Claudio Tamburrino

iPad, è corsa alla pubblicità sul tablet

La gara per l'advertising è iniziata: il Wall Street Journal spiega come si stanno muovendo i magazine. Nel frattempo Microsoft si lascia scappare che il suo Courier sarebbe imminente

Roma - Il Wall Street Journal ha fatto trapelare le prime informazioni sulla sua applicazione su iPad: secondo quanto rivelato, l'abbonamento dovrebbe costare 17,99 dollari al mese. Circa dieci dollari in meno della versione cartacea. Quello che viene evidenziato dalle anticipazioni raccolte, tuttavia, è il successo e l'appeal che avrebbero le versioni per iPad dei giornali per gli sponsor e i contratti pubblicitari: l'hype costruito dalla presentazione di Steve Jobs ha sicuramente influenzato le scelte degli investitori.

Per quanto riguarda il Journal, contratti pubblicitari dal valore di 400mila dollari per i primi quattro mesi di attività sarebbero stati sottoscritti già da Coca-Cola e FedEx.

Informazioni trapelano, d'altronde, anche sulle mosse degli altri giornali e riviste che si apprestano a buttarsi sul tablet: Time magazine ha già firmato accordi pubblicitari con Unilever, Toyota Motor, Fidelity Investiment, e altri sulla base di 200 mila dollari per ogni singolo spot in uno dei primi otto numeri della rivista su iPad.
Condé Nast sta invece offrendo per Wired diversi livelli di pubblicità, a seconda delle pagine, con la possibilità per esempio per coloro che acquisteranno più di otto pagine in un singolo numero di accedere a contenuti video e multimediali. Sport Illustrated ha invece lasciato trapelare tre prototipi di video promozionali, incluso uno per la Ford Mustang che contiene un mini video-game che sfrutta le capacità di iPad. Men's Health ha invece in programma di offrire gratuitamente 10 pagine delle sue edizioni di aprile e maggio con la promozione di un prodotto Gillette.

Gli editori, tra l'altro, starebbero chiedendo di acquistare pubblicità anche per l'edizione cartacea, come condizione per apparire su quella del dispositivo con la Mela.

Oltre agli editori, poi, ci sarebbe almeno un canale televisivo che si appresta a mettere a disposizione i suoi contenuti sul nuovo device sfornato da Apple: si tratta di CBS, che starebbe perfezionando una versione del proprio sito in HTML5. Compatibile, per altro, anche iPhone.

Anticipazioni, che hanno però il sapore delle indiscrezioni in attesa di conferma, arrivano anche dal fronte iBookStore: sembrerebbe, da uno screenshot trapelato, che la gran parte dei best-seller (27 volumi) sarebbero in vendita a 9,99 dollari, con solo alcuni (5 titoli) con il prezzo di 12,99 dollari.

Sarebbe questa sicuramente una conferma di alcune previsioni, ma una sorpresa rispetto alla vicenda che vedeva contrapposte le case editrici ad Amazon sull'entità del prezzo da fissare per le nuove uscite: ci si aspettava sul dispositivo Apple una cifra tra i 12,99 e i 14,99 dollari, cifra evidentemente smentita da queste indiscrezioni (non confermate).

Sarebbe confermata, invece, l'effettiva esistenza di Courier, il tablet di Microsoft: a dirlo osservatori e indizzi che parlano anche di un imminente lancio. È stato peraltro indirettamente suggerito in un blog della stessa Microsoft, The JobsBlog. Parole che ben presto sono state però eliminate.

