Mauro Vecchio

USA, più intelligenti con Internet?

Nei prossimi dieci anni, si sostiene in uno studio, le capacità mentali dei cittadini miglioreranno sensibilmente. Grazie alla Rete. Ma qualcuno dissente, parlando di disgregazione del pensiero profondo

Roma - Si tratta di un dibattito apparentemente privo di un'unica soluzione definitiva. Se le attuali opportunità fornite dalla Rete possano o meno favorire un generale miglioramento dell'intelligenza media dei cittadini. Cioè se strumenti ormai noti e ampiamente diffusi come Wikipedia e i search engine possano contribuire all'accrescimento di ogni utente assiduo del web.

Ad alimentare il fuoco delle discussioni, un recente studio pubblicato dall'Imagining the Internet Center (presso la Elon University, nel North Carolina) e dal Pew Internet and American Life Project. Tre intervistati su quattro hanno sottolineato come il futuro di Internet sia saldamente nelle mani di utenti più intelligenti, che miglioreranno sensibilmente le proprie capacità mentali nei prossimi dieci anni.

"Tre esperti su quattro hanno spiegato come l'uso di Internet non farà che aumentare e potenziare l'intelligenza umana - ha commentato Janna Anderson, co-autrice dello studio - E due su tre hanno dichiarato che l'uso della Rete ha migliorato le capacità di lettura e scrittura degli utenti".
Il campione scelto dai due istituti statunitensi ha compreso 895 netizen, tra cui 371 personalità considerate esperte nell'argomento. Per la precisione, sono stati scelti alcuni scienziati, business leader, scrittori e sviluppatori in ambito web. Tra questi, l'autore Nicholas Carr, che aveva in precedenza pubblicato un saggio dal titolo Google ci sta rendendo stupidi?.

Nella visione di Carr, l'utilizzo massiccio di motori di ricerca ed enciclopedie libere online non farà altro che minare la capacità di concentrazione degli utenti, attentando alla facoltà di pensare in maniera profonda. Per Carr, l'effetto nefasto della Rete non lo si potrà vedere attraverso la misurazione dei quozienti intellettivi medi. Sarà invece una questione di pensiero profondo, di metodologia di studio, impossibile da replicare in un contesto di zapping tra contenuti come quello favorito dal web.

E il 21 per cento degli intervistati ha concordato con quanto detto da Carr, sottolineando come persino i vari QI saranno decisamente inferiori nei prossimi anni, per colpa delle attuali tecnologie connesse. Non dello stesso avviso i due terzi dei partecipanti allo studio, che hanno fissato per il 2020 l'alba di una nuova era popolata da netizen brillanti, dai rapidi occhi e dalla fiorente penna (o tastiera).

Mauro Vecchio
Notizie collegate
31 Commenti alla Notizia USA, più intelligenti con Internet?
Ordina
  • due [esperti] su tre hanno dichiarato che l'uso della Rete ha migliorato le capacità di lettura e scrittura degli utenti".

    vrssm! anke io detto da 1 sakko tmp xò nn mi avete askoltato ke vi servono 2 o 3 x capire 1 cosa questa semplice anke x 1 scemo? nn lho vedete ke sono + intellig da quando h cell e pc e kollego su internetto - male ke adss so fare anke i ? , e ;
    non+autenticato
  • E' lapalissiano.

    L'intelligenza è la capacità di creare connessioni tra concetti per creare valutazioni, idee e nuovi concetti.

    Chi si affida troppo alla rete non tiene a mente nulla, dimentica rapidamente (tanto poi può cercare su Google o sul suo profilo Facebook), non ha un "comportamento", una "linea", ma reagisce semplicemente.

    E poiché non tiene niente a mente, non può creare nessuna connessione tra concetti che non ha.

    E, come tutti coloro che reagiscono agli stimoli, tende sempre più ad assomigliare ad un topo da laboratorio al quale hanno regalato un fighissimo giocattolo.
    non+autenticato
  • Certo non varrebbe per l'ItagGlia!
    Qui il livello d'intelligenza medio è destinato a sprofondare nel baratro, tra bimbinkia, Mario de Filippo e compagnia!

    Che schifo!
  • - Scritto da: Uau (TM)
    > Certo non varrebbe per l'ItagGlia!
    > Qui il livello d'intelligenza medio è destinato a
    > sprofondare nel baratro, tra bimbinkia, Mario de
    > Filippo e
    > compagnia!
    >
    > Che schifo!


    esattamente, è in corso da 20anni una strategia di instupidimento dell' intera nazione
    hanno cominciato con Bim Bum Bam di Paolo Bonolis e adesso sono arrivati al GF
    direi che c'è abbastanza per avvelenare la mente di 2 generazioni

    e poi fingono di impazzire perchè Buffon bestemmia! e intanto loro fanno cose irripetibili
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 febbraio 2010 09.08
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: zaadum
    >
    > esattamente, è in corso da 20anni una strategia
    > di instupidimento dell' intera
    > nazione

    Quotone!!!!! Più il popolino è ignorante meglio è per quei maiali dei nostri "regnanti"; dico regnanti perchè la democrazia è finita da un pezzo, diciamo più o meno negli anni '70. Così possono continuare a prenderci per il c#lo e la gente nemmeno se ne accorge....evviva!!

