I numeri dell'era post-iPad

di D. Galimberti - La trimestrale di Cupertino segna una rinascita dei desktop e l'affermazione di iPhone. Negli USA e altrove. Ma resta da valutare l'impatto delle scelte Apple sugli sviluppatori

Roma - I numeri presentati da Apple nei giorni scorsi rappresentano l'ennesimo record di un'ascesa che sembra ormai inarrestabile, soprattutto considerando che Apple ha ancora molte cartucce da sparare: a partire da iPad (che inciderà sui dati fiscali a partire dal prossimo trimestre), passando per il prossimo modello di iPhone, e arrivando al mercato di eBook, riviste, e quotidiani digitali, settore che su iTunes Store ha iniziato ora a muovere i primi passi.

Anche gli investitori devono aver pensato qualcosa di simile visto che, dopo la presentazione dei risultati, alla riapertura di Wall Street il titolo AAPL è ripartito da una quota vicina ai 260$, ben più alta dei 245$ della precedente chiusura. Al di là dei numeri assoluti, è sempre il confronto con altri dati a dare la giusta idea della situazione, e anche qui Apple riesce a dare il meglio. Se l'incremento di vendite di computer (rispetto al 2009) è un fattore comune di tutto il mercato dell'informatica, e se il calo rispetto al trimestre precedente è fisiologico (visto che i tre mesi precedenti erano quelli del periodo natalizio), ci sono almeno 3 dati che si distinguono dagli altri, tutti in senso positivo.

Il primo è la forte crescita dei mercati extra-americani, in particolare quelli Asiatico e Giapponese che crescono anche rispetto al trimestre natalizio; anche l'Europa fa decisamente meglio degli USA facendo segnare un più 37 per cento di CPU vendute rispetto al 2009, contro un più 20 del mercato americano. Probabilmente questo dato riflette (almeno in parte) il diverso modo in cui i vari paesi del mondo stanno uscendo dalla crisi mondiale che ci ha colpiti lo scorso anno, e che non è ancora conclusa definitivamente.
Il secondo elemento che emerge dal raffronto dei dati con l'anno passato riguarda la performance nelle vendite di computer: pur rappresentando "solo" il 27 per cento del fatturato totale (contro un 36 dello scorso anno) la crescita è stata del 33 per cento, con un più 40 per cento dei desktop che recuperano terreno nei confronti dei portatili. Se, a fronte di una simile crescita, il "peso" sul fatturato diminuisce, è evidente che c'è qualcosa che ha fatto di meglio, e visto che il settore iPod ha registrato sostanzialmente gli stessi numeri del 2009, il grande protagonista di questi risultati fiscali è ancora una volta iPhone, che in un trimestre di relativa calma riesce a fare gli stessi numeri del trimestre natalizio, nonostante la presentazione di iPad che in qualche forma poteva costituire una sorta di prodotto concorrente (o quantomeno spostare gli interessi di acquisto di una certa fascia di utenti).

Di pari passo con iPhone (anche se in percentuale minore) crescono anche gli introiti derivanti da iTunes Store (più 27 per cento) e quindi, almeno in parte, anche da AppStore. Purtroppo non è possibile conoscere il dettaglio dei singoli dati, ma è facile immaginare che buona parte degli 1,3 miliardi di dollari ricavati da iTunes Store arrivino proprio dal negozio di applicazioni per iPhone OS, negozio che (come accennato in apertura) a inizio mese si è arricchito di una nuova sezione dedicata ad iPad e arricchito da iBooks.

Quanto crescerà nel prossimo trimestre questa parte del fatturato di Apple (che nel totale pesa circa per il 10 per cento)? Le polemiche sulle nuove politiche adottate da Cupertino nei confronti degli sviluppatori possono minare le basi di quella che è stata una delle operazioni meglio riuscite degli ultimi anni (con quasi 200mila applicazioni presenti sullo store)? Le piattaforme più "aperte" riusciranno ad imporsi dimostrando di offrire dei reali vantaggi rispetto alla soluzione "chiusa" proposta da Apple?

La risposta a queste domande non è certo delle più semplici: c'è chi ha pronosticato per il 2012 il sorpasso di Android ai danni di iPhone, ma le cose potrebbero non essere così semplici, sia per questioni legate alla natura stessa di Android, sia perché chi ha fatto quel pronostico non aveva ancora considerato l'impatto di iPad. Le previsioni a lungo termine in un settore come questo (che si evolve velocemente) sono quasi impossibili da fare. L'annuncio di iPad a fine gennaio ha triplicato la presentazione di nuove applicazioni sull'AppStore, e una ricerca effettuata poco prima del lancio vero e proprio ha messo in luce che gli sviluppatori sono molto più interessati a realizzare nuovi progetti per iPhone e iPad piuttosto che per Android (il cui interesse cala dal 18 al 10 per cento).

In realtà questa ricerca (essendo precedente rispetto alla presentazione di iPhone OS 4) non prende in considerazione gli eventuali risvolti delle nuove regole imposte da Apple con l'arrivo dell'ultimo SDK, quindi lo scenario attuale potrebbe essere ancora diverso. Il condizionale è d'obbligo, perché un'altra ricerca più recente, condotta su un campione di oltre 200 sviluppatori professionisti, dimostrerebbe che iPhone OS è comunque in cima alle preferenze dei programmatori (l'81 per cento dichiara di avere progetti in corso su questa piattaforma), in buona compagnia con BlackBerry OS (74 per cento) e Windows Phone (66); Android e Symbian seguono, rispettivamente, con il 64 e il 56 per cento.