L'arrivo del device di Microsoft contribuirebbe a rendere ancora più concitata e stimolante la corsa al tablet e la fruizione di contenuti digitali che ha in mente Apple con iPad.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàDa Apple, al discount degli ebookFonti vicine alla Mela hanno rivelato che i prezzi dei libri elettronici su iPad potrebbero essere addirittura più bassi di quelli di Amazon. Mentre qualcuno si chiede se si assisterà o meno alla morte dei contenuti di qualità
  • BusinessScatta il toto-iPad di D. Galimberti - Quanti iPad si venderanno? Uno, nessuno e centomila. Predire oggi come andrà a finire la nuova scommessa di Apple è impossibile. Ma analisti e istituti di ricerca si sbizarriscono sul tema
  • AttualitàSu iPad ci sarà anche Amazon?Presenta l'app Kindle anche per iPad. Entro il fine settimana c'è poi da attendersi il rush finale degli sviluppatori che intendano arrivare primi sull'app store
  • BusinessEditoria, il futuro in un'appMentre Macmillan mette in mostra le nuove direttive aziendali, Penguin illustra le novità con cui uscirà su iPad
  • AttualitàiPad contro Kindle, e i prezzi vanno suAnche Hachette chiede di stabilire da sé i prezzi sulla piattaforma di Amazon. Spariscono uno dopo l'altro i volumi a 9,99 dollari. La competizione non giovava al mercato?
128 Commenti alla Notizia iPad, è corsa alla pubblicità sul tablet
Ordina
  • - Scritto da: ruppolo
    > http://www.appleinsider.com/articles/10/03/26/publ
    >
    > L'iPad è un ariete, chi tenterà di fermarlo verrà
    > travolto.

    "Where is my HTML5 development tool?"

    Ecco vedi questa è una bella domanda.

    Totalmente d'accordo sull'abbandonare Flash in favore di HTML5 però allo stato attuale sviluppare in HTML5 + CSS3 è assai ostico per grafici abituati a fare quello che vogliono in Flash (e che spesso sono a digiuno di programmazione).

    Adobe non muoverà il suo culone pigro svecchiando Dreamweaver e lo capisco ma almeno Apple avrebbe dovuto tirare fuori un suo software di sviluppo.

    Fan LinuxFan Apple
  • - Scritto da: FinalCut
    > "Where is my HTML5 development tool?"
    >
    > Ecco vedi questa è una bella domanda.

    Eh, si vuole sempre la pappa pronta...

    > Totalmente d'accordo sull'abbandonare Flash in
    > favore di HTML5 però allo stato attuale
    > sviluppare in HTML5 + CSS3 è assai ostico per
    > grafici abituati a fare quello che vogliono in
    > Flash (e che spesso sono a digiuno di
    > programmazione).

    So perfettamente di cosa parli, ho "sviluppato" anch'io in Flash.

    > Adobe non muoverà il suo culone pigro svecchiando
    > Dreamweaver e lo capisco ma almeno Apple avrebbe
    > dovuto tirare fuori un suo software di
    > sviluppo.

    E perché mai lo avrebbe dovuto fare proprio Apple? È una semplice domanda, intendiamoci.
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo

    >
    > E perché mai lo avrebbe dovuto fare proprio
    > Apple? È una semplice domanda,
    > intendiamoci.

    Perché è lei che ha iniziato giustamente la crociata contro Flash, quindi sarebbe stato strategicamente utile fornire tutte le armi necessarie a chi volesse seguirla.

    Perché nessuno saprebbe farlo meglio di lei.

    E poi perché lo ha già fatto tante volte nel corso della storia, Mac Paint, Mac Write, Hypercard, QuickTime, iLife, FinalCut Pro, DVD Studio Pro... tanto per citarne alcuni sono tutti software che hanno creato/spinto un mercato e relative tecnologie.

    D'altronde se Adobe spinge per Flash non si suiciderà mai facendo lei un tool per html5.

    Quindi ripeto
    "Where the f*ck is my HTML5 development tool?" Sorpresa

    Fan LinuxFan Apple
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 27 marzo 2010 00.27
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: FinalCut
    > - Scritto da: ruppolo
    >
    > >
    > > E perché mai lo avrebbe dovuto fare proprio
    > > Apple? È una semplice domanda,
    > > intendiamoci.
    >
    > Perché è lei che ha iniziato giustamente la
    > crociata contro Flash, quindi sarebbe stato
    > strategicamente utile fornire tutte le armi
    > necessarie a chi volesse
    > seguirla.

