Mauro Vecchio

File sharing, lettera aperta a Maroni

Dopo le recenti dichiarazioni del ministro dell'Interno, con una missiva si chiede di intervenire per abolire la legge Urbani. Almeno negli aspetti che criminalizzano il P2P

Roma - "Abbiamo letto con interesse le notizie che riferiscono della sua abitudine come di qualsiasi appassionato di musica, di scaricare brani da Internet". Inizia così una lettera aperta al ministro dell'Interno Roberto Maroni, apparsa di recente sul sito ufficiale dell'Associazione Radicale Agorà Digitale. Una missiva firmata da parlamentari di diversi orientamenti politici, da giornalisti, accademici e giuristi del Belpaese.

Obiettivo primario della lettera, chiedere al titolare del Viminale l'abolizione della legge Urbani, nella specifica parte in cui il file sharing viene criminalizzato e dunque sanzionato penalmente. "Coloro i quali si battono come noi per l'affermazione delle libertà individuali nel dominio digitale non chiedono alle istituzioni di rinunciare al proprio ruolo regolatore - si legge nella missiva - ma di discutere le possibili riforme per gestire la situazione reale, che lei mostra di ben conoscere, adottando gli opportuni provvedimenti".

Maroni era tornato a parlare di torrent e affini nel corso di un'intervista rilasciata al settimanale Panorama: il ministro non potrebbe passare un'intera giornata senza musica, scaricandola a volte in maniera gratuita dai meandri selvaggi della Rete. Maroni aveva quindi sottolineato come la soluzione giusta al problema del P2P non sia quella indicata dalla cosiddetta dottrina Sarkozy. Nelle sue recenti dichiarazioni: "la soluzione è creare un sito dove i ragazzi possano scaricare brani i cui diritti d'autore sono garantiti da uno o più sponsor".
I responsabili di Agorà Digitale hanno quindi apprezzato la sincerità di Maroni, essendosi preso la responsabilità politica di "raccontare la quotidianità di quanto avviene nel nostro paese, con milioni di utenti ad aver ormai scelto lo strumento informatico per la ricerca e lo scambio dei contenuti che più li interessano". Un fenomeno che non può essere semplicemente liquidato come criminalità o pirateria, almeno secondo i vari firmatari della missiva.

Tra di loro Paolo Brini, portavoce del Movimento ScambioEtico, insieme a Juan Carlos De Martin, co-direttore del Centro NEXA al Politecnico di Torino. Firme sostenute peraltro dai risultati di una recente indagine conoscitiva sulla pirateria digitale condotta dall'Autorità per le Garanzie nelle Telecomunicazioni (AGCOM), "nella quale si evidenzia come la pirateria non commerciale nella gran parte dei casi beneficia il mercato e come misure repressive contro questo fenomeno siano inutili e dannose".

Mauro Vecchio
Notizie collegate
92 Commenti alla Notizia File sharing, lettera aperta a Maroni
Ordina
  • ma sapete che se fate un pezzo di musica i vostri diritti non vanno a voi come autore, ma chi ha venduto di più? e gli artisti famosi fanno i dischi di beneficenza dando le vendite e si tengono le royalty per comnprasi le ferrari e le ville?

    io se un disco mi piace me lo compro comunque, il problema che i dischi di oggi fanno schifo, solo 2 o 3 canzoni ad album decenti

    Viva gli anni 80 dove i pezzi erano erano tutti capolavori.

