Alessandro Del Rosso

Google e la stampa via cloud

Senza driver, solo per piattaforme basate su web. Come Chrome OS. Big G pensa a come colmare il gap tra la sua idea di computing a distanza e l'hardware degli utenti

Roma - Stampare da qualsiasi dispositivo e applicazione su qualsiasi stampante senza l'uso di alcun driver locale. ╚ quanto promette Google con Cloud Print, una tecnologia concepita soprattutto per le applicazioni web-based e mobili.

In questo post Mike Jazayeri, group product manager del progetto Chromium, spiega che oggi i dispositivi mobili e il cloud computing permettono di accedere ai nostri documenti e informazioni personali ovunque ci troviamo, ma spesso mancano del supporto alla stampa: il motivo è che per funzionare molte delle odierne stampanti necessitano dell'installazione di specifici driver.

"Dal momento che in Chrome OS tutte le applicazioni sono web-based, abbiamo voluto creare un'esperienza di stampa che permetta alle web app di fornire agli utenti le stesse capacità di stampa fornite alle odierne applicazioni native" spiega Jazayeri. "Utilizzando un componente che tutti i principali dispositivi e sistemi operativi hanno in comune, l'accesso alla cloud, stiamo sviluppando un progetto chiamato Google Cloud Print, un servizio che permette a qualsiasi applicazione (web, desktop o mobile) su qualsiasi dispositivo di stampare su qualsiasi stampante".
Anziché affidarsi al driver e all'interfaccia di stampa del sistema operativo sottostante, con Google Cloud Print le applicazioni possono inviare le richieste di stampa a un proxy remoto insieme ad alcune informazioni sulla stampante locale: il server utilizza queste informazioni per tradurre opportunamente le richieste e inoltrarle direttamente alla stampante attiva. Il sistema, che si premura altresì di informare costantemente l'applicazione sullo stato della stampa, dovrebbe funzionare con tutte le stampanti collegate ad una porta USB o direttamente alla rete.

Jazayeri sostiene che stampare via cloud non significa dover rinunciare ad una interfaccia grafica: l'utente sarà ancora in grado di utilizzare finestre e wizard per configurare le opzioni di stampa e monitorare lo stato della stampante. Il grande vantaggio fornito dalla stampa via cloud, a detta di BigG, è che si bypassa completamente il driver nativo: questo consente di stampare anche dai dispositivi e dai sistemi operativi per i quali non sono disponibili i driver o che non supportano le funzioni di stampa.

Il grafico riportato sotto, che illustra il principio di funzionamento di Google Cloud Print, fa accenno ad ipotetiche stampanti "cloud-aware", ossia capaci di comunicare direttamente con la cloud di BigG senza l'intermediazione di un PC o di un router: tali stampanti permetteranno, ad esempio, di stampare direttamente da uno smartphone anche quando il PC è spento.

Google Cloud Print


A chi già cercasse un link per l'accesso al servizio di Google Jazayeri avverte che il progetto Cloud Print si trova ancora nelle primissime fasi dello sviluppo e, al momento, se ne può soltanto scaricare il codice sorgente preliminare (che implementa il proxy di stampa cloud-based) e la documentazione.

Il manager di Google non ha fornito alcuna stima sui tempi di sviluppo di Cloud Print, ma se è vero che i primi netbook basati su Chrome OS arriveranno sul mercato verso la fine di quest'anno, è lecito attendersi che questa tecnologia verrà completata entro tale periodo.

Alessandro Del Rosso
47 Commenti alla Notizia Google e la stampa via cloud
Ordina
  • 1. Si devono comprare nuove stampanti, visto che quelle vecchie non sarebbero in grado di interfacciarsi direttamente con il cloud
    2. Dal cloud potrebbero inviare in stampa magari dei documenti non necessari a mia insaputa... vedi spam attuale! Già fastidioso così figuriamoci se mi sprecano inchiostro e carta...
    3. La privacy, le stampanti attuali non supportono algoritmi di criptazione, tutti i dati sarebbero quindi in chiaro... per quale vantaggio? non installare un driver di stampa?
    4. E quando uno è offline? Manco più riesce a stampare?
  • CITAZIONE DA GOOGLE: http://code.google.com/intl/it/apis/cloudprint/

    Google Cloud Print enables any application (web, desktop, mobile) on any device to print to any printer.