    Crociata contro Flash? Allora perché distribuisce Flash con OS X?
    Io non vedo nessuna crociata, vedo solo la semplice presa si coscienza che Flash su iPhone è improponibile.
    Improponibile sia a livello di interfaccia (la questione dei rollover) che di impegno di risorse (che richiedono GIUSTAMENTE potenza di classe PC) che di peso globale della pagina (pensata per velocità di classe ADSL).

    > Perché nessuno saprebbe farlo meglio di lei.
    Dato che la questione principale riguarda i banner pubblicitari (e non certo i filmati né i giochini - che fai, giochi a Farmville su iPhone?) Apple ha già la soluzione, non ti preoccupare. Su iPad la vedremo, se non subito, entro breve.

    > E poi perché lo ha già fatto tante volte nel
    > corso della storia, Mac Paint, Mac Write,
    > Hypercard, QuickTime, iLife, FinalCut Pro, DVD
    > Studio Pro... tanto per citarne alcuni sono tutti
    > software che hanno creato/spinto un mercato e
    > relative
    > tecnologie.

    E anche stavolta arriverà la soluzione by Apple, tempo al tempo.

    > D'altronde se Adobe spinge per Flash non si
    > suiciderà mai facendo lei un tool per
    > html5.
    Adobe (come Microsoft) ormai è diventata un pachiderma che si muove con la velocità dei pachidermi, quindi è scesa dalla piramide dell'ecosistema, diventando facile preda di chi sa muoversi con velocità. Con iPad (e i tablet in generale) risulterà molto evidente.

    > Quindi ripeto
    > "Where the f*ck is my HTML5 development tool?" Sorpresa

    Per ora si fa a manina, come una volta. Il www è nato ben prima di Dreamweaver.
    ruppolo
    33147
  • Sei proprio un rappresentante della mela!
    Triste
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > Sei proprio un rappresentante della mela!
    > Triste

    E se anche fosse (ma non è) perché quella faccia? Sarebbe una figura di cui vergognarsi?
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: FinalCut

    > > Perché è lei che ha iniziato giustamente la
    > > crociata contro Flash, quindi sarebbe stato
    > > strategicamente utile fornire tutte le armi
    > > necessarie a chi volesse
    > > seguirla.
    >
    > Crociata contro Flash? Allora perché distribuisce
    > Flash con OS
    > X?
    > Io non vedo nessuna crociata, vedo solo la
    > semplice presa si coscienza che Flash su iPhone è
    > improponibile.

    E dai non scherziamo...
    http://www.macitynet.it/macity/articolo/Jobs_Apple...

    Sono indolenti ; avrebbero tutto il potenziale per fare cose interessanti, ma semplicemente si rifiutano di farlo. [..] Noi non li seguiamo su Flash perché è clamorosamente pieno di bug. Quando un Mac va in crash per la maggior parte delle volte è colpa di Flash. Tra un po' nessuno userà più Flash perché il mondo va verso HTML5

    Se non è una (giusta) crociata contro flash questa, cosa lo è?

    > Improponibile sia a livello di interfaccia (la
    > questione dei rollover) che di impegno di risorse
    > (che richiedono GIUSTAMENTE potenza di classe PC)
    > che di peso globale della pagina (pensata per
    > velocità di classe
    > ADSL).

    E qui ti quoto in pieno, Flash ha rappresentato una valida alternativa solo ad un web dominato al 98% da IE6. Oggi le cose stanno in maniera differente.

    > > Perché nessuno saprebbe farlo meglio di lei.
    > Dato che la questione principale riguarda i
    > banner pubblicitari (e non certo i filmati né i
    > giochini - che fai, giochi a Farmville su
    > iPhone?) Apple ha già la soluzione, non ti
    > preoccupare. Su iPad la vedremo, se non subito,
    > entro breve.

    Si ok, "iAds", annunciato ieri, ma non mi riferivo solo ai banner in Flash, me i banner vanno benissimo quelli testuali di AdWord, poco invasivi e funzionali.

    Flash è molto altro, per esempio questo:
    http://barcelona.arounder.com/en/park/park-guell/p...

    La cosa triste è che fu Apple a segnare il via di questa tecnologia QuickTime Virtual Reality
    ed oggi non c'è alcun modo di vedere un VR su iPhone da un sito internet, perché Flash è fuori causa ma anche QuickTime X non legge più i QTVR.

