Alfonso Maruccia

USA, banda larga in dirittura d'arrivo

Gli Stati Uniti si preparano a presentare l'ambizioso piano che dovrebbe portare il paese nel ventunesimo secolo delle connessioni veloci. Nell'attesa l'FCC dispensa tool di test, ammonimenti agli ISP e inviti su YouTube

Roma - Dopo tanto dibattere sul National Broadband Plan per la rete statunitense del nuovo secolo, la Federal Communications Commission si appresta a svelare al Congresso e al pubblico i contenuti della misura-quadro per il salto di qualità della banda larga negli USA. La scadenza per la presentazione è fissata per martedì prossimo, e FCC inganna l'attesa con una serie di iniziative volte a raccogliere informazioni e pareri ma anche ad ammonire i provider.

Accanto alle numerose lamentele già espresse dall'agenzia federale in passato, la FCC aggiunge ora anche quella sull'insolita tendenza al rialzo dei prezzi per le sottoscrizioni a servizi broadband. "Quando i prezzi aumentano per tutta l'industria, e quando c'è solo un numero limitato di partecipanti a una partita - dice il commissario della FCC Mignon Clyburn - dobbiamo chiederci se ci sia una qualche significativa competizione nell'ambito del mercato".

I dubbi sulla possibile volontà degli ISP di fare fronte comune e mantenere i prezzi artificialmente all'insù dovrebbero tramutarsi in un vero e proprio allarme, continua Clyburn, quando i dirigenti degli Internet provider dicono di voler incrementare la velocità delle connessioni solo in zone selezionate in cui si trovano a fronteggiare le offerte della concorrenza.
La FCC preannuncia i possibili, futuri terreni di scontro sulle modalità di business promosse dai provider statunitensi, mentre il presente è dedicato soprattutto a preparare la platea per la presentazione del piano sulla broadband il prossimo 16 marzo.

Gli utenti potranno usare YouTube per proporre e votare le domande da porre al presidente della commissione Julius Genachowski in seguito alla presentazione, mentre la FCC ha approntato una serie di strumenti di test per il controllo della velocità di connessione e la comunicazione di informazioni utili riguardo le reali esigenze di connettività della popolazione.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàFCC: più megabit per tuttiIl piano per la banda larga nazionale è quasi pronto, e l'ente federale snocciola i primi dettagli. L'obiettivo è ridare la leadership della banda larga agli USA entro la fine del decennio
  • AttualitàFCC: la via del broadband è intasataPubblicato uno studio preparatorio al piano nazionale entro il 2010. Gli utenti stressano troppo il network e ci vorranno fino a 350 miliardi di dollari per la copertura totale del paese
1 Commenti alla Notizia USA, banda larga in dirittura d'arrivo
Ordina