    > hanno cominciato con Bim Bum Bam di Paolo Bonolis
    > e adesso sono arrivati al
    > GF

    Se non altro il target di Bim Bum Bam erano i bambini, i quali potevano anche divertirsi in maniera "spensierata" semplicemente perchè c'era un pupazzo rosa; la cosa davvero preoccupante di schifezze come il GF, Uomini e Tr#ie, ecc... è che il target primario è dai 13 ai 30 anni, quindi persone comunque "semi-coscienti" che si rispecchiano in quelle merd@cce e le prendono come modello di vita anzichè pensare a valori come la vera amicizia e lo spirito di sacrificio!!!! Non a caso oggi la maggioranza delle bimbeminkia, già a 13/14 anni, hanno visto più uccelli dei venditori di granoturco di Piazza S. Marco.

    > direi che c'è abbastanza per avvelenare la mente
    > di 2
    > generazioni
    >

    Anche 3-4. I bimbinkia di oggi che valori potranno trasmettere ai propri figli? E questi a loro volta? E' una reazione a catena....
    Già me l'immagino una paternale tipo: "Figlia/o cara/o dai via il c#lo per comprarti l'iPhone o la cinta di Gucci, è così che si ottengono le cose!".

    http://www.youtube.com/watch?v=mrTiIwT3AxI&feature...

    > e poi finfono di impazzire perchè Buffon
    > bestemmia! e intanto loro fanno cose
    > irripetibili

    Ridicoli. Pagliacci. Inutili.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 23 febbraio 2010 09.27
    -----------------------------------------------------------
  • Quoto assolutamente, tutto, ma proprio TUTTO!!!!
    non+autenticato
  • Non riesco a capire come si possa credere a sciocchezze del genere
    Come sarebbe possibile diventare piú intelligenti collegandosi ad internet ?
    L'intelligenza é una capacitá innata e non dipende dalla cultura.

    La Cina e l'India, per esempio hanno, negli ultimi anni avuto un enorme sviluppo economico ed industriale e, guarda caso sono le minoranze in USA con il QI piú alto.
    I motivi? Eugenetica: a causa della sovrappopolazione sono state introdotte delle politiche di sterilizzazione forzata e di forte limitazione delle nascite e, come risultato le coppie di avvocati, insegnanti, ingegneri e medici hanno potuto fare piú figli di mendicanti e contadini analfabeti.
    Gli USA, che, prima degli anni'50 e '60 erano il primo stato al mondo praticamente in ogni cosa, poi iniziarono le lotte per i "diritti civili", con leggi che forzavano l'integrazione di etnie di non bianchi e ne favorivano l'immigrazione negli USA (soprattutto di messicani) i risultati?
    Crisi economica, disoccupazione in aumento, debito federale alle stelle, delinquenza a livelli di guerra civile.
    E come gran finale un presidente abbronzato che dará il colpo di grazia a quella nazione un tempo grande.
    non+autenticato
  • Sieg Heil!!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Undertaker
    >
    > E come gran finale un presidente abbronzato che
    > dará il colpo di grazia a quella nazione un tempo
    > grande.

    Eh, per fortuna il suo ariano predecessore, George W. Bush, ha avuto ben otto anni per mostrare all'intero globo la sua raffinata intelligenza... si potrebbe partire da quel luminoso successo che è stata la guerra in Iraq, e poi passare all'astutissima mossa di tagliare i fondi statali per la ricerca scientifica sulle staminali embrionali, per non parlare del sostegno ai gruppi cristiani più fondamentalisti, quelli che, sempre dando dimostrazione dell'ineguagliabile profondità di pensiero che contraddistingue la parte bianca della popolazione, ritengono che l'evoluzionismo sia una teoria diabolica e malvagia...
    non+autenticato
  • - Scritto da: El Castigador
    > - Scritto da: Undertaker
    > >
    > > E come gran finale un presidente abbronzato che
    > > dará il colpo di grazia a quella nazione un
    > tempo
    > > grande.
    >
    > Eh, per fortuna il suo ariano predecessore,
    > George W. Bush, ha avuto ben otto anni per
    > mostrare all'intero globo la sua raffinata
    > intelligenza...

