Alessandro Del Rosso

I film scorrono sull'HDD portatile

Seagate e Panasonic sperimentano la distribuzione dei film su hard disk portatile. Le pellicole verranno presto precaricate su certi modelli di drive FreeAgent Go

Roma - In ambito domestico gli hard disk sono oggi il media più diffuso per l'archiviazione dei film, ma generalmente si tratta di file avi o mkv scaricati da fonti tutt'altro che ufficiali. Seagate e Panasonic sono apparentemente le prime a sperimentare la distribuzione legale di film su hard disk portatili.

Negli Stati Uniti i consumatori potranno presto acquistare i drive portatili FreeAgent Go di Seagate e ottenere, con un costo extra compreso fra i 10 e i 20 dollari, 21 delle più note pellicole del catalogo Paramount. I film si troveranno già memorizzati nel disco sotto forma di file Windows Media Video e saranno protetti con un apposito lucchetto digitale: per aprire il lucchetto sarà necessario collegarsi ad un certo sito web, registrarsi e ottenere il certificato digitale necessario per decrittare i video.

Ma come riporta CrunchGear, il processo di sblocco dei file sarebbe tutt'altro che chiaro e intuitivo, sopratutto per la mancanza di istruzioni passo-passo e di un manuale elettronico: "C'è solo un piccolo dépliant promozionale allegato alla documentazione del driver che spiega cosa siano questi file e come si utilizzano" fa notare il noto blog americano.
C'è chi poi non manca di criticare la scelta, da parte di Panasonic, di un formato di compressione proprietario che potrebbe rendere molto difficile - se non impossibile - la riproduzione dei film sulle piattaforme open source.

Tra i titoli che Seagate e Panasonic distribuiranno su certi modelli di FreeAgent Go ci sono Beowulf, The Italian Job, GI Joe, Il curioso caso di Benjamin Button e Caccia a Ottobre Rosso.

Alessandro Del Rosso
5 Commenti alla Notizia I film scorrono sull'HDD portatile
Ordina
  • Se offrono il film con DRM, non ci interessa. Non ci interessa un formato bloccato solo su alcuni sistemi operativi, non ci interessa chiedere il permesso via internet per vedere un film, non ci interessa avere un programma installato che lavora contro di noi.

    I produttori sono troppo idioti per capirlo? Si meritano la pirateria a oltranza, si meritano gli incassi a zero, finchè o non rinsaviscono, o non falliscono e vengono rimpiazzati da gente con piu' cervello.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Se offrono il film con DRM, non ci interessa. Non
    > ci interessa un formato bloccato solo su alcuni
    > sistemi operativi, non ci interessa chiedere il
    > permesso via internet per vedere un film, non ci
    > interessa avere un programma installato che
    > lavora contro di
    > noi.
    >
    > I produttori sono troppo idioti per capirlo? Si
    > meritano la pirateria a oltranza, si meritano gli
    > incassi a zero, finchè o non rinsaviscono, o non
    > falliscono e vengono rimpiazzati da gente con
    > piu'
    > cervello.

    Sono completamente daccordo.

    Per me avrebbero dovuto fornire opzionalmente, in formato libero assolutamente DRMfree, da tutti "digerito", diciamo XviD HD (tecnicamente è possibile), non 20 ma 200 film almeno, visto che la capacità lo permette, e senza sovraprezzo alcuno, andando così a compensare l'iniquo compenso e la sopratassa per supporti di registrazione imposta dall'ineffabile Bondi schiavo delle Majors...
    Dico opzionalmente perchè per molti sarebbero un fastidio in più dover cancellare i vari film per rendere usabile l'HD esterno: infatti penso che molti preferiscano scegliersi da loro i film preferiti, visto che è possibile anche a costo zero!

    Invece è lodabile l'idea di utilizzare supporto magnetico anzichè ottico per lo stockaggio di contenuti multimediali: sopratutto la riusabilità ovvero aggiornabilità immediata è un grosso vantaggio du dupporto magnetico, che oltretutto a prezzi ufficiali ha un costo anche assai inferiore a parità di Byutes disponibili.
    Personalmente ho sperimentrato una sicurezza (diciamo una leggibilità dopo conservazione anche non accurata) decisamente migliore su supporto magnetico anzichè ottico (e che qualcuno non mi venga a parlare di cazzate immani come i BlueRay per questo scopo, tali bidoni servono solo per far incassare le Majors con contenuti praticament non aggiornabili...!).
    non+autenticato
  • Ma lo capiranno prima o poi che il DRM non è la strada giusta?
    Ma guardate che assurdità...io mi compro un hard disk con dentro dei film e per vedermi i film, devo andare su internet a scaricarmi le chiavi di descrittazione per ogni singolo film.
    Essendo in windows media te li puoi guardare soltanto sotto windows poi...ma andate a cagare!
  • Se una cosa è visualizzabile è anche sicuramente copiabile. Hanno già preso bastonate nei denti con AACSS e BD+, ne prenderanno altre. Pirata
  • a me sembra proprio inutile il prodotto di suo... come al solito zeppo di drm, insomma peggio sia del blu-ray (perchè manca un vero supporto fisico, se si schianta l' hard disk addio ai film) sia di quello che si trova gratis sui torrent/muli (perchè limitato ad essere visualizzato solo con certi software).

    Li vendessero in un formato decente li comprerei pure i film via internet...