Le differenze non sono enormi, anche se è difficile valutare quanto queste percentuali si riflettano sull'effettivo numero di applicazioni sviluppate (e meno che meno sulla qualità delle stesse): per esempio possiamo immaginare che un programmatore lavori su 2 o 3 piattaforme, ma produca più software per quella che gli assicura rendite migliori, oppure che si prefigga di riutilizzare lo stesso codice su più piattaforme, così da ridurre i tempi di sviluppo (cosa che al momento, per iPhone OS, è resa quantomeno problematica visto che non sono ammessi ambienti di programmazione e compilatori diversi da quelli ufficiali).

Probabilmente molte cose sono destinate a cambiare nel corso dei prossimi anni, se non nei prossimi mesi, e solo il tempo ci dirà se Apple ha fatto la scelta giusta e se gli sviluppatori continueranno a produrre software per AppStore agli stessi ritmi sostenuti finora: di sicuro il lancio di iPad contribuirà a mantenere (se non ad aumentare) questa tendenza, ma nel corso del 2010 sono previsti numerosi prodotti concorrenti che, se dovessero incontrare i favori del pubblico, potrebbero anche spostare gli attuali equilibri degli sviluppatori, a tutto vantaggio della concorrenza e quindi degli utenti. Nel frattempo non resta che attendere i prossimi risultati fiscali per avere una prima idea di quanto il tablet possa aver cambiato gli equilibri interni di Apple.

Domenico Galimberti
blog puce72

Gli altri interventi di Domenico Galimberti sono disponibili a questo indirizzo
Notizie collegate
  • BusinessApple, un Q2 da incorniciareSuperata anche la più ottimistica delle previsioni finanziarie. Con iPhone nel ruolo di indiscusso trascinatore. Da Cupertino fanno poi sapere di avere altro in cantiere per il 2010
  • AttualitàSteve Jobs e il porno androideRispondendo ad una mail di un cliente, il CEO di Apple ha suggerito a chiunque voglia contenuti osceni di comprarsi uno smartphone della concorrenza. La Mela ha un'etica
  • TecnologiaGiocare con iPadUn'occhiata alle doti ludiche della piattaforma. Provati: Castlecraft, Piante contro Zombie HD, Aurora Feint 3, What's the difference?, Let's Golf HD, Asphalt 5 HD, Aircoaster XL e un paio di titoli per iPhone
387 Commenti alla Notizia I numeri dell'era post-iPad
Ordina
  • Guardate questi cosa scrivono:
    http://www.appleinsider.com/articles/10/04/24/appl...

    Dicono cose assurde, tastiere e cuffie con microfono USB collegate all'iPad! Lo sanno tutti che è impossibile, iPad non ha porte USB!
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: ruppolo
    > Guardate questi cosa scrivono:
    > http://www.appleinsider.com/articles/10/04/24/appl
    >
    > Dicono cose assurde, tastiere e cuffie con
    > microfono USB collegate all'iPad! Lo sanno tutti
    > che è impossibile, iPad non ha porte
    > USB!

    Mah, forse funzionano tutte grazie al "reality distortion field"!
    http://en.wikipedia.org/wiki/Reality_distortion_fi...
  • Insomma, funzionano.
  • - Scritto da: alexjenn
    > Insomma, funzionano.

    Chissà perchè, la cosa non mi sorprende...ad ogni modo ho trovato interessante anche questa lettura:

    "Svanisce, ammesso che si sia mai materializzata, la speranza di chi sperava di poter collegare dischi esterni o chiavette USB; iPad non riconosce questi supporti di memorizzazione e quindi non è possibile usarli per ampliare la capacità di memoria interna del dispositivo o per copiare file"

    tratto da: http://www.macitynet.it/macity/articolo/iPad-Camer...
  • Non mi sorprende più di tanto: iPhone OS non è progettato per tali supporti.

    Un peccato, però.

    Ma è pur vero che, via wi-fi, qualcosa si possa salvare... ma entro nel campo delle supposizioni: l'iPad non ce l'ho e non ne ho la minima idea delle piene funzionalità.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 25 aprile 2010 21.13
    -----------------------------------------------------------
  • - Scritto da: Mela avvelenata

    > "Svanisce, ammesso che si sia mai materializzata,
    > la speranza di chi sperava di poter collegare
    > dischi esterni o chiavette USB; iPad non
    > riconosce questi supporti di memorizzazione e
    > quindi non è possibile usarli per ampliare la
    > capacità di memoria interna del dispositivo o per
    > copiare file"

