Mauro Vecchio

Australia, anziani a lezione di proxy

Un ciclo di seminari per permettere ad utenti ultra-settantenni di scavalcare la muraglia voluta dal ministro Conroy. Ad organizzarlo, un gruppo pro-eutanasia con il supporto del Partito Pirata

Roma - Otto lezioni, un corso dal titolo Seniors Hacking Masterclass. Dalle aule di Melbourne a quelle della capitale Canberra. A rispondere all'appello, una cinquantina di cittadini australiani ultra-settantenni, alle prese con concetti come ISP, proxy e tunneling. Insegnante d'eccezione, David Campbell, membro della sezione aussie del Partito Pirata.

Exit International è un'organizzazione non profit fondata dal Dottor Philip Nitschke, ovvero il primo medico del mondo a mettere in piedi un progetto per assistere gli anziani nel difficile percorso verso l'eutanasia. Personaggio controverso agli antipodi, Nitschke si era appellato nel lontano 1996 al Rights of the Terminally Ill Act, legge che legalizzava l'eutanasia in Australia.

"Siamo stati inclusi nelle liste - ha spiegato Nitschke, tra i principali promotori delle lezioni australiane - e non è stata certo una sorpresa. Ma questo ridurrà drasticamente la nostra capacità di portare informazione a circa 5mila cittadini australiani". Exit International pare essere entrata in possesso della copia di una particolare blacklist governativa, in cui il sito web della stessa organizzazione veniva censurato, reso inaccessibile ai cittadini australiani.
Alla metà dello scorso dicembre, il ministro locale per le Comunicazioni Stephen Conroy aveva annunciato l'introduzione in ambito parlamentare di una decisa regolamentazione sul filtraggio di certi contenuti della Rete. Più nello specifico, un organo di classificazione indipendente, pronto ad aggiungere URL in una lista nera di siti, identificati come RC, Refused Classification.

Contenuti giudicati illeciti, dall'abuso sui minori e sulle donne all'uso di sostanze stupefacenti. Dalla violenza e bullismo fino ad arrivare appunto all'incoraggiamento all'eutanasia. Ovvero quello che farebbe - secondo le autorità di Canberra - il servizio offerto dal Dottor Philip Nitschke.

A questo punto, l'idea di Exit International, supportata dall'Australian Pirate Party: un ciclo di laboratori che mettano in grado gli utenti più anziani e meno esperti di scavalcare il muro digitale, quello che è stato già soprannominato Great Firewall of Australia.

Lezioni perfettamente in linea con le leggi agli antipodi, che non puniscono l'insegnamento di strategie atte ad aggirare i vari meccanismi di protezione e blocco informatico. Metodi precisi di studio, per permettere agli anziani di tenersi informati sull'eventuale possibilità di ricorrere alla misura estrema del suicidio assistito. Ma anche un'occasione per combattere il piano di filtraggio voluto dal governo, che dovrebbe essere implementato a pieno regime nel corso del prossimo agosto.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle contro i filtri australianiIl setaccio aussie dei contenuti online potrebbe convincere altri governi del mondo a fare altrettanto. E la censura è sempre arma a doppio taglio, dice BigG
  • AttualitàAustralia, censure e censoriSul sito ufficiale del ministro Conroy, sparito ogni riferimento al piano di filtraggio della Rete. Le autorità hanno puntato anche Facebook e alcune riviste di videogiochi. Le proteste non si placano
  • AttualitàAustralia, YouTube non chiuderà gli occhiGoogle ha rifiutato il suggerimento delle autorità di Canberra, non rimuoverà filmati relativi a temi scottanti come la difesa dell'eutanasia. Intanto, continua la lotta di Anonymous nei confronti delle blacklist aussie
14 Commenti alla Notizia Australia, anziani a lezione di proxy
Ordina
  • Su se stesso, sul proprio corpo e sulla propria mente, l'individuo è sovrano.
    John Stuart Mill

    E' incredibile come ancora al giorno d'oggi un concetto così chiaro ed evidente debba essere messo in discussione da un branco di bigotti integralisti che pretendono di decidere della vita degli altri.

    W la LIBERTA'
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pro Eutanasia
    > E' incredibile come ancora al giorno d'oggi un
    > concetto così chiaro ed evidente debba essere
    > messo in discussione da un branco di bigotti
    > integralisti che pretendono di decidere della
    > vita degli
    > altri.
    Non è questione di bigottismo (o almeno non solo) si tratta di controllo. Per mantenere questo tipo di società, è fondamentale che le persone siano gestite da pochi, non pensino od operino scelte usando il proprio discernimento.
    Se pensi non sei facilemnte controllabile e quindi ... pericoloso
  • Il mondo è infestato dagli integralisti che vogliono a tutti i costi imporre agli altri il loro modo do pensare, di credere, di vivere. Non soddisfatti di vivere credendo alle favole più improbabili, pretendono che tutti si adeguino alle loro fantasie. E quando hanno in mano il potere politico, non esitano a produrre leggi inapplicabili, inutili e dannose, per obbligare i liberi pensatori a comportarsi come il gregge integralista.
    Censuratemi pure, tanto non cambia nulla lo stesso. E' solo uno sfogo.
    non+autenticato
  • C'è poco da censurare.
    E' lo stato dei fatti attuale a qualunque livello.
  • - Scritto da: Fetente
    > Il mondo è infestato dagli integralisti che
    > vogliono a tutti i costi imporre agli altri il
    > loro modo do pensare, di credere, di vivere. Non
    > soddisfatti di vivere credendo alle favole più
    > improbabili, pretendono che tutti si adeguino
    > alle loro fantasie. E quando hanno in mano il
    > potere politico, non esitano a produrre leggi
    > inapplicabili, inutili e dannose, per obbligare i
    > liberi pensatori a comportarsi come il gregge
    > integralista.
    > Censuratemi pure, tanto non cambia nulla lo
    > stesso. E' solo uno
    > sfogo.

