Claudio Tamburrino

USA contro i filtri tra i canguri

L'ambasciatore statunitense critica le misure predisposte dal governo australiano: gli stessi obiettivi possono essere perseguiti con mezzi meno invasivi

Roma - Gli Stati Uniti tornano a parlare della libertà in Rete come fosse una questione di politica internazionale: se la prima volta era stata Hillary Clinton a intervenire sull'affaire Google-Cina, stavolta è Jeff Bleich, l'ambasciatore statunitense presso l'Australia a commentare la barriera digitale predisposta dal governo locale.

"Internet ha bisogno di restare libera - ha detto Bleich - noi siamo riusciti a perseguire il medesimo obiettivo di lotta alla pedopornografia senza bisogno di ricorrere a filtri Internet".

L'ambasciatore ha inoltre affermato che Washington ha tutta l'intenzione di condividere con Canberra la propria esperienza, aiutandola a individuare altri metodi per combattere i contenuti illegali.
Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàGoogle contro i filtri australianiIl setaccio aussie dei contenuti online potrebbe convincere altri governi del mondo a fare altrettanto. E la censura è sempre arma a doppio taglio, dice BigG
  • AttualitàAustralia, anziani a lezione di proxyUn ciclo di seminari per permettere ad utenti ultra-settantenni di scavalcare la muraglia voluta dal ministro Conroy. Ad organizzarlo, un gruppo pro-eutanasia con il supporto del Partito Pirata
  • AttualitàAustralia, YouTube non chiuderà gli occhiGoogle ha rifiutato il suggerimento delle autorità di Canberra, non rimuoverà filmati relativi a temi scottanti come la difesa dell'eutanasia. Intanto, continua la lotta di Anonymous nei confronti delle blacklist aussie