    Certo perché bisogna trovare un modo di far vedere questi dischi alle applicazioni e fare in modo che l'utente possa scegliere se e come farsi una copia sul disco montato. Hai mai visto una tale interfaccia sull'iPhone OS? Semplicemente non c'è. Quindi, o ti metti tu a farla visto che sei tanto bravo, oppure ti rendi conto che è inutile montare dischi USB su un dispositivo quando il software non li prevede. Ed è solo un problema di mount abilitato nel sistema, non di capacità dell'iPad.
    FDG
    11017
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: Mela avvelenata
    >
    > > "Svanisce, ammesso che si sia mai
    > materializzata,
    > > la speranza di chi sperava di poter collegare
    > > dischi esterni o chiavette USB; iPad non
    > > riconosce questi supporti di memorizzazione e
    > > quindi non è possibile usarli per ampliare la
    > > capacità di memoria interna del dispositivo o
    > per
    > > copiare file"
    >
    > Certo perché bisogna trovare un modo di far
    > vedere questi dischi alle applicazioni e fare in
    > modo che l'utente possa scegliere se e come farsi
    > una copia sul disco montato. Hai mai visto una
    > tale interfaccia sull'iPhone OS? Semplicemente
    > non c'è. Quindi, o ti metti tu a farla visto che
    > sei tanto bravo, oppure ti rendi conto che è
    > inutile montare dischi USB su un dispositivo
    > quando il software non li prevede. Ed è solo un
    > problema di mount abilitato nel sistema, non di
    > capacità
    > dell'iPad.

    Niente da eccepire...ma perchè l'Apple non ha implementato il mount dei dispositivi di memoria usb? E' auspicabile che lo faccia in futuro?
    Posso capire che sull'iPhone non serva granchè, ma sull'iPad?
    Ad ogni modo non sono parole mie quelle virgolettate, ma le ho riportate da Macitynet.it, sicchè devi rivolgere le tue argomentazioni all'autore di quel post...
  • - Scritto da: Mela avvelenata
    > - Scritto da: FDG
    > Niente da eccepire...ma perchè l'Apple non ha
    > implementato il mount dei dispositivi di memoria
    > usb?

    Perche il paradigma del sistema non prevede un file manager.

    > E' auspicabile che lo faccia in
    > futuro?

    Se lo farà, e non sarà certo quello che ti aspetti, la cosa dovrà avere un senso per la fruizione o gestione di contenuti.
    Mi spiego meglio: non aspettarti una cosa del tipo "infilo una chiavetta e appare un elenco di file".
    Al momento la chiavetta la puoi benissimo infilare e se contiene foto nelle cartelle standard utilizzate dalle fotocamere, potrai importare tali foto.

    > Posso capire che sull'iPhone non serva granchè,
    > ma
    > sull'iPad?

    Quello che serve è condividere documenti, e questo è già possibile in 2 modi: cartella condivisa e email.
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: ruppolo

    > Perche il paradigma del sistema non prevede un
    > file
    > manager.
    >
    > > E' auspicabile che lo faccia in
    > > futuro?
    >
    > Se lo farà, e non sarà certo quello che ti
    > aspetti, la cosa dovrà avere un senso per la
    > fruizione o gestione di
    > contenuti.
    > Mi spiego meglio: non aspettarti una cosa del
    > tipo "infilo una chiavetta e appare un elenco di
    > file".
    > Al momento la chiavetta la puoi benissimo
    > infilare e se contiene foto nelle cartelle
    > standard utilizzate dalle fotocamere, potrai
    > importare tali foto.

    Hai spiegato meglio di me il problemaSorride
    FDG
    11017
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: ruppolo
    >
    > > Perche il paradigma del sistema non prevede un
    > > file
    > > manager.
    > >
    > > > E' auspicabile che lo faccia in
    > > > futuro?
    > >
    > > Se lo farà, e non sarà certo quello che ti
    > > aspetti, la cosa dovrà avere un senso per la
    > > fruizione o gestione di
    > > contenuti.
    > > Mi spiego meglio: non aspettarti una cosa del
    > > tipo "infilo una chiavetta e appare un elenco di
    > > file".
    > > Al momento la chiavetta la puoi benissimo
    > > infilare e se contiene foto nelle cartelle
    > > standard utilizzate dalle fotocamere, potrai
    > > importare tali foto.
    >
    > Hai spiegato meglio di me il problemaSorride

    Ho spiegato il funzionamento.
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: ruppolo
    > - Scritto da: Mela avvelenata
    > > - Scritto da: FDG
    > > Niente da eccepire...ma perchè l'Apple non ha
    > > implementato il mount dei dispositivi di memoria
    > > usb?
    >
    > Perche il paradigma del sistema non prevede un
    > file
    > manager.
    >
    > > E' auspicabile che lo faccia in
    > > futuro?
    >
    > Se lo farà, e non sarà certo quello che ti
    > aspetti, la cosa dovrà avere un senso per la
    > fruizione o gestione di
    > contenuti.
    > Mi spiego meglio: non aspettarti una cosa del
    > tipo "infilo una chiavetta e appare un elenco di
    > file".
    > Al momento la chiavetta la puoi benissimo
    > infilare e se contiene foto nelle cartelle
    > standard utilizzate dalle fotocamere, potrai
    > importare tali
    > foto.
    >
    > > Posso capire che sull'iPhone non serva granchè,
    > > ma
    > > sull'iPad?
    >
    > Quello che serve è condividere documenti, e
    > questo è già possibile in 2 modi: cartella
    > condivisa e
    > email.
    Ma sto ipad fruisce o crea? perche' devi fare pace col tuo cervello mi sa, in alcuni post crea, in altri fruisce...fruisce o crea?
    non+autenticato
  • Perchè Microsoft soffoca il Tablet Pc

    Tablet Pc, un anno dopo: vendite scarse, rasoterra l'interesse degli sviluppatori di software. Emergono le vere ragioni non tecnologiche di un flop

    Chi non ha la memoria ottenebrata dalle inquietanti immagini di Bill Gates travestito da Neo nella parodia di Matrix presentata pochi giorni fa al Comdex ricorderà un'altra serie di immagini di zio Bill di qualche mese fa: quelle che lo vedevano promuovere in prima persona il nuovo, rivoluzionario Tablet Pc.

