Mauro Vecchio

UK, la cura Mandelson dietro le quinte

La British Phonographic Industry avrebbe fatto pressione per tagliare fuori dalla rete i siti che violano il copyright. A rivelarlo, un documento trafugato contenente i consigli dell'industria

Roma - C'è un documento recentemente apparso in Rete, datato 8 gennaio 2010. Un documento piuttosto sintetico, sfuggito online alla British Phographic Industry (BPI), l'associazione che nel Regno Unito raccoglie centinaia di etichette tra cui EMI, Sony e Universal. Si intitola Digital Economy Bill: paragrafo 17.

"BPI - si legge nel documento - è convinta che sia vitale, all'interno del Digital Economy Bill, la presenza di alcune predisposizioni per ridurre drasticamente la violazione online del copyright, attraverso ambienti sia di tipo P2P che di tipo non P2P". Si sottolinea inoltre come l'industria discografica britannica abbia discusso a lungo innanzitutto con i fautori della contestata cura Mandelson al file sharing selvaggio.

E poi con i suoi principali oppositori, a partire - come hanno ipotizzato alcuni osservatori - dalla fazione dei liberal-democratici, già protagonisti di un vero e proprio pasticciaccio alla House of Lords. La proposta liberal-democratica, inizialmente contraria al paragrafo 17 del Digital Economy Bill, fornirebbe allo stato attuale all'autorità giudiziaria la possibilità di emanare un'ingiunzione nei confronti di tutti quei siti che si macchino di violazione del copyright. Per obbligare potenzialmente i server che li ospitano a tagliarli fuori dalla Rete.
Un regime legislativo piuttosto simile a quello proposto dalla stessa BPI nel documento dell'8 gennaio scorso. Una completa revisione del paragrafo 17 che dovrebbe formarsi a partire da due elementi chiave.

Il primo, basato su un emendamento del Copyright, Designs and Patent Act del 1988, l'attuale legge britannica sul diritto d'autore. Una nuova sezione 97B della legge, che dovrebbe introdurre proprio la possibilità di obbligare un ISP a bloccare l'accesso ai siti più negligenti, data una specifica richiesta da parte dei legittimi detentori dei diritti.

La nuova sezione 97B - nella visione di BPI - dovrebbe prevedere l'annullamento dell'ingiunzione qualora i responsabili del sito provvedano alla rimozione di tutti i contenuti risultati illeciti. Il secondo elemento chiave illustrato nel documento trafugato consisterebbe nell'assegnare al Segretario di Stato britannico il potere di rivedere la sezione, alla luce di eventuali cambiamenti nelle tecnologie a disposizione.

Rabbiosa la reazione dell'Open Rights Group, che in un articolo apparso sul suo sito ufficiale ha duramente contestato il dietro le quinte rivelato dal documento. "╚ davvero inopportuno che proposte così fondamentali vengano discusse da maggioranza e opposizione dietro le richieste di uno solo delle parti in causa - si legge nell'articolo - Parliamo delle disconnessioni, introdotte da Lord Mandelson la scorsa estate all'ultimo minuto, dopo le evidenti pressioni di BPI e di altri detentori dei diritti".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàUK, sospendere è disconnettere?Alle proteste contro la versione britannica della dottrina Sarkozy il governo risponde ammorbidendo qualche parola. Non basta a convincere i netizen, e un ISP promette battaglia
  • AttualitàSe il file sharing è desertificazionePubblicato l'ultimo rapporto dell'industria del disco sull'andamento del mercato della musica digitale nel 2009. Nazioni come la Spagna rischierebbero un vuoto creativo per colpa di legislatori negligenti
  • AttualitàWiFi, un brindisi al copyrightMulta per il gestore di un pub britannico, dopo che un suo avventore aveva scaricato materiale protetto da copyright attraverso una rete WiFi aperta. I detentori dei diritti ci bevono sopra, attendendo le disconnessioni
  • AttualitàUK, lettera aperta a Lord MandelsonGoogle e compagnia hanno scritto al Segretario di Stato britannico per esprimere le proprie preoccupazioni sul Digital Economy Bill. A rischio il futuro delle tecnologie. E il vento di protesta soffia anche in Spagna
  • AttualitàP2P, la Regina mostra le forbiciDurante un discorso in Parlamento, Elisabetta II ha annunciato i piani del governo per l'economia digitale. Tra questi, l'introduzione delle disconnessioni forzose dei file sharer entro la primavera del 2011
3 Commenti alla Notizia UK, la cura Mandelson dietro le quinte
Ordina
  • ...già dal nome si evince che credono di vivere in un'epoca terminata un secolo fa.


    (non "Phographic")
    Funz
    13017
  • Si conferma l'inutilità di queste richieste: obbligare gli isp a impedire l'accesso a un determinato sito è inutile, data l'enorme disponibilità di sitemi per aggirare queste restrizioni: tunneling, vpn, ecc. ecc.
    L'ordinanza del Tribunale di Bergamo riguardo al sito The Pirate Bay ne è la riprova. Con la navigazione normale effettivamente il sito è irraggiungibile, gli isp ne hanno bloccato l'accesso, ma è sufficiente impostare una navigazione via proxy e il blocco è aggirato.

    Riguardo poi la questione dei server, ne fai chiudere uno ne nascono altri 100. Nel 2006 si diceva che la rete edonkey era caduta sott i colpi delle major. Oggi è viva e vegeta, con nuovi server, sempre aggiornati.

    Non la vogliono proprio capire!
  • - Scritto da: giumy73
    > Si conferma l'inutilità di queste richieste:
    > obbligare gli isp a impedire l'accesso a un
    > determinato sito è inutile, data l'enorme
    > disponibilità di sitemi per aggirare queste
    > restrizioni: tunneling, vpn, ecc.
    > ecc.
    > L'ordinanza del Tribunale di Bergamo riguardo al
    > sito The Pirate Bay ne è la riprova. Con la
    > navigazione normale effettivamente il sito è
    > irraggiungibile, gli isp ne hanno bloccato
    > l'accesso, ma è sufficiente impostare una
    > navigazione via proxy e il blocco è
    > aggirato.
    >
    > Riguardo poi la questione dei server, ne fai
    > chiudere uno ne nascono altri 100. Nel 2006 si
    > diceva che la rete edonkey era caduta sott i
    > colpi delle major. Oggi è viva e vegeta, con
    > nuovi server, sempre
    > aggiornati.
    >
    > Non la vogliono proprio capire!
    per questo meritano la fine
    non+autenticato