marted 6 aprile 2010

Virtualizzazione: quali vantaggi?

Innovazione, flessibilit dell'ambiente IT, aggiornamenti immediati di server, desktop e applicazioni, continuit di business, riduzione dei costi. Questi i principali obiettivi delle tecnologie di virtualizzazione Microsoft

L'informatica moderna guarda sempre più a nuove forme di distribuzione dei carichi di lavoro all'interno delle reti, sia per consentire il massimo utilizzo di ogni singola risorsa, sia per economizzare la gestione ed i costi latenti dei mezzi a disposizione.
Per questo motivo oggi si usa, e si abusa, di termini tecnici quali Cloud Computing e Virtualizzazione, spesso senza essere effettivamente consci del loro significato profondo, delle implicazioni e dei benefici tecnologici che queste metodologie apportano.

I benefici della virtualizzazione
Concentrandosi sul solo aspetto della virtualizzazione, è innegabile che attualmente si tenda a pensare a questa nuova soluzione informatica a solo ed esclusivo appannaggio della sfera dei server e degli alti processi che avvengono in queste macchine. In realtà, l'azione del "virtualizzare", quindi l'applicazione del principio per cui si genera una versione simulata di una risorsa effettivamente esistente dal punto di vista fisico, non è da riferirsi solo all'hardware di un server. Quest'ultima è una declinazione specifica del principio e non una sua definizione. Si capisce facilmente che qualsiasi sia la risorsa a disposizione, questa possa essere teoricamente virtualizzata, sia essa software ed hardware. Partendo da questo presupposto, diverrà ancora più semplice comprendere le differenti forme di virtualizzazione oggi esistenti, che coinvolgono diversi tipi di risorse.

Microsoft ha ben presente quest'ultimo concetto ed ha per questo proposto differenti soluzioni tecnologiche studiate per declinare l'atto della virtualizzazione in tutte le forme oggi possibili, proponendo così differenti livelli di virtualization, tali da massimizzare la flessibilità e l'avanzamento delle strutture IT, riducendo costi e tempi di fermo.
Di seguito, proponiamo un percorso video formativo che approfondir alcuni interessanti aspetti legati alla virtualizzazione e ai vantaggi che derivano dalla sua corretta attuazione negli ambienti IT.

Il primo video mostrato nel player(a cura di Manuel Maina , Product Marketing Manager Microsoft) - dedicato a CIO e IT Manager - affronta il tema della virtualizzazione per la sostenibilit dell'IT e illustra le differenti soluzioni di virtualizzazione e i vantaggi che possibile ottenere sia riguardo alla riduzione dei costi sia riguardo alla capacit di adattamento rapido alle nuove esigenze di business che via via si presentano in aziende e strutture IT particolarmente dinamiche che non vogliono sottrarsi ai ritmi incalzanti dell'innovazione nel settore dell'ICT.
Il secondo video (a cura di Piergiorgio Malusardi, IT Pro Evangelist) mostra come utilizzare Windows Server 2008 per la creazione di datacenter dinamici. Rendere dinamica un'organizzazione IT - infatti - una condicio sine qua non per rispondere tempestivamente alle sempre nuove esigenze strategiche e di mercato, con l'obiettivo di ottenere il massimo dalle risorse gi disponibili all'interno della propria infrastruttura e ridurne i costi di gestione. La virtualizzazione dei server - in tal senso - la via maestra (il video spiega il come e il perch).
Il terzo video, dedicato anch'esso a CIO e IT Manager -mostra i diversi scenari di ottimizzazione di un'infrastruttura IT attraverso differenti soluzioni di virtualizzazione.
Il quarto video (a cura di Piergiorgio Malusardi) - dedicato alla gestione degli ambienti virtualizzati - mostra come sia possibile assicurare il corretto esercizio di un datacenter virtualizzato facendo operare in perfetta sinergia System Center Virtual Machine Manager 2008 e System Center OperationsManager 2007. Implementazione di un datacenter virtuale.
Il quinto video ( a cura di Piergiorgio Malusardi) - dedicato a sistemisti aziendalie consulenti IT - presenta gli strumenti per progettare e implementare nella maniera pi opportuna un datacenter virtuale basato su Windows Server 2008 e Hyper-V.
Nel sesto video, Luca De Angelis - Product Marketing Manager Infrastructure Server - illustra gli scenari di utilizzo di Windows Server 2008 R2 in ambienti virtualizzati e il licensing di prodotto associato.
I livelli di virtualizzazione proposti da Microsoft, sono così riassumibili:

