Mauro Vecchio

Google, notizie a codice aperto

La fase sperimentale del progetto Living Stories è terminata. BigG ha messo a disposizione di tutti gli editori la nuova tecnologia che permetterà di consultare i reportage in un'unica pagina web

Roma - Era stato definito come un esperimento in grado di fornire una più dinamica strada di lettura online, come un'esperienza diversa di consultazione di un'attualità in continuo divenire. Tutto in una singola pagina web. Questo, in sintesi, lo scopo primario di Living Stories, il progetto di Google annunciato circa due mesi fa in partnership con alcuni grandi dell'editoria statunitense, e ora aperto a tutti gli editori che ne facciano richiesta.

In principio erano stati il Washington Post e il New York Times. Due prestigiosi quotidiani che avevano deciso di abbracciare la nuova tecnologia di BigG, fornendo i propri reportage sulla guerra in Afghanistan o la riforma del sistema sanitario nel paese a stelle e strisce. Reportage costruiti a partire da tante singole notizie, accorpate insieme sotto una singola URL mediata dal search engine di Mountain View.

E Google ha sottolineato - in un post apparso sul suo blog ufficiale - come la fase sperimentale di Living Stories si sia rivelata un grande successo. La nuova creatura dei Lab di BigG sarebbe stata apprezzata dal 75 per cento degli utenti, che avrebbero inviato numerosi feedback positivi a Mountain View. Il sistema unico di consultazione avrebbe convinto i lettori del Post e del Times.
I navigatori avrebbero quindi dichiarato di preferire Living Stories ai metodi più tradizionali di consultazione delle news online. E questo avrebbe dunque convinto BigG ad avviare una nuova fase nella strategia di diffusione del suo tool. Mettendolo a disposizione di tutti gli editori interessati, aprendo le porte ai tanti protagonisti dell'editoria online.

Per far questo Google ha deciso di mettere a disposizione degli sviluppatori la tecnologia alla base di Living Stories, rilasciandola in formato open source. In aggiunta, ha annunciato che entro alcuni mesi verranno rilasciati nuovi tool per rendere la navigazione ancora più semplice. E per fare in modo che il mondo dell'editoria torni a vedere il search engine come un prezioso, insostituibile alleato.



Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàAP, a volte ritornanoNuovi contenuti dell'agenzia di stampa sono apparsi sul news aggregator di Google. In corso un accordo di licenza i cui termini sono riservati. Intanto, CNN tenta di fare a meno di Associated Press
  • Digital LifeGoogle prepara Store View?Vista panoramica all'interno dei negozi grazie a Street View. Uno spunto preso dai videogame ma che non dovrebbe vedere la luce tanto presto
  • AttualitàDe Benedetti vuole un Google per amico di Luca Annunziata - L'editore del Gruppo L'Espresso scrive di nuovo al Sole 24 Ore. Proponendo nuovamente la ricetta delle news a pagamento, la tassa sull'ADSL. E riconoscendo, fatto nuovo, a BigG il ruolo di mediatore
7 Commenti alla Notizia Google, notizie a codice aperto
Ordina