Claudio Tamburrino

Nokia: un cellulare per fotografarvi tutto

Per la finlandese i cellulari cancelleranno le macchinette fotografiche. E prossimamente anche le videocamere. Obiettivo obiettivi

Roma - Nokia fa il punto della situazione delle tecnologie a sua disposizione: e prevede la fine delle macchinette fotografiche come strumenti indipendenti dai telefonini. "I cellulari nel prossimo futuro rivoluzioneranno il mercato delle fotocamere: non ci sarà più alcun bisogno di portarsi dietro i loro pesanti obiettivi" ha riferito Andssi Vanjoli, vicepresidente esecutivo di Nokia e ritenuto una delle 25 personalità più influenti del Web.

Fondamentali sarebbero stati - secondo Vanjoli - gli ultimi sette anni, tempo durante il quale l'evoluzione delle fotocamere all'interno di dispositivi cellulari è stata incredibile: anche se nello stesso periodo si sono molto evolute anche le stesse macchinette fotografiche (e con esso il loro mercato), Nokia è convinta ora che gli obiettivi nei telefonini raggiungeranno un livello di qualità tale da sostituire le classiche macchinette fotografiche a lente singola.

E non basta: una volta scalzate le macchinette fotografiche non resterà ai produttori di cellulari che puntare le videocamere. Nokia scommette infatti che i suoi dispositivi saranno anche in grado entro 12 mese di registrare video ad altà definizione "da trasmettere direttamente nel proprio televisore HD".
La previsione di Nokia ha fatto storcere la bocca a vari analisti: fin quando si parla di allargare trasversalmente il parco dei potenziali fotografi, di vedere gli accendini ai concerti sostituiti dalle foto via cellulare o di più impegnate forme di YouReporter, il ruolo dei telefonini come surrogati (temporanei) delle fotocamere sembra chiaro e inopinabile. Ma se si parla di sostituzione in pianta stabile, nonché di utilizzo professionale, un'analisi più approfondita guarda con diffidenza al presagio di Vanjoki.

Obiettivi, componenti di elaborazione hardware-software e sensori d'immagine sono tre delle componenti fondamentali della fotografia digitale ancora ad appannaggio delle macchinette, e che determinano la qualità della fotografia anche più del numero di megapixel. Vantaggi - oltretutto - che sembrano per il momento insormontabili.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
35 Commenti alla Notizia Nokia: un cellulare per fotografarvi tutto
Ordina
  • Ragazzi, la fotocamera di un cellulare non potrà mai sostituire quella di una macchina fotografica, fosse anche solo una buona compatta. Se voglio fare una foto ritratto a una persona o fotografare un paesaggio, o un auto in corsa o un fiore a 2 cm dall'obiettivo, lo faccio con una vera macchina fotografica.

    Ciò non toglie, che avere la possibilità di fare al volo foto decenti con un oggetto che hai sempre a portata di mano è sicuramente piacevole, ti permette di immortalare situazioni e/o eventi imprevisti.
  • ...premesso che sono il primo a dire che un cellulare non può sostituire una vera macchina fotografica, posso anche essere d'accordo sul fatto che molte "compatte" hanno una qualità talmente infima da poter essere tranquillamente surclassate dalla camera di alcuni cellulari (o, se preferite, le camere di alcuni cellulari sono tanto buone quanto quelle di alcune compatte).
    Detto questo, restano ancora alcuni punti "insanabili":
    -non ho ancora visto un cellulare con uno zoom ottico
    -l'ottica di una reflex, anche scarsa, è infinitamente migliore
    -le foto bisogna saperle fare: si possono fare ottime foto anche con cellulari da 2Mpixel (soggetto, inquadratura e uso corretto della luce) e foto terribili pure con una reflex da 3000 Euro
  • -non ho ancora visto un cellulare con uno zoom ottico

    il nokia N93 (successore dell'N90) ce l'ha Sorride
    http://en.wikipedia.org/wiki/Nokia_N93
    non+autenticato
  • Solo dovrebbe specificare che la fascia di prodotti di cui parla è quella terra-terra.

    Già la compatta stile powershot non è compresa nell'elenco.

    dopotutto vorrei vedere un telefonino anche con solo la slitta per il flash.
  • - Scritto da: pippo75
    > dopotutto vorrei vedere un telefonino anche con
    > solo la slitta per il
    > flash.

