Alfonso Maruccia

Il peso degli ad blocker

Un articolo pubblicato su Ars Technica riaccende la discussione: i tool per bloccare la pubblicità su web fanno male? E quanto? Ars definisce l'impatto devastante, l'autore del più usato ad blocker per Firefox non è d'accordo

Roma - Come già successo altre volte in passato, un evento fortuito riaccende la discussione sull'effetto concreto degli ad-blocker sulla vita commerciale dei siti web a contenuto editoriale. A riaprire il dibattito è questa volta un articolo apparso su Ars Technica, che non esita a definire "devastanti" le conseguenze della mancata visualizzazione di banner e advertising durante la navigazione delle pagine del sito.

Il celebre sito della scuderia Condé Nast sostiene la propria tesi argomentando con esempi concreti e paralleli con il "mondo reale": "Immaginate di dover gestire un ristorante dove il 40% delle persone che viene e pranza poi non paga - scrive l'editor-in-chief Ken Fisher - In un certo qual modo, questo è quanto ci sta facendo il blocco dell'advertising. Esattamente alla pari di un ristorante, noi abbiamo il personale, le risorse da pagare e dobbiamo pagare quando le persone consumano tali risorse".

Visualizzare le pagine web di Ars Technica costa risorse e quindi denaro, dice Fisher, e bloccare la pubblicità impedisce al sito di raccogliere il guadagno utile al prosieguo della sua avventura editoriale. Contrariamente a quanto molti possano credere, infatti, il denaro corrisposto ad Ars dai pubblicitari viene calcolato sul numero di visualizzazioni e non sul numero di click.
Gli ad-blocker sono dunque la rovina delle pubblicazioni web più insigni? Wladimir Palant, autore del più usato blocca-pubblicità per Mozilla Firefox, risponde in maniera indiretta citando una serie di articoli che esprimono le tante motivazioni per cui il problema non è l'utenza che blocca l'advertising ma il webmaster che per esso ritaglia un ruolo di remunerazione che, alla lunga, si rivela inefficace.

E soprattutto, scrive lo sviluppatore di Adblock Plus, "i soldi ancora vengono dal risultato, non dal potenziale". Chi "vede" gli ad sul web e poi non acquista il prodotto reclamizzato non fa bene al sito che dalla pubblicità trae la principale sua fonte di sostentamento, un fatto "vero per la televisione, per la radio e anche per Internet" feed inclusi. La differenza del web è che il "feedback" dei risultati degli ad arriva molto prima, ed è questo il motivo (dice ancora Palant) per cui il modello di business telematico basato sulla pubblicità sarebbe attualmente in crisi.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
179 Commenti alla Notizia Il peso degli ad blocker
Ordina
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 12 discussioni)