    Applications submit print jobs to the service via the web-based common print dialog or API offered by the service. Google Cloud Print then sends the print job to the selected printer which the user has previously registered with the service. A new class of cloud-aware printers connects directly to the service and offers the best user experience. Legacy printers connect to the service via a proxy.

    Note: Google Cloud Print is not yet available. At this stage, we have published design docs and are checking in related code to Chromium and Chromium OS. Stay tuned for more information in the coming months.

    Quindi:
    io sul mio pc/netpc/webpc sarà installato il driver per la stampante di google.
    Che mi reindirizza la stampa sul web, e che poi rimandera le informazioni alla mia stampante locale.
    Prima però devo aver registrato al servizio la stampante.
    Quindi Google sta facendo un Wrapper Cloud?
    non+autenticato
  • Uhm.
    Immagino che per l'utilizzo principale di questa cosa, ovvero la stampa da Google Docs o altre webapp, non serva alcun driver (ci pensa la webapp a richiamare le API di Google per inviare il documento).
    Quindi dal tuo cell o palmare o netbook se sei su una webapp che usa queste API senza alcun driver puoi stampare su una qualsiasi stampante registrata, il che non è male.
    Poi potrebbe esserci una specie di "driver" già presente in Chrome - Chromium che stampa direttamente le pagine web (anche statiche) sulle stampanti remote, senza bisogno di driver specifici, in aggiunta ovviamente alle funzionalità di stampa "tradizionale".

    Sono solo supposizioni, non ho guardato la pagina del progettoA bocca aperta
    non+autenticato
  • Non vedo l'ora di affittare un lotto di 10000 stampanti-zombie
    "in the cloud" e stampare "enlarge your p*nz" direttamente
    nelle case di ignare persone!

    Grazie goooogle!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Monty Python
    > Non vedo l'ora di affittare un lotto di 10000
    > stampanti-zombie
    >
    > "in the cloud" e stampare "enlarge your p*nz"
    > direttamente
    > nelle case di ignare persone!
    >
    > Grazie goooogle!
    Inutile dire che il rischio è reale!
    non+autenticato
  • Probabilmente non così reale.
    Se tutti quelli che usano Google OS, all'entrata al sistema facessero l'accesso a una specie di enorme VPN, tramite uso di chiave private (e questo fosse permesso solo a chi usa questo sistema operativo), non è più cosi semplice......e comunque non credo che tu sia in grado.



    - Scritto da: ullala
    > - Scritto da: Monty Python
    > > Non vedo l'ora di affittare un lotto di 10000
    > > stampanti-zombie
    > >
    > > "in the cloud" e stampare "enlarge your p*nz"
    > > direttamente
    > > nelle case di ignare persone!
    > >
    > > Grazie goooogle!
    > Inutile dire che il rischio è reale!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Zulio
    >....e comunque non credo che tu sia in
    > grado.

    Allora siamo a posto.
    Siccome lui non e' in grado, allora non esistono virus, non esiste spam, non ci sono problemi.
  • grazie per la drittaA bocca aperta
    non+autenticato
  • - Compro la stampante

    - Se il SO non riconosce da solo il modello, installo i driver a parte.

    - configuro la stampante.

    - Apro il browser e poi apro il WebOs.

    - Preparo il documento

    - invio il documento e il modello della stampante a google.

    - Google mi invia un qualcosa

    - quel qualcosa viene preso dal webos che lo passa al comando di stampa del mio browser.

    - Stampo il documento.
  • Non ci hai capito una mazza....
    web***OS***.....LO HAI CAPITO COSA VUOL DIRE O NO?
    è un sistema operativo....non un programma.
    il pc non lo avvii in windows...o in linux....il pc si avvia direttamente nel sistema operativo che creerà google.
    Vogliono rendere la vita di un non nerd semplice....non come fanno mandrake e compari...che la vita la cercano di complicare.
    L'utente potrà semplicemente usare il pc....senza doversi preoccupare di installare stampanti e drivers di schede video etc etc.
    A far funzionare le cose sperano di riuscirci i signori di google...e per chi non è un esperto (tipo genitori, nonni, e non nerd) è un bene...
    ma d'altra parte....inutile parlare con voi che non capite la differenza tra OS e programma.




