Mauro Vecchio

Microsoft e i cellulari social al cubo

Redmond presenta al mondo KIN One e KIN Two, gli apparecchi mobile per le generazioni cresciute a pane e Facebook. Made in Sharp e niente Windows Phone

Roma - Una vera e propria esperienza per le attuali generazioni social. È stato così presentato al mondo il progetto Pink, sviluppato da Microsoft con il contributo di Sharp per dare alla luce due nuove creature mobile. Due piccoli dispositivi cellulari, creati appositamente per le cosiddette Generazioni Y, quelle che aggiornano la propria esistenza su Facebook o Twitter.

La presentazione ufficiale da parte di BigM non è stata foriera di illuminanti dettagli, al di là di vistosi messaggi sulla natura di quelli che sono stati chiamati in codice Turtle e Pure. Cosa si aspettano le attuali generazioni da un cellulare? Secondo Robbie Bach, a capo della divisione Entertainment and Devices di Microsoft, la priorità è una sola, sul mantra social, social, social.

È entrato in scena Turtle, meglio conosciuto come KIN One. Piccolo e squadrato, KIN One è dotato di una tastiera QWERTY a scorrimento verticale. Lo schermo è decisamente minuto, a fronte di tasti più grandi per rendere più semplice l'invio di messaggi di testo o l'aggiornamento del proprio status sul social network in blu. La sua memoria interna è di 4GB, con una fotocamera di 5 megapixel. E poi Bluetooth, GPS e mono speaker.

Nelle intenzioni di BigM potrebbe dunque non esserci la competizione con Apple e il suo iPhone. Perché se ci fosse allora Redmond avrebbe scelto un segmento di mercato piuttosto limitato, nonostante la vena social degli utenti più diversificati. Le due creature mobile made in Redmond hanno previsto una sorta di zona unica di condivisione chiamata Loop. Che poi sarebbe l'interfaccia primaria di KIN One dove ricevere tutti gli aggiornamenti a sfondo social.

La parola d'ordine è stata quindi real time, in modo da permettere agli utenti di sfiorare appena un'icona sullo schermo per rispondere subito al commento di un amico. Poi, una zona in basso sullo schermo chiamata The Spot. Un punto che aiuterà l'utente a creare notizie ed eventi, ovviamente da trasmettere ai vari social network.

È entrato in scena Pure, meglio conosciuto come KIN Two. Più convenzionale e simile ai vari smartphone esistenti, KIN Two possiede un display 480x320 e 8GB di memoria interna. Ancora più dotata la sua fotocamera, 8 megapixel. Il dispositivo è capace di registrare filmati video in alta definizione (HD), quindi ha GPS, Bluetooth e stereo speaker. Caratteristiche che potrebbero convincere un'utenza base, attratta da contenuti multimediali.



Ma ci sono delle limitazioni che potrebbero scoraggiare un'utenza più esigente. Per la precisione, nel sistema operativo Windows Phone, che non è Windows Phone 7 e quindi non ne supporta determinate caratteristiche. Ma quali limitazioni? Innanzitutto l'OS made in Redmond non integra un software di editing per foto e video. E non supporta la funzione calendario. Ma non è finita qui.

Come notato da alcune fonti, i nuovi social-gadget di BigM presenterebbero delle curiose omissioni. Non esisterebbe il supporto per il caricamento di immagini e video su Twitter. Mentre il browser non supporta né Flash LiteSilverlight. Curioso, per cellulari che dovrebbero rispondere con forza al grido di social, social, social. E c'è chi ha anche ironizzato sulla loro forma, più golosa di quanto si creda.

C'è poi chi ha sottolineato come The Loop sia teoricamente un'ottima idea. Ma anche come l'aspetto hardware dei due KIN sia eccessivamente orientato verso uno stile giovanile. E giustamente c'è l'interrogativo sulla reale utilità di The Spot, nel momento in cui gli utenti non passino molto tempo a creare informazione da condividere con i propri amici, limitandosi magari soltanto a farla circolare.

Domande a cui potranno rispondere innanzitutto gli utenti statunitensi: i due KIN usciranno sul mercato a maggio, dopo un accordo tra Redmond e Verizon Wireless. L'Europa dovrà invece attendere il prossimo autunno, quando Germania, Italia, Spagna e Regno Unito saranno i primi paesi a poterlo acquistare. Ma non si sa a quale prezzo, dato che nessun dettaglio è trapelato. Nel Vecchio Continente, i KIN verranno portati da Vodafone.

Ma c'è una sorta di colpo di scena, emerso tra i meandri di una conversazione tra il blog ZDNet e Roz Ho, vicepresidente di BigM. È stato precisato che i due KIN non sono Microsoft phone, che non verranno distribuiti sul mercato con il marchio di Redmond. I due cellulari sono stati sviluppati da Sharp - come precisato da Ho - e Sharp è attualmente uno dei partner di Microsoft nel settore mobile. Ma si tratterebbe certamente, almeno secondo l'articolo di ZDNet, di un prodotto made in Redmond, sulla stessa linea di sviluppo di prodotti classici come Xbox e Zune (tra l'altro presente su KIN).



Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • TecnologiaSpeciale/ L'identikit di Windows Phone 7Presso la conferenza MIX10 Microsoft ha rivelato nuove caratteristiche di Windows Phone 7. Il quadro non è ancora completo, ma sufficiente per farsi un'idea di cosa offra il nuovo sistema operativo mobile di Redmond
  • BusinessMicrosoft, Pink è già quiLe ultime indiscrezioni spazzano via molti dubbi. Lo smartphone di BigM debutterà presto. Ancora sconosciuti prezzo e caratteristiche tecniche
  • TecnologiaWindows Phone 7, primi vagitiEngadget mostra le immagini di un prototipo. Si tratta di un dispositivo marchiato LG dotato di tastiera fisica. Mentre dall'Asia arrivano notizie definitive sulla sorte di Windows Mobile 6
26 Commenti alla Notizia Microsoft e i cellulari social al cubo
Ordina