Mauro Vecchio

La grande abbuffata delle reti mobile

Operatori come RIM e Vodafone parlano di network prossimi alla saturazione. Colpa di smartphone come iPhone, sempre più avidi di banda. E puntano il dito contro Google, che invece li invita a collaborare

La grande abbuffata delle reti mobileRoma - Un'atmosfera apocalittica sembra aver avviluppato le sale del Mobile World Congress di Barcellona. Gli operatori mobile dovrebbero attendere al varco un futuro fosco, tinteggiato da dispositivi portatili sempre più centrati sulle applicazioni. Dispositivi affamati di banda, che potrebbero presto portare ad una saturazione irresponsabile dei network.

Sono stati in particolare due i cavalieri che hanno portato nel reame mobile gli allarmati segnali di una sventura ormai prossima. Il primo, Mike Lazaridis, a capo di Research In Motion (RIM), l'azienda canadese di BlackBerry. Per Lazaridis, le difficoltà dei carrier inizierebbero anzitutto nelle aree urbane degli Stati Uniti, dove i network devono soddisfare l'atavica avidità di banda delle attuali generazioni di smartphone.

Una fame continua che - secondo il CEO di RIM - potrebbe portare ad un esaurimento della capacità dell'infrastruttura, già evidente attraverso fenomeni come il rallentamento della navigazione mobile e l'improvvisa interruzione delle chiamate vocali. E chi sarebbe il maggiore responsabile di questa erosione ineluttabile? Probabilmente iPhone, almeno stando alla visione di Lazaridis.
Perché, come ha spiegato il capo di RIM, mettendo insieme le esigenze di banda di cinque dispositivi BlackBerry si otterrebbe quella che attualmente è la domanda di un singolo melafonino. Lazaridis ha poi aggiunto che il nuovo browser di BlackBerry basato su WebKit necessiterebbe di appena un terzo della banda richiesta da smartphone come quelli di Apple e Google.

Il secondo cavaliere di questa sorta di apocalisse mobile è Vittorio Colao, il CEO di Vodafone. Per Colao non sarebbe giusto lasciare soli gli operatori a confrontarsi con la dura realtà di una capacità di banda sempre più scarsa. Colao ha inoltre sottolineato come non sia affatto sbagliato ripensare alcuni modelli di business, soprattutto per far pagare di più ad utenti più affamati di dati.

Questi stessi modelli dovrebbero in sostanza aiutare i carrier a migliorare le proprie infrastrutture, permettendo loro di investire senza rinunciare ai necessari guadagni. Infrastrutture che tuttavia non sembrano a tutti così intasate. Secondo uno studio riportato da ars technica, il 60 per cento dei suoi lettori non supererebbe i 250MB di traffico dati al mese.

Se non fosse allora un problema di traffico lato utente, cosa minerebbe effettivamente il libero respiro della banda mobile? Che fosse un problema di disponibilità globale della banda stessa? Secondo un'indagine della Federal Communications Commission (FCC) statunitense, la crescita del broadband si è assestata nel 2008 intorno a 10 punti percentuali, il 7 per cento in meno rispetto al 2007.

Sempre stando a FCC, sono stati 86 milioni gli apparecchi - tra smartphone e laptop - venduti negli Stati Uniti. Tutti ovviamente capaci di inviare e ricevere dati, quindi di succhiare banda. Ma di questi 86 milioni di apparecchi, solo 25 sono effettivamente collegati ad un piano dati.

Il CEO di Vodafone ha comunque parlato di un punto cruciale nella storia evolutiva del mercato degli smartphone. Operatori, sviluppatori di applicazioni e protagonisti del search dovrebbero - secondo Colao - cooperare per permettere nuovi investimenti a livello di network. E questo auspicabile clima di cooperazione non sarebbe aiutato dalle quote quasi monopolistiche raggiunte da giganti del calibro di Google.