    Ok, ci sono delle App che lo fanno ma non puoi vederli da Safari; su iPhone poco male ma su iPad la trovo una grave mancanza al momento...

    Ti ho fatto un esempio di una ex-tecnologia Apple ma potrei farti altri esempi di usi funzionali che oggi vivono una vita di mezzo tra Flash e HTML5

    > > E poi perché lo ha già fatto tante volte nel
    > > corso della storia
    >
    > E anche stavolta arriverà la soluzione by Apple,
    > tempo al tempo.

    Sono passati 3 anni dal lancio di iPhone, potrebbero darsi una mossa, sarebbe gradita.

    Io come sai lavoro in una agenzia creativa e sentiamo (come azienda perché a livello personale me ne importa meno visto che lavoro sul video) questi problemi come molto pressanti.

    Finché si trattava solo di iPhone e di web in mobilità il problema non era tanto grave ma con iPad i nodi vengono al pettine e la cosa si fa seria. Dato che iPad ha uno schermo, un processore e una connessione Wifi (ADSL) di classe desktop o quantomeno di ci avvicina molto.

    > > D'altronde se Adobe spinge per Flash non si
    > > suiciderà mai facendo lei un tool per
    > > html5.
    > Adobe (come Microsoft) ormai è diventata un
    > pachiderma che si muove con la velocità dei
    > pachidermi, quindi è scesa dalla piramide
    > dell'ecosistema, diventando facile preda di chi
    > sa muoversi con velocità. Con iPad (e i tablet in
    > generale) risulterà molto
    > evidente.

    Speriamo, ma non vedo lepri in giro al momento.

    > > Quindi ripeto
    > > "Where the f*ck is my HTML5 development tool?"
    >Sorpresa
    >
    > Per ora si fa a manina, come una volta. Il www è
    > nato ben prima di
    > Dreamweaver.

    Ma il www si è evoluto parecchio nel frattempo. Vallo a dire ad una ragazza di 22 anni che ha sempre usato Flash che per fare un sito con una interattività tutto sommato banale come questo:

    http://www.panic.com/coda/

    Deve studiarsi HTML + CSS3.

    Posso essere d'accordo che uno sviluppatore non deve usare tool WYSIWYG, ma perché per realizzare un impaginato di una rivista si può usare inDesign (che ragiona esattamente come il web con fogli di stile, paragrafi, head, tabelle, colonne, margini, etc...) e per fare un sito come quello devi fare tutto a manina?

    Comunque il mio voleva solo essere uno sfogo al disagio che attualmente tutta sta storia di HTML5 sta creando senza che nessuno (Adobe ed Apple in primis) si ponga il problema di come aiutare le agenzie e i piccoli studi che affrontano costi per seguire la tecnologia e fare cose che prima facevano (con Flash) molto più semplicemente.