    il sistema deve cambiare.
    non+autenticato
  • IO NON MI INTENDO DI MUSICA MA PIACE ASCOLTARLA... IL MIO PENSIERO E CHE I MUSICISTI O I CANTANTI SIANO SOLTANTO DEI "PUBBLICITARI", PERCHE' CON LE LORO CANZONI CHE SI SENTONO IN RADIO E IN TELEVISONE INDUCONO LA GENTE A VOLER RISENTIRE UNA CANZONE IN CASA PROPRIA, MA A QUEL PUNTO SCATTA LA "TRAPPOLA" ...ORA CHE TI HO ABITUATO A QUELLA CANZONE...DEVI COMPRARLA AL PREZZO CHE DICO IO. NON TRASMETTETE PIU' LE CANZONI NE IN RADIO NE IN TV COSI' NON VERREMO INDOTTI A COMPRARLE.... OPPURE CHI LE FA' TRASMETTERE PER RADIO DEVONO ESSERE CONSIDERATE DI DOMINIO PUBBLICO CIOE' LIBERE. CIAO
    non+autenticato
  • 1) Per favore, potresti evitare di scrivere tutto maiuscolo?

    2) Questo sistema funziona sempre meno: io sento la canzone, voglio risentirla... e la scarico! (un tempo l'avrei registrata dalla radio, magari)

    Molte radio permettono di risentire i loro stessi programmi via internet, li posso prendere da lì.
    non+autenticato
  • ...A lamentarsi di una cosa ormai riconosciuta anche istituzionalmente e soprattutto a fare LA STESSA COSA CHE FACEVANO LORO ANNI PRIMA CON LA DIFFERENZA FONDAMENTALE CHE LORO CI SPECULAVANO SOPRA!!!ArrabbiatoArrabbiatoArrabbiatoArrabbiato

    Dai tempi delle pellicole 8mm, super8mm e 16mm, fino alle VHS, è stato pieno di noleggiatori di copie pirata, di copie per la vendita e quant'altro... noleggiavano anche cd audio e videogiochi (sempre per la vendita non per il noleggio)...
    E quanti di loro noleggiavano i film di PRIMA VISIONE IN QUEL MOMENTO AL CINEMA?
    Adesso che hanno perso queste entrate, perché grazie al p2p chi faceva quest'uso delle videoteche ha smesso di regalargli soldi, gli rode tantissimo... basta vedere sul forum del GOVERNO, ma anche su questo forum qui, come si dimenano... peggio delle anguille...
    CARI VIDEOTECARI, SIETE COME I VENDITORI DI LAMPADE AD OLIO... E FARETE LA LORO STESSA FINE...
    Pateticil oltre ogni limite. VERGOGNATEVI!!!
  • SalveSorride

    una curiosità per chi ne sa di più...

    scaricare una canzone da youtube*, è considerato ugualmente illegale?
    al pari dello scaricamento da emule?

    *: intendo scaricare il video ed estrarci l'audio

    il dubbio mi sorge anche dal fatto che, si i tos di youtube vietano lo scaricamento dei video, ma il video rimane da solo in /tmp quindi...
    non+autenticato
  • Puoi legalmente farti una copia per uso personale di un'opera, se puoi accedere legittimamente a tale opera (ad esempio, non puoi copiare un disco rubato, ma puoi copiare un disco regolarmente acquistato)

    Alla canzone su youtube tu puoi accedere legalmente, quindi puoi copiartela.
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > Puoi legalmente farti una copia per uso personale
    > di un'opera, se puoi accedere legittimamente a
    > tale opera (ad esempio, non puoi copiare un disco
    > rubato, ma puoi copiare un disco regolarmente
    > acquistato)
    >
    > Alla canzone su youtube tu puoi accedere
    > legalmente, quindi puoi
    > copiartela.

    Lascia perdere i consigli di "angros".
    Parla di "legalemente" quando lui stesso si fotocopierebbe una libreria intera (vd. sue risposte al mio post): per la LdA italiana, è concesso fotocopiare solo il 15% di un manoscritto.
    non+autenticato
  • Ecco quello che dice la legge:

    La Copia Privata è il compenso che si applica, tramite una royalty sui supporti vergini fonografici o audiovisivi in cambio della possibilità di effettuare registrazioni di opere protette dal diritto d’autore.

    .....