BigG non ha ritardato nel rispondere alle frecciatine di Colao. Intervenuto a Barcellona, Eric Schmidt ha sottolineato come a Mountain View le porte siano sempre aperte per accogliere i vari carrier nel migliore dei modi. Quindi, per lavorare in un clima favorevole, non di guerra.

Schmidt non ha avuto le stesse impressioni di Lazaridis e Colao, sostenendo che gli operatori dovrebbero invece essere contenti della mole di traffico che negli ultimi anni si consuma nel settore mobile. Perché si tradurrà inevitabilmente in profitti futuri, e nelle modalità più svariate.

Si tratterebbe allora di un mercato che sta per esplodere, almeno per quanto riguarda quello delle applicazioni mobile. Almeno stando a Franco Bernabé, AD di Telecom Italia. E alle recenti previsioni della Gsm Association, che ha parlato di un fatturato globale di circa 30 miliardi di euro per l'anno 2013.

"Il problema degli operatori - ha spiegato Bernabé - è come mantenere una qualità adeguata di fronte all'enorme esplosione del traffico dati. Anche perché si tratta di un flusso che per il momento non ha identificato le forme di ricavo per gli stessi operatori. Perché esplode in maniera autonoma".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • TecnologiaMobile, l'unione fa la libertà?Una coalizione di telco vuole creare una nuova piattaforma per la distribuzione di widget. Indipendenti da sistema operativo e hardware utilizzati. Riusciranno a scalzare iPhone, Android e compagnia?
  • AttualitàAdiconsum: vogliamo chiarezza su Internet mobileI provider alletterebbero gli utenti con promesse che sanno di non poter mantenere. In alternativa all'Antitrust l'associazione chiede un tavolo comune con gli operatori per stabilire un codice di autoregolamentazione
  • AttualitàVerizon spalanca la porta a SkypeRivelati i dettagli sull'accordo tra l'operatore statunitense e il produttore del software per la telefonia VoIP. Le chiamate saranno illimitate su dispositivi come il BlackBerry Storm. E qualcuno parla di paura ancestrale di iPhone
  • TecnologiaSamsung Bada allo smartphoneSvelati al Mobile World Congress di Barcellona i principali dettagli sul primo dispositivo cellulare dotato dell'OS aperto del produttore coreano. Con schermo AMOLED e l'ultima generazione di Bluetooth
93 Commenti alla Notizia La grande abbuffata delle reti mobile
Ordina
  • Stiamo coi piedi per terra:
    la banda è limitata e quindi non può che costare molto di più che un ADSL.
    Il modello di Business proposto da Vodaphone in cui si propone alla gente da casa di non usare il filo e l'iPhone che maltratta le reti sono solo pezzi del'intero quadro.

    Il contesto è e rimane quello: la banda è limitata.
    non+autenticato
  • Adesso garantiteci quello che ci avete venduto, e non prendeteci per il cu*o con ridicole accuse di comportamento irresponsabile... è così che si trattano i clienti paganti?
    Se non ce la fate, chiudete pure.
    Funz
    12980
  • Hai presente che queste stesse persone prima erano sul fisso?
    Ti ricordi i problemi di sovraffollamento banda per cui dalle 19 non si navigava?

    Ecco, ed ora altre due domande:
    1) hanno guadagnato o hanno perso?
    2) data la prima ovvia risposta, credi che secondo loro avrebbe senso cambiare sistema?
  • - Scritto da: Funz
    > Adesso garantiteci quello che ci avete venduto, e
    > non prendeteci per il cu*o con ridicole accuse di
    > comportamento irresponsabile... è così che si
    > trattano i clienti
    > paganti?
    > Se non ce la fate, chiudete pure.

    Basta! queste autostrade per l'italia!
    pensate io prendo l'autostrada il 15 agosto e
    non mi frega niente se ci sono altri 30 milioni di italiani
    per le strade!
    io la voglio tutta libera e per me!
    Non c'è spazio?
    coprite l'italia di asfalto!
    (non a casa mia o di mia mamma, ma la terra degli altri!)