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    ruppolo
    33147
  • Quando avranno raggiunto quello che riesce ad elaborare un occhio umano avranno raggiunto il traguardo.
    Poi chip nel cervello per vedere in 24D.
    non+autenticato
  • Mi spiego attualmente il divario fra una compatta e un telefonino è notevole, probabilmente più ampio di quanto non sia il divario fra compatta e reflex.
    Tuttavia è possibile prevedere che la corsa alla miniaturizzazione dei componenti, possa offrire spazi adeguati a bordo dei cellulari per integrare obbiettivi zoom , magari ad escursione interna e sensori con superficie più ampia, già attualmente alcune compatte sono in grado di registrare filmati 720p in H264 a 30 fotogrammi al secondo e ci sono alcune compatte con dimensioni che non sfigurano con certi smartphone.
    Staremo a vedere, personalmente fino a quando i costi e la qualità di simili soluzioni integrate non saranno convenienti me ne terrò ben alla larga... a me piacciono gli oggetti funzionali, uno smartphone che fa tante cose (fotografie a 2-3 megapixel a focale fissa, navigatore ma poi scopri che è poco sensibile, telefona ma ha qualche problemino di campo, naviga su internet, ma con tanti limiti e con costi non trascurabili) ma fatte male e costa più della somma dei singoli oggetti che vorrebbe sostituire non fa per me!
    Oggi come oggi sono interessanti quegli smartphone sotto i 200 euro con schermi dai 2.8 ai 3.5 pollici con GPS, magari con navigatore integrato e gratuito (vedi Nokia), che ti consentono di usarli per la navigazione, per la lettura di libri (certo non sotto il sole) e ovviamente per telefonare... se riusciranno ad integrarci anche un 8-10 Mpixel di foto/videocamera con sensore di dimensioni paragonabili a quelli montati sulle compatte e uno zoom ottico decente e a stare sotto i 250 euro ben vengano!
  • Nokia avrà ragione solo se riuscirà a sconvolgere le leggi della fisica così come noi le conosciamo.
    non+autenticato
  • AHAHAHAHAAHAHHAH Rotola dal ridere

    Grande!!!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > Mi spiego attualmente il divario fra una compatta
    > e un telefonino è notevole, probabilmente più
    > ampio di quanto non sia il divario fra compatta e
    > reflex.
    > Tuttavia è possibile prevedere che la corsa alla
    > miniaturizzazione dei componenti, possa offrire
    > spazi adeguati a bordo dei cellulari per
    > integrare obbiettivi zoom , magari ad escursione
    > interna e sensori con superficie più ampia, già
    > attualmente alcune compatte sono in grado di
    > registrare filmati 720p in H264 a 30 fotogrammi
    > al secondo e ci sono alcune compatte con
    > dimensioni che non sfigurano con certi
    > smartphone.
    > Staremo a vedere, personalmente fino a quando i
    > costi e la qualità di simili soluzioni integrate
    > non saranno convenienti me ne terrò ben alla
    > larga... a me piacciono gli oggetti funzionali,
    > uno smartphone che fa tante cose (fotografie a
    > 2-3 megapixel a focale fissa, navigatore ma poi
    > scopri che è poco sensibile
    , telefona ma ha
    > qualche problemino di campo, naviga su internet,
    > ma con tanti limiti e con costi non trascurabili)
    > ma fatte male e costa più della somma dei singoli
    > oggetti che vorrebbe sostituire non fa per
    > me!
    > Oggi come oggi sono interessanti quegli
    > smartphone sotto i 200 euro
    con schermi dai 2.8
    > ai 3.5 pollici con GPS, magari con navigatore
    > integrato
    e gratuito (vedi Nokia), che ti
    > consentono di usarli per la navigazione, per la
    > lettura di libri (certo non sotto il sole) e
    > ovviamente per telefonare... se riusciranno ad
    > integrarci anche un 8-10 Mpixel di
    > foto/videocamera con sensore di dimensioni
    > paragonabili a quelli montati sulle compatte e
    > uno zoom ottico decente e a stare sotto i 250
    > euro ben
    > vengano!

    Come il solito non riesci a risparmiarti le solite figure da ignorante.
    Se avessi letto l'articolo linkato (ma non puoi, perché è in inglese) avresti capito che sono le leggi della fisica quelle che impediscono l'utilizzo di sensori ampi in volumi ristretti quali quelli di uno smartphone.