    - è prevista un’eccezione al diritto esclusivo di riproduzione spettante ad autori, artisti e produttori;
    - in virtù di tale eccezione, al consumatore persona fisica è consentito di riprodurre legalmente, per uso esclusivamente personale , fonogrammi e videogrammi;



    Fonte:
    http://www.siae.it/Utilizzaopere.asp?link_page=Mus...
    non+autenticato
  • > - è prevista un’eccezione al diritto esclusivo di
    > riproduzione spettante ad autori, artisti e
    > produttori;
    > - in virtù di tale eccezione, al consumatore
    > persona fisica è consentito di riprodurre
    > legalmente, per uso esclusivamente personale ,
    > fonogrammi e videogrammi;
    >
    >
    >
    >
    > Fonte:
    > http://www.siae.it/Utilizzaopere.asp?link_page=Mus

    Citiamo per intero, direttamente dalla legge:

    Art. 71-sexies

    1. E' consentita la riproduzione privata di fonogrammi e videogrammi su qualsiasi supporto, effettuata da una persona fisica per uso esclusivamente personale, purché senza scopo di lucro e senza fini direttamente o indirettamente commerciali, nel rispetto delle misure tecnologiche di cui all'articolo 102-quater.

    3. La disposizione di cui al comma 1 non si applica alle opere o ai materiali protetti messi a disposizione del pubblico in modo che ciascuno possa avervi accesso dal luogo e nel momento scelti individualmente, quando l'opera è protetta dalle misure tecnologiche di cui all'articolo 102-quater ovvero quando l'accesso è consentito sulla base di accordi contrattuali.

    Il comma 3 dovrebbe applicarsi a YT, no?
    Ovvio: non credo ci sarà mai una persona denunciata per essersi scaricato un video da YT con cui poi si è fatto un cd musicale.

    Il concetto che invece voglio ribardire è che i consigli di angros non mi sembrano molto affidabili...
    non+autenticato
  • > 3. La disposizione di cui al comma 1 non si
    > applica alle opere o ai materiali protetti messi
    > a disposizione del pubblico in modo che ciascuno
    > possa avervi accesso dal luogo e nel momento
    > scelti individualmente, quando l'opera è protetta
    > dalle misure tecnologiche di cui all'articolo
    > 102-quater ovvero quando l'accesso è consentito
    > sulla base di accordi
    > contrattuali.
    >
    > Il comma 3 dovrebbe applicarsi a YT, no?

    Youtube non è "il pubblico", e non mette protezioni sui files. Inoltre non ci sono accordi contrattuali, ma semplici termini di servizio.

    Quindi, che problema c'è?

    Oltre tutto, Youtube è di Google, e i siti per effettuare la conversione da youtube si trovano tramite Google: quindi, si suppone che Google lo sappia, e non ha mai fatto tentativi per impedirlo (nemmeno un "cease and desist" ai gestori di tali siti)


    > Ovvio: non credo ci sarà mai una persona
    > denunciata per essersi scaricato un video da YT
    > con cui poi si è fatto un cd
    > musicale.

    Se nessuno verrà mai a protestare, sei a posto:

    Vigilantibus non dormientibus iura succurrunt



    > Il concetto che invece voglio ribardire è che i
    > consigli di angros non mi sembrano molto
    > affidabili...

    I tuoi, invece...
    non+autenticato
  • >
    > Youtube non è "il pubblico", e non mette
    > protezioni sui files. Inoltre non ci sono accordi
    > contrattuali, ma semplici termini di
    > servizio.

    Leggi meglio l'articolo!!!

    > Quindi, che problema c'è?
    >
    > Oltre tutto, Youtube è di Google, e i siti per
    > effettuare la conversione da youtube si trovano
    > tramite Google: quindi, si suppone che Google lo
    > sappia, e non ha mai fatto tentativi per
    > impedirlo (nemmeno un "cease and desist" ai
    > gestori di tali
    > siti)

    Caro impegiato di Google, grazie per averci dato queste info.

