Alfonso Maruccia

GoogleTV, il set-top box te lo fai tu

A Mountain View starebbero lavorando per conquistare l'ennesimo schermo. Gli interessati non confermano, mentre nel settore mobile il marchio Google sembra arrancare

GoogleTV, il set-top box te lo fai tuRoma - Dopo aver fatto comparire il suo logo stilizzato sugli schermi dei computer e degli smartphone di mezzo mondo, indiscrezioni non confermate attribuiscono a Google la volontà di approdare anche sullo schermo per antonomasia del secolo scorso, quello del televisore. Google TV sarebbe una nuova piattaforma basata sul sistema operativo open source Android e i processori Atom di Intel, un nuovo standard di mercato che dovrebbe idealmente trasformare i set-top box in dispositivi capaci di fondere in armonia Internet e l'approccio televisivo alla fruizione dei contenuti digitali.

Secondo le solite voci ufficiose ma ben informate sui fatti citate dal New York Times e dal Wall Street Journal, Google lavora da mesi al progetto "TV" con partner del calibro di Sony, Intel e Logitech. Trattandosi di Android, una delle caratteristiche prominenti della piattaforma sarà la disponibilità delle più svariate applicazioni software e il relativo marketplace per l'acquisto. La navigazione sul web trarrà poi giovamento da una versione custom del browser Chrome, mentre a Logitech spetterebbe il compito di realizzare dispositivi di input specifici.

L'obiettivo principale del supposto progetto Google TV è immaginabile: il colosso di Mountain View potrebbe mirare a estendere la propria sfera di influenza su quello che ancora rappresenta il centro del focolare domestico nelle abitazioni tecnologicamente meno interconnesse, sfruttando una possibile, stretta integrazione fra Internet, le applicazioni web e il tradizionale modello d'uso della televisione come testa di ponte per raggranellare una fortuna con la percentuale di guadagno sulle app e l'advertising veicolato attraverso la piattaforma.
Che Android e il mondo dei set-top box/multimedia center potessero incontrarsi era d'altronde una possibilità già ventilata da quasi un anno, e in tal senso le indiscrezioni dei quotidiani statunitensi rappresenterebbero più una conferma che una vera novità. In attesa di verificare se il marchio Google approderà anche sui televisori, a ogni modo, è interessante sottolineare come i vari mercati rispondano in maniera eterogenea ai molti tentativi di approccio di Mountain View.

Gli smartphone marchiati Google, tanto per cominciare, sembrano dimostrarsi tutto fuorché un successo: nei primi 74 giorni di commercializzazione, il Nexus One ha venduto solo una piccola frazione delle unità dei concorrenti (Motorola DROID e Apple iPhone soprattutto) cifre nell'ordine di 1 milione e oltre contro 135mila o giù di lì. Internet e le appliance multimediali remote, inoltre, sono già da tempo approdate sui televisori degli utenti grazie al proliferare di DVR, PVR, mediacenter, hard disk multimediali e network media tank (NMT) con hard disk incorporato, connettività avanzata e porte di I/O per ogni gusto.

Google questa volta giocherebbe insomma da ultimo arrivato in un mercato in pieno divenire, e non è detto che la riconoscibilità del suo marchio sia sufficiente a "sfondare" su uno schermo domestico già ampiamente conteso. Osservando la situazione da questo punto di vista, l'esigenza di sviluppare un'interfaccia base dotata di sufficiente appeal per la tipologia di utenza "da salotto" non sembrerebbe che uno dei tanti nodi da sciogliere per Mountain View.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • BusinessAndroid sposa MIPS, sale sul netbook cineseIl port di Android per le architetture MIPS aprirà le porte a questo OS verso il settore dei set-top box e delle appliance. Nel frattempo, il sistema operativo di BigG debutterà su un netbook touch screen
44 Commenti alla Notizia GoogleTV, il set-top box te lo fai tu
Ordina
  • il futuro sarà questo, TV on demand, niente più rai, mediaset etc, solo fornitori di contenuti e un paio di distributori, (non responsabili di quello che viene messo in onda) i finanziamenti saranno con la pubblicità con canoni o on demand, ci saranno contenuti in streeming, sport spettacoli etc. e altri registrati.
    Dimenticavo butteremo i decoder per dei modem ADSL.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pietro
    > il futuro sarà questo, TV on demand, niente più
    > rai, mediaset etc, solo fornitori di contenuti e
    > un paio di distributori, (non responsabili di
    > quello che viene messo in onda) i finanziamenti
    > saranno con la pubblicità con canoni o on demand,
    > ci saranno contenuti in streeming, sport
    > spettacoli etc. e altri
    > registrati.
    > Dimenticavo butteremo i decoder per dei modem
    > ADSL.