    PS: dovresti anche evitare di contraddirti nello stesso post (ho messo in grassetto le parti in contraddizone)
    ruppolo
    33147
  • Anche per me potrebbe aver ragione. Ma è più o meno un 50 e 50 di possibilità, e questione di tempo.
    Probabilmente, se fossimo nel 1996, avremmo detto che per la legge della fisica sarebbe assurdo pensare ad un telefonino con lo schermo OLED a colori, uno spessore di un paio di cm, il navigatore satellitare a colori con le mappe, la connessione più veloce di un 56k, 8GB di memoria, sensore per foto da 5MP, una mini batteria....e mettete tutto l'altro.
    Qualche zoom "liquido" è già stato inventato.
    L'unica incognita è sapere quando qualche produttore avrà voglia di metterlo sul mercato e svilupparlo ulteriormente.
  • - Scritto da: Streamer
    > Anche per me potrebbe aver ragione. Ma è più o
    > meno un 50 e 50 di possibilità, e questione di
    > tempo.
    > Probabilmente, se fossimo nel 1996, avremmo detto
    > che per la legge della fisica sarebbe assurdo
    > pensare ad un telefonino con lo schermo OLED a
    > colori, uno spessore di un paio di cm, il
    > navigatore satellitare a colori con le mappe, la
    > connessione più veloce di un 56k, 8GB di memoria,
    > sensore per foto da 5MP, una mini batteria....e
    > mettete tutto
    > l'altro.
    > Qualche zoom "liquido" è già stato inventato.
    > L'unica incognita è sapere quando qualche
    > produttore avrà voglia di metterlo sul mercato e
    > svilupparlo
    > ulteriormente.

    Ok è vero le previsioni a lungo termine sono sempre difficili, anche se qui si fanno più che altro a breve termine. Però, pur ammettendo una certa ignoranza in campo fotografico, le lenti non sono parte fondamentale della qualità fotografica? E non hanno più o meno le stesse dimensioni da una vita? Io vedo le fotocamere già di fascia semi-professionale che hanno obbiettivi di dimensioni ragguardevoli e ovviamente una qualità e versatilità superiore alle compatte. Come si può sostituirle con un dispositivo che è grande quanto una compatta ma ha già tantissimi altri compiti da affrontare?

    Non credo che l'elettronica e la miniaturizzazione di chip e sensori possa arrivare a soppiantare tutto così facilmente.
  • Quoto Redpill.

    Sebbene fare qualche foto "decente" al volo quando sono in giro e sfortunatamente non ho la macchina fotografica sotto mano non mi dispiacerebbe. Certamente bisogna sempre scendere a compromessi con il piccolo formato dei cellulari.
    non+autenticato
  • Sì, è vero, le ottiche hanno da anni quelle forme e dimensioni, ma tutto cambia, stanno arrivando le lenti liquide:
    http://www.digitalcamerainfo.com/content/Scientist...

    http://blogs.zdnet.com/emergingtech/?p=639

    http://www.google.it/search?hl=it&q=zoom+liquid+le...=

    Ribadisco che secondo me ormai è solo questione di tempo e anche le ottiche che conosciamo oggi avranno vita dura.
    Mi piace sperare che Nokia abbia già messo in produzione qualche smartphone con lenti liquide.
  • Parlando dal punto di vista puramente teorico, penso che la lente di per se non abbia per forza necessità di esistere: l'informazione che esce dalla lente non è maggiore di quella che ci entra, pertanto un sensore evoluto sarà in grado di soppiantare anche la lente.
    Immagino che il sensore dovrà rilevare non più solamente intensita luminosa, ma presumo anche direzione, fase e altre caratteristiche.
    L'effetto della lente a quel punto sarà solamente una elaborazione numerica sui dati rilevati dal sensore.
    non+autenticato
  • certo.. e l'otturatore e il diaframma dove li metti? La profondità di campo dipende dalla grandezza del sensore.. un aps-c non ha paragoni in quanto a qualità rispetto ad un aps tradizionale (full frame) già con gli aps-c diventa difficile fare ritratti come si deve perchè hanno una profondità di campo minima troppo elevata.. figuriamoci con un sensore microscopico...

    e poi "l'informazione che esce dalla lente non è maggiore di quella che ci entra" certo nulla si crea nulla si distrugge tutto si trasforma.. è il come si trasforma che cambia.. pensa a quello che succede con i filtri polarizzatori ad esempio.. nessun programma è in grado di ricreare lo stesso effetto di un polarizzatore fisico.. perchè questo interviene direttamente sulla sorgente del segnale (la luce) mentre le elaborazioni funzionano su una misurazione del segnale.. quindi parte dell'informazione del segnale di partenza si perde nella sua misurazione...
    La lente agisce sulla luce e sulle prospettive.. o credi forse che fare uno zoom digitale abbia lo stesso effetto che zommare con un obiettivo?
  • - Scritto da: jayjay77
    > [...] La lente agisce sulla luce e sulle prospettive..
    > o credi forse che fare uno zoom digitale abbia lo
    > stesso effetto che zommare con un
    > obiettivo?
    Ih ih, mi commuovo a pensare a quelli che credono che sia davvero così...A bocca aperta
    Foy
    33
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
Successiva
(pagina 1/2 - 6 discussioni)