    Fan LinuxFan Apple
  • Ci siete solo voi macachi disposti ad accettare certe robe. Praticamente io mi compro sta roba, la batteria non posso sostituirla io (quante polemiche quando ci provarono con iPod, poi la Apple fece marcia indietro e ora è tornata ancora sui suoi passi), quando non tiene più la ricarica devo fare un back up di tutto e mandare il "mio" (mio per modo di dire) iPad in assistenza a far sostituire la batteria per 100 dollari + spese spedizione (conoscendo la Apple qui lo farà per 99.99 euro). Per far questo però, l'iPad deve essere in regola (il programma non sarà disponibile per quei dispositivi danneggiati da contatto con liquidi, smontaggi non autorizzati o se il prodotto non funziona correttamente a causa di un altro componente interno che non sia la batteria) altrimenti non mi sostituiscono un bel niente. Passato l'esame, vengo poi a sapere che in realtà non mi sostituiscono la batteria, ma mi danno un iPad ricondizionato! Solo che ricondizionato per la Apple diventa un vanto (ti danno la scocca nuova, certo certo)! Però c'è un però: io il mio iPad l'ho tenuto coi guanti, e magari mi ritrovo l'iPad ricondizionato di un ragazzino brufoloso che si scassa dopo un mese che ce l'ho in mano. Boh? Più che comprare, mi sembra di prendere a noleggio. Io non accetterei mai condizioni del genere da qualsiasi costruttore, ma non son macaco e quindi non posso capire.
    non+autenticato
  • È quello che dicevo anche io: a questo punto, tanto vale che la Apple smetta di vendere iPad e iPhone ai privati, e li dia solo a noleggio, o in comodato (ad esempio, la Apple vende l'iPhone alla tim, tu fai l'abbonamento alla tim, e nell'abbonamento è compreso il comodato del telefono). Una formula simile a quella dei decoder di Sky, insomma: all'atto pratico, funzionerebbe come adesso, ma dal punto di vista economico e legale sarebbe un contratto molto più chiaro.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > È quello che dicevo anche io: a questo punto,
    > tanto vale che la Apple smetta di vendere iPad e
    > iPhone ai privati, e li dia solo a noleggio, o in
    > comodato (ad esempio, la Apple vende l'iPhone
    > alla tim, tu fai l'abbonamento alla tim, e
    > nell'abbonamento è compreso il comodato del
    > telefono). Una formula simile a quella dei
    > decoder di Sky, insomma: all'atto pratico,
    > funzionerebbe come adesso, ma dal punto di vista
    > economico e legale sarebbe un contratto molto più
    > chiaro.

    È quello che fa in tutto il mondo tranne che in Italia e in Cina, dove si possono anche comprare a prezzo pieno. E io l'ho comprato a prezzo pieno, con grande soddisfazione.
    ruppolo
    33147
  • Tu proveresti molta soddisfazione anche a prendere degli schiaffoni da Steve, quindi non fai testo.
    non+autenticato
  • Mah sapendo che tu vieni preso a pesci in faccia ad ogni tuo post su PI...direi che il sadomaso sei tu

    ah già: bla bla bla
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Una formula simile a quella dei
    > decoder di Sky, insomma: all'atto pratico,
    > funzionerebbe come adesso, ma dal punto di vista
    > economico e legale sarebbe un contratto molto più
    > chiaro.


    Quoto. Sono convinto che se molti sapessero "da subito" come stanno le cose, magari ci penserebbero sopra un pò di più prima di noleggiare acquistare.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > Ci siete solo voi macachi disposti ad accettare
    > certe robe.

    Se più macaco tu di tutti i macachi messi insieme, da quello che scrivi.

    > Praticamente io mi compro sta roba,
    > la batteria non posso sostituirla io

    Se vuoi sostituire batterie ti consiglio un bella automobile telecomandabile a pile e un bel scatole di pile, cos' ti puoi divertire a cambiarle ogni poche ore, visto che cambiare batterie è la cosa che ti interessa di più. E magari tra un cambio e l'altro ti diverti pure.
    A proposito, hai la macchina vera o sei ancora ragazzino?

    > (quante
    > polemiche quando ci provarono con iPod, poi la
    > Apple fece marcia indietro e ora è tornata ancora
    > sui suoi passi),
    Mai successo, tutti gli iPod hanno da sempre la batteria interna non sostituibile dall'utente.

    > quando non tiene più la ricarica
    > devo fare un back up

    Il backup si fa spesso e per altre, ovvie, ragioni. Che si riduce ad attaccare il dispositivo al computer, al resto pensa lui.

    > di tutto e mandare il "mio"
    > (mio per modo di dire) iPad in assistenza a far
    > sostituire la batteria per 100 dollari + spese
    > spedizione (conoscendo la Apple qui lo farà per
    > 99.99 euro).
    E dove sta il problema?

    > Per far questo però, l'iPad deve
    > essere in regola (il programma non sarà
    > disponibile per quei dispositivi danneggiati da
    > contatto con liquidi, smontaggi non autorizzati o
    > se il prodotto non funziona correttamente a causa
    > di un altro componente interno che non sia la
    > batteria
    ) altrimenti non mi sostituiscono un
    > bel niente.
    In quel caso ti sostituiscono l'apparecchio ad un costo maggiore.