    >
    > > Ovvio: non credo ci sarà mai una persona
    > > denunciata per essersi scaricato un video da YT
    > > con cui poi si è fatto un cd
    > > musicale.
    >
    > Se nessuno verrà mai a protestare, sei a posto:
    >
    > Vigilantibus non dormientibus iura
    > succurrunt


    Ah le citazioni... dicono tutto e niente.

    >
    > > Il concetto che invece voglio ribardire è che i
    > > consigli di angros non mi sembrano molto
    > > affidabili...
    >
    > I tuoi, invece...

    Mai dato consigli, semmai spunti di riflessione.
    non+autenticato
  • > Leggi meglio l'articolo!!!

    Io l'ho letto, faresti meglio a leggerlo tu.


    > Caro impegiato di Google, grazie per averci dato
    > queste
    > info.

    Per te, prima ero un membro del Partito Pirata, poi un lobbysta mormone, ora un impiegato di Google: cerca di deciderti...


    > > Se nessuno verrà mai a protestare, sei a posto:
    > >
    > > Vigilantibus non dormientibus iura
    > > succurrunt

    >
    > Ah le citazioni... dicono tutto e niente.

    Soprattutto a chi non capisce il latino.

    >
    > Mai dato consigli, semmai spunti di riflessione.

    Anche io cerco di dare spunti di riflessione, ma temo che con te siano sprecati.
    non+autenticato
  • Mi stupiscono le affermazioni di Maroni, soprattutto per il ruolo che svolge nel governo!
    Le regole vanno rispettate! Punto.

    Punto di riflessione: nella dichiarazione universale dei diritti dell'uomo è riconosciuto il diritto di vedere tutelate le proprie opere dell'ingengo.
    non+autenticato
  • - Scritto da: nOra
    > Mi stupiscono le affermazioni di Maroni,
    > soprattutto per il ruolo che svolge nel
    > governo!
    > Le regole vanno rispettate! Punto.

    Dicevano così anche i sudisti, riferendosi alla schiavitu', quando i nordisti la contestavano. Chi aveva ragione? Chi ha vinto?

    > Punto di riflessione: nella dichiarazione
    > universale dei diritti dell'uomo è riconosciuto
    > il diritto di vedere tutelate le proprie opere
    > dell'ingengo.

    In quale articolo?
    non+autenticato
  • - Scritto da: angros
    > - Scritto da: nOra
    > > Mi stupiscono le affermazioni di Maroni,
    > > soprattutto per il ruolo che svolge nel
    > > governo!
    > > Le regole vanno rispettate! Punto.
    >
    > Dicevano così anche i sudisti, riferendosi alla
    > schiavitu', quando i nordisti la contestavano.
    > Chi aveva ragione? Chi ha
    > vinto?

    Come fai a mettere sullo stesso piano scaricare da internet e schiavitù?
    Sono la stessa cosa?
    Esistono delitti contro la persona e delitti patrimoniali... qui si parla della seconda.

    > > Punto di riflessione: nella dichiarazione
    > > universale dei diritti dell'uomo è riconosciuto
    > > il diritto di vedere tutelate le proprie opere
    > > dell'ingengo.
    >
    > In quale articolo?

    Articolo 27, secondo comma:

    "Ogni individuo ha diritto alla protezione degli interessi morali e materiali derivanti da ogni produzione scientifica, letteraria e artistica di cui egli sia autore."
    non+autenticato
  • > Come fai a mettere sullo stesso piano scaricare
    > da internet e
    > schiavitù?
    > Sono la stessa cosa?

    Sempre di regole si tratta: se tu mi dici "Le regole vanno rispettate! Punto." devi rispettare ance le leggi sulla schiavitù.

    Se invece vuoi distinguere, va bene, ma allora devi riconoscere che alcune regole sono intrinsecamente sbagliate, e non vanno accettate. E il diritto d'autore è una di queste.

