato
  • - Scritto da: MeX
    > sei ridicolo!A bocca aperta
    >
    > http://www.google.ie/search?hl=en&source=hp&q=hack

    ahahah... e sarei io quello ridicolo???!!!!!!!!!!
    non+autenticato
  • siSorride

    Se Apple usasse TC per l'autenticazione della copia di OSX non sarebbe possibile avere gli hackintosh
    MeX
    16902
  • - Scritto da: MeX
    > siSorride
    >
    > Se Apple usasse TC per l'autenticazione della
    > copia di OSX non sarebbe possibile avere gli
    > hackintosh

    mi sa che Apple ti deve aver impiantato un chip TPM nel cervello per controllare se ragioni in modo "fidato" oppure no...

    e ovviamente i ragionamenti che Apple valuta come "non fidati" te li cancella dalla testa...
    non+autenticato
  • Questo giornale è pagato da Microsoft? O da Apple?
    non+autenticato
  • Dipende.

    I giorni pari dalla prima, i dispari dalla seconda.
    Se l'anno è bisestile si inverte.
    La domenica è a carico del servizio sanitario nazionale. Di Seeland però.
  • secondo te c'é qualcuno che paga per sta roba?A bocca aperta
    MeX
    16902