Alessandro Del Rosso

Moblin sposa Maemo. Nasce MeeGo

Intel e Nokia annunciano a sorpresa la fusione dei rispettivi sistemi operativi mobili Linux-based. Da questi nascerÓ una nuova piattaforma open source, dedicata ad un'ampia categoria di device. Pronta a fronteggiare mercato e concorrenza

Roma - Con un annuncio inatteso, Intel e Nokia hanno sfruttato il palcoscenico del Mobile World Congress di Barcellona per rivelare un matrimonio tecnologico destinato a scuotere l'intero mercato delle piattaforme mobili.

MeeGoSi tratta dell'unione di Moblin con Maemo, due noti sistemi operativi mobili open source basati entrambi sul kernel Linux. Dalla fusione di questi due progetti nascerà MeeGo, una piattaforma indirizzata ad un'ampia varietà di dispositivi mobili ed embedded, inclusi smartphone, MID, tablet, netbook, televisori e sistemi di infotainment per auto.

Questo annuncio rafforza il preesistente legame tra Nokia e Intel e rappresenta un'estensione dell'accordo di cooperazione strategica annunciato nel giugno del 2009. "Intel e Nokia - si legge in un comunicato - invitano a partecipare a MeeGo le comunità di Maemo e Moblin e l'intero settore dell'informatica e della comunicazione".
Sebbene né Intel né Nokia lo affermino espressamente, risulta chiaro che i rispettivi sistemi operativi non esisteranno più come entità separate: in altre parole, tutte le attuali risorse tecniche e umane che compongono i progetti Moblin e Maemo confluiranno nel nuovo progetto MeeGo.

Il progetto MeeGoo sarà ospitato da Linux Foundation, la stessa organizzazione che da circa 9 mesi aveva in gestione il progetto Moblin e ne coordinava lo sviluppo. Il sito della nuova community di sviluppatori è meego.com, e qui è dove presto confluiranno (così auspicano Intel e Nokia) tutti i rispettivi membri di Maemo.org e di Moblin.org.

Le applicazioni che gireranno su MeeGo potranno essere sviluppate per mezzo del ben noto application development framework Qt, software ereditato da Nokia nel 2008 in seguito all'acquisizione di Trolltech. Qt è uno dei più maturi toolkit di sviluppo open source, ed è stato scelto come pietra angolare di MeeGo sia per la sua già grande diffusione - Nokia parla di oltre 5mila utenti aziendali - sia per il supporto multipiattaforma, che consente agli sviluppatori di far girare lo stesso codice su più architetture e OS, inclusi Symbian e Windows Mobile.

Dal canto suo, Intel ha detto che attualmente ci sono 17 differenti vendor di Linux che stanno costruendo applicazioni per Moblin, e tutti migreranno verso il nuovo progetto open source. "I modelli di sviluppo e di business rimangono gli stessi di prima" ha assicurato Renee James, vicepresidente e general manager della divisione software e servizi di Intel.

Come ci si poteva aspettare, né Nokia né Intel rinunceranno ai rispettivi apps store: MeeGo integrerà infatti sia l'Ovi Store dell'azienda finlandese sia l'AppUp di Santa Clara, e gli sviluppatori potranno dunque vendere le loro applicazioni su entrambi i canali.

"L'Ovi Store sarà il canale di vendita per le applicazioni e il contenuto di tutti i prodotti Nokia, compreso MeeGo e quelli basati su Symbian, mentre Forum Nokia garantirà supporto agli sviluppatori per tutte le piattaforme Nokia", hanno spiegato le due aziende in un comunicato congiunto. "L'AppUp Center di Intel sarà il canale di vendita per i prodotti basati su Intel e MeeGo, mentre l'Intel Atom Developer Program garantirà il supporto per le applicazioni destinate a device di vario genere".

Intel e Nokia prevedono di rilasciare la prima versione di MeeGo il prossimo trimestre, segno che le due aziende stavano lavorando segretamente al progetto già da diverso tempo. I primi prodotti commerciali basati su MeeGo sono attesi sul mercato nel corso di questo stesso anno.

Nokia N900Per il momento le due partner non hanno mostrato alcun prototipo di device, né hanno fornito alcuna informazione sui prodotti futuri. Kai Oistano, il vicepresidente responsabile dei device di Nokia, si è limitato a dire che il Nokia N900, un Internet tablet introdotto sul mercato lo scorso anno, è un buon esempio di dispositivo che potrebbe beneficiare di MeeGo. Vale dunque la pena ricordare che l'N900 ha un touch screen da 3,5 pollici, una tastiera QWERTY a scomparsa, un web browser basato su Firefox e il supporto ad Adobe Flash 9.4.

Il riferimento di Oistano all'N900 lascia presupporre che è proprio questo il dispositivo su cui Nokia e Intel stanno testando MeeGo, e che presto o tardi gli utenti di tale device potrebbero beneficiare di un aggiornamento al nuovo sistema operativo.

Intel spera poi che la rinnovata partnership con Nokia possa spingere i suoi chip sui futuri dispositivi di quest'ultima: Nokia, è bene rammentarlo, possiede ancora oltre il 40 per cento del mercato dei telefoni cellulari, mentre il chipmaker di Santa Clara aveva battuto il tasto mobile durante la presentazione dei nuovi Atom nel corso del CES 2010 lo scorso gennaio.

"La nostra visione di un futuro in cui i computer portatili sono intercomunicanti, indipendentemente da dove si trovino - a casa, in auto, in ufficio o in tasca - ha fatto un grosso passo avanti oggi con l'introduzione di MeeGo" ha commentato Paul Otellini, CEO di Intel. "Questo è un passo fondamentale nell'evoluzione della nostra partnership con Nokia. L'unione di queste due importanti risorse per formare una piattaforma open source è di importanza cruciale per fornire un'esperienza straordinaria ai consumatori e per ottenere la collaborazione dell'intero settore".

"MeeGo genererà una varietà di nuove esperienze Internet e di comunicazione su nuovi dispositivi portatili" ha fatto eco Olli-Pekka Kallasvuo, CEO di Nokia. "Tramite questo approccio collaborativo, MeeGo creerà un ecosistema unico ed eccezionale, attraendo il contributo di diversi settori. Offrirà opportunità per diversi modelli di utenza, utilizzando l'esperienza e la competenza di Nokia, di Intel e di coloro che si uniranno all'impresa. In poche parole, MeeGo rappresenta l'inizio di una nuova era del mobile computing".

Forse dichiarare che MeeGo apre una nuova era del computing in mobilità è un po' eccessivo, soprattutto considerando che questo sistema operativo si troverà a fronteggiare piattaforme tirate a lucido come Windows Phone 7, Symbian v3 e Android 2.1, senza poi sottovalutare l'outsider webOS. ╚ altrettanto vero, però, che un progettone capace di catalizzare le risorse e il know how congiunti di Intel e Nokia è qualcosa che nessun avversario potrà permettersi di prendere sotto gamba.

Alessandro Del Rosso
81 Commenti alla Notizia Moblin sposa Maemo. Nasce MeeGo
Ordina
  • La SeeOpen.IT di Roma comunica che è disponibile il pacchetto Phasis per Meego.
    ╚ il primo software gestionale che funziona su piattaforma Meego.
    Visita il sito www.phasis.it per scaricare il software oppure visita il sito: http://www.youtube.com/watch?v=-wYF2OT__j4 per vedere il filmato.
    non+autenticato
  • Maemo(DEB) + Moblin(RPM) = MEEGO(RPM)

    Debian e Ubuntu sono in crisi,
    ormai DEB ha i giorni contati.
    non+autenticato
  • da uno che pronostica winbug 7 sui cellulari nokia non mi aspettavo nessun altro tipo di commentoA bocca aperta
    non+autenticato
  • sapevo che e fatto peri netbook ma dato che ho letto che ha tempi di boot velocissimi volevo provarlo a installarlo su un notebook di 1 anno e mezzo fa quindi non nuovissimo prima di investire un cd vorrei sapere se e solo tempo sprecato
    non+autenticato
  • Tentare con un drive USB? Comunque c'è anche la buona vecchia Ubuntu Moblin Remix per i netbook, volendo... Dipende tutto dalla compatibilità hardware.
    non+autenticato
  • si, se ha un atom e sk video gma-xxx si.
    non+autenticato
  • no ho intel core due
    o
    non+autenticato
  • l'amico luna ha detto una cazzata

    moblin gira su tutti i processori intel dotati di sse3, quindi dai core 2 duo in poi

    la difficoltà nasce se non usi una igp intel, però si può smanettando farla andare

    per esempio io lo fatta andare su una zotac ion seguendo questa guida http://www.madeo.co.uk/?p=40
    non+autenticato
  • ho una igp intel allora speriamo bene..
    i tempi di boot sono veloci per davvero?
    non+autenticato
  • decisamente veloci direi

    ovviamente con un ssd praticamente parte istantaneamente
    non+autenticato
  • Se lo chiamavano Goblin al lancio di Spiderman ne installavano a bizzeffe !
    non+autenticato
  • Oggi è morto Maemo.
    La 6 prometteva grandi cose, peccato.

    Chi ha comprato un n900 sperava ancora di poter aggiornare il SO.
    non+autenticato
  • E ci voleva un genio per capire che Maemo 6 si chiamerà MeeGo! Pensa tu... e figurati, Maemo 6 non doveva usare le Qt nativamente? E cosa fa MeeGo?
    non+autenticato
  • Mica vorrai dirmi che con la presenza di Intel non cambia nulla?

    Avrebbero potuto tranquillamente conservare il nome Maemo, che praticamente è stato inutilizzato finora.

    L'hanno cambiando per GARANTIRE a chi ha l'n900 l'impossibilità di un upgradeOcchiolino
    non+autenticato
  • Si vede che hai letto e hai capito tutto dall'articolo, tu...
    non+autenticato
  • Ma almeno leggi bene l'articolo prima di postare?
    Su quale smarphone stanno sperimentando MeeGo?
  • Mi sembra ovvio, sull'n900 ci sta Maemo 5,
    su cosa volevi che lo sperimentassero?

    Ma tra sperimentare e supportare un aggiornamento di differenza ne passa.
    non+autenticato
  • Non vedo il vantaggio commerciale di tradire i propri utenti...
    non+autenticato
  • In effetti non c'è stato nessun tradimento,
    mai è stato promesso un aggiornamento a Maemo 6,
    ma qualcuno ci sperava
    non+autenticato
  • si ma nokia sta producendo cavie: i suoi utenti.
    n900 (gran macchina) sarà presto obsoleta.
    hanno tirato fuori il 5800xm, il primo touch del produttore finlandese. mai visto un telefono così pieno di bug nel software. una cosa letteralmente abominevole.
    e per finire, la linea: 200mila telefoni sostanzialmente tutti uguali.
    non si lavora così, nokia è un grande produttore che sa fare decisamente molto meglio di così.
    non+autenticato
  • in pratica nokia ha deciso di lavorare con intel perchè ha capito di non essere ferratissima sul software

    dunque si stratta di uno stratagemma che gli permette di evitare le figuracce dovute ai sistemi iperbuggati di cui parli
    non+autenticato
  • quoto sui bug, il browser e il lettore multimediale che crashano in continuazione, a volte si blocca in maniera tale che non si spegne neanche.

    eppure, non riesco a cambiare cell, al momento nonostante i bug non riesco a trovare un'alternativa valida...

    - Scritto da: LuNa
    > si ma nokia sta producendo cavie: i suoi utenti.
    > n900 (gran macchina) sarà presto obsoleta.
    > hanno tirato fuori il 5800xm, il primo touch del
    > produttore finlandese. mai visto un telefono così
    > pieno di bug nel software. una cosa letteralmente
    > abominevole.
    >
    > e per finire, la linea: 200mila telefoni
    > sostanzialmente tutti
    > uguali.
    > non si lavora così, nokia è un grande produttore
    > che sa fare decisamente molto meglio di
    > così.
    non+autenticato
  • sono troppi, iniziano a essere veramente troppi i so. prima o poi, si saturerà la scelta e diventerà veramente difficile scegliere, se non lavori nell'informatica.
    che congiungano gli sforzi e creino UNO, DUE sistemi operativi. io che seguo l'ambiente e me ne interesso, quindi cerco di rimanere informato, ho perso il conto.
    sono d'accordo che la concorrenza agevola il mercato. ma pensate un po se ci fossero 50 sistemi operativi per computer che fanno concorrenza. bastano quelli che ci sono e avanzano.
    troppi standard, troppe differenze, troppo troppo tutto.
    non+autenticato
  • Concordo, Android ad esempio, era assolutamente non necessario, se non per i capricci del bambinone Google di gettarsi nell'ennesimo settore per succhiare soldi con l'adv e rompere alla concorrenza (ed alla fine ha fatto solo una figura di merd@).
    Apple, Microsoft e Nokia (che ha il 70% del mercato ad ora) bastano ed avanzano, troppa confusione e troppi dispositivi da rendere compatibili con ogni cavolo di applicazione.
    non+autenticato
  • Mah, alla fine se Bada di Samsung rimane Unix-like e non si discosta come Android può anche andare bene... I vendor sono interessati alla compatibilità, l'offerta più è vasta e meglio è. Ma onestamente Android è un prodotto ingiustificatamente semi-bloccato e IMHO il suo utilizzo deve essere deprecato, tanto più che un'applicazione scritta per MeeGo non ci girerà, mentre una scritta per KDE o GNOME dovrà solo essere graficamente riadattata (ed è ben altro lavoro). Detto questo, Intel ha un gran potere e già diversi vendor si erano messi d'accordo per produrre software e hardware per Moblin, Intel ha annunciato che questi si sono spostati su MeeGo... Per me è un bene questa fusione, ma è anche un bene che l'offerta rimanga varia. Alla fine mi pare che ogni produttore di cellulari ha sempre montato il suo OS e nessuno se n'è mai lamentato...
    non+autenticato
  • Alla fine mi pare che ogni produttore di cellulari ha sempre montato il suo OS e nessuno se n'è mai lamentato...

    il problema è che prima erano cellulari, ed in quanto tale non esisteva il mercato (e quindi i vari standard) delle applicazioni. adesso sono smartphone, piccoli computer da tasca. la cosa cambia notevolmente. zero interoperabilità, per il momento.
    non+autenticato
  • ma non ci sono 50 sistemi operativi, bensì uno solo e cioè linux

    se vai a guardare sia moblin che meego usano rpm come sistema di pacchettizzazione

    come vedi non si tratta di stravolgere tutto ma di personalizzare linux per i propri scopi

    che ci piaccia o no si ritornerà all'era pre microsoft, quando ogni produttore di hardware forniva il proprio sistema operativo, con la differenza che stavolta questi sistemi sono basati su uno standard e una base di codice comune
    non+autenticato
  • passare da due sistemi a uno non è un miglioramento?
    non+autenticato
  • si ma lui vede solo il fatto che ce n'è uno nuovo in più, non vede che quel singolo os ne manderà in pensione altri due
    non+autenticato
  • No, nel mercato del desktop non è mai avvenuto quindi non sappiamp cosa sarebbe successo! Per me è solo un bene, prima o poi dovranno sforzarsi di creare degli stanadrd di interoperabilità, ma per il resto la concorrenza fa solo bene!
  • - Scritto da: LuNa
    > sono troppi, iniziano a essere veramente troppi i
    > so. prima o poi, si saturerà la scelta e
    > diventerà veramente difficile scegliere, se non
    > lavori
    > nell'informatica.

    Qui da due SO si passa a uno solo. Quindi un miglioramento, no?
    Magari in futuro fonderanno anche Symbian, chissà, dopotutto è sempre di Nokia ed ora è pure open source.

    > che congiungano gli sforzi e creino UNO, DUE
    > sistemi operativi. io che seguo l'ambiente e me
    > ne interesso, quindi cerco di rimanere informato,
    > ho perso il
    > conto.
    > sono d'accordo che la concorrenza agevola il
    > mercato. ma pensate un po se ci fossero 50
    > sistemi operativi per computer che fanno
    > concorrenza. bastano quelli che ci sono e
    > avanzano.

    > troppi standard, troppe differenze, troppo troppo
    > tutto.

    La penso in maniera opposta. Lasciamo pure che si scannino, alla fine qualcuno scomparirà e tutti gli altri saranno migliorati, nel frattempo.
    Non vorrei mai avere un SO monopolista e malamente mantenuto e aggiornato, come capita nel mondo dei PC...
    Funz
    12917
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)