Alfonso Maruccia

Codec HTML 5, Google apre VP8

Il colosso di Mountain View preannuncia il rilascio sotto licenza open source del codec recentemente acquisito. Pių roseo il futuro dei contenuti video sul web basati su standard aperti?

Roma - La guerra dei formati video veicolati tramite HTML 5, che già vede la contrapposizione di chi supporta Theora (Firefox, Opera) o H.264 (Apple e Microsoft con IE 9) con Google impegnata contemporaneamente su entrambe i fronti, si farà presto un po' più complicata. Ma anche potenzialmente più semplice, visto che la succitata Google ha annunciato la volontà di rilasciare il recentemente acquisito codec VP8 sotto licenza open source.

Č un colpo di teatro che qualcuno già si attendeva, quello di Google, che decide apparentemente di donare alla community del software libero gli asset tecnologici ottenuti in seguito all'acquisto della start-up On2 costato oltre 120 milioni di dollari. Trasformare in codice FOSS il codec ad alta definizione VP8 ha naturalmente non pochi vantaggi per Mountain View, che sul medio-lungo periodo non potrà che giovare dell'esistenza di uno standard video supportato da tutti i browser o perlomeno dalla loro ampia maggioranza.

La principale critica rivolta da Mozilla (Firefox) e Opera a H.264 è infatti il suo essere un prodotto derivato del consorzio MPEG, un fatto che implica la necessità di pagare le apposite royalty per avere il diritto di implementarlo. Se Google terrà fede alla sua promessa, un VP8 open source avrà dunque tutte le carte in regola per guadagnarsi anche il supporto di Firefox, Opera e altri.
I legami tra le radici di VP8 e Theora sono d'altronde cristallini, visto che la stessa On2 acquisita da Google è stata la sviluppatrice originaria della tecnologia video VP3 poi donata alla Xiph.Org Foundation, che da esso ha infine tratto il codec gratuito Theora scelto dal W3C come standard ufficiale di HTML 5. Con l'annuncio del rilascio di VP8 sotto licenza open source Google ha indirettamente risposto alla lettera aperta della Free Software Foundation pubblicata qualche giorno fa, in cui si evidenziavano appunto le possibilità di successo del codec "liberato" da parte di chi già deteneva il più grande sito di video del mondo, YouTube.

Potrebbe essere la fine della "dipendenza del web dai formati video impacciati da brevetti e software proprietario (Flash)", preannunciava la FSF e spera ora Google, mentre nessuno al momento scommette un cent sulla possibilità che un eventuale codec free basato su VP8 finisca per essere adottato senza problemi dalla iPiattaforma costruita da Apple e da IE di Microsoft.

Alfonso Maruccia
Notizie collegate
  • TecnologiaiPhone, sviluppatori in rivolta?Il nuovo kit di sviluppo, il 4.0, taglierebbe le gambe ai software di compilazione intermedi. Jobs lo conferma in prima persona, i programmatori sono perplessi. E c'č chi non la manda a dire, nemmeno da Adobe
  • AttualitàGoogle finanzia Theorarm. Abbandono di H.264 in vista?Mountain View dona soldi allo sviluppatore di una versione di Theora ottimizzata per processori ARM. Che sia l'inizio di un nuovo approccio agli standard video per il nuovo linguaggio HTML 5?
  • TecnologiaGoogle, milioni per i codecGoogle ha completato l'acquisizione di On2, ereditando cosė le tecnologie di compressione video di quest'ultima. Tecnologie oggi alla base di prodotti come Flash e Skype. E FSF vuole che BigG renda tutto open source
75 Commenti alla Notizia Codec HTML 5, Google apre VP8
Ordina
  • In questo articolo, come nel precedente su TheorARM, vi è una frase errata: "il codec gratuito Theora scelto dal W3C come standard ufficiale di HTML 5".

    A meno che io non sia stato su un altro pianeta, direi che HTML5 è ancora in attesa di una decisione definitiva sul formato video standard ufficiale. Non che non plaudirei alla scelta di Ogg/Theora/Vorbis, ma purtroppo quello che era stato inizialmente proposto come standard è stato rimosso con un blando paragrafo con la funzione segnaposto. Cfr http://en.wikipedia.org/wiki/HTML5_video
    non+autenticato
  • - Scritto da: Xiph.Org Foundation
    > Theora
    > http://www.theora.org
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Theora
    >
    > Xiph.Org Foundation
    > http://www.xiph.org
    > http://en.wikipedia.org/wiki/Xiph.Org_Foundation
    è tutto molto chiaro...
    Ma ci sono purtroppo pletore di talebani della cosidetta proprietà intellettuale che vedono persino gli encoding come "cash cow" o si afferma il principio che uno standard è tale solo se è liberamente (senza royalties) implementabile oppure è dura!
    non+autenticato
  • http://punto-informatico.it/b.aspx?i=2817544&m=282...

