Claudio Tamburrino

Blogger, direttore a metà

I post non firmati non si possono imputare al gestore di un blog. Che è responsabile solo dei contenuti postati da lui stesso. Questo il parere della Corte di Appello di Torino

Roma - Nel luglio del 2006 un blogger veniva condannato dal Tribunale di Aosta per diffamazione e omissione di controllo sui commenti di utenti anonimi: oggi quella sentenza è in parte ribaltata e - pur rimanendo in capo al tenutario di un blog la responsabilità per i post personalmente firmati - viene respinta l'altra ipotesi di reato che configurava un precedente pericoloso.

Secondo la sentenza di primo grado il gestore di un blog "altro non è che il direttore responsabile dello stesso, pur se non viene formalmente utilizzata tale forma semantica per indicare la figura del gestore e proprietario di un sito Internet": dal momento che esso può (e conseguentemente deve, se davanti a contenuti offensivi o illeciti) cancellare i messaggi degli utenti - si legge nelle motivazioni - la sua posizione e quella di un direttore di una testata giornalistica stampata sono, mutatis mutandis, identiche.

L'inchiesta era stata avviata dalla Polizia Postale di Aosta, su denuncia di quattro giornalisti valdostani nei confronti dell'anonimo autore del blog "Il bolscevico stanco", dietro cui è stato individuato l'oggi 63enne giornalista Roberto Mancini.
Oggi la Corte di Appello di Torino presieduta dal Giudice Gustavo Witzel ha confermato la condanna per diffamazione, