Claudio Tamburrino

Su MSN si compra musica senza DRM

Re-inaugurato lo Store musicale di MSN Italia. Grafica rinnovata, ma soprattutto niente più lacci digitali sui brani. A Redmond hanno fatto tesoro del passato?

Roma - L'occasione è il Festival di San Remo, l'oggetto la musica e la novità l'assenza di DRM: MSN Italia ha annunciato l'apertura di MSN Music, uno store musicale da cui sarà possibile scaricare MP3 e WMA da un ampio catalogo di singoli e album.



MSN italia ha rafforzato la collaborazione con le maggiori etichette discografiche e con Rockol, definito il principale provider di contenuti online per il mondo della musica. "Con il vastissimo catalogo implementato - spiega Giampiero di Carlo, CEO di Rockol - si propone come un player di prima grandezza in Italia".
Fra le novità una nuova veste grafica più ampia della precedente e con informazioni più dettagliate sugli artisti, definita più user friendly. L'obiettivo di questo rinnovamento, che segue il restyling di MSN.it, "è quello - racconta Paolo Andreatto, executive producer di MSN.it - di offrire agli utenti sempre il meglio in termini di contenuti di informazione e intrattenimento, garantendo l'esperienza più completa nella ricerca, l'ascolto e il download della propria musica preferita".

Il servizio è dotato anche di un player per preascoltare la musica (30 secondi di preview), e il team di MSN offrirà playlist e suggerimenti d'ascolto. Unico prerequisito per accedere allo store è registrarsi con Windows Live ID.

La principale novità, tuttavia, è la totale assenza di DRM: tutti i contenuti sono infatti DRM free, al contrario di quanto accaduto nelle precedenti esperienze di commercio musicale messe in piedi a Redmond, finite non proprio nella maniera migliore.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • BusinessI contenuti non sono per sempreI sistemi DRM che vigilano sulle opere non sono eterni e non ci si dovrebbe aspettare che lo siano nemmeno le opere acquistate. L'industria dei contenuti non transige: la copia di backup finisce per danneggiare gli utenti
  • AttualitàNapster reloaded, con DRM e MP3Lo store di musica digitale convertitosi a dispenser delle major dopo un imbarazzante passato di P2P rilancia per l'ennesima volta i suoi servizi. E prova a riacquistare utenti con un misto di sottoscrizioni blindate e download DRM-free
13 Commenti alla Notizia Su MSN si compra musica senza DRM
Ordina
  • entrando con opera e i javascript attivati dice "Questo sito richiede l'attivazione di Javascript"
    non c'è traccia di info sul formato degli mp3 se non si acquista , nelle faq c'è il tasto "questa informazione non mi aiuta" ma non c'è modo (o non funziona) di dire QUALE ti avrebbe aiutato
    non+autenticato
  • ovvio, vogliono che entri con IE..... hahhahhaa
    non+autenticato
  • ok, non c'è il DRM.
    1) a che qualità sono gli mp3? (256, 320 CBR, oppure VBR? lame encoded? si, no?)
    2) sono WATERMARKED? una semplice prova, da giornalisti, si può fare. Il costo di una simile operazione è fare due acquisti con due differenti account da due differenti posti, ma per lo stesso brano. Costa poco, dobbiamo mica farlo noi lettori per voi?

    3) questa non è una domanda, ma in un articolo simile si potrebbe evidenziare il fatto che non ci sono a disposizione (almeno dall'articolo non si evince) formati losless, ma solo lossy (anche se questo è discutibile, ma non verificabile nell'articolo : se ci sono mp3 a 320 CBR ... allora non ci si fa troppi problemi).

    4) quanto costa un mp3, non lo dice nessuno.


    Bene comunque, un passo è compiuto.