    > Passato l'esame, vengo poi a sapere
    > che in realtà non mi sostituiscono la batteria,
    > ma mi danno un iPad ricondizionato! Solo
    > che ricondizionato per la Apple diventa un
    > vanto (ti danno la scocca nuova, certo certo)!
    > Però c'è un però: io il mio iPad l'ho tenuto coi
    > guanti, e magari mi ritrovo l'iPad
    > ricondizionato di un ragazzino
    > brufoloso che si scassa dopo un mese che ce l'ho
    > in mano.
    Con la scocca e la batteria nuovi è come nuovo. Le schede all'interno non sono soggette a invecchiamento né a danni da ragazzi brufolosi.

    > Boh? Più che comprare, mi sembra di
    > prendere a noleggio. Io non accetterei mai
    > condizioni del genere da qualsiasi costruttore,
    > ma non son macaco e quindi non posso
    > capire.

    Io si e ho già sfruttato 2 volte la garanzia per l'iPhone, ottenendone sempre uno praticamente nuovo, e con ulteriore garanzia.
    ruppolo
    33147
  • E' quel "praticamente" che non mi convince.
    E aggiungo che nei vostri forum se ne leggono delle belle sugli interventi fuori garanzia.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > E' quel "praticamente" che non mi convince.

    Perché, quello che gli porti tu, dopo 2-3-4 anni, con la batteria da cambiare, com'è? "Teoricamente" nuovo?

    > E aggiungo che nei vostri forum se ne leggono
    > delle belle sugli interventi fuori
    > garanzia.

    Trovami qualche produttore che, fuori garanzia, ti sostituisce un apparecchio da 700 euro, GUASTO, con 200 euro...
    ruppolo
    33147
  • La guerra dei Tablet è appena cominciata! E di questo rendo il merito a voi, macachi! Del resto se non arriva Steve ad iScurreggiare sul palco, nessuno si accorge dell'esistenza di dispositivi vecchi di 10 anni.

    Comunque fate pure i vostri giochini su questi dispositivi castrati. Io aspetto che arrivi il Tablet ammazza Laptop: quello su cui potrò usare le stesse applicazioni che uso sul Desktop e che mi permetterà di lavorare seduta stante, mentre voi macachi sarete impegnati a districarvi tra il MacBook e l'iPad.
    non+autenticato
  • Dal titolo mi ero illuso che ci raccontassi la storia di iPadme e Darth Courier Triste
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > Io aspetto

    Tipico utente Windows.

    > che arrivi il
    > Tablet ammazza Laptop:

    È già arrivato, ma tu attendi pure il prossimo...

    > quello su cui potrò usare
    > le stesse applicazioni che uso sul Desktop

    Come è avvenuto nel 1977, sui Desktop si usavano i perforatori di schede e i database, così gli utenti hanno potuto lavorare seduta stante...

    > e che
    > mi permetterà di lavorare seduta stante, mentre
    > voi macachi sarete impegnati a districarvi tra il
    > MacBook e
    > l'iPad.

    Ma certo, saremo impegnati a districarci tra migliaia di programmi specifici per i nostri computer.

    Buona attesa, eh Rotola dal ridere
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Certo certo
    > > Io aspetto
    >
    > Tipico utente Windows.
    >
    > > che arrivi il
    > > Tablet ammazza Laptop:
    >
    > È già arrivato, ma tu attendi pure il prossimo...

    E' arrivato? Sul serio? Non me ne sono accorto.
    Ma forse intendi l'iPad!? Naaaaaaaaaaa!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > - Scritto da: ruppolo
    > > - Scritto da: Certo certo
    > > > Io aspetto
    > >
    > > Tipico utente Windows.
    > >
    > > > che arrivi il
    > > > Tablet ammazza Laptop:
    > >
    > > È già arrivato, ma tu attendi pure il
    > prossimo...
    >
    > E' arrivato? Sul serio? Non me ne sono accorto.
    > Ma forse intendi l'iPad!? Naaaaaaaaaaa!

