Claudio Tamburrino

Australia, smanettoni per caso

Il sito del ministero dei Trasporti del New South Wales ha subito una fuga di dati riservati. Responsabile sarebbe un giornale locale. Che avrebbe digitato un URL non pubblico ma accessibile

Roma - Secondo il governo del New South Wales, il Sydney Morning Herald, un quotidiano locale, avrebbe attaccato il sito dell'amministrazione dei trasporti per due giorni per cercare informazioni su una notizia relativa a un piano trasporti da 50 miliardi di dollari australiani e molto discusso in patria.

In quest'arco di tempo il sito sarebbe stato visitato 3.727 volte, tutte le volte per tentare di scardinare la password di un ufficio e ottenere documenti strettamente riservati.

Tuttavia, secondo i reporter autori della storia (e del supposto cyberattacco) sarebbe stato possibile entrare nella zona ristretta solo digitando "nswtransportblueprint.com.au", URL ottenuto grazie ad una fonte anonima.
Il sito nascosto, spiega il giornale, contiene tutto il materiale informativo necessario a conoscere il piano in discussione, tutti i documenti altrimenti altamente protetti sul sito ufficiale. Si tratterebbe, insomma, di "un sito in costruzione", ma ancora del tutto privo di protezione.

La questione è stata denunciata dal Ministero alle forze di polizia che devono ora proseguire le indagini. Mossa che secondo il Sydney Morning Herald si limiterà a esporre l'istituzione vittima al pubblico ludibrio. "Il vero problema - spiega il reporter - è che il governo non controlla le informazioni che divulga".

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàUn, due, tre, password!Pubblicato uno studio statunitense che ha preso l'iniziativa dopo l'attacco di un cracker al sito Rockyou. Su 32 milioni di parole chiave svelate, i primi tre posti sono occupati da semplici cifre in sequenza
1 Commenti alla Notizia Australia, smanettoni per caso
Ordina