    Purtroppo è troppo tardi: bastava abbassare i prezzi dei CD ... ma con 10 anni di ritardo ormai questa generazione è nata e cresciuta col mulo, non esiste che vogliano pagare UN EURO per un pezzo. 10 cent sarebbero accettabili.
    non+autenticato
  • > Purtroppo è troppo tardi: bastava abbassare i
    > prezzi dei CD ... ma con 10 anni di ritardo ormai
    > questa generazione è nata e cresciuta col mulo,
    > non esiste che vogliano pagare UN EURO per un
    > pezzo. 10 cent sarebbero
    > accettabili.

    Quoto.
    I desktop che consegnerò questa settimana hanno,su specifica richiesta degli aquirenti, tutti il Mulo installato e questi HD:
    HDD1 150GB 10000rpm
    HDD2 1TB 7200 rpm

    Se tanto mi da tanto... non li vedo assidui frequentatori del nuovissimo strabiliante rutilante music store di MS
    non+autenticato
  • > Purtroppo è troppo tardi: bastava abbassare i
    > prezzi dei CD ... ma con 10 anni di ritardo ormai
    > questa generazione è nata e cresciuta col mulo,
    > non esiste che vogliano pagare UN EURO per un
    > pezzo. 10 cent sarebbero
    > accettabili.

    Neanche 1 cent sarebbe accettabile: non può esserci commercio di ciò che è duplicabile all'infinito. Il prezzo di mercato è ZERO.

    E finalmente la gente comincia a capirlo, e si rifiuta di pagare (anche se si tratta di pochi centesimi, è il principio che conta)
    non+autenticato
  • In realtà le statistiche dicono che la pirateria dal 40% al 17% (o giù di li)..
  • mah e gli artisti come campano? solo con i concerti? un minimo di guadagno dovrebbero averlo
    non+autenticato
  • peccato che gli artisti (quelli veri, non i fenomeni da baracconi che si vedono sui media tradizionali) effettivamente guadagnano moooolto di più dai concerti che dalla vendita di dischi
    non+autenticato
  • Decisamente. Di norma con i cd è tanto se ti copri le spese, molti li fanno solo per farsi sentire, in modo, per l'appunto, di poter fare più concerti…

    Quindi, in fin dei conti, se produrre il disco costasse meno (niente cd, niente libretto, niente distribuzione, solo registrazione e missaggio) e venisse reso disponibile gratuitamente via internet è probabile che il guadagno per l'artista, anche se difficilmente quantificabile, sarebbe ben maggiore, visto che i suoi pezzi sarebbero più reperibile.

    Qualcuno (vedi i nin) l'ha capito, molti no, di certo qui in italia ci si deve anche chiedere come funzioni la cosa con la siae
  • - Scritto da: melomane

    > 4) quanto costa un mp3, non lo dice nessuno.

    > Bene comunque, un passo è compiuto.
    >
    > Purtroppo è troppo tardi: bastava abbassare i
    > prezzi dei CD ... ma con 10 anni di ritardo ormai
    > questa generazione è nata e cresciuta col mulo,
    > non esiste che vogliano pagare UN EURO per un
    > pezzo. 10 cent sarebbero
    > accettabili.

    Quoto. E dieci euro per un album in mp3, sono veramente fuori da ogni grazia di Dio.
    Ma qui dentro c'è gente che ti salta agli occhi se dici certe ovvietà.
    Funz
    12988
  • A quanto vedo, e con immenso piacere, iniziano ad accorgersi che con i DRM, ottengono risultati scadenti.
    E con immenso piacere, lo sta facendo un'azienda di punta del settore. Speriamo che gli altri seguano a ruota.
    non+autenticato
  • Eppure, questo DRM potrebbe essere utile per la musica

    http://www.drm.org/
    non+autenticato
  • - Scritto da: LuNa
    > A quanto vedo, e con immenso piacere, iniziano ad
    > accorgersi che con i DRM, ottengono risultati
    > scadenti.
    > E con immenso piacere, lo sta facendo un'azienda
    > di punta del settore. Speriamo che gli altri
    > seguano a
    > ruota.

    E poi MS ha già inchulato una volta i suoi clienti paganti quando ha ammazzato il servizio playforsure...
    Rifarlo un'altra volta sarebbe stato demoniaco!
    Funz
    12988