    Anche se non ero il solo a pensarla così in questo forum.

    Io comunque preferirei un h264 senza royalty... speriamo bene.

    Fan LinuxFan Apple
  • Senza dubbio l'H.264 è un ottimo codec, ma vederlo gratuito (se non addirittura open) è una cosa troppo fantascientifica XD
    non+autenticato
  • - Scritto da: Andreabont
    > Senza dubbio l'H.264 è un ottimo codec, ma
    > vederlo gratuito (se non addirittura open) è una
    > cosa troppo fantascientifica
    > XD

    Open non ci credo nemmeno io, ma la mossa di Google secondo me spinge proprio in questa direzione.

    Poi se è per questo io spero anche di trombarmi Megan Fox Occhiolino

    Fan LinuxFan Apple
  • Come vedi, avevo ragione: Google spinge per il suo formato, lo rende libero, lo adotteranno Chrome, Firefox e probabilmente anche Opera (in pratica hanno in mano tutto il web); YT passera a VP8 (molto migliore di H.264) e Apple o si adegua o si attacca.
    Nel frattempo Google avrà la possibilità di trovarsi un passo avanti per i suoi prodotti.
  • - Scritto da: advange
    > VP8 (molto migliore di H.264) e Apple o si adegua
    Fonte che non sia On2?
    non+autenticato
  • Non ne ho una che non sia On2
  • Allora l'affermazione è da prendere con le pinze!
    non+autenticato
  • Esatto; presto sapremo se avevano ragione o no.
  • Se VP8 è veramente migliore di H.264 (e quando sarà open, e SOPRATTUTTO royalty-free, potremo fare tutti i test che vorremo) allora la Apple penso che passerà subito e implementerà il codec per QuickTime (ricordiamoci che Ogg Theora/Vorbis già li puoi usare con Safari, purché QuickTime abbia i codec). Alla fine non gli costerebbe niente e, se questo vorrebbe dire minor banda a pari qualità, significherebbe un'enorme vittoria nel mercato mobile. Idem se, a parità di qualità, consumasse meno risorse e quindi meno batteria. Spero che venga ufficialmente adottato dal W3C prima del passaggio di YouTube, altrimenti sarebbe una fortissima imposizione (ma è pur vero che solo l'imposizione di YouTube sposterebbe MS).
    non+autenticato
  • > Se VP8 è veramente migliore di H.264 (e quando
    > sarà open, e SOPRATTUTTO royalty-free, potremo
    > fare tutti i test che vorremo) allora la Apple
    > penso che passerà subito e implementerà il codec
    > per QuickTime (ricordiamoci che Ogg Theora/Vorbis
    > già li puoi usare con Safari, purché QuickTime
    > abbia i codec). Alla fine non gli costerebbe
    > niente e, se questo vorrebbe dire minor banda a
    > pari qualità, significherebbe un'enorme vittoria
    > nel mercato mobile. Idem se, a parità di qualità,
    > consumasse meno risorse e quindi meno batteria.
    Sì, il punto è un altro e si chiama accelerazione in HW; attualmente esiste per H.264 e non per VP8 o Theora. Le prime implementazioni potranno essere adottate da Google per le nuove versioni di Nexus, lasciando indietro Nokia e Apple che potranno implementarlo in SW.
    Se H.264 sarà abbandonato questo renderà inutili le accelerazioni in HW presenti in iPhone e nei vari Nokia; un bel vantaggio per Google.
    > Spero che venga ufficialmente adottato dal W3C
    > prima del passaggio di YouTube, altrimenti
    > sarebbe una fortissima imposizione (ma è pur vero
    > che solo l'imposizione di YouTube sposterebbe MS).
    MS non conta assolutamente nulla, nel web.
    Da anni si barcamena cercando inutilmente di inseguire i concorrenti nei vari campi (browser, motori di ricerca, servizi on line) accumulando fallimenti su fallimenti.
    La scelta di IE è quindi del tutto ininfluente: la sua percentuale crolla da anni e nell'ultimo mese ha subito un'ulteriore accelerazione (grazie anche al ballot screen); possiamo vivamente sperare che entro 2 anni perderà definitivamente la quota di maggioranza nel mondo (in Europa ha già perso quella assoluta e sta per perdere quella relativa).
    La sua percentuale attuale è dovuta ad un residuo di realtà aziendali che hanno ancora sistemi IE only; con il passare degli anni tutti i nuovi prodotti sono conformi agli standard e la loro lenta ma progressiva adozione servirà a dare l'addio definitivo ad IE.
  • - Scritto da: advange

    > Sì, il punto è un altro e si chiama accelerazione
    > in HW; attualmente esiste per H.264 e non per VP8
    > o Theora. Le prime implementazioni potranno
    > essere adottate da Google per le nuove versioni
    > di Nexus, lasciando indietro Nokia e Apple che
    > potranno implementarlo in
    > SW.