    Basta questa scusa delle leggi fisiche!
    Io pago e quindi ho ragione!
    (ovviamente non voglio il ripetitore di fronte alla finestra
    xche mi fa male) ma voglio che tutta l'Italia sia coperta!
    non+autenticato
  • Trovami un'area senza ripetitori a Milano.
  • - Scritto da: Robert Oppenheime
    > - Scritto da: Funz
    > > Adesso garantiteci quello che ci avete venduto,
    > e
    > > non prendeteci per il cu*o con ridicole accuse
    > di
    > > comportamento irresponsabile... è così che si
    > > trattano i clienti
    > > paganti?
    > > Se non ce la fate, chiudete pure.
    >
    > Basta! queste autostrade per l'italia!
    > pensate io prendo l'autostrada il 15 agosto e
    > non mi frega niente se ci sono altri 30 milioni
    > di
    > italiani
    > per le strade!
    > io la voglio tutta libera e per me!
    > Non c'è spazio?
    > coprite l'italia di asfalto!
    > (non a casa mia o di mia mamma, ma la terra degli
    > altri!)
    >
    > Basta questa scusa delle leggi fisiche!
    > Io pago e quindi ho ragione!
    > (ovviamente non voglio il ripetitore di fronte
    > alla
    > finestra
    > xche mi fa male) ma voglio che tutta l'Italia sia
    > coperta!

    Guarda che non si vuole asfaltare l'Italia (cito il tuo esempio).
    Mi chiedo solo perchè mi vendano un'autostrada piena di 30 milioni di italiani garantendomi la stessa velocità di un'autostrada deserta.
    Secondo me è più un problema di pubblicità ingannevole.
    non+autenticato
  • Non credo troverai mai una riga su un loro depliant che parla di banda garantita. e la pubblicità parla di "fino a", ma anche se vedi le pubblicità di telepass ti mostrano sempre autostrade belle sgombre..
    non+autenticato
  • Probabilmente "ingannevole" è il termine sbagliato perchè come dici tu da nessuna parte dicono quale sia la banda garantita.
    Resta il fatto che fanno di tutto per farti credere che ti stanno vendendo chissà che cosa e poi è tutto fumo. Ma forse questo è un grande classico del marketing.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Robert Oppenheime
    > - Scritto da: Funz
    > > Adesso garantiteci quello che ci avete venduto,
    > e
    > > non prendeteci per il cu*o con ridicole accuse
    > di
    > > comportamento irresponsabile... è così che si
    > > trattano i clienti
    > > paganti?
    > > Se non ce la fate, chiudete pure.
    >
    > Basta! queste autostrade per l'italia!
    > pensate io prendo l'autostrada il 15 agosto e
    > non mi frega niente se ci sono altri 30 milioni
    > di
    > italiani
    > per le strade!
    > io la voglio tutta libera e per me!
    > Non c'è spazio?
    > coprite l'italia di asfalto!
    > (non a casa mia o di mia mamma, ma la terra degli
    > altri!)

    Non hai capito un ca**o
    Tu mi fai pagare una tariffa salata per l'autostrada dicendo che posso andare ai 130?
    Io mi ritrovo su un tratturo condiviso con centinaia di TIR, e non posso lamentarmi?Con la lingua fuori


    > Basta questa scusa delle leggi fisiche!
    > Io pago e quindi ho ragione!
    > (ovviamente non voglio il ripetitore di fronte
    > alla
    > finestra
    > xche mi fa male) ma voglio che tutta l'Italia sia
    > coperta!

