Mauro Vecchio

UE, ultimatum su ACTA

Presentata una risoluzione comune per obbligare la Commissione del Vecchio Continente a svelare pubblicamente tutti i dettagli del trattato anticontraffazione. Il Parlamento Europeo ha detto no a tre colpi e controlli ai confini

Roma - I rappresentanti del Parlamento Europeo sembrano ormai giunti al culmine della sopportazione. I dettagli in corso di negoziazione del famigerato Anti-Counterfeiting Trade Agreement (ACTA) devono aprirsi al dibattito pubblico, mettendo in pratica un fondamentale principio di trasparenza.

È stato un fermo appello super partes quello del Parlamento del Vecchio Continente, supportato dalle più diverse coalizioni politiche. Unite per presentare una risoluzione comune da discutere e approvare in sessione plenaria a Strasburgo. Obiettivo primario, obbligare l'Unione Europea a tenere informati tutti i parlamentari sui progressi in vista dell'ormai noto trattato globale anticontraffazione.

Un obbligo legato alle predisposizioni del Trattato di Lisbona - entrato in vigore il primo dicembre del 2009 - che assegna al Parlamento Europeo la facoltà di approvare o meno le nuove regole che dovrebbero estendere la tutela della proprietà intellettuale. E non si è parlato soltanto di trasparenza.
I parlamentari d'Europa hanno espresso un netto rifiuto nei confronti dell'ipotesi di ACTA di estendere il regime dei tre colpi - o delle disconnessioni dei netizen - per combattere il file sharing e gli attentati alla proprietà intellettuale. A questa opposizione si è aggiunta poi quella riguardante un'altra ipotesi di ACTA, relativa al controllo ai confini del contenuto di dispositivi mobile che possano archiviare contenuti pirata.

Ma, in particolare, la risoluzione comune recentemente presentata a Strasburgo ha come obiettivo quello di conoscere nel dettaglio l'intero iter di negoziazioni di ACTA. Documenti che non dovranno più essere analizzati grazie alle sempre più frequenti fughe su Internet, bensì discussi in maniera trasparente, pubblica.

Altrimenti il discorso della trasparenza potrebbe trasformarsi in una grana legale per la Commissione Europea, così minacciata dalla risoluzione parlamentare stessa. Christian Engström, parlamentare europeo legato al Partito Pirata, ha parlato non solo di trasparenza, ma anche di una necessità fondamentale: che ACTA parli effettivamente di contraffazione.

"Se deve esserci un trattato - ha spiegato Engström sul suo blog - allora questo deve regolamentare semplicemente la contraffazione dei beni di consumo. Roba come le borse fasulle o certo viagra venduto online. Quindi non dovrebbe affatto toccare tematiche cardine come le fondamentali libertà dei cittadini connessi alla Rete".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàACTA, la geopolitica del copyrightI documenti trafugati si susseguono ormai a gran ritmo. Trapela un quadro generale di disaccordo tra i paesi coinvolti: soprattutto sul grado di responsabilità dei provider e degli intermediari
  • AttualitàACTA, chi vuole trasparenza?Sfuggito un nuovo documento che spiega quali siano attualmente i paesi contrari ad un dibattito pubblico sul trattato anticontraffazione. Tra questi, gli Stati Uniti e la Corea del Sud. Mentre l'Italia teme qualcosa
  • AttualitàUE: ACTA attenta alla privacyI recenti pareri in materia di Internet e copyright, dopo essere trapelati online, hanno allarmato i difensori della privacy nel Vecchio Continente. A rischio i dati personali dei netizen
26 Commenti alla Notizia UE, ultimatum su ACTA
Ordina
  • Quanto sono diversi i parlamentari europei da quelli che ci ritroviamo in itaglia. Gli europei perdono tempo con sciocchezze come la libertà dei cittadini, il libero scambio delle informazioni, il diritto a comunicare e accedere a internet. I nostri invece si dedicano a cose serie, come appendere i crocifissi nelle aule scolastiche. o mantenere in vita per secoli corpi ormai ridotti a vegetali privi (fortunatamente) di coscienza.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Fetente
    > Quanto sono diversi i parlamentari europei da
    > quelli che ci ritroviamo in itaglia. Gli europei
    > perdono tempo con sciocchezze come la libertà dei
    > cittadini, il libero scambio delle informazioni,
    > il diritto a comunicare e accedere a internet. I
    > nostri invece si dedicano a cose serie, come
    > appendere i crocifissi nelle aule scolastiche. o
    > mantenere in vita per secoli corpi ormai ridotti
    > a vegetali privi (fortunatamente) di
    > coscienza.