    Seeeeeeeeeee!
    ruppolo
    33147
  • Seeeeee col cavolo che puoi rimpiazzare un laptop con l'iPad. Se poi usi il laptop solo per scrivere qualche email, allora non discuto.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > Seeeeee col cavolo che puoi rimpiazzare un laptop
    > con l'iPad. Se poi usi il laptop solo per
    > scrivere qualche email, allora non
    > discuto.

    Diciamo che per utilizzo casalingo potrebbe soddisfare il 99% delle persone. E in ambito professionale un altro 15%.
    Ma soprattutto entra secco in ambiti nei quali nessun tipo di computer è mai entrato: utenti in età avanzata e le professioni che richiedono di lavorare in piedi. Non saranno grandi percentuali, ma è pur sempre una innovazione, in questi ambiti.
    ruppolo
    33147
  • Sarà ... ma a me la politica macaca proprio non piace. Quando compro una roba (qualsiasi cosa sia) quella è mia. Ci faccio sopra ancora le tacche come quando ero piccolo per riconoscerla da quella degli altri. Con Apple invece si ha la sensazione di avere in prestito e non di possedere l'oggetto.

    Apple ha da poco pubblicato una pagina di supporto riguardante il servizio di sostituzione per la batteria di iPad. Sebbene la parola "sostituzione" riguardi la batteria, il programma prevede la sostituzione dell'intero dispositivo con uno, molto probabilmente, ricondizionato.
    Quindi agli svantaggi tanto criticati, derivanti dal non avere una batteria rimovibile, si affianca il vantaggio di ottenere un nuovo dispositivo, qualora la batteria si esaurisse dopo il termine della garanzia. Quasi la stessa procedura è prevista anche per iPhone, nulla di nuovo sotto il sole insomma. La differenza, sottile ma evidente, è che per quanto riguarda iPhone non viene esplicitato il cambio del dispositivo, anche se solitamente è proprio ciò che avviene, mentre per iPad sì.
    I prezzi, al momento, sono fissati a $99 più $6.95 per le spese di spedizione e Apple specificatamente dichiara che verrà sostituito l'intero iPad. Quindi, prima di consegnarlo, sarà d'obbligo effettuare un backup completo del dispositivo per poterlo poi sincronizzare tramite iTunes.
    Ovviamente il programma non sarà disponibile per quei dispositivi danneggiati da contatto con liquidi, smontaggi non autorizzati o se il prodotto non funziona correttamente a causa di un altro componente interno che non sia la batteria.
    Qualcuno potrebbe storcere il naso di fronte al fatto di avere un dispositivo "ricondizionato", ma chi conosce bene Apple sa che questa parola significa praticamente come nuovo e sicuramente con una scocca nuova di zecca, che al prezzo di una batteria non è niente male.


    Sarà ... ma per me ricondizionato vuol dire ricondizionato (e poi 99 dollari mi sta sul culo spenderli. Diventa una tassa sul dispositivo e si stanno orientando a questa pratica anche altri costruttori che meritano di essere puniti lasciando il prodotto sullo scaffale). Senza contare che se anche cambiano la scocca, magari mi capita l'iPad di ruppolo e Dio solo sa cosa potrebbe averlo usato a fare.
    Brrrrr!
    non+autenticato
  • il solito bla bla eh
    non+autenticato
  • Sempre meglio del tuo postare a vanvera.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > Sarà ... ma per me ricondizionato vuol dire
    > ricondizionato

    Significa che la parte interna non è nuova (come non lo è quella che gli porti tu...)

    > (e poi 99 dollari mi sta sul culo
    > spenderli.
    Ne spendi di più per cambiare quella della macchina (che devi comunque farlo fare a qualcuno), quindi che problema c'è? Pensa se ti dessero una automobile con la carrozzeria nuova...

    > Diventa una tassa sul dispositivo e si
    > stanno orientando a questa pratica anche altri
    > costruttori che meritano di essere puniti
    > lasciando il prodotto sullo scaffale).

    Cerca di togliere il prosciutto dal... cervello!

    > Senza
    > contare che se anche cambiano la scocca, magari
    > mi capita l'iPad di ruppolo e Dio solo sa cosa
    > potrebbe averlo usato a
    > fare.
    > Brrrrr!

