Claudio Tamburrino

Google - Cina, scontro sul fronte mobile

Mentre Mountain View pubblica una pagina che monitora lo status dei suoi servivi in Cina, anche il versante mobile sembra essere intralciato da Pechino

Roma - Una nuova puntata dell'affaire Google-Pechino: il servizio mobile offerto da Mountain View verrebbe disturbato in Cina. Almeno secondo le testimonianze degli utenti, che parlano di interruzioni e problemi.

Il servizio, secondo quanto riportato dalla pagina di monitoraggio costituita ad hoc da Google per la Cina, risulta essere al momento "parzialmente bloccato". Significa che Big G sta investigando più attentamente sulla questione, ma che nel frattempo non è garantito il funzionamento. Nel medesimo stato si trovano Groups, Picasa e Docs, mentre Blogger, YouTube e Sites sono del tutto bloccati dalla Grande Muraglia digitale.

Mentre la ricerca sul web di testi, fotografie e notizie è ancora attiva, infatti, i risultati sono filtrati dalle autorità, cioè le pagine indicate con contenuti non graditi a Pechino non sono accessibili dagli utenti cinesi. E i servizi di social networking e i mezzi alternativi di diffusione di informazione e contenuti offerti da Mountain View sono altrettanto irraggiungibili.
La Cina, dunque, non si sarebbe limitata ad assistere al trasferimento degli uffici di BigG dal continente all'isola di Hong Kong, ma avrebbe deciso di attaccare l'unico business di Mountain View effettivamente rimasto nel paese: il servizio mobile. In esso sono comprese le versioni per dispositivi mobili del motore di ricerca, dei servizi email, di Maps e dei servizi di social networking.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàCina, Microsoft resta al suo postoDa Pechino le linee guida per contenere la discussione sulla partenza di Google. Mentre i server DNS oltre la Grande Muraglia causano grattacapi anche altrove. Da Redmond infine arriva la risposta ufficiale a Mountain View
  • AttualitàCina, Google è stato solo l'inizio?Gli utenti cinesi non sono contenti dell'addio di Google. Che oltre lasciare mano libera ai censori di stato starebbe anche provocando altri abbandoni eccellenti
15 Commenti alla Notizia Google - Cina, scontro sul fronte mobile
Ordina
  • visti i debiti mondiali nei confronti della china...
    viste le economie mondiali...
    visto come la china tratta google...
    previsto come la china tratterà l'america e i suoi alleati

    dai dai vedrai la terza guerra mondiale sarà
    europa-america-russia(forse)
    vs
    china-iran-e medio oriente...
    non+autenticato
  • Li ridurremo tutti a inchiostro!
    ruppolo
    33147
  • non ci scometterei troppo

    non stiamo andando a fare una guerra farlocca a quattro straccioni tra le montagne di Kandahar ( che poi si sono impantanati pure contro quei quattro straccioni, vabbè che tristezza )
    non+autenticato
  • ehhh si! sembra facile usare la forza bruta per censurare selettivamente.. la verità è che Internet è un ecosistema molto complesso se il "censurando" non è collaborativo spuntano prima o dopo delle implicazioni e delle complicazioni cui non avevi (tu politico) neppure pensato....
    Allora vai a cercare il tuo "tennico" per dirgli ... come mai non me lo hai detto!
    Risposta... ma tu non me lo hai chiesto....
    Ok!
    Fuori uno lo appendi per le 00 fuori dalla finestra del tuo ufficio...
    Ne prendi uno nuovo....
    All'improvviso spunta un altro problema... il fornitore (tuo) xyz ha anche lui un problema "non previsto" perchè anche lui usava come il "censurando" le porte di servizio xyz per una importante applicazione militare....
    Riparti... peschi il tuo nuovo "tennico" gli rifai la domanda (che avevi fatto all'altro) e riottieni la stessa risposta....
    Riappendi... ricambi tennico... ecc..
    Dopo un pochino cerchi nuovi tennici i quali vedono la fila di loro ex colleghi appesi fuori dalla tua finestra... e dicono ... nononono io sono ignorante e non so un tubo!
    E.... si danno più veloci della luce!
    Cominci a pensare dove hai sbagliato?...
    E alla fine capisci... un lampo ti attraversa la mente e ti è tutto chiaro!
    Dove hai sbagliato?
    facile! sei un cretino!
    .....
    Il "tuo capo" ti appende... ecc... ecc...
    To be continued!
    A bocca aperta
    non+autenticato
  • Questo in uno stato come l'italia