    Quello che dici tu pero' lo fanno quando non sono impegnati a trovare scappatoie per aggirare le leggi.
  • ... Hadopi in Francia pare non funzionare, pubblicato sul corriere on line c'è un interessante articoletto in cui pare che la pirateria complessiva sia perfino aumentata dall'introduzione di Hadopi e che semplicemente sia variato il tipo dis trumento utilizzato... ossia più megaupload e rapid share e meno P2P... e prossimamente vedremo un incremento del P2P criptato... povere major, il loro futuro lo vedo sempre più nero!
  • Continuate purtroppo a confondere il fine con i mezzi.

    I mezzi sono aggirabili, e basta usare ants (se mai prenderà piede) o altre forme di cifratura di protocollo per il p2p (o usare TOR per accedere a siti bloccati in italia a cui individui di altre nazioni possono -ancora- accedere).

    Il fine invece, è quello di creare un precedente legale per cui DIVENTERA' NORMALE PRIVARE UN CITTADINO DELLA CONNESSIONE AD INTERNET, poi, se ora è possibile trovare una scappatoia alla cosa, un domani il modo di rendere il tutto quasi inaggirabile lo troveranno, ma sarà troppo tardi per contrastare le basi concettuali e normative delle leggi.
  • mi spiace deluderti ma le disconessioni in francia devono ancora partire e ti posso assicurare che ne vedrai delle belle .
    speriamo che le major chiudano tutte cosi dopo ti guarderai al cinema i documentari amatoriali, oppure ti scaricherai il filmato che ha messo in rete tua moglie ......
    buona giornata.
  • Ma sì, chiudano le majors e pure le minors che ne ho le scatole piene di difendere a spada tratta quei birbanti che mi tengono per i testicoli con le loro politiche commerciali da magnoni mentre si stanno mettendo d'accordo coi provaiders per mandare i filmi e le musiche dentro casa della gente attraverso il filo del telefono e il digitale extraterrestre!
    non+autenticato
  • Come da titoli, finalmente fanno una cosa sensata.
    Sgabbio
    26177
  • Ma non é l'"UE" che serve a qualcosa. E' il Parlamento Europeo che cerca di imporsi all'interno dell'UE stessa, mentre la Commissione come al solito decide senza consultarsi con nessuno.

    Poiché gli interessi legati ad ACTA sono sostenuti dall'incommensurabile potere del denaro, temo che non ci sarà alla fine opposizione che tenga.

    I prossimi anni saranno terribili.
    non+autenticato
  • Mi deludi con questo postA bocca aperta
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Mi deludi con questo postA bocca aperta

    Infatti, niente sproloqui su internacchio, manganelli & olio di ricinoA bocca aperta
    Ma è appena tornato, lasciamogli il tempo di scaldarsiCon la lingua fuori
    (sempre che sia proprio lui)
    Funz
    13017
  • Quello é MegaLOL. Questo é il disfattista emo "ohmygodohmygodwereallgonnadie" che prevede l'Armageddon ogni volta che non riesce ad aprire il barattolo della Nutella.
    non+autenticato
  • Aspetta, un conto è quello che propongono ed un alto quello che votano o passa per volere di una commissione.
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Come da titoli, finalmente fanno una cosa sensata.

    Si ma occorre distinguere tra la Commissione di Barroso e il Parlamento Europeo. Barroso fa l'accordo con gli americani e da quando è entrato in vigore il trattato di Lisbona, l'accordo può essere bocciato dal Parlamento.

    Il trattato di Lisbona è entrato in vigore qualche mese fa.

    Il parlamento ha già bocciato l'accordo di Barroso con gli americani SWIFT:

    Il Parlamento europeo ha diritto di bocciare gli accordi che la Commissione europea fa con i potenti della terra come gli americani.

    Per esempio l’accordo Swift stipulato da Barroso della Commissione europea con gli americani è stato stracciato dal Parlamento europeo. Per chi non sapesse cos’è l’accordo Swift è un contratto tra l’Europa e l’America per cui gli americani possono avere tutti i dati dei bonifici bancari che vengono fatti dai cittadini europei e di questi dati possono farne ciò che vogliono (leggi schedare gli europei).

    Ovviamente gli europei non possono avere i dati degli americani, quindi il contratto è a senso unico (gli europei sono sudditi degli americani). Il Parlamento europeo ha detto a larghissima maggioranza che questa è una schifezza e ha bocciato l’accordo.