    Il lancio ufficiale del Tablet Pc Microsoft risale al 7 novembre 2002: è insomma passato un anno, e di Tablet Pc in giro non se ne vedono e non se ne vendono: siamo sotto le centomila unità in tutta Europa, Medio Oriente e Africa, vale a dire meno dell'uno per cento del mercato dei notebook. Non si parla più, come raccontavo perplesso qualche mese fa, di usare i Tablet Pc al posto dei libri nelle scuole, così come non si parla dell'altra supposta (aggettivo, non sostantivo) rivoluzione annunciata a inizio 2003 da Microsoft: l'orologio SPOT che riceve dati via radio, o perlomeno li riceverebbe se si potesse comperare l'oggetto, ora "rimandato" al 2004 dai tre fabbricanti Fossil, Citizen e Suunto.

    Sarebbe riduttivo scartarle come due trovate tirate fuori solo per farsi pubblicità, specialmente per il Tablet Pc. Infatti l'idea in sé è tutt'altro che malvagia: i vantaggi in fatto di intuitività e rapidità d'uso di uno schermo sensibile al tatto, sul quale possiamo pigiare un pulsante invece di prendere in mano un mouse per spostare un cursore sullo schermo, sono talmente ovvi che non occorre spiegarli.

    Il problema è il costo attuale di questi vantaggi. Un Tablet Pc è sostanzialmente un laptop arricchito da un touch-screen e da un po' di software, per cui è comprensibile che costi di più di un normale Pc portatile. Stando a Wang Chen-tang, presidente della Acer, mediamente "un Tablet Pc costa 200 dollari più di un notebook equivalente". Una cifra di tutto rispetto, soprattutto in tempi di vacche magre. Ma la cosa interessante è che il presidente della Acer rivela che di quei duecento dollari "il costo dell'hardware ammonta a 30-60 dollari. La maggior parte della differenza deriva dalla licenza del sistema operativo".

    Troppo peso, non si decolla

    In altre parole, il Tablet Pc non costa caro perché è tecnologicamente più complesso: costa caro perché Microsoft vuole guadagnare troppo sulle licenze di Windows XP per il Tablet Pc. Chris Jones, analista di Canalys, società specializzata nell'analisi dei mercati tecnologici che ha pubblicato un rapporto dettagliato sul flop del Tablet Pc, dice esplicitamente che Microsoft "invece di maggiorare il prezzo del sistema operativo dei Tablet Pc, gravando sui costi dei rivenditori e sul prezzo all'utente finale, dovrebbe fare il contrario: agevolare economicamente i rivenditori per aiutarli a far decollare il mercato". Secondo Canalys, Windows per Tablet Pc dovrebbe essere venduto addirittura a meno del normale Windows XP.

    E' un sacrificio che Microsoft potrebbe certo permettersi, considerato che i suoi margini di guadagno nel settore dei sistemi operativi sono spettacolari, come testimoniato dai suoi rendiconti più recenti: nel 2003, la divisione Client ha avuto ricavi per 10,2 miliardi di dollari e utili per 8,2 miliardi. In sostanza, per ogni dollaro investito, Microsoft ne guadagna quattro. Non credo esista altra attività legale che possa vantare margini di questo genere.

    Purtroppo non è la prima volta che Microsoft inciampa nella propria ingordigia. Ricordate il progetto Mira, ossia il monitor LCD autoalimentato e sensibile al tatto che si poteva portare in giro per casa e restava collegato in modalità wireless al Pc fisso? Un'altra bell'idea, ora ribattezzata Windows CE for Smart Displays e accantonata nel ripostiglio dei fugaci entusiasmi quando Microsoft ha preteso che l'utente pagasse due licenze di Windows: una per il Pc fisso, una per il monitor.

    Chi troppo vuole...

    Specialmente con l'avvento dei recenti processori a basso consumo, progetti come Mira e il Tablet Pc potrebbero davvero trasformare il modo in cui leggiamo, giochiamo e lavoriamo, introducendo finalmente l'informatica in soggiorno, grazie a un'ergonomia e una mobilità senza pari.

    Sarebbe davvero un peccato se l'innovazione, di cui Microsoft si proclama sempre fiera paladina, fosse fermata non da un problema tecnologico, ma da una gretta questione di licenze. Anche perché la concorrenza non sta a guardare: Lycoris offre già un Tablet Pc Toshiba con Linux preinstallato. Allo stesso prezzo di un laptop normale.


