Claudio Tamburrino

YouTube, filtro col buco

Il Safety Mode non sarebbe efficace nel contenere i contenuti ritenuti per adulti. Polemica del NYT, risposta di Google

Roma - La "modalità di protezione" predisposta da Google per garantire su YouTube una navigazione sicura da contenuti definiti "per adulti", secondo quanto riferito dal New York Times, non sarebbe del tutto sicuro. E si può verificare.

Per esempio, pur ottenendo "nessun risultato" nel caso in cui si cerchi semplicemente la parola "sex", con l'opzione attiva è ancora possibile incappare in scene di guerra come "l'epica esplosione" di The Hurt Locker (il film vincitore dell'oscar vietato ai minori negli Stati Uniti), i contenuti per adulti del videogioco GTA, nonchè video più o meno espliciti con in sovraimpressione l'indirizzo di siti pornografici.

Mandy Albanese, della divisione politiche pubbliche e comunicazione globale di Google, ha riferito che: "Il nostro filtro usa una varietà di segnali per limitare il contenuto, basato sia sul contenuto stesso che sulle visualizzazioni: così se un video è stato caricato da poco potrebbe bypassarlo".
D'altronde, specifica, "non stiamo puntando a diventare un media per bambini e nessun filtro è al 100 per cento sicuro".

In ogni caso il safety mode è solo uno strumento in più, che va oltre la consueta politica adottata da YouTUbe circa i video che possono o meno essere caricati: riguarda quei video con determinati contenuti, definiti "per adulti", che non rientrano strettamente nella restrizione ai maggiorenni e che non sono contrari alle linee guida della piattaforma.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàYouTube, nuove opzioni di sicurezzaIntrodotta una nuova modalitÓ di classificazione per i contenuti non adatti a tutti. Ma che non violano neppure le linee guida della paittaforma. Vigileranno gli utenti
  • Digital LifeUSA, cercare il porno a sette anniA rivelarlo, uno studio di Symantec. Le parole sesso e porno sono tra le prime cinque ricercate dai minori di 18 anni. Anche i minori di sette anni sarebbero avidi amanti della nuditÓ. In molti, tuttavia, dubitano dei risultati
  • AttualitàYouTube, i commenti sono uno scandaloI commenti sono offensivi per i pi¨ piccoli. A denunciarlo il report di un'associazione di genitori statunitense. Che chiede filtri al search e ammonisce gli inserzionisti: non investite in servizi impuri