    > Esistono delitti contro la persona e delitti
    > patrimoniali... qui si parla della
    > seconda.

    Non che abbia molta rilevanza, nel discorso che stiamo facendo; comunque, ti ricordo che uno schiavo non era considerato una persona, ma una proprietà del padrone: quindi, anche liberare uno schiavo era considerato un delitto patrimoniale.


    > > In quale articolo?
    >
    > Articolo 27, secondo comma:
    >
    > "Ogni individuo ha diritto alla protezione degli
    > interessi morali e materiali derivanti da ogni
    > produzione scientifica, letteraria e artistica di
    > cui egli sia
    > autore."

    Perchè non citi anche la prima parte?
    "Ogni individuo ha diritto di prendere parte liberamente alla vita culturale della comunità, di godere delle arti e di partecipare al progresso scientifico ed ai suoi benefici."

    Ti faccio notare che dice "ogni individuo", non dice dice "ogni individuo pagante"; questo significa che la pirateria, se non ha fini di lucro, è ammessa.
    non+autenticato
  • >> Articolo 27, secondo comma:
    >>
    >> "Ogni individuo ha diritto alla protezione degli
    >> interessi morali e materiali derivanti da ogni
    >> produzione scientifica, letteraria e artistica
    >> di cui egli sia autore."

    > Perchè non citi anche la prima parte?
    > "Ogni individuo ha diritto di prendere parte
    > liberamente alla vita culturale della comunità,
    > di godere delle arti e di partecipare al
    > progresso scientifico ed ai suoi benefici."
    >
    > Ti faccio notare che dice "ogni individuo", non
    > dice dice "ogni individuo pagante"; questo
    > significa che la pirateria, se non ha fini di
    > lucro, è ammessa.

    Standing ovation

    Pirata
    non+autenticato
  • Lo hai spezzato in due. Vacci più piano, la prossima volta.
    non+autenticato
  • > Perchè non citi anche la prima parte?
    > "Ogni individuo ha diritto di prendere parte
    > liberamente alla vita culturale della comunità,
    > di godere delle arti e di partecipare al
    > progresso scientifico ed ai suoi
    > benefici."
    >

    che vada in biblioteca ed in mediateca ed ai mille concerti gratuiti che fanno in giro per le piazze, alle mille mostre gratutite che fanno nei musei ecc ecc

    > Ti faccio notare che dice "ogni individuo", non
    > dice dice "ogni individuo pagante"; questo
    > significa che la pirateria, se non ha fini di
    > lucro, è
    > ammessa.

    Hai ragione, quindi va bene che paghi per computer, cd/dvd vergini, accesso ad internet, corrente elettrica... ma non va bene che paghi per un film o una canzone.
    Se il mondo girasse come dici tu presto non avremmo più artisti.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Lemon
    > > Perchè non citi anche la prima parte?
    > > "Ogni individuo ha diritto di prendere parte
    > > liberamente alla vita culturale della comunità,
    > > di godere delle arti e di partecipare al
    > > progresso scientifico ed ai suoi
    > > benefici."
    > >
    >
    > che vada in biblioteca ed in mediateca ed ai
    > mille concerti gratuiti che fanno in giro per le
    > piazze, alle mille mostre gratutite che fanno nei
    > musei ecc
    > ecc
    >

    O nei loro equivalenti online: rapidshare, P2P, youtube ecc...


    > > Ti faccio notare che dice "ogni individuo", non
    > > dice dice "ogni individuo pagante";
    > questo
    > > significa che la pirateria, se non ha fini di
    > > lucro, è
    > > ammessa.
    >
    > Hai ragione, quindi va bene che paghi per
    > computer, cd/dvd vergini, accesso ad internet,
    > corrente elettrica...

    Sono forse beni digitali replicabili all'infinito?

    E comunque, se mi metto il generatore posso benissimo avere corrente senza pagarmela, producendola io.
    Analogamente, se ho il masterizzatore posso masterizzarmi i cd senza pagarli.