    Clicca per vedere le dimensioni originali

    Autore dell'articolo: Paolo Attivissimo (19 novembre 2003!!!)


























































































    Ah, dimenticavo di fare un'osservazione per i macachi:
    non avete inventato un cazzo!
    non+autenticato
  • - Scritto da: Certo certo
    > Ah, dimenticavo di fare un'osservazione per i
    > macachi:
    > non avete inventato un cazzo!

    Direi che la risposta migliore è: Certo certo Rotola dal ridere

    Facile fare le invenzioni come fa MS, sono capace anch'io: tolgo il display dal tablet e ho inventato il tablet senza display.
    E che serve? A nulla, ovviamente, esattamente come il Tablet PC.
    E se fra 20 anni qualcuno farà un tablet senza display che serve a qualcosa (perché magari ascolta, capisce e parla come un essere umano) allora dirò che non ha inventato un cazzo!
    ruppolo
    33146
  • Per una volta sottoscrivo, ho avuto diversi palmari (aka finti tablet) delle marche più sconosciute negli scorsi anni, per lo più in prestito o in prova. Premetto che erano tutti con Winzoz Mobile. Sono totalmente scomodi, hanno processori ridicoli, hanno un SO inutilizzabile al pari di XandrOS e Linpus (e ce ne vuole).

    Inoltre Apple non inventa, Apple reinventa. Dubito che qualcuno abbia da ridire su questo... Le politiche aziendali sono discutibili, ma alla fine nessuno vi costringe a possedere un loro apparecchio per lavorare, finché si è liberi di scegliere hanno tutto il diritto di imporre ciò che vogliono ai loro consumatori. Del resto anch'io ringrazio la Apple... Se non avessero lanciato loro iPad nessuno avrebbe avuto il coraggio di buttarsi in un mercato ignoto e avrei dovuto aspettare chissà quanti anni per trovare un dispositivo equivalente.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Nedanfor non loggato
    > Inoltre Apple non inventa, Apple reinventa.

    Ma infatti io non ho detto "non avete reinventato un cazzo".
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > Facile fare le invenzioni come fa MS, sono capace
    > anch'io: tolgo il display dal tablet e ho
    > inventato il tablet senza
    > display.
    > E che serve? A nulla, ovviamente, esattamente
    > come ...

    ... l'iPad? Volevi dire l'iPad, giusto?

    Clicca per vedere le dimensioni originali
    non+autenticato
  • Povero ragazzo dal cuore spezzato.

    Hai postato un articolo ma non hai capito proprio un cazzo.

    Lì c'è scritto che l'idea del tablet è ottima, si sa, ma tra le righe si legge che Microsoft stessa non è stata in grado di capire l'idea.

    Il tablet è uscito nel 2002, ovvero l'idea è di molto prima, e in tutti questi anni cos'ha fatto Microsoft? NIENTE.

    Ha mai fatto un hardware dedicato? NO.
    Ha mai fatto un software dedicato? NO.
    Ha mai saputo creare un ambiente e un mercato dedicati? NO.

    Sa solo copiare.

    Al contrario di Microsoft, Apple adesso ha creato tutto ciò, e ha successo, il successo che tu stesso dicevi non avrebbe avuto.

    > Ah, dimenticavo di fare un'osservazione per i macachi:
    > non avete inventato un cazzo!

    Io di certo no, tu sicuramente nemmeno, Apple sì, ma... dimenticavo di fare un'osservazione per i frustrati:
    Microsoft non ha inventato mai un cazzo di sistema operativo. HA SAPUTO SOLO COPIARE.

    Non è vero? Be', Apple e nessun altro aveva mai fatto un sistema per tablet, e Microsoft non ha potuto attingere.

    Risultato? Lo hai scritto tu: insuccesso.
  • Dimenticavo:

    flop Tablet
    flop Vista
    flop Zune
    flop Windows 7 Starter
    flop Windows Mobile 6.1
    flop Internet Explorer 8
    flop servizi online

    Wow!
  • A breve alla lista dovrai aggiungere HP Slate, le prime recensione sono tutto tranne che positive:

    http://www.engadget.com/2010/04/19/hp-slate-leaks-.../

    Il problema non è tanto l'hardware ma il sistema che monta.
  • - Scritto da: gnulinux86
    > A breve alla lista dovrai aggiungere HP Slate, le
    > prime recensione sono tutto tranne che
    > positive:
    >
    > http://www.engadget.com/2010/04/19/hp-slate-leaks-
    >
    > Il problema non è tanto l'hardware ma il sistema
    > che
    > monta.

    il solo fatto che io possa farci tutto quello che faccio su un pc senza rinunce, mi fa scartare ipad in partenza.
    non+autenticato
  • farai un affarone!!!
    non+autenticato
  • eh vabbè, a me nemmeno piace l'ipad, però la tua logica è sbagliata

    con ipad non devi nemmeno pensare di fare le cose che fai col pc, perchè ipad non è un pc
    non+autenticato
  • Se avessi letto l'articolo linkato da ruppolo, avresti visto che c'era scritto:

    "Lo S&P 500, in particolare, si basa sul mercato azionario "float-adjusted", cioè il valore di tutte le azioni che sono disponibili sul mercato per la vendita in ogni momento. Mentre questo è di particolare interesse per gli investitori, non sono incluse le azioni che sono detenute da investitori che non sono interessati alla negoziazione. E questo fa una grande differenza: quando tutte le azioni di entrambe le società vengono prese in considerazione, allora Microsoft con $275 miliardi supera i $241 miliardi di Apple."