    Ah quello lo riconosci subito, ha passato decine di ore in bagno...A bocca aperta
    ruppolo
    33147
  • Stiamo pure sicuri che faranno l'adblock anche per i tablet.
    Per l'i-Nuvenia Libresse no, l'app store lo vieterà, e i macachi dovranno sorbirsi la pubblicità per forzaCon la lingua fuori
    Funz
    12988
  • - Scritto da: Funz
    > Stiamo pure sicuri che faranno l'adblock anche
    > per i
    > tablet.
    > Per l'i-Nuvenia Libresse no, l'app store lo
    > vieterà, e i macachi dovranno sorbirsi la
    > pubblicità per forza
    >Con la lingua fuori

    Vorrà dire che tale piattaforma sarà la preferita per tutti i fornitori di contenuti. Che disgrazia... per gli altri Rotola dal ridere
    ruppolo
    33147
  • Vorrà dire che la gente scapperà sui tablet dove potrà fare quello che vuole lei e non quello che vuole Steve. Rotola dal ridere

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > Vorrà dire che la gente scapperà sui tablet dove
    > potrà fare quello che vuole lei e non quello che
    > vuole Steve.
    > Rotola dal ridere
    >
    > [img]http://www.tecnocino.it/wp-galleryo/fusion-ga

    Già, solo che Steve sa esattamente quello che la gente vuole, HA-HA-HA!
    ruppolo
    33147
  • Con te non fa fatica di sicuro. Facesse anche i mouse chiodati, troveresti un modo per elogiare pure quelli.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > Con te non fa fatica di sicuro. Facesse anche i
    > mouse chiodati, troveresti un modo per elogiare
    > pure
    > quelli.

    E cosa sarebbero i mouse chiodati? Sai, io è un po' che non frequento l'ambiente Windows...
    ruppolo
    33147
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Certo certo
    > > Con te non fa fatica di sicuro. Facesse anche i
    > > mouse chiodati, troveresti un modo per elogiare
    > > pure
    > > quelli.
    >
    > E cosa sarebbero i mouse chiodati? Sai, io è un
    > po' che non frequento l'ambiente
    > Windows...

    Non chiodati, ma "inchiodati", sono quelle situazioni che capitano spesso in windows in cui il cursore si blocca sullo schermo per un tempo che va dai pochi secondi all'infinito e ai quali puoi solo sopperire con lo spegnimento fisico del computer giacche' se non va il mouse non va neanche la tastiera; se invece di spegnerlo vai in suspend mode, quando lo riaccendi lo ritrovi inchiodato come prima.
  • Oh, ma succedono tutte a voi, eh? Si vede che il mio pc viene dal pianeta Krypton e lo hanno marchiato Windows per confonderlo meglio fra quelli della terra. Quindi è per questo che non capisco dove diavolo le tirate fuori certe cose voi macachi.
    Newbie, inesperto
    non+autenticato
  • certo certo e in quale occasione messer raccontaballe?
    non+autenticato
  • > Vorrà dire che tale piattaforma sarà la preferita
    > per tutti i fornitori di contenuti. Che
    > disgrazia... per gli altri
    > Rotola dal ridere

    Però mancheranno i contenuti pirata, e il porno, e sappiamo tutti cosa la gente vuole in realtà...
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > > Vorrà dire che tale piattaforma sarà la
    > preferita
    > > per tutti i fornitori di contenuti. Che
    > > disgrazia... per gli altri
    > > Rotola dal ridere
    >
    > Però mancheranno i contenuti pirata, e il porno,
    > e sappiamo tutti cosa la gente vuole in
    > realtà...
    Il porno non mancherà, Apple sta preparando l'apposita sezione in AppStore.
    Quanto ai contenuti pirata, è ovvio che questa situazione non potrà durare a lungo. Se restava una cosa piccola nell'ombra sarebbe potuta continuare per sempre, ma vista che la gente ha esagerato, ormai il vaso di Pandora è scoperchiato e la questione è sotto i riflettori. La pirateria verrà combattuta come si combatte il terrorismo, la droga, la criminalità eccetera, ovvero con gli stessi strumenti.
    ruppolo
    33147
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)