    Se si vuole approfondire il caso SWIFT c’è il sito del Parlamento:

    http://www.europarl.europa.eu/news/public/story_pa...

    Il sito del Parlamento Europeo con le news:

    http://www.europarl.europa.eu/news/public/default_...
  • Ho quindi possono opporsi tranquillamente anche a quello schifo ?
    Sgabbio
    26177
  • certo, il trattato Lisbona dà pieni poteri al Parlamento

    il risvolto della medaglia è che è una spinta verso l'Europa federale, quindi con i governi locali resi inutili

    beh, giudicando le porcate dei governi nazionali, credo che questa sia un'ulteriore feature del trattato di LisbonaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Ho quindi possono opporsi tranquillamente anche a
    > quello schifo
    > ?

    Penso di si:

         Ho trovato questa interrogazione sul caso ACTA:

         Oggetto: Trasparenza e Stato di avanzamento dei negoziati ACTA (Accordo commerciale anticontraffazione)

         Il Parlamento in varie occasioni ha chiesto alla Commissione e al Consiglio di assicurare il più ampio accesso possibile ai documenti ACTA, in particolare nelle sue relazioni del 18 dicembre 2008 (Relazione Susta, P6_TA(2008)0634, punti 14, 28) e nella sua relazione dell’11 Marzo 2009 (relazione Cashman, P6_TA(2009)0114), il cui punto 26 recita: “la Commissione dovrebbe senza indugio rendere disponibili al pubblico tutti i documenti relativi ai negoziati internazionali in corso sull’Accordo commerciale anticontraffazione (ACTA)”.

         Il Parlamento europeo nella sua risoluzione del 9 febbraio 2010 su un accordo quadro con la Commissione (P7_TA(2009) 0009) richiede informazione immediata e completa in ogni fase dei negoziati sugli accordi internazionali, in particolare in materia di commercio e di altri negoziati che comportano la procedura di approvazione, per dare piena attuazione all’articolo 218 del TFUE. La Commissione, il 27 gennaio 2010, ha assicurato il suo impegno per una associazione rafforzata con il Parlamento nei termini di detta risoluzione.

         Quando concederà al Parlamento l’accesso a tutti i testi primari relativi all’ACTA, in particolare il mandato negoziale ACTA da parte del Consiglio, i verbali delle riunioni di negoziato ACTA, i progetti di capitoli ACTA, e le osservazioni dei partecipanti ACTA sui progetti di capitoli?

         La Commissione ha effettuato una valutazione dell’impatto di attuazione dell’ACTA sul commercio elettronico nell’Unione europea e nel mondo? Come garantirà che l’osservanza delle disposizioni internet dell’ACTA sia pienamente in linea con l’acquis e in che modo intende risolvere eventuali incompatibilità?

         Conviene la Commissione che al Parlamento dovrebbe essere dato l’accesso ai documenti ACTA prima dell’entrata in vigore del nuovo Accordo quadro?

         *******************

         In una frase si dice che «Il Parlamento europeo nella sua risoluzione del 9 febbraio 2010 su un accordo quadro con la Commissione (P7_TA(2009) 0009) richiede informazione immediata e completa in ogni fase dei negoziati sugli accordi internazionali, in particolare in materia di commercio e di altri negoziati che comportano la procedura di approvazione».

         Quindi da quel che capisco è richiesto per ACTA il consenso decisivo del Parlamento europeo (procedura di approvazione).
  • la cosa divertente è che all'indomani del patriot act, fu proprio il consorzio SWIFT a girare i tacchi e abbandonare in fretta e furia gli USA, spostando i datacenter in Lussemburgo

    attualmente l'UE ha la possibilità di accedere ai dati SWIFT, anche di cittadini americani, visto che tutte le transazioni internazionali sono presenti nei db in Lussemburgo

    quello che si chiede agli americani è di chiedere se vogliono i dati, portando ovviamente motivazioni reali e non "siamo gli USA e facciamo quel che ci pare"

    la Commissione sta giocando sporco da parecchio e stavolta finisce davanti alla Corte UE con sputtanamento totale in eurovisioneA bocca aperta

    credo che sia venuto il momento per i burocrati non eletti della Commissione di abbassare la cresta

    ok c'avete provato ad instaurare la dittatura UE, non ci siete riusciti, lasciate perdere per ora e riprovate col quinto reichA bocca aperta
    non+autenticato