    ADSL?
    mmhhmm.. non credo ci vorrà qualcosa di meglio!
    non+autenticato
  • > ADSL?
    > mmhhmm.. non credo ci vorrà qualcosa di meglio!
    probabile ma le tecnologie di trasmissione si evolvono e anche i metodi di compressione
    non+autenticato
  • - Scritto da: pietro
    > > ADSL?
    > > mmhhmm.. non credo ci vorrà qualcosa di meglio!
    > probabile ma le tecnologie di trasmissione si
    > evolvono e anche i metodi di
    > compressione

    Non è questione di compressione il problma è che col rame hai dei limiti precisi (distanza vs banda).
    Con fth (fiber to home) il problema non sussiste.
    non+autenticato
  • - Scritto da: pietro
    > Dimenticavo butteremo i decoder per dei modem
    > ADSL.

    Modem con linea 7Mb/s, di cui solo mezzo effettivo?
  • Apple ci ha provato senza successo, Google sta rischiando.
  • - Scritto da: suoranciata
    > Apple ci ha provato senza successo, Google sta
    > rischiando.

    la 'DBOX2' ha sancito anni fa la morte dei mediacenter pc
    non+autenticato
  • - Scritto da: suoranciata
    > Apple ci ha provato senza successo, Google sta
    > rischiando.

    Apple non aveva mica you tube e lo share nell'Adverising cha ha google!
    Non ti pare?
    non+autenticato
  • Possiedo già un box digitale terrestre con possibilità di registrare e riprodurre su periferiche USB, e questo potrebbe essere la naturale evoluzione. È vero che già la Microsoft ci aveva provato con Media Center, e non aveva attaccato, ma questo sistema mi sembra migliore.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Possiedo già un box digitale terrestre con
    > possibilità di registrare e riprodurre su
    > periferiche USB...Microsoft
    > ci aveva provato con Media Center...

    PC che fa da Media center=esperimento fallimentare (sopratutto se basato su win)...
    Invece di media center che fanno anche da pc ce ne sono un sacco, basta procurarsi un box linux based ed il gioco è fatto!
    Per chi chailgrano ci sono anche dei sat settopo box basati su x86...
    non+autenticato
  • almeno per me .. cosi a caldo dopo aver letto la news, ho pensato al fatto che io guardo molti telefilm e cartoni sottotitolati in streaming su web, non mi interessa tanto la qualità, quanto la velocità/facilità nel trovarli

    da quale sito li guardo? i feed dei vari siti finiscono tutti su ..... google reader, con la possibiltà di commentarli, pin e condivisione su buzz e facebook!

    se google mi tira fuori qualcosa simile all'apple ... ma che sia veramente aperto per tutto quello che ci voglio fare io , per me andrebbe benone!
    non+autenticato
  • > se google mi tira fuori qualcosa simile all'apple
    > ... ma che sia veramente aperto per tutto quello
    > che ci voglio fare io , per me andrebbe
    > benone!
    Aperto?
    In che senso?
    I prodotti google si usano praticamente solo con i servizi google.
    L'apertura esiste, ma è del tutto fittizia, sempre google di mezzo c'è.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Davi

    > Aperto?
    > In che senso?