VIRTUALIZZAZIONE STATO UTENTE
Può essere realizzata ricorrendo alle tecniche del Roaming Profile e del Folder Redirection. La prima modalità di virtualizzazione permette di salvare in rete il profilo dell'utente avendo cura di memorizzare tutte le preferenze di configurazione, come ad esempio l'immagine del desktop, il colore dello sfondo, le cartelle di rete, i link preferiti, le stampanti configurate e tutte le altre opzioni utente impostate, in modo tale che queste sia disponibili indipendentemente dal PC di accesso.
Il metodo del Folder Redirection, permette, invece, di rendere fruibile all'utente i propri documenti da qualsiasi computer della rete aziendale in modo assolutamente semplice ed efficiente. Tutti i processi di scrittura e lettura dei file che sono destinati ad una cartella locale, vengono in realtà reindirizzate in modo trasparente verso una cartella di rete, che si occupa di effettuare lo storage di tutti i documenti. Insomma, l'utilizzo contemporaneo delle due modalità di virtualizzazione finora descritte permetterebbero a qualsiasi utente di accedere alle proprie impostazioni ed ai propri documenti, indipendentemente dal PC consegnatoli: questo significherebbe, ad esempio, un'assoluta assenza di complicazioni qualora un dipendente debba consegnare il proprio notebook in assistenza, in quanto qualsiasi sia il muletto fornitogli, troverebbe lì, sempre a sua disposizione, i dati a lui necessari e le impostazioni a lui care, permettendogli di lavorare in modo continuo, senza perdere tempo nel trasferimento dei dati o nell'acquisizione di feeling con il nuovo ambiente.

VIRTUALIZZAZIONE APPLICATIVA
Per capire il significato di virtualizzazione applicativa è necessario sfatare un mito: rendere virtuale un'applicazione, non significa installare una macchina virtuale. Infatti, si tratta di due concetti differenti, che giocano un ruolo complementare. Virtualizzare una macchina significa rendere disponibile un sistema hardware emulato creando uno strato astratto fra l'hardware reale ed il sistema operativo posto su di esso. Virtualizzare un'applicazione significa, invece, rendere accessibile un ben determinato software da un qualsiasi computer sulla quale, però, il software non si trova fisicamente installato. Insomma, nelle soluzioni apps-virtualization come Microsoft App-V, l'applicativo viene trasformato in una serie di bit che vengono scaricati dal server nel momento in cui l'applicazione stessa viene eseguita. L'elaborazione e l'esecuzione avviene in locale, sfruttando l'hardware del PC che ha accesso all'app, senza però che questa sia fisicamente installata su di essa. Quindi, l'applicazione viene eseguita in una piccola bolla virtuale che contiene le voci di Registro, i file, gli oggetti COM e gli altri componenti di cui ha bisogno per essere eseguita, agendo come un "sottile" ambiente virtuale di livello tra l'applicazione e il sistema operativo. I vantaggi di questo tipo di virtualizzazione sono tanti ed indiscutibili: nessun problema di aggiornamento software da distribuire su computer dei dipendenti (è sufficiente aggiornare l'applicativo lato server), nessuna necessità di perdere tempo nei setup di nuove postazioni con la classica trafila di installazione degli applicativi aziendali, possibilità dell'utenza di ritrovare i propri software da qualsivoglia computer si acceda, completa compatibilità dei software con il PC di installazione e pochi problemi di gestione delle licenze di utilizzo.





VIRTUALIZZAZIONE DEL DESKTOP UTENTE (Presentazion virtualization)
La virtualizzazione del desktop permette a chiunque di accedere in remoto ad un'istanza di esecuzione di un sistema operativo installato su un server, utilizzando un apposito protocollo, definito semplicemente come RDP - Remote Desktop Protocol. L'assoluto vantaggio di questa tipologia di virtualizzazione si realizza nella possibilità di eseguire su hardware minimo ed eventualmente anche vetusto (come dispositivi leggeri, thin client o portatili) qualsiasi sistema operativo e software, facendo girare in locale solamente un OS minimo, necessario per garantire il corretto funzionamento del solo software di connessione. Nessun problema di ingenti investimenti per riattrezzare l'hardware dei differenti reparti o dei dipendenti in sede ed in mobilità, qualora si voglia offrire un sistema operativo più innovativo ed una nuova versione di un determinato applicativo.