    Infatti l'oggetto del post è "MS ci vede nello specchietto" e non
    "Apple ha superato MS..."

    La solita trollata....
  • - Scritto da: Dovellas
    > http://business.webnews.it/news/leggi/12818/apple-
    >
    > Caro Ruppolo copriti, il sorpasso non avvera mai.

    Questa me la sono segnata, la stampo e la allego alla bottiglia di un Sauternes Premier Cru del '95 che ho in cantinaA bocca aperta
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: Dovellas

    > http://business.webnews.it/news/leggi/12818/apple-
    >
    > Caro Ruppolo copriti, il sorpasso non avvera mai.

    Basta attendere che MS decida di buttare al vento ancora un po' dei suoi soldi, che ricordiamo guadagna sempre con le stesse cose (finirà prima o poi la cuccagna?).

    http://www.businessinsider.com/chart-of-the-day-mi...
    FDG
    11017
  • - Scritto da: Dovellas
    > http://business.webnews.it/news/leggi/12818/apple-
    >
    > Caro Ruppolo copriti, il sorpasso non avvera mai.

    A parte che si scrive "avverrà"... l'articolo che tu hai stupidamente postato recita "Apple, per ambire al sorpasso, dovrebbe riuscire a portare le proprie azioni oltre i 300 dollari."

    Adesso, nel giro di poco più di due settimane, le azioni Apple sono passate da 210 a 270 dollari...

    Ne mancano poco più di 30 dollari, e a giugno dovrà uscire il nuovo iPhone, mentre già comincerà la vendita di iPad con 3G...

    Dovellas, ma io mi chiedo: ma tutti i fanboy Microsoft sono così... così... come te? Scusami, non mi viene l'aggettivo giusto.
  • Non esistono altri fanboy microsoft.
    E' un esemplare unico al mondo.
    Per fortuna.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Cesare

    > Non esistono altri fanboy microsoft.
    > E' un esemplare unico al mondo.
    > Per fortuna.

    Razza in via d'estinzione?
    FDG
    11017
  • Non credo proprio, basta andare sul sito che fornisce crack, seriali e manuali per piratare prodotti Microsoft, ovvero " Windowsette.com " trovi commenti del tipo << Non vedo l'ora che esca IE9 sarà un browser fantastico >> Rotola dal ridereIn lacrimeRotola dal ridere
  • - Scritto da: gnulinux86
    > Non credo proprio, basta andare sul sito che
    > fornisce crack, seriali e manuali per piratare
    > prodotti Microsoft, ovvero " Windowsette.com "
    > trovi commenti del tipo << Non vedo l'ora che
    > esca IE9 sarà un browser fantastico >>
    > Rotola dal ridereIn lacrimeRotola dal ridere

    Lo sarà sicuramente.

    Sono sicuro che quel commento l'ha scritto un virus writer Occhiolino
  • - Scritto da: FDG
    > - Scritto da: Cesare
    >
    > > Non esistono altri fanboy microsoft.
    > > E' un esemplare unico al mondo.
    > > Per fortuna.
    >
    > Razza in via d'estinzione?

    Si, ma non per questo degna di protezione A bocca aperta
    ruppolo
    33146
  • A volte é meglio avere qualcuno davanti piuttosto che "DIDDIETRO" A bocca aperta
    non+autenticato
  • http://www.ipaditalia.it/un-ospedale-della-califor...

    Un ospedale della California ha in progetto di distribuire iPads ad alcuni membri del personale; il direttore del Kaweah Delta Health Care District, Nick Volosin,è rimasto colpito dalla durata di 10 ore della batteria del tablet, che dovrebbe contribuire a evitare sprechi di tempo per la ricarica dei notebook tra gli appuntamenti.

    Volosin inizialmente ha ottenuto tre iPad per le prove ed anche se il numero è destinato a salire a 100 circa 20 medici hanno già acquistato il loro iPad personale.

    Il Dott. Roger Haley durante un’intervista di ABC News ha dichiarato che l’uso dell’iPad ha migliorato la sua giornata lavorativa e riesce a prendersi meglio cura dei propri pazienti, non ha più bisogno di una postazione particolare ma può fare tutto facilmente ed ovunque.

    I medici utilizzano il tablet per tenere traccia dei pazienti, connettersi alla rete ospedaliera, visualizzare le immagini delle lastre, inviare e-mail e molto altro e secondo Volosin il passaggio ad iPad è stato facile poiché molti medici già utilizzavano Citrix Receiver per iPhone per l’accesso ad un desktop virtuale completo.
    ruppolo
    33146
  • - Scritto da: ruppolo
    > http://www.ipaditalia.it/un-ospedale-della-califor
    >
    >
    > I medici utilizzano il tablet per tenere traccia
    > dei pazienti, connettersi alla rete ospedaliera,
    > visualizzare le immagini delle lastre, inviare
    > e-mail e molto altro e secondo Volosin il
    > passaggio ad iPad è stato facile poiché molti
    > medici già utilizzavano Citrix Receiver per
    > iPhone per l’accesso ad un desktop virtuale
    > completo.