    Esatto permettiamo tutto..basta soddisfare il proprio bisogno.
    Mi sembra giusto..
    Si chiama dittatura del relativismo...
    Il relativismo è la chiave per sprofondare nella più totale anarchia dove l'unico obbiettivo è la soddisfazione del proprio bisogno.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Davide
    > - Scritto da: Fetente
    > > Il mondo è infestato dagli integralisti che
    > > vogliono a tutti i costi imporre agli altri il
    > > loro modo do pensare, di credere, di vivere. Non
    > > soddisfatti di vivere credendo alle favole più
    > > improbabili, pretendono che tutti si adeguino
    > > alle loro fantasie. E quando hanno in mano il
    > > potere politico, non esitano a produrre leggi
    > > inapplicabili, inutili e dannose, per obbligare
    > i
    > > liberi pensatori a comportarsi come il gregge
    > > integralista.
    > > Censuratemi pure, tanto non cambia nulla lo
    > > stesso. E' solo uno
    > > sfogo.
    >
    > Esatto permettiamo tutto..basta soddisfare il
    > proprio
    > bisogno.
    > Mi sembra giusto..
    > Si chiama dittatura del relativismo...
    > Il relativismo è la chiave per sprofondare nella
    > più totale anarchia dove l'unico obbiettivo è la
    > soddisfazione del proprio
    > bisogno.
    non+autenticato
  • > Esatto permettiamo tutto..basta soddisfare il
    > proprio bisogno. Mi sembra giusto.

    Non è che sembra, E' giusto.

    Finché la mia libertà non lede la libertà altrui io posso fare tutto ciò che voglio.

    Se tu vuoi morire urlando di dolore da donare al tuo presunto dio fai pure, ma non ti azzardare a pretendere che io faccia altrettanto...

    > Si chiama dittatura del relativismo...

    Frase totalmente senza senso.

    Il relativismo NON può essere, per definizione, una dittatura, in quanto nega l'esistenza della verità assoluta.

    Le dittature sono quelle di voialtri, che credete di essere i detentori della verità e vi sentite in diritto di imporre agli altri la vostra visione del mondo...

    > Il relativismo è la chiave per sprofondare nella
    > più totale anarchia dove l'unico obbiettivo è la
    > soddisfazione del proprio bisogno.

    Quello si chiama edonismo.

    Almeno informati prima di parlare.
    non+autenticato
  • Affermare che la verità assoluta non esiste non è a sua volta una verità assoluta?
    non+autenticato
  • - Scritto da: fhyth
    > Affermare che la verità assoluta non esiste non è
    > a sua volta una verità
    > assoluta?

    Logicamente sta ad un livello tipologico diverso.
    E dal punto di vista sociale e pragmatico causa meno danni.
    non+autenticato
  • > Affermare che la verità assoluta non esiste non è
    > a sua volta una verità assoluta?

    Non confondere linguaggio e metalinguaggio.

    Nella tua frase la prima occorrenza del termine verità assoluta fa riferimento ad una presunta verità assoluta intesa come principio etico mentre la seconda occorrenza fa riferimento al discorso sull'etica.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pro Eutanasia
    > > Affermare che la verità assoluta non esiste non
    > è> > a sua volta una verità assoluta?
    > Non confondere linguaggio e
    > metalinguaggio.
    > Nella tua frase la prima occorrenza del termine
    > verità assoluta fa riferimento ad una
    > presunta verità assoluta intesa come principio
    > etico
    mentre la seconda occorrenza fa
    > riferimento al discorso> sull'etica.

    applichiamo l'eutanasia ai filosofi
    non+autenticato
  • ha ha, dittatura del relativismo... ecco un altro che ripete a pappagallo le parolone del capo... se il relativismo è il male, cos'è allora il suo contrario, cioè l'assolutismo? forse l'assolutismo è il bene? Certo, lo è, per chi vuole obbligare tutti a pensarla alla stessa maniera. Assolutismo e dittatura vanno a braccetto, invece il relativismo è un principio di libertà. A me la libertà piace, ma non la impongo a nessuno. Invece i greggi di non-liberi vorrebbero tanto imporre a me le loro verità-assolute (o meglio, fantasie-assolute). Addio.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Davide
    > Esatto permettiamo tutto..basta soddisfare il
    > proprio bisogno.
    > Mi sembra giusto..
    > Si chiama dittatura del relativismo...

    Esatto VIETIAMO tutto... basta soddisfare il proprio bisogno.
    Mi sembra giusto...
    Si chiama dittatura del relativismo...
    non+autenticato