VIRTUALIZZAZIONE DEL CLIENT (Virtual Desktop Infrastructure e local desktop virtualization)
Tale virtualizzazione sembra molto simile alla precedente. In realtà, si differenzia in quanto l'utente accede da remoto tramite protocollo RDP dedicato a delle macchine virtuali che vengono eseguite su di un server, ma che contengono un sistema operativo client. Tali ambienti sono completamente separati l'uno dall'altro. Questa virtualizzazione può essere realizzata anche su macchine client invece che su server, grazie a sistemi di virtualizzazione client-oriented come Virtual PC o come la modalità di esecuzione XP-Mode, disponibile in Windows 7. Per le aziende che decidono di implementare questa soluzione di virtualizzazione su differenti macchine client, è possibile ricorrere ad una gestione centralizzata di tutte le virtual machine in esecuzione, attraverso piattaforme come MED-V (Microsoft Enterprise Desktop Virtualization).

VIRTUALIZZAZIONE DEL SERVER
La virtualizzazione di server, normalmente riferita con il solo termine di virtualizzazione, permette di emulare l'hardware di un server, consentendo l'esecuzione di differenti sistemi operativi server in macchine virtuali. Tramite Hyper V, è possibile, quindi, ottimizzare e massimizzare l'utilizzo delle periferiche presenti nei server, che normalmente vengono usate in una percentuale che si attesta intorno al 20-30% delle reali prestazioni raggiungibili. Tutto ciò consente di sfruttare un server al massimo delle potenzialità, risparmiando costi di acquisto, installazione, gestione e tutti i costi indotti, dovuti all'acquisizione di un nuovo server. L'obiettivo è quindi di eseguire sullo stesso hardware differenti OS, consolidando in un unico server tutto il workload suddiviso normalmente su server differenti.
CONDIVIDI:
Notizie collegate
  • TecnologiaWindows 7 tra SP1, XP Mode e virtual desktopPer la prima volta, Microsoft ha menzionato in via ufficiale il Service Pack 1 per Windows 7 e Windows Server 2008, svelandone due novit. BigM ha poi aggiornato l'XP Mode e ha modificato le licenze relative alla virtualizzazione desktop
  • TecnologiaFusion e Parallels abbracciano Windows 7Aggiornati i due famosi software di virtualizzazione per Mac, ora in grado di supportare Seven anche nella versione a 64 bit. Aero compresa
  • TecnologiaLa sicurezza dei client e delle retiChi mette in sicurezza un sistema informatico deve tener conto di due esigenze opposte: salvaguardia dei dati da un lato, usabilit dei sistemi dall'altro. Un delicato equilibrio che Microsoft suggerisce di gestire con soluzioni ad hoc
  • TecnologiaWindows 7, migrazione e aggiornamentoPassare a un nuovo sistema operativo offre alle aziende l'opportunit di ridurre i costi di manutenzione e aumentare la produttivit. A patto di seguire una corretta strategia di deployment e garantire la compatibilit delle applicazioni
  • TecnologiaOttimizza la tua infrastruttura con Windows 7 e Windows Server 2008 R2L'ultima versione del sistema operativo Microsoft per i server, oltre a quelle di carattere generale, ha introdotto nuove funzionalit, comuni a Windows 7, pensate per ottimizzarne l'utilizzo in sedi staccate e uffici remoti
  • TecnologiaGestire al meglio un'infrastruttura ITI dipartimenti IT spendono fino all'80% del tempo nelle attivit di gestione dell'esistente. Con le soluzioni System Center di Microsoft possibile automatizzare i processi di gestione aumentando la produttivit dell'azienda
  • TecnologiaTecnologie client/server per il WebInternet Information Server 7.x, Internet Explorer, Silverlight: sempre pi aziende si avvalgono delle applicazioni web di Microsoft per le pi svariate esigenze di business. Un'analisi dei principali scenari di utilizzo
  • TecnologiaIl Cloud computing secondo MicrosoftSistemi scalabili e personalizzati, ottimizzazione delle risorse, riduzione dei costi. Sono molti i vantaggi ottenibili dalle soluzioni cloud, sempre pi al centro delle strategie aziendali volte al futuro e all'innovazione
 

CHIEDI ALL'ESPERTO

Scorri i messaggi

Anonimo (2600 giorni fa)
Secondo varie fonti molti Cio non intendono implementare soluzioni di virtualizzazione entro i prossimi mesi. Quali sono i motivi reali?