    Il tempo di ricarica tra appuntamenti fa molto ridere ma almeno li gli ospedali sono privati e possono spendere i soldi dei pazienti come preferiscono...
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruppolo
    > http://www.ipaditalia.it/un-ospedale-della-califor
    >
    > Un ospedale della California ha in progetto di
    > distribuire iPads ad alcuni membri del personale;
    > il direttore del Kaweah Delta Health Care
    > District, Nick Volosin,è rimasto colpito dalla
    > durata di 10 ore della batteria del tablet, che
    > dovrebbe contribuire a evitare sprechi di tempo
    > per la ricarica dei notebook tra gli
    > appuntamenti.
    >
    > Volosin inizialmente ha ottenuto tre iPad per le
    > prove ed anche se il numero è destinato a salire
    > a 100 circa 20 medici hanno già acquistato il
    > loro iPad
    > personale.
    >
    > Il Dott. Roger Haley durante un’intervista di ABC
    > News ha dichiarato che l’uso dell’iPad ha
    > migliorato la sua giornata lavorativa e riesce a
    > prendersi meglio cura dei propri pazienti, non ha
    > più bisogno di una postazione particolare ma può
    > fare tutto facilmente ed
    > ovunque.
    >
    > I medici utilizzano il tablet per tenere traccia
    > dei pazienti, connettersi alla rete ospedaliera,
    > visualizzare le immagini delle lastre, inviare
    > e-mail e molto altro e secondo Volosin il
    > passaggio ad iPad è stato facile poiché molti
    > medici già utilizzavano Citrix Receiver per
    > iPhone per l’accesso ad un desktop virtuale
    > completo.


    che boiata galattica
    non+autenticato
  • - Scritto da: ruttolo
    > - Scritto da: ruppolo
    > >
    > http://www.ipaditalia.it/un-ospedale-della-califor
    > >
    > > Un ospedale della California ha in progetto
    > di
    > > distribuire iPads ad alcuni membri del
    > personale;
    > > il direttore del Kaweah Delta Health Care
    > > District, Nick Volosin,è rimasto colpito dalla
    > > durata di 10 ore della batteria del tablet, che
    > > dovrebbe contribuire a evitare sprechi di tempo
    > > per la ricarica dei notebook tra gli
    > > appuntamenti.
    > >
    > > Volosin inizialmente ha ottenuto tre iPad per le
    > > prove ed anche se il numero è destinato a
    > salire
    > > a 100 circa 20 medici hanno già acquistato il
    > > loro iPad
    > > personale.
    > >
    > > Il Dott. Roger Haley durante un’intervista di
    > ABC
    > > News ha dichiarato che l’uso dell’iPad ha
    > > migliorato la sua giornata lavorativa e riesce a
    > > prendersi meglio cura dei propri pazienti, non
    > ha
    > > più bisogno di una postazione particolare ma può
    > > fare tutto facilmente ed
    > > ovunque.
    > >
    > > I medici utilizzano il tablet per tenere
    > traccia
    > > dei pazienti, connettersi alla rete ospedaliera,
    > > visualizzare le immagini delle lastre, inviare
    > > e-mail e molto altro e secondo Volosin il
    > > passaggio ad iPad è stato facile poiché molti
    > > medici già utilizzavano Citrix Receiver per
    > > iPhone per l’accesso ad un desktop virtuale
    > > completo.

    >
    > che boiata galattica


    invece di comprare l'Iminchia, assistessero un povero non assicurato in più...
    non+autenticato
  • Se sta cazzata l'avessi detta 3 mesi fa sarebbe stata un pò meno ridicola.
    Ma di poco però.
    non+autenticato
  • Ospedali statunitensi, loro sì che se ne intendono di cose fatte beneOcchiolino
    Shiba
    4103
  • - Scritto da: ruppolo
    > http://www.ipaditalia.it/un-ospedale-della-califor
    >
    > Un ospedale della California ha in progetto di
    > distribuire iPads ad alcuni membri del personale;
    > il direttore del Kaweah Delta Health Care
    > District, Nick Volosin,è rimasto colpito dalla
    > durata di 10 ore della batteria del tablet, che
    > dovrebbe contribuire a evitare sprechi di tempo
    > per la ricarica dei notebook tra gli
    > appuntamenti.
    >
    > Volosin inizialmente ha ottenuto tre iPad per le
    > prove ed anche se il numero è destinato a salire
    > a 100 circa 20 medici hanno già acquistato il
    > loro iPad
    > personale.
    >
    > Il Dott. Roger Haley durante un’intervista di ABC
    > News ha dichiarato che l’uso dell’iPad ha
    > migliorato la sua giornata lavorativa e riesce a
    > prendersi meglio cura dei propri pazienti, non ha
    > più bisogno di una postazione particolare ma può
    > fare tutto facilmente ed
    > ovunque.
    >
    > I medici utilizzano il tablet per tenere traccia
    > dei pazienti, connettersi alla rete ospedaliera,
    > visualizzare le immagini delle lastre, inviare
    > e-mail e molto altro e secondo Volosin il
    > passaggio ad iPad è stato facile poiché molti
    > medici già utilizzavano Citrix Receiver per
    > iPhone per l’accesso ad un desktop virtuale
    > completo.