    E' quello delle bombe intelligenti se non sbaglio.
  • - Scritto da: Undertaker

    > L'intelligenza é una capacitá innata e non
    > dipende dalla
    > cultura.

    Questo non so se sia vero, ma avendoti letto, ho capito che e' sicuramente vero il contrario.
  • - Scritto da: Undertaker
    > Non riesco a capire come si possa credere a
    > sciocchezze del
    > genere
    > Come sarebbe possibile diventare piú intelligenti
    > collegandosi ad internet
    > ?
    > L'intelligenza é una capacitá innata e non
    > dipende dalla
    > cultura.
    >
    > La Cina e l'India, per esempio hanno, negli
    > ultimi anni avuto un enorme sviluppo economico ed
    > industriale e, guarda caso sono le minoranze in
    > USA con il QI piú
    > alto.
    > I motivi? Eugenetica: a causa della
    > sovrappopolazione sono state introdotte delle
    > politiche di sterilizzazione forzata e di forte
    > limitazione delle nascite e, come risultato le
    > coppie di avvocati, insegnanti, ingegneri e
    > medici hanno potuto fare piú figli di mendicanti
    > e contadini
    > analfabeti.
    > Gli USA, che, prima degli anni'50 e '60 erano il
    > primo stato al mondo praticamente in ogni cosa,
    > poi iniziarono le lotte per i "diritti civili",
    > con leggi che forzavano l'integrazione di etnie
    > di non bianchi e ne favorivano l'immigrazione
    > negli USA (soprattutto di messicani) i
    > risultati?
    > Crisi economica, disoccupazione in aumento,
    > debito federale alle stelle, delinquenza a
    > livelli di guerra
    > civile.
    > E come gran finale un presidente abbronzato che
    > dará il colpo di grazia a quella nazione un tempo
    > grande.

    Ho come un senso di déjà vu.

    A bocca storta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Undertaker
    > Gli USA, che, prima degli anni'50 e '60 erano il
    > primo stato al mondo praticamente in ogni cosa,
    > poi iniziarono le lotte per i "diritti civili",
    > con leggi che forzavano l'integrazione di etnie
    > di non bianchi e ne favorivano l'immigrazione
    > negli USA (soprattutto di messicani) i
    > risultati?
    > Crisi economica, disoccupazione in aumento,
    > debito federale alle stelle

    Vorrei ricordarti che nel 1929, quindi prima che la razza ariana degli USA fosse contaminata dai messicani (ahahahah Rotola dal ridere ) c'è stata la più grande crisi economica della storia, forse seconda solo a quella attuale causata da 10 anni di "ottima" politica monetaria di Bush, uno che con i messicani non ha niente a che fare.
    Adesso se c'è qualcuno che sta cercando di rimediare alla crisi, guarda che casualità, è proprio il presidente abbronzato.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Matx
    >

    > Vorrei ricordarti che nel 1929, quindi prima che
    > la razza ariana degli USA fosse contaminata dai
    > messicani (ahahahah Rotola dal ridere ) c'è stata la più
    > grande crisi economica della storia, forse
    > seconda solo a quella attuale causata da 10 anni
    > di "ottima" politica monetaria di Bush, uno che
    > con i messicani non ha niente a che
    > fare.

    Balle, la "crisi" attuale non ha niente a che vedere con il crac del '29. É più che altro un pretesto per le "povere" grandi imprese per pretendere soldi dei contribuenti se no non hanno abbastanza dividendi per quei tapini di azionisti.

    > Adesso se c'è qualcuno che sta cercando di
    > rimediare alla crisi, guarda che casualità, è
    > proprio il presidente
    > abbronzato.

    Se il rimedio é continuare a dare ossigeno a realtà moribonde, meglio che lasci perdere le lampade. Le leggi del mercato dicono che se non stai in piedi, fallisci e lasci il posto a qualcun altro. Meglio, le nuove realtà assorbirebbero parecchi disoccupati.
    non+autenticato
  • dopo averti letto mi sono venuti i brividi dal disgusto, ma ci credi veramente in quello che dici? ...... terrore, orrore raccapriccio....e vergognati
    non+autenticato
  • in parte hai ragione sul fatto che la cultura o la tecnologia da sole non sono sufficienti ad incrementare il livello intellettivo delle persone e il tuo messaggio lo prova!!!

    Ps. se vuoi dopo te la spiego!!!
    G%2cG
    339
  • - Scritto da: Undertaker
    > Non riesco a capire come si possa credere a
    > sciocchezze del
    > genere
    > Come sarebbe possibile diventare piú intelligenti
    > collegandosi ad internet
    .....

    Hai perfettamente ragione...
    leggendoti si capisce che è vero proprio l'esatto contrario! Troll occhi di fuori
    non+autenticato