    > ma non va bene che paghi
    > per un film o una
    > canzone.

    No, visto che si può avere senza pagare, pagare non è necessario, e non va fatto.

    > Se il mondo girasse come dici tu presto non
    > avremmo più
    > artisti.

    Anche se fosse, abbiamo già abbastanza musica. Ma in realtà perderemmo solo gli artisti che ragionano così, e no sarebbe un male.
    non+autenticato
  • >
    > Anche se fosse, abbiamo già abbastanza musica. Ma
    > in realtà perderemmo solo gli artisti che
    > ragionano così, e no sarebbe un
    > male.

    fai così: scaricati gli artisti che ragionano come te, sono quelli che già non chiedono soldi, ascoltati quelli e viviamo tutti felici e contenti. Mi raccomando, non scaricarti quelli che ti chiedono i soldi, l'hai detto tu, anche se cambiassero mestiere poco male quindi non ascoltarli,
    ciao
    non+autenticato
  • > fai così: scaricati gli artisti che ragionano
    > come te, sono quelli che già non chiedono soldi,
    > ascoltati quelli e viviamo tutti felici e
    > contenti.

    Lo faccio.

    > Mi raccomando, non scaricarti quelli
    > che ti chiedono i soldi

    Perchè non dovrei?

    >, l'hai detto tu, anche se
    > cambiassero mestiere poco male quindi non
    > ascoltarli,

    Dimmi un solo motivo sensato per cui non dovrei farlo; sono lì, li ascolto. Punto.

    Anche se cambiassero mestiere, la loro musica resterebbe dov'è, quindi perchè mai dovrei rinunciarci?
    non+autenticato
  • > Non che abbia molta rilevanza, nel discorso che
    > stiamo facendo; comunque, ti ricordo che uno
    > schiavo non era considerato una persona, ma una
    > proprietà del padrone: quindi, anche liberare uno
    > schiavo era considerato un delitto
    > patrimoniale.

    Ti do ragione allora: leggi contro la pirateria sono come le leggi pro-schiavitù. Meglio ancora: sono come le leggi antisemite.

    Non so perchè, ma qualcosa non mi torna. Boh... si vede che sono troppo ingenuo oppure ipocrita.


    > Perchè non citi anche la prima parte?
    > "Ogni individuo ha diritto di prendere parte
    > liberamente alla vita culturale della comunità,
    > di godere delle arti e di partecipare al
    > progresso scientifico ed ai suoi
    > benefici."
    >
    > Ti faccio notare che dice "ogni individuo", non
    > dice dice "ogni individuo pagante"; questo
    > significa che la pirateria, se non ha fini di
    > lucro, è
    > ammessa.

    Hahaha, bella questa, dunque il primo comma è pro-sharing!!!!
    Caspita me la devo segnare e raccontarla durante le ns. riunioni pro-Major!!!

    Secondo te qual'è il senso del secondo comma? e perchè viene dopo il primo?
    Non mi rispondere perchè sono andati a capo riga.
    Il secondo comma stabilisce che ciò che è riconosciuto nel primo deve in ogni caso avvenire nel rispetto del secondo.

    Riprendendo l'affermazione tua "a scopo di lucro", non riesci ad argomentarla meglio? Allora per te potrebbe essere anche giusto fotocopiarsi un libro appena uscito in libreria (ovviamete la commessa ti conosce e te lo presta per 2/3 ore)... tanto è per uso personale ed avendo una fotocopiatrice in ufficio non ci sono problemi.

    Ribadisco non sono esattamente pro-Major, sono piuttosto pro-tutela opere dell'ingegno.
    L'attuale legge sul diritto d'autore che abbiamo nemmeno a me piace e nemmeno capisco come faccia ad esistere ancora un'entità come la SIAE, però questo non vuol dire che si può scaricare il tutto-e-di-più da Internet!
    Mi fermo qui.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)