    Nell'unica accezione chiara e condivisa, sempre se escludiamo il FUD di apple o di adobe di questi tempi.
    Aperto a livello di formati.

    Se poi l'azienda che ti offre il servizio, ti consiglia il suo software/Hardware è mercato... se ti obbliga non è più mercato...
    non+autenticato
  • motorola droid concorrente di nexus one??...
    Piccola informazione per l'autore il dorid è tutto fuorché che concorrente visto che oltre ad essere sempre un terminale andorid è anche google experience quindi tutto curato e gestito direttamente da google, dalla progettazione alla manutenzione del codice.
    Infatti chi va ad acquistare il nexus one sul sito ma lo vuole su verizon è google stessa a proporli il droid intanto che esce il nexus one cdma.
    Autori informatevi, nessun teminale con android è concorrente di google a google gli interessa l'os non il terminale che lo monta.
    non+autenticato
  • capirai ... su tutti i siti di questo mondo è stato pubblicato fino all'eccesso quel grafico in cui si dice che nei primi 70 giorni Motorola droid ha venduto un milione e qualcosa, iphone ha venduto un milione e qualcosaltro, il nexus one ha venduto centinaia di migliaia
    devi capirli sti troll .. guardano solo i disegni e sparlano

    a me lascia pensare che nessuno abbia notato che il droid ha venduto leggermente meglio di iphone, e nessuno se n'è uscito che motorola è l'anti iphone con i controcavoli!!!
    (forse per la tastiera fisica, effettivamente anch'io col mio bel 5800 non lo considero + di tanto
    non+autenticato
  • - Scritto da: hp suck
    > capirai ... su tutti i siti di questo mondo è
    > stato pubblicato fino all'eccesso quel grafico in
    > cui si dice che nei primi 70 giorni Motorola
    > droid ha venduto un milione e qualcosa, iphone ha
    > venduto un milione e qualcosaltro, il nexus one
    > ha venduto centinaia di
    > migliaia
    > devi capirli sti troll .. guardano solo i disegni
    > e
    > sparlano
    >
    > a me lascia pensare che nessuno abbia notato che
    > il droid ha venduto leggermente meglio di iphone,
    > e nessuno se n'è uscito che motorola è l'anti
    > iphone con i
    > controcavoli!!!
    > (forse per la tastiera fisica, effettivamente
    > anch'io col mio bel 5800 non lo considero + di
    > tanto

    Oltretutto nessuno si è chiesto come mai Apple ha attaccato HTC e non Motorola (o addirittura direttamente Google).
    Il motivo è banale!
    Si chiama FIFA (non quella del calcio).
    Motorola ha (sui cellulari) un portafoglio brevetti da paura e molto "antico e consolidato" e rompergli le scatole può essere pericolosissimo per le quasi certe "contromisure di strike back".
    Mentre google come avversario diretto rischia di essere un boccone troppo grosso e troppo amaro e anche lei con ampie possibilità di "strike back" sui servizi (iphone senza i servizi di google rischierebbe molto del suo appeal per gli utenti).
    Morale hanno provato con HTC sperando che, non essendo americana (spese legali in più) magari chiedesse un settlement e stabilisse un "precedente" con cui minacciare indirettamente gli altri 2!
    Pare che non gli sia andata bene, stante il comunicato di HTC!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enrico
    > motorola droid concorrente di nexus one??...
    > Piccola informazione per l'autore il dorid è
    > tutto fuorché che concorrente visto che oltre ad
    > essere sempre un terminale andorid è anche google
    > experience quindi tutto curato e gestito
    > direttamente da google, dalla progettazione alla
    > manutenzione del
    > codice.
    > Infatti chi va ad acquistare il nexus one sul
    > sito ma lo vuole su verizon è google stessa a
    > proporli il droid intanto che esce il nexus one
    > cdma.
    > Autori informatevi, nessun teminale con android è
    > concorrente di google a google gli interessa l'os
    > non il terminale che lo
    > monta.
    Quotone!
    era ora che qualcuno se ne accorgesse!
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 7 discussioni)