Alfonso Maruccia

NASA non balla da sola

L'agenzia spaziale statunitense approfitta dell'aiuto di tutti per continuare con i suoi piani di esplorazione spaziale. E in testa alla fila dei partner ci sono Russia ed Europa

Roma - L'incertezza dei finanziamenti e i contrasti tra politica, amministratori e Casa Bianca disegnano per NASA un futuro apparentemente molto lontano dai fasti del passato. Piuttosto difficilmente l'ipotizzata grandeur del ritorno dell'uomo nello spazio esterno, sulla Luna e via via sino a raggiungere Marte sarà ammantata di una bandiera esclusivamente a stelle e strisce, e NASA non potrà che ricorrere a partnership con le altre agenzie spaziali per portare avanti tali ambiziosi obiettivi.

La collaborazione tra le agenzie, d'altronde, è già oggi la norma più che l'eccezione. Prova ne sia il lancio di un razzo russo nel deserto del Kazakhstan con a bordo una crew mista russo-statunitense, destinato a portare in orbita un vascello Soyuz diretto verso la Stazione Spaziale Internazionale. Il viaggio è andato secondo i piani con tanto di sorrisi via flusso video in tempo reale, pupazzetti svolazzanti in condizioni di gravità zero e i soliti problemi di comunicazione dovuti ai momenti topici del viaggio spaziale.

D'altronde la veneranda Soyuz è già da tempo stata designata come mezzo di trasporto sostitutivo del pre-pensionando programma Shuttle, che terminerà i voli entro questo settembre per finire a raccogliere la polvere nei musei statunitensi in ricordo delle glorie (e le tragedie) del passato.
E parlando di tecnologie "obsolete" (si fa per dire, visto com'è andata in questo caso), il rover marziano Spirit dovrebbe essere finalmente entrato in fase di ibernazione senza essere prima riuscito a comunicare con la base a terra, una condizione in cui dovrà affrontare l'inverno marziano in attesa di tempi migliori.

Archiviato il vecchio, il futuro di NASA è tutto ancora da stabilire. Michael Griffin, ex-amministratore dell'agenzia appartenente all'era Bush, considera lo smantellamento del Programma Constellation un grosso errore da parte della Casa Bianca, ma i giochi sembrano fatti. Obiettivi come il ritorno sulla Luna e il viaggio dell'uomo verso Marte sono ora appannaggio di ESA, l'agenzia spaziale europea che dice di voler arrivare dove NASA non può più andare (da sola) ed è in "fase B-1" con la progettazione e la costruzione di un lander lunare.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • AttualitàNASA, futuro e politica incertiGli amministratori dell'agenzia spaziale si beccano le strigliate del Congresso, mentre la ricerca va avanti senza strafare. C'è il rischio di vedere ridimensionate le ambizioni di uno sbarco su Marte
  • TecnologiaNASA ripresenta l'astronauta robotRealizzato insieme a General Motors, sostituirà gli astronauti nei compiti più delicati. Potrebbe essere arrivato tardi per servire sugli Shuttle
  • TecnologiaLuna on the rocks600 milioni di metri cubi di ghiaccio sarebbero nascosti nei crateri dei poli del satellite terrestre. Un bene prezioso che riapre il dibattito sull'opportunità delle missioni di esplorazione e colonizzazione
  • TecnologiaUSA, prova generale per Falcon 9Dovrebbe essere la risposta privata ai problemi della NASA. Gli ultimi test non hanno segnalato anomalie e ci si prepara al lancio vero e proprio. Manca ancora però un erede per lo Shuttle
  • TecnologiaNASA, Spirit si prepara per l'invernoIl rover marziano andrà incontro a uno shutdown progressivo fino a interrompere completamente le comunicazioni con la Terra. La speranza è che superi l'inverno. Sulla ISS, nel frattempo, gli astronauti installano la Cupola italiana
4 Commenti alla Notizia NASA non balla da sola
Ordina
  • per rb1205
    No, la mia non vuol essere una risposta simil-minaccia filofascista, perché non sono filofascista, anzi... Credo però, che prima di scrivere "cose sulla Nasa", uno bisogna che si informi maggiormente, leggendo articoli dove si parla anche di quello che il Congresso vuole proporre e non dare per scontato cose che non lo sono. Credo che Obama assomigli sempre più a Nixon che ha fatto chiudere il programma Apollo stupidamente. Con il programma Apollo, oggi saremo su Marte e non a discutere che fare e dove andare... non ti sembra? Non sono un esperto statista e insider del mondo politico internazionale, ma la Nasa mi piace e non sopporto coloro che la "rovinano" siano essi Democratici o Repubblicani. L'errore sulla parola "bye bye" è stato solo perché lo scritto velocemente senza rileggerlo. Lo so benissimo come si scrive. Tu non fai mai errori? Mi preoccuperei piuttosto, di quelli che non sanno scrivere neanche in italiano sui vari siti... Sorride)
    non+autenticato
  • Salve
    Starei molto attento, se fossi in lei, a non vendere la pelle del orso prima che questi non sia morto veramente. Non credo che il programma di Obama così com'è sarà approvato dal Congresso. I giochi non sembrano affatto fatti. Queste sono solo le speranze di coloro che sostengono questo presidente "avvocato" che nel 2012 andrà a casa insieme alla sua stupida politica spaziale e al generale in pensione Bolden. A novembre tutto cambierà. Il Congresso ritornerà in mano ai Repubblicani e allora diremo "by by" al nuovo programma spaziale voluto da Obama. Non mi esalterei troppo per qualche lancio del razzo Soyuz o per le future sonde europee. Anche la Nasa ne prevede in futuro. L'Esa arranca e i russi fanno oramai solo promesse da marinaio. La verità e che non hanno più soldi mentre quelli della Nasa vengono sprecati per i programmi da "bambini democratici". Senza la Nasa rimangono tutti intorno alla Terra per molti anni ancora. Lei mi dirà... e i cinesi? Bene, quelli devono ancora magiare "molta polvere" prima di arrivare sulla Luna. Qui il problema è la stupidità di Obama. Non è capace di sostituire il programma Constellation con un nuovo programma lunare meno costoso. Perché non crea una sinergia di fondi, tra la Nasa il Pentagono e i privati per arrivare sulla Luna nel 2019? Se non farà questo e meglio che se ne sita a casa il prossimo 15 Aprile. Non abbiamo bisogno della sua retorica. A titolo informativo... lo Shuttle volerà ancora, anche nel 2011. Sorride
    Grazie.
    non+autenticato
  • Sbaglio o questa risposta ha un sapore da simil-minaccia filofascista?

    Fa sorridere però leggere qualcuno che, scrivendo con fare da esperto statista e insider del mondo politico internazionale, sbaglia a scrivere una frase in inglese elementare come "bye bye"!A bocca aperta
  • > Fa sorridere però leggere qualcuno che, scrivendo
    > con fare da esperto statista e insider del mondo
    > politico internazionale, sbaglia a scrivere una
    > frase in inglese elementare come "bye bye"!
    >A bocca aperta

    Fa sorridere, ma - non per difenderlo (anzi!) - é un errore tipico dei madrelingua disattenti o di vecchia data, a cui la grammatica proprio non é stata insegnata. Ad esempio ho un amico bilaureato (inglese), con la capa tanta, che non é sicuro di che forma verbale venga chiamata "passato remoto".