Anonimo (2600 giorni fa)
Il fatto di lasciare inalterati gli applicativi il vantaggio pi interessante della virtualizzazione?

Anonimo (2600 giorni fa)
Quali novit vi proponete per la virtualizzazione di server e client in Windows Server 2008 R2 ?

Anonimo (2600 giorni fa)
Un numero sempre crescente di realt IT si stanno impegnando in progetti di ?virtualizzazione?, ritiene accettabile definirla come il raggruppamento delle risorse IT in una maniera che maschera la natura fisica e i confini delle risorse stesse agli occhi dell?utilizzatore?

Anonimo (2600 giorni fa)
Quali scenari futuri si possono ipotizzare per la virtualizzazione di Microsoft Italia?

Anonimo (2601 giorni fa)
Per Malusardi: nella domanda Avrei l''''esigenza di virtualizzare su USB per rendere portabili le mie APP intendo mettere una VM su dispositivo USB? Gradirei risposta completa. Grazie T.bad

Anonimo (2604 giorni fa)
Ciao Evangels :-) Avrei l''esigenza di virtualizzare su USB per rendere portabili le mie APP. Ho provato questo: http://www.moka5.com/ Delusione dire poco. Non funge nada. Altre idee? Qualcuno di voi c'' riuscito con sw stabili? Grazie per l''eventuale risposta T.bad

Anonimo (2604 giorni fa)
Buonasera, vorrei utilizzare le tecnologoie di virtualizzazione a fini di archiviazione. Mi diresti cortesemente la massima capacit di archiviazione di ogni macchina virtuale? Spero di essere stato chiaro. Grazie - OD. C arlo

Anonimo (2605 giorni fa)
Salve. La mia domanda riguarda due aspetti: il piano prestazionale ed il consumo energetico. L''overhead di uno strato aggiuntivo tipico degli ambienti VM ci dimostra un calo prestazionale soprattutto nel traffico di rete con molti utenti. Inoltre non vedo risparmio energetico rispetto a semplici server con storage condiviso. A parte la comodit della VM in s, lei vede davvero dei vantaggi? Jes

Anonimo (2605 giorni fa)
Salve, mi sa dire le principali differenze fra i prodotti vmware e quelli Microsoft? Grazie

Anonimo (2606 giorni fa)
Salve. possibile installare Windows Virtual PC in un sistema non HAV? Se non sbaglio, avevo letto da qualche parte che c''era un modo per farlo. Attendo una risposta dagli esperti. Grazie - M.Val.

Anonimo (2606 giorni fa)
Se ho ben capito, virtualizzare significa anche passare da server fisici a server virtuali: questo potrebbe essere un problema per la sicurezza? Nel caso, quali misure tecniche occorre adottare? Avete dati/studi/pareri tecnici su questi aspetti? Alex

Anonimo (2606 giorni fa)
Vorrei chiedere: vero che un server virtuale sfrutta molto meglio le risorse hardware a disposizione rispetto ad un server fisico? Se si: perch e in quali casi? Grazie. Luca

Anonimo (2606 giorni fa)
Salve, volevo sapere se esistono diversi approcci e strategie di virtualizzazione a secondo della grandezza delle aziende. Io ho una PMI con 9 dipendemti in sede e 3 da remoto, in crescita (prevedo 15 dipendenti in locale e 5 da remoto entro fine 2010). Grazie e complimenti per l''approfondimento Domenico C.

Anonimo (2607 giorni fa)
Quali sono i reali vantaggi di utilizzare una tecnologia tipo Blade, e qual l''hardware consigliato con i sistemi di virtualizzazione targati MS?

DOWNLOAD

Scorri i messaggi

Virtual PC 2007
Il software Virtual PC 2007

Microsoft Hyper-V Server 2008 R2
Download di Microsoft Hyper-V Server 2008 R2

Assessment and Planning
Il toolkit microsoft

Virtual Hard Disk
Tutto il software necessario

Hyper-V Server 2008 R2
Il download del software Microsoft

System Center Virtual Machine Manager 2008
Le novit sul SCVMM 2008

Scorri i messaggi

TECHNICAL RESOURCES

Scorri i messaggi

Windows Server Virtualization
La guida per Windows Server Virtualization

Selecting the Right Virtualization Technology
La guida per la scelta della giusta tecnologia di virtualizzazione

Microsoft Virtualization
Portale Microsoft sulla virtualizzazione

Virtualization TechCenter
Tutti gli strumenti per la virtualizzazione

Scorri i messaggi