    Da un sito "amico" di Apple:

    http://www.macitynet.it/macity/articolo/Android-Ma...

    come vedi si avanza niente male. e in più tutta la serie di applicazioni che si possono installare liberamente senza il vademecum di Google.
    non per togliere nulla ad Apple, solo perché tu prenda atto che l'alternativa ESISTE, anche nella libertà di scelta, e che il modello cupertiniano "app store e basta" non è l'unico che attira svuluppatori, cosa di cui tu sembreresti convinto...
    non+autenticato
  • - Scritto da: seeeeeeeeee eee
    > non per togliere nulla ad Apple, solo perché tu
    > prenda atto che l'alternativa ESISTE, anche nella
    > libertà di scelta, e che il modello cupertiniano
    > "app store e basta" non è l'unico che attira
    > svuluppatori, cosa di cui tu sembreresti
    > convinto…

    Stavo giusto cercando un vocabolario della lingua italiana per Android… quale scelgo?
    ruppolo
    33146
  • alla faccia di chi parlava di prezzi contenuti

    http://www.macitynet.it/macity/articolo/iPad-su-eP...

    862 euro per il 32 Giga

    se è così il 32 Giga 3G può tranquillamente superare i 1000 euro.
    nell'articolo si dice che il prezzo "ufficiale" per l'italia sarà più basso. vedremo. non ci scommetterei
    non+autenticato
  • - Scritto da: Max
    > alla faccia di chi parlava di prezzi contenuti
    >
    > http://www.macitynet.it/macity/articolo/iPad-su-eP
    >
    > 862 euro per il 32 Giga
    >
    > se è così il 32 Giga 3G può tranquillamente
    > superare i 1000
    > euro.
    > nell'articolo si dice che il prezzo "ufficiale"
    > per l'italia sarà più basso. vedremo. non ci
    > scommetterei

    E' importazione parallela... ovviamente costa di più pero' sono sicuro che ruppolo ne comprerà almeno un paio: un importatore così lungimirante ne merita la ricompensa.
    non+autenticato
  • Gira una flow chart che sintetizzo:
    Hai molti soldi? Compra 2 Ipad.
    Hai già un computer Apple? Compra 2 Ipad
    E via di questo passo
    non+autenticato
  • - Scritto da: Max
    > alla faccia di chi parlava di prezzi contenuti
    >
    > http://www.macitynet.it/macity/articolo/iPad-su-eP
    >
    > 862 euro per il 32 Giga
    >
    > se è così il 32 Giga 3G può tranquillamente
    > superare i 1000 euro.

    Ma checc'entra??? non sono mica i prezzi ufficiali di Apple: sono iPad importati dagli USA e rivenduti: è ovvio che ci marciano sopra...
  • è in Italia che è andata a finire così

    è chiaro che la mafia dei dazi e delle tasse SIAE pesa parecchio su quei prezzi

    negli USA il prezzo dell'ipad è molto molto più basso
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > è in Italia che è andata a finire così
    >
    > è chiaro che la mafia dei dazi e delle tasse SIAE
    > pesa parecchio su quei
    > prezzi
    >
    > negli USA il prezzo dell'ipad è molto molto più
    > basso

    eccone un altro che ha capito tutto...
    NON sono prezzi Apple: sono importazioni parallele, che comprano a prezzi ufficiai USa e poi rivendono qui (ovviamente cercando di guadagnarci)... non è dificle da capire, ma evidentemente chiedere di fare 2+2 è uno sforzo troppo grande
  • infatti ho parlato di mafia dei dazi e compagnia

    su quei prezzi non immagini nemmeno quanto incidono i dazi doganali
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > infatti ho parlato di mafia dei dazi e compagnia

    infatti non c'azzecca nulla: il problema è che sono dispositivi comprati a prezzo pieno e rivenduti dove non sono ancora in commercio... tutto qui
  • Per spiegarglielo credo ci voglia un insegnante di sostegno.
    non+autenticato
  • mi sa che voi dure avete bisogno di un insegnante di sostegno

    quale parte di "per importare dall'estero si pagano i dazi" non è chiara?

    è evidente che non siete mai usciti dal vostro piccolo mondo fatto di macachi
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > mi sa che voi dure avete bisogno di un insegnante
    > di
    > sostegno
    >
    > quale parte di "per importare dall'estero si
    > pagano i dazi" non è
    > chiara?
    >
    > è evidente che non siete mai usciti dal vostro
    > piccolo mondo fatto di
    > macachi

    Allora... riprendiamo il tuo post iniziale:

    > è in Italia che è andata a finire così

    il Italia non è andata finire un bel niente, perché non è ancora neanche iniziata. Si sta parlando dei prezzi di alcuni speculatori. punto.

    > è chiaro che la mafia dei dazi e delle tasse SIAE pesa parecchio su quei prezzi

    dazi? ma dove? Al massimo parliamo di IVA.
    tasse SIAE? Su un oggetto di importazione paralela? Non credo, ma in ogi caos non sarebbe quello il problema

    >negli USA il prezzo dell'ipad è molto molto più basso

    Negli USA il prezzo è quello giusto: ufficiale
    In Italia non esiste alcun prezzo... quello di cui si sta discutendo non è un prezzo "italiano" ma un prezzo di "importazione speculagiva"
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 13 discussioni)