    In cina fanno quello che gli pare, visto che sono enormi

    Insomma, spero che google ha avuto delle buone ragioni per fare quello che ha fatto, perche' la cina sarà la prossima potenza economica, altro che USA
    harvey
    1481
  • si una potenza di schiavi..
    ma il giorno che gli si giralo i co*** vedi come saltano
  • Gli Usa non li batterà mai nessuno, e sai perchè? Perchè c'è la libertà, quella vera.
    non+autenticato
  • Staremo a vedere...

    Perche' in usa non c'e' la libertà, c'e' il capitalismo, che e' una cosa ben differente. Il loro potere si e' basato per anni sullo sfruttamento degli altri paesi, vedremo come se la caveranno nei prossimi anni

    ps: per libertà intendi essere taserato perche' contesti pacificamente qualcuno? Quella pure in cina ce l'hanno.
    harvey
    1481
  • - Scritto da: harvey

    > ps: per libertà intendi essere taserato perche'
    > contesti pacificamente qualcuno? Quella pure in
    > cina ce
    > l'hanno.

    In compenso gli manca la libertà di espressione e di informazione, ma, sai, evidentemente per te non sono poi cosi importanti...
    Puo anche non piacere la politica estera USA, neanche a me piace molto, ma paragonare USA e Cina sul fronte delle libertà personali e dei diritti civili mi sembra paradossale...
  • Non e' che dico che la cina sia meglio. Critico solo chi considera l'USA il modello di libertà da seguire perche' il migliore in assoluto.

    Considerando che di schifezze INTERNE ne ha fatte veramente tante.

    La libertà e' solo nella loro propaganda. Nella carta e' ultraliberale, nei fatti raggiunge livelli da regime. Almeno la cina ha il buonsenso di avere pure le leggi non liberali, la coerenza va premiata.
    harvey
    1481
  • non esiste un modello migliore in assoluto, dipende sempre dalle necessita' della persona con cui parli.
    In USA la stampa e' libera di sput****re anche i presidenti, sei libero di esprimere il tuo consenso o dissenso pubblicamente senza paura di venire imprigionato.
    Certo, se pensi che appartenere a nuclei terroristici, sia interni che esterni, sia espressione di liberta' individuale e quindi non sanzionabile, ad esempio,....beh, la pensiamo in maniera differente.
    La cosiddetta "controinformazione" stravolge la realta' tanto quanto "l'informazione di regime", io mi tengo alla larga da entrambe...
  • Chi ha i soldi e la visibilità può fare quello che gli pare in america.

    Se sei uno studentello che vuoi contestare il senatore, soltanto facendogli qualche domanda scomoda, ti sparano con il taser, tanto li e' legale.

    Ti ripeto, il modello americano e' un modello bello in apparenza.

    Di sicuro e' più facile che vengano curati gli "eroi" cinesi invece di quelli americani. Vedi i soccorritori dell'11 settembre

    Oppure per entrare in guerra non fa morire migliaia di persone solo per avere un causis belli per la popolazione (seconda guerra mondiale e molto simile 11 settembre, ma sai visto i precedenti...)

    Ecc ecc

    Insomma, preferisco non schierarmi sul quale sia la forma peggiore
    harvey
    1481
  • chi vivrà vedrà... comunque secondo Limes, che mi sembra sia la rivista di geopolitica più importante del nostro misero paese, la Cina non sarà mai un vero problema...
    finirà col ridimensionarsi da sola, ha una sorta di sistema di scadenza incluso nella sua stessa potenza, in pratica ad un certo punto crollerà su se stessa e, come è sempre successo nel corso degli ultimi 5000 anni, scomparirà e rinascerà in un' altra forma!
  • Onestamente non credo.

    Ma il problema cina secondo me e' semplicemente in questi anni, e soprattutto per l'america, che dovrà cambiare molto il suo ruolo nel mondo (attualmente e' come un vecchio leone).

    Tra breve l'america si ridimensionerà, e la cina diventerà un buon compratore e smetterà di esportare, visto il crescente costo di produzione.
    harvey
    1481