    > - Compro la stampante
    >
    > - Se il SO non riconosce da solo il modello,
    > installo i driver a
    > parte.
    >
    > - configuro la stampante.
    >
    > - Apro il browser e poi apro il WebOs.
    >
    > - Preparo il documento
    >
    > - invio il documento e il modello della stampante
    > a
    > google.
    >
    > - Google mi invia un qualcosa
    >
    > - quel qualcosa viene preso dal webos che lo
    > passa al comando di stampa del mio
    > browser.
    >
    > - Stampo il documento.
    non+autenticato
  • ...passa al decaffeinato ragazzo
    non+autenticato
  • Non credo sia così, secondo me:
    - hai il tuo S.O. (qualsiasi)
    - hai la tua stampante (oppure una qualsiasi che è la prima volta che vedi, magari a casa di un amico o in un ufficio di transito)
    - hai il tuo documento da stampare
    - lanci la stampa tramite il loro sistema, a cui invii anche il modello della stampante
    - loro ti ritornano i dati grezzi che verranno rediretti alla stampante in quanto i driver ce li hanno loro sui loro server, quindi il processo di trasformazione del documento (alto livello) in un flusso di dati (basso livello e proprietario) che la stampante capisce e può stampare te lo fanno i server google
    - prendi il documento stampato SENZA doverti preoccupare di driver ecc ecc
    - ringrazi google per il bel servizio
    - FACOLTATIVO per i paranoici della privacy o per chi deve stampare dati confidenziali: inizi a preoccuparti del fatto che loro sanno il contenuto delle tue stampe e magari ti inviano anche pubblicità mirata
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e Cognome
    > Non credo sia così, secondo me:
    > - hai il tuo S.O. (qualsiasi)
    > - hai la tua stampante (oppure una qualsiasi che
    > è la prima volta che vedi, magari a casa di un
    > amico o in un ufficio di
    > transito)
    > - hai il tuo documento da stampare
    > - lanci la stampa tramite il loro sistema, a cui
    > invii anche il modello della
    > stampante
    > - loro ti ritornano i dati grezzi che verranno
    > rediretti alla stampante in quanto i driver ce
    > li hanno loro sui loro server, quindi il processo
    > di trasformazione del documento (alto livello) in
    > un flusso di dati (basso livello e proprietario)
    > che la stampante capisce e può stampare te lo
    > fanno i server
    > google
    > - prendi il documento stampato SENZA doverti
    > preoccupare di driver ecc
    > ecc
    > - ringrazi google per il bel servizio
    > - FACOLTATIVO per i paranoici della privacy o per
    > chi deve stampare dati confidenziali: inizi a
    > preoccuparti del fatto che loro sanno il
    > contenuto delle tue stampe e magari ti inviano
    > anche pubblicità
    > mirata
    Appunto!
    Riassunto:
    1 il servizio ha comunque il driver.
    2 la tua privacy va a quel paese.
    3 fare una cosa del genere in proprio si può (sui propri server aziendali ) e risparmiando alla utenza lo "stress da driver " e senza compromettere la privacy aziendale.