    La vedo male, ci sarebbe una guerra aperta, a spanne sono stati venduti oltre 200 milioni di dispositivi che integrano h264 a livello HW.

    Ma potrei sbagliarmi magari ne hanno venduti anche il doppio.

    > Se H.264 sarà abbandonato questo renderà inutili
    > le accelerazioni in HW presenti in iPhone e nei
    > vari Nokia; un bel vantaggio per
    > Google.

    Farebbe inc*zzare anche i suoi stessi partner, HTC, Motorola... sarebbe un suicidio commerciale per Google che dopo il suo "Nexus One" ha dimostrato di essere abbastanza incompetente nel vendere alla gente.


    > MS non conta assolutamente nulla, nel web.

    IE ha sempre il suo bel 60% con il quale devi per forza di cosa scontrarti.


    > La scelta di IE è quindi del tutto ininfluente:
    > la sua percentuale crolla da anni e nell'ultimo
    > mese ha subito un'ulteriore accelerazione (grazie
    > anche al ballot screen); possiamo vivamente
    > sperare che entro 2 anni perderà definitivamente
    > la quota di maggioranza nel mondo (in Europa ha
    > già perso quella assoluta e sta per perdere
    > quella relativa).

    Magari, ma non è così... ha ancora la forza per imporre a forza standard de facto, Silverlight per esempio è preinstallato su tutti i nuovi PC e quelli che hanno aggiornato regolarmente il sistema.

    Anche la grandissima diffusione di Flash deriva dal semplice fatto che il era preinstallato in Windows e quindi gli sviluppatori poteva usarlo senza preoccuparsi della sua diffusione.

    > La sua percentuale attuale è dovuta ad un residuo
    > di realtà aziendali che hanno ancora sistemi IE
    > only; con il passare degli anni tutti i nuovi
    > prodotti sono conformi agli standard e la loro
    > lenta ma progressiva adozione servirà a dare
    > l'addio definitivo ad
    > IE.

    Magari, ma tra non meno di 8 anni. Questo IMHO.

    Fan LinuxFan Apple
  • mi sembra cosi silenziosa su questo fronte...che starà tramando?
    non+autenticato
  • E' evidente che alla M$ non interessa minimamente l'html5 (e dubito che lo supporterà nell'immediato), per loro c'è il "fantastico" Silverlight, che non solo non risolve i problemi di Flash, ma genera altri problemi a cascata...

    Bella strategia...
    non+autenticato
  • Tipo? Che problema crea oltre a quelli di flash? Mi accorgo sempre di più che ci sono troppi ragazzini qua su. Ad esempio per il videostreaming consuma meno risorse di flash, ma vabbè chiederei troppo ad essere obiettivi a qualke ragazzino di voi. Gia ti vedo, con l'iphone a giocare con le dita
    non+autenticato
  • parliamo di silverlight+ linux?
    ah scusa, multipiattaforma è optional...
    non+autenticato
  • - Scritto da: Cognome e Nome
    > parliamo di silverlight+ linux?
    > ah scusa, multipiattaforma è optional...

    Il problema e' la poco presenza di linux nel mercato

    Quando diventerà qualcosa di significativo M$ spingerà di più su mono (che anche se non lo sviluppano, stanno dando una buona mano, probabilmente con android le cose potrebbero cambiare)

    Cmq non mi risulta che con html5 puoi fare le stesse cose che fai con silverlight
    harvey
    1481
  • - Scritto da: harvey
    > - Scritto da: Cognome e Nome
    > > parliamo di silverlight+ linux?
    > > ah scusa, multipiattaforma è optional...
    >
    > Il problema e' la poco presenza di linux nel
    > mercato
    >
    No il problema è che una casa che vende sistemi operativi non ha alcun interesse a promuovere il multipiattaforma. Vedi anche Apple nei mercati dove ha una grossa fetta. Silverlight e tutto .NET servono solo a tentare il ripristino di un monopolio. Esaurita la loro funzione faranno la fine di IE (implementazione di standard web di fatto abbandonati per oltre un quinquennio, sicurezza e performance sub-standard, fin quando mozilla e poi chrome non hanno dato una scossa)

    Se fosse il mercato di linux il problema, una casa software pubblicherebbe le specifiche e direbbe ai linari "arrangiatevi a implementarlo". Il mercato di linux non interessa perche' non permette alle case che ci entrano di fare del VOSTRO pc il LORO terreno di conquista come succede con i sistemi proprietari.
    non+autenticato
  • - Scritto da: vuoto
    > No il problema è che una casa che vende sistemi
    > operativi non ha alcun interesse a promuovere il
    > multipiattaforma. Vedi anche Apple nei mercati

    Vendo pure software per programmazione

    E al contrario di apple la M$ e' liberalissima

    > Se fosse il mercato di linux il problema, una
    > casa software pubblicherebbe le specifiche e
    > direbbe ai linari "arrangiatevi a implementarlo".

    Visto che mono lo sviluppa novell e la M$ ha un accordo di collaborazione con novell, non credo che la M$ sia cosi' contraria.

    > Il mercato di linux non interessa perche' non
    > permette alle case che ci entrano di fare del
    > VOSTRO pc il LORO terreno di conquista come
    > succede con i sistemi
    > proprietari.

    Se non sbaglio per apple c'e' silverlight e monotouch serve per apple

    Secondo me e' soltanto una questione di mercato, appena e' interessante la M$ non se lo lascerà sfuggire. Mica sono fondamentalisti come i maccari
    harvey
    1481
  • però Flash per linux c'è....
    Sgabbio
    26177
  • - Scritto da: harvey
    > Cmq non mi risulta che con html5 puoi fare le
    > stesse cose che fai con
    > silverlight

    Tant'è vero che a mountain view hanno fatto una versione di Quake con HTML5 perché non gli passava niente =)
    non+autenticato
  • - Scritto da: harvey
    > - Scritto da: Cognome e Nome
    > > parliamo di silverlight+ linux?
    > > ah scusa, multipiattaforma è optional...
    >
    > Il problema e' la poco presenza di linux nel
    > mercato
    >

    non penso sia questo il problema

    ms ha tutto l'interesse a spingere silverlight, farlo diventare lo standard de facto e poi tramite silverlight creare un ulteriore muro contro l'avanzamento di linux

    se pensiamo che sugli handset android e soci stanno spopolando, c'è già adesso l'interesse a supportarlo e infatti adobe sta già lavorando con i vari big dell'opensource per cercare di rattoppare flash

    ms invece sembra sempre molto lenta in questo senso e continua a non aiutare in maniera significativa mono

    se proprio volevano un .net multipiattaforma avrebbero potuto offrire codice al progetto mono invece di rilasciare dettagli a singhiozzo
  • > parliamo di silverlight+ linux?
    > ah scusa, multipiattaforma è optional...
    moonlight ti dice niente?
    non+autenticato
  • non importa ciò che faranno,
    ormai le potenze in gioco
    - Google, MS, Apple -
    - Linux, Win, MacOS -
    si stanno bilanciando,
    e questa è l'unica cosa che conta.
    non+autenticato
  • Io spero sinceramente che si affermi un codec libero e senza royalty.
    Sgabbio
    26177
  • Io spingerei a eliminare dalgli standard (anche di fatto) qualsiasi tecnologia a pagamento.

    Quindi ben venga a decisione di Google, se Apple o Microsoft non vorranno adeguarsi con i loro browser, peggio per loro e per gli utenti che useranno quei browser...

    Contate che Apple sta eliminando Flash dai suoi sistemi...
    non+autenticato
  • SI? I suoi prodotti sarebbero Iphone e Ipad? Quindi Apple è nata il 2007? Magari lo levasse anche da Mac Osx così una volta per tutte chiuderebbe i battenti
    non+autenticato
  • Parla quanto vuoi, io non vedo di buon occhio la Apple, ma quello che sta facendo è evidente, con la nuova licenza ha reso ILLEGALE usare Flash sui suoi dispositivi mobili.
    non+autenticato
  • Illegale ? Mi sembra un termine esagerato.
    Sgabbio
    26177
  • Apple con questa decisione ha esagerato XD

    Illegale nel senso che Flash non può entrare nei dispositivi mobili Apple perchè ne violerebbe la licenza.
    non+autenticato
  • Usiamo i termini appropriati, anche perchè una licenza d'uso non è una legge.
    Sgabbio
    26177
  • E' un contratto, se non viola la legge, per definizione ha forza di legge.
    non+autenticato
  • Fino ad un certo punto.
    Sgabbio
    26177
  • che tristezza la apple di oggi
    non+autenticato