    E allora metti in chiaro quanto e come posso usare la banda che mi vendi, non spararmi megabit in pubblicità, salvo poi lamentarti che la uso ai limiti della sua capacità.
    Funz
    12980
  • State ben attenti alle chiavette USB perche' funzionano solo in citta', se solo andate in collina sono cazzi vostri, andrete a 3kB/s se vi va bene !
    non+autenticato
  • > State ben attenti alle chiavette USB perche'
    > funzionano solo in citta', se solo andate in
    > collina sono cazzi vostri, andrete a 3kB/s se vi
    > va bene
    > !
    sempre meglio che 0k In lacrime
    non+autenticato
  • Ah beh io in paesi realmente del terzo mondo andavo a 5kB/s nei web cafe' e mi salvato tutto su una chiave USB per leggermi le pagine a casa con calma...
    non+autenticato
  • Collina?
    Ci sono zone nel Pavese dove la copertura non c'è A bocca aperta
  • Esatto, esempio molti quartieri centrali di Trento e Bolzano !!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Peito il breve
    > State ben attenti alle chiavette USB perche'
    > funzionano solo in citta', se solo andate in
    > collina sono cazzi vostri, andrete a 3kB/s se vi
    > va bene
    > !

    e metà non funzionano con LInux...
    non+autenticato
  • Paese del terzo mondo, o secondo... bho?
    Fatto è che naturalmente per motivi di incompetenza lavorativa, cavi dati per la città non ce ne sono più che tanti, e quindi una ADSL europea su cavo, la si può scordare, a meno di non pagare fortune per linee da 1 Mb.
    Però, però...
    Dagli amici dove sono stato a passare un vacanza, Internet non mancava. Velocità di scarico sui 80/90 KB/s (sì non Kb ma, KB) e in uscita sui 80 KB...
    Gli ho chiesto quindi, che tipo di connessione usano e la risposta fu Compagnia telefonica mobile, oppure HyperLAn..
    Sul tetto questi hanno una bellissima antenna HyperLAn, che punta all'emittente situata a circa 20 Km. Con antenne, le società telefoniche, hanno coperto tutta la città, creando una rete HyperLAn. Il cavo dall'antenna sul tetto, entra in casa, e finisce dentro scatolotto dal quale puoi connetterti con il solito cavo rete.
    Prezzi? Bene una Flat da 312Kb si paga sui 8 € mensili mentre la 640 arriva a 12 €
    Certamente non siamo a livelli europei, ma è tutto via HyperLAn e crescendo la rete, i prezzi si stanno abbassando con aumento di banda per tutti.
    HyperLan garantisce anche, la sottobanda per comunicare, in Voip magari, ma qualsiasi cellulare, non ha difficltà a comunicare.
    Ho avuto modo di vedere questa rete in opera per due mesetti e ho potto apprezzare, nel limite di una connessione mobile, banda sempre sui 80KB/s, in entrata ed in uscita. Gli amici naturalmente, si scaricavano un po' di tutto, dai film alle cose più disparate, senza limiti di Giga o cavolate del genere.

    E sono terzo mondo!
    ufo1
    183
  • Una connessione sincrona ? Che bello! Peccato che in italia una cosa simile non c'è.
    Sgabbio
    26178
  • Ma infatti non e' il Paraguay da terzo mondo, ma l'Italia.

    Se hai una casa in collina ti dicono che l'unica opzione e' Eutelia
    con antenna sul tetto, ma ora che Eutelia e' fallita che si fa ??
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pepito il breve
    > Ma infatti non e' il Paraguay da terzo mondo, ma
    > l'Italia.
    >
    > Se hai una casa in collina ti dicono che l'unica
    > opzione e'
    > Eutelia
    > con antenna sul tetto, ma ora che Eutelia e'
    > fallita che si fa
    > ??

    Si naviga con Eutelia... Il sevizio è tutt'ora funzionante, o questo post l'ho scritto con la forza del pensiero.

    P.S. In provincia di Lucca il servizio funziona alla grande, ho detto addio al digital divide a maggio. i 7Mb sono veri e, per essere una HyperLan ho latenze di 6ms.
    Ovviamente mi trovo in condizioni di copertura pressochè ottimali.
  • ... con le mega pubblicità dove garantiscono velocità di navigazione da sogno.... e poi si lamentano che la rete si intasa....

    Avevate qualche dubbio???
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | 4 | Successiva
(pagina 1/4 - 18 discussioni)