    Semplice e senza nessun problema.
    Il vantaggio maggiore è (ovviamente ) la stampa in remoto e in mobilità.
    non+autenticato
  • Appunto, il servizio serve - se abbiamo letto lo stesso articolo - a quello. Io non devo preoccuparmi del driver e neanche della spesa di mettere in piedi un sistema multi piattaforma e multi versione (Mac, unix, windows xp, vista, seven, ecc). Il problema privacy c'è comunque, basta essere connessi.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e Cognome
    > Appunto, il servizio serve - se abbiamo letto lo
    > stesso articolo - a quello. Io non devo
    > preoccuparmi del driver e neanche della spesa di
    > mettere in piedi un sistema multi piattaforma e
    > multi versione (Mac, unix, windows xp, vista,
    > seven, ecc). Il problema privacy c'è comunque,
    > basta essere
    > connessi.
    Non te ne preoccupi tu se ne preoccupa chi gestisce il servizio!
    e non è rocket science!
    Se poi vuoi mettere a rischio la privacy aziendale padronissimo!
    Bella comodità.
    E poi fammi capire se lo fa google è una figata e se lo fa qualcun altro è una boiata?
    Solo se una cosa la fa google o qualche altro "sborone" è buona?
    Se la fai tu per la tua azienda (o altri) è cattiva?
    No fammi capire quale è il razionale del tuo discorso quello del "pensare fa venire mal di testa"?
    Lascia stare va mi pare inutile discutere con chi non ha voglia di pensare!
    ╚ un palese nonsense!
    non+autenticato
  • GOOGLE HA SEMPRE RAGIONEA bocca aperta

    punto e basta, altrimenti ti mando la SWAT a casa Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Non capisco dov'è il problema, secondo me è un bel servizio gratuito che mette google a disposizione, e ovviamente ci deve guadagnare in qualche modo. Sicuro che in una azienda non può essere la scelta per gestire tutte le stampe, ma nel caso di un bisogno immediato e dove non c'è un supporto sistemistico adeguato (vedi piccola-media azienda, e non solo informatica) ti permette di risolvere il (almeno solo per me da quanto ho capito) fastidioso problema di poter stampare. Alternativa? Portarmi nel bagagliaio la mia stampante o dovermi installare ogni volta i driver.
    Molte volte mi è capitato di avere la necessità di stampare e non poterlo fare, mi sembra che non sia rocket science!
    Certo, google non sta simpatica neanche a me, ma un servizio comodo rimane un servizio comodo, basta non usarlo per dati sensibili.
    O forse tu mi puoi mettere a disposizione un servizio analogo a gratis e che abbia un elevato grado di affidabilità? Beh, se ce l'hai fammi sapere, mi daresti un bel servizio!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nome e Cognome
    > Non capisco dov'è il problema, secondo me è un
    > bel servizio gratuito che mette google a
    > disposizione, e ovviamente ci deve guadagnare in
    > qualche modo. Sicuro che in una azienda non può
    > essere la scelta per gestire tutte le stampe, ma
    > nel caso di un bisogno immediato e dove non c'è
    > un supporto sistemistico adeguato (vedi
    > piccola-media azienda, e non solo informatica) ti
    > permette di risolvere il (almeno solo per me da
    > quanto ho capito) fastidioso problema di poter
    > stampare. Alternativa? Portarmi nel bagagliaio la
    > mia stampante o dovermi installare ogni volta i
    > driver.
    > Molte volte mi è capitato di avere la necessità
    > di stampare e non poterlo fare, mi sembra che non
    > sia rocket
    > science!
    > Certo, google non sta simpatica neanche a me, ma
    > un servizio comodo rimane un servizio comodo,
    > basta non usarlo per dati
    > sensibili.
    > O forse tu mi puoi mettere a disposizione un
    > servizio analogo a gratis e che abbia un elevato
    > grado di affidabilità? Beh, se ce l'hai fammi
    > sapere, mi daresti un bel
    > servizio!
    Ho già detto lo faccio da più di 3 anni!
    Come lo devo dire in aramaico?
    Francamente ho sempre pensato (evidentemente il mondo è pieno di sorprese e c'è sempre da imparare) che nessuno sarebbe stato così folle da affidare i suoi documenti a un servizio fatto da terzi!
    Quello che dici (lo ammetto) mi da da pensare!
    La gente è disposta a fare quello che non si immagina neppure!
    Il fatto che sia "gratis" (si fa per dire... gratis alla google) non è un problema (i modi per farsi remunerare li sappiamo ormai tutti). Effettivamente hai ragione tu sono stupido io che sopravvaluto il senso comune!
    La gente è disposta a tutto!
    Mi hai dato una lezione preziosa.
    Io sono uno che ammette quando sbaglia!
    non+autenticato
  • Quindi mi stai dicendo che tu arrivi con il tuo portatile in una azienda qualsiasi (che non conosci), che non ha nessun sistema centralizzato di stampa e stampi senza problemi, senza installare driver e in 30 secondi hai il foglio che ti esce dalla stampante, di qualsiasi marca e modello.

