Una moratoria per la copia privata

di G. Scorza - La legittimità del cosiddetto decreto Bondi è ampiamente discussa, regna la confusione fra gli addetti ai lavori. Una proposta di moratoria, in attesa che i Giudici valutino la nuova disciplina dell'equo compenso

Roma - I grandi nomi dell'industria IT italiana e le maggiori associazioni di utenti e consumatori nei prossimi giorni chiederanno ai Giudici amministrativi di pronunciarsi sull'illegittimità - che appare sotto innumerevoli profili palese - del c.d. Decreto Bondi, ovvero del provvedimento firmato lo scorso 30 dicembre dal Ministro per i beni e le attività culturali attraverso il quale avrebbero dovuto essere "semplicemente" rideterminate le misure dell'equo compenso per copia privata previsto dall'art. 71 septies LDA mentre si è finito con il riscriverne l'intera disciplina, raddoppiando i compensi - equi o iniqui che siano - per l'industria audiovisiva e, correlativamente, la pressione su industria IT, utenti e consumatori.

Sui molteplici profili di probabile illegittimità del provvedimento amministrativo si è già scritto molto e, comunque, a questo punto, non resta che attendere che siano i Giudici a pronunciarsi ed a chiarire - una volta per tutte - se l'atto è illegittimo come da mesi sostengono i più o, piuttosto legittimo e se, dunque, l'industria ed i consumatori italiani dovranno davvero rassegnarsi a pagare questo ennesimo "balzello" da poco più o poco meno di 100 milioni di euro l'anno.

È, invece, urgente preoccuparsi degli effetti che il Decreto Bondi sta producendo e rischia di produrre nell'immediato futuro.
Alcuni dei profili di illegittimità dell'atto denunziati, infatti, ne investono la stessa efficacia con la conseguenza che se i Giudici dovessero accogliere le istanze dei ricorrenti, l'efficacia del Decreto verrebbe radicalmente meno ed il Ministero dovrebbe ricominciare tutto da capo: è il caso della violazione della riserva di legge di cui all'art. 23 della Costituzione per aver il Ministro, nella sostanza, preteso di introdurre nell'Ordinamento una nuova prestazione patrimoniale imposta attraverso un proprio "semplice" decreto così come della violazione della disciplina di cui alla legge 400/88 per aver varato un atto avente portata normativa e/o comunque regolamentare omettendo di provvedere a richiedere al Consiglio di Stato il necessario parere nonché alla pubblicazione integrale dell'atto medesimo sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica.
Nelle scorse settimane, peraltro, la circostanza che il Ministro abbia fatto ricorso ad un Decreto anziché ad un Regolamento così come sarebbe risultato corretto e lecito attendersi, ha determinato un clima di grande confusione tra gli addetti ai lavori circa la data di effettiva entrata in vigore del provvedimento e quindi di efficacia degli obblighi di versamento in esso contenuti. Gli addetti ai lavori, infatti, si sono trovati smarriti e divisi tra il ritenere il decreto entrato in vigore il 14 gennaio scorso ovvero a seguito della sua pubblicazione sul sito del Ministero per i beni e le attività culturali, il 6 marzo ovvero a seguito della pubblicazione del relativo comunicato di avvenuta pubblicazione della versione integrale sul sito del MBAC e della SIAE in Gazzetta Ufficiale o, piuttosto, il 21 marzo ovvero decorsa l'ordinaria vacatio legis di 15 giorni a seguito della pubblicazione - sebbene solo parziale - in Gazzetta Ufficiale.

La situazione venutasi a creare, in ragione del rilevante impatto che le disposizioni contenute nel provvedimento producono sul mercato di riferimento, è peraltro rapidamente divenuta tanto difficile da sostenere che il 9 marzo il Ministero dei beni e delle attività culturali ha ritenuto di intervenire con un parere del capo dell'ufficio legislativo, nel quale si chiarisce che il c.d. Decreto Bondi - essendo a suo dire privo di portata normativa ovvero regolamentare - dovrebbe considerarsi entrato in vigore, alla stregua di ogni atto amministrativo, il 14 gennaio scorso, a seguito della pubblicazione sul sito del Ministero e della SIAE.

Quale che sia la realtà, è fuor di dubbio che l'incertezza circa l'effettiva legittimità del Decreto e, conseguentemente, la sua efficacia stia compromettendo il mercato di riferimento, inducendo gli operatori ad attendere lo "stabilizzarsi" della situazione per ordinare prodotti soggetti all'equo compenso, predisporre i nuovi listini prezzi e, più in generale, programmare ed attuare le proprie strategie di business.

La rilevanza, anche economica, della questione appare innegabile.
Se, infatti, si considera che per effetto delle disposizioni contenute nel Decreto Bondi, l'industria IT dovrà versare, ogni anno, a titolo di equo compenso, alla SIAE circa 100 milioni di euro è facile desumere che nei soli primi 3 mesi dell'anno, l'efficacia del Decreto, è suscettibile di incidere sul mercato di riferimento per oltre 25 milioni di euro cui andranno ad aggiungersi circa 9 milioni di euro per ogni mese in cui il Decreto resterà in vigore.

Appare, dunque, opportuno ed auspicabile che il Ministro Bondi, dando prova di buon senso e maturità politica, disponga una moratoria circa l'efficacia del proprio decreto prorogando l'operatività della previgente disciplina sino a quando - auspicabilmente in tempi brevi - la Giustizia amministrativa non farà il suo corso dichiarando in tutto in parte legittimo o, piuttosto, illegittimo il provvedimento.

La vecchia disciplina, quella contenuta all'art. 39 del Decreto Legislativo 68/2003 è rimasta in vigore per quasi sei anni ed ha garantito alla SIAE ed ai beneficiari ultimi del diritto l'incasso di rilevanti importi a titolo di equo compenso che, nel solo 2008, hanno superato i 60 milioni di euro. Prorogare la vigenza di tale disciplina e sospendere l'efficacia della nuova - peraltro, allo stato, ancora sostanzialmente rimasta inapplicata - non creerebbe alcun rilevante pregiudizio ai titolari dei diritti mentre eviterebbe che vengano a prodursi conseguenze gravi ed irreparabili sui mercati di riferimento e, soprattutto, che i consumatori si vedano costretti a farsi carico, nei mesi che verranno, a versare decine di milioni di euro in forza di un provvedimento amministrativo della cui legittimità è, almeno, lecito dubitare.
Si tratta, peraltro, di somme che ben difficilmente i consumatori potranno poi effettivamente recuperare giacché le stesse verranno versate nella pressoché totale assenza di trasparenza quale quota parte - indistinta ed indistinguibile - del prezzo dei prodotti "tassati".

Singolarmente considerate, d'altro canto, tali somme saranno tali da non giustificare il ricorso ad un'azione di ripetizione da parte dei singoli consumatori mentre la natura tributaria dell'equo compenso - sulla quale, a quel punto, c'è da scommettere che persino SIAE concorderà - rischia di precludere alle associazioni dei consumatori di agire con un'azione di classe, aggiungendo così, al danno, la beffa.

Serve, dunque, una moratoria per la nuova disciplina sulla copia privata e serve subito, perché un Paese già in crisi - così tanto da non potersi permettere la banda larga che altrove, in Europa, arriva dappertutto - non può immolare decine di milioni di euro sull'altare dell'industria audiovisiva per effetto di un provvedimento amministrativo, pensato male, scritto peggio e, soprattutto, concepito nell'interesse di una sola delle parti che si confrontano sul mercato ed in aperta violazione della disciplina europea.

È muovendo da questi presupposti che l'Istituto per le politiche dell'Innovazione ha aperto alle firme una richiesta di moratoria rivolta al Ministro Bondi affinché, ferme restando le posizioni di ciascuna delle parti circa il merito del problema, venga sospesa l'efficacia del Decreto in attesa della decisione dei giudici amministrativi, a tutela dei diritti e degli interessi dei cittadini e dei consumatori.
L'auspicio è, per dirla con la straordinaria metafora di Marco Pierani, che il Ministro voglia, almeno per qualche mese, ordinare al doganiere millecinquecentesco ritratto nel celebre film "Non ci resta che piangere" con Troisi e Benigni, di chiedere ad ogni passaggio - ops... copia privata - 3/4 di fiorino anziché un fiorino tutto intero.

Guido Scorza
Presidente Istituto per le politiche dell'innovazione
www.guidoscorza.it
Notizie collegate
  • AttualitàEquo compenso imprevistoLe polemiche sul decreto Bondi riguardano anche la sua tempistica: per il Ministero sarebbe in vigore già dal 14 gennaio. I rivenditori denunciano un grave danno per gli operatori che non hanno provveduto ad adeguare i prezzi
  • AttualitàLa realtà aumentata dell'equo compensoOvvero: i nuovi prezzi dopo l'entrata in vigore del decreto. Tra i primi listini a mostrare traccia dei rincari c'è quello di Apple: aumenti nell'ordine di una manciata di euro per Mac, iPod e iPhone
  • BusinessAltroconsumo: alla UE per Tivù ed equo compensoPresentato ricorso alla Commissione contro le due novità del mercato audiovisivo italiano. Contestati aiuti di stato illeciti e questioni di antitrust
32 Commenti alla Notizia Una moratoria per la copia privata
Ordina
  • Bondi deve solo spiegare alle piccole imprese che rivendono materiale informatico come ossono competere con negozi online come Nierle che vendono in tutta Europa.

    Ma forse Bondi, da buon erede di Craxi, è troppo impegnato a spartirsi torte e prebende piuttosto che pensare al futuro di questo paese.
    non+autenticato
  • E' la stessa cosa successa ai piccoli negozianti quando è nato il commercio elettronico. Solo che adesso il negozietto è stato deliberatamente ucciso da Bondi e compagnia bella.
    non+autenticato
  • > negozi online come Nierle

    http://www.nierle.com

    NON c'è l'iniquo compenso della siae.
    non+autenticato
  • contenuto non disponibile
  • - Scritto da: unaDuraLezione
    > - Scritto da: Mr. Sallman
    > > Bondi deve solo spiegare alle piccole imprese
    > che
    > > rivendono materiale informatico come ossono
    > > competere con negozi online come Nierle che
    > > vendono in tutta
    > > Europa.
    >
    > te ne accorgerai quando li filtreranno tutti.

    Rimarranno le fiere dell'elettronica.
    Altrimenti le avrebbero già "filtrate".
    non+autenticato
  • Anche Luigi Capeto tentò di filtrare il mondo che stava cambiando. Al costo della testa.
    non+autenticato
  • Non possono filtrare un'accidenti, andrebbe contro gli accordi di libero scambio all'interno dell'UE. Quello che potrebbero fare è costringere Nierle (o il suo spedizioniere) a richiedere l'equo compenso in fase di pagamento o consegna dell'ordine (come già capita, ad esempio, con UPS)
    non+autenticato
  • Prezzi e tariffe nella UE devono essere omogenei.

    Chi non si adegua alla UE è destinato a sparire.
    non+autenticato
  • Non sottoscriverò la richiesta: sarebbe un modo indiretto per sostenere l'attuale sistema. Sottoscriverò solo richieste che punteranno:
    - ad abrogare definitivamente l'equo compenso
    - chiuderanno e liquideranno la SIAE
    - cambieranno radicalmente i sistemi di gestione e distribuzione del diritto d'autore.
  • Io sottoscriverò solo quando si deciderà a tassare qualsiasi cosa non possa essere prodotta in Italia e si sceglie di importarla dall'estero perchè costa meno.
    Il diritto d'autore può venire ben dopo.
    Wolf01
    3342
  • EsticaXXi, che genio! Io allora mi metto a produrre microprocessori a diecimila euro l'uno, così sarete tutti obbligati a comprarli da me, perchè è vero che costano di più, ma sono prodotti in italia! Grande davvero!
    non+autenticato
  • Certo, ma forse non ti rendi conto che se vendi un uP a 10000€ costerà sempre di meno all'estero anche se tassato (praticamente quello che sta succedendo adesso).
    Non sto parlando di obbligare la gente a comprare in Italia, sto parlando di pilotare la gente a scegliere l'economia interna piuttosto che quella esterna.
    Praticamente devi far credere alla gente che comprare dall'estero sia uno svantaggio.
    Ma soprattutto svantaggiare proprio chi sceglie di produrre all'estero e importare in Italia più economicamente di produrre direttamente in Italia.
    Wolf01
    3342
  • E' un circolo vizioso, e per avere un senso DEVE iniziare dallo Stato.
    Lo Stato deve abolire la SIAE (pura utopia ovviamente).

    Se inizia da noi cittadini che compriamo all'estero, il risultato è che alcune ditte chiuderanno ed altre cambieranno stabilimento di produzione.
    Ma non c'è via di uscita purtroppo...
    non+autenticato
  • La soluzione sarebbe quella di mandare a lavorare questo governo in qualche miniera di carbone all'estero. Con il lavoro sporco che stanno facendo in Italia sicuramente si troverebbero a loro agio.
    non+autenticato
  • Anche per svantaggiare stati che riescono a produrre a prezzi competitivi facendo lavorare bambini e fregandosene altamente delle condizioni di salute dei lavoratori.
    non+autenticato
  • Io piuttosto imporrei dazi d'importazione correlati ad elementi quali rispetto dei diritti umani, della sicurezza sul lavoro, lavoro minorile etc., così si penalizza effettivamente chi gioca sporco, non chi è semplicemente più efficiente di noi.
  • Andare a produrre all'estero perchè il costo della vita è più basso e quindi puoi produrre 20 volte di più con 20 volte i lavoratori che avresti in Italia e li paghi come 1/20 del lavoratore italiano secondo me è giocare sporco quanto sfruttare il lavoro minorile.
    Wolf01
    3342
  • Mentre secondo me è il motivo per cui oggi un operaio può permettersi un paio di scarpe. Ma, come dicevi, sono semplici punti di vista: magari uno supportato dai fatti e l'altro no, ma noi siamo indipendenti dai fatti, no? Occhiolino
  • - Scritto da: advange
    > Mentre secondo me è il motivo per cui oggi un
    > operaio può permettersi un paio di scarpe. Ma,
    > come dicevi, sono semplici punti di vista: magari
    > uno supportato dai fatti e l'altro no, ma noi
    > siamo indipendenti dai fatti, no?
    > Occhiolino

    No, perché anche mio padre, operaio, poteva permettersi un paio di scarpe cinquant'anni fa. Il fatto è che oggi compriamo scarpe da 200 € che, essendo fatte in Cina, sono costate 5 €, ingrassando non si sa chi (ma si sa), col risultato che l'operaio di cui sopra, avendo perso il lavoro che è stato mandato in Cina, non si può più comprare le scarpe. Questo è il GROSSO problema. Cerchiamo di frenare, prima di sbattere sul muro (ma ci credo poco)...
    non+autenticato
  • Un suggerimento al Governo Di S.B.: come mantenere la promessa elettorale di non aumentare le tasse? Semplice: inventate altri Equi Compensi da applicare sui generi di consumo più diffusi, e incassate (dai poveracci, ovviamente, non dai ricchi, come avviene con tutte le imposte indirette o sul consumo).
    Così non saranno nuove "tasse". Si chiamerà Equo Compenso. E S.B. potrà dire di aver mantenuto le promesse. Tanto nessun giornale o TV oserà contraddirlo. E tutti quelli convinti che l'Unto del Signore lavora per il bene degli italiani, e non per arricchirsi, potranno continuare a crederci. Tanto, ormai, il sistema mediatico monopolizzato riesce anche a cambiare il significato delle parole, senza che nessuno si scandalizzi (ad esempio, prescritto=assolto).
    E questo E' SOLO L'INIZIO
    non+autenticato
  • dai non ti preoccupare, se vuoi sapere come andrá a finire leggi qualche news sulla GreciaOcchiolino
    MeX
    16897
  • Pensa te che giusto ieri ho avuto una discussione familiare proprio su questi argomenti.
    A parte mio padre, che mi contraddice sempre e comunque visto che è testardo peggio di un sasso, siamo giunti alla conclusione che il sistema economico italiano proprio non funziona.
    Invece di tentare di far rifiorire l'economia interna stanno facendo di tutto per far scappare non solo le industrie, ma pure gli acquirenti all'estero!
    Ma cosa ci si può fare, se aumentiamo i dazi doganali veniamo accusati di protezionismo, e allora tassiamo la produzione interna oppure tassiamo lato distributore locale.
    Per non chiamarle tasse le chiamiamo "equo compenso" o "accise" o altre parolone inventate dai politici... magari la prossima tassa la chiameremo direttamente pizzo... o perchè no biscotto? "Con tutti sti biscotti guarda quanto mi viene a costare un hard disk".

    Il problema è che noi consumatori non possiamo fare niente per cambiare la situazione interna, o meglio possiamo solo cambiarla in peggio finendo come Grecia o Argentina, semplicemente smettiamo di comprare in Italia e compriamo solo all'estero, anche il latte per far colazione alla mattina.

    Mi piacerebbe che ci fosse un modo per dire la propria opinione nei negozi e supermercati, e che questa venga presa in considerazione dal commerciante e tramite i rappresentanti della sua categoria arrivi alla fine al governo.
    Ma tutto questo è utopia, finchè il commerciante pensa prima a spennare il cliente perchè lo stato tenta di spennare lui.
    Wolf01
    3342
  • > Tanto nessun giornale o TV oserà contraddirlo.

    Un esempio molto significativo:
    http://www.repubblica.it/politica/2010/04/01/news/...
    Busi [giornalista del tg1, ndr]: "Sì, è scattata una rappresaglia mai visto osare tanto, e perdiamo ascolti"
    ...Una volta, come sesta notizia abbiamo dato i cigni imprigionati dal ghiaccio in Ucraina e poche righe sullo sciopero generale in Sardegna...

    Per la redazione:
    Perché continuate a censurare questo commento?
    E' veramente ipocrita da parte vostra parlare tanto di libertà digitali e poi censurare i commenti scomodi...
    non+autenticato