    Sorry, ma non sapevo fosse già possibile, mi dai qualche info più specifica, dei link o nome di azienda o di tecnologia?
    Grazie mille per la dritta
    non+autenticato
  • Fate ciao ciao con la manina alla sicurezza e alla riservatezza di quello che stamperete: documenti privati, schede anagrafiche, numeri di carte di credito, tutto.

    Le stampanti non hanno un protocollo per gestire flussi criptati: tutto quello che si manda alla stampante ci va in chiaro.

    E se lo vogliono far passare per un proxy...

    P.S. una delle prime esperienze di cattura di altrui dati, la facevo nel secolo scorso in universita' quando ancora si usavano i terminali collegati al server unix (c'era gia' la nuvola, pensate un po', e i pc ancora non erano diffusi e non c'erano reti).

    E la directory di spool della stampante era accessibile in lettura/scrittura a tutti.
    Bastava posizionarsi li, e aspettare che qualcuno stampasse qualcosa, per trovare il file in coda: un semplice cp e si aveva una copia del file altrui, nella propria home directory.

    Funzionera' ancora cosi'...
  • si ma tanto non è un problema che si porrà a breve

    hai notato cos'hanno in mente? inviare i dati ad un proxy remoto che li rimanda indietro ad una stampante collegata alla rete

    si suppone che ovviamente questa stampante sia raggiungibile da internet, quindi il 90% delle utenze domestiche adsl sono fuori perchè usano ip dinamici e nat che bloccano qualunque servizio

    la configurazione necessaria per mettere su una cosa del genere sarebbe scoraggiante per qualsiasi utente medio, quindi non è un qualcosa che verrà fatto domani

    ed inoltre è una cazzata pazzesca

    perchè dovrei voler mandare un mio documento all'altro capo del mondo quando posso pilotare la mia stampante lan all'interno della mia rete domestica/aziendale?

    una stampante cloud-aware può benissimo operare all'interno di una cloud che non superi il perimetro della mia abitazione

    non vedo proprio quale motivo possa esserci per usare una cosa del genere
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > si ma tanto non è un problema che si porrà a breve
    >
    > hai notato cos'hanno in mente? inviare i dati ad
    > un proxy remoto che li rimanda indietro ad una
    > stampante collegata alla
    > rete
    >
    > si suppone che ovviamente questa stampante sia
    > raggiungibile da internet, quindi il 90% delle
    > utenze domestiche adsl sono fuori perchè usano ip
    > dinamici e nat che bloccano qualunque
    > servizio
    >
    > la configurazione necessaria per mettere su una
    > cosa del genere sarebbe scoraggiante per
    > qualsiasi utente medio, quindi non è un qualcosa
    > che verrà fatto
    > domani
    >
    > ed inoltre è una cazzata pazzesca
    >
    > perchè dovrei voler mandare un mio documento
    > all'altro capo del mondo quando posso pilotare la
    > mia stampante lan all'interno della mia rete
    > domestica/aziendale?
    >
    > una stampante cloud-aware può benissimo operare
    > all'interno di una cloud che non superi il
    > perimetro della mia
    > abitazione
    >
    > non vedo proprio quale motivo possa esserci per
    > usare una cosa del
    > genere
    Il motivo è la possibilità di stampa in remoto, per la configurazione lato utente basta un banale tunnel vpn (2 righe di script anche dietro un NAT) e del tutto "automatizzabile ".
    Il vero problema è la privacy.
    L' unico modo di superarlo è farsi in proprio tale servizio.
    Io lo faccio da almeno 3 anni (non è complesso basta documentarsi ).
    non+autenticato
  • non è necessaria una vpn, basta un semplice web service per spedire i dati di stampa magari codificati in base64 (le prestazioni sicuramente sono peggiori dei tradizionali driver) e la privacy... beh esiste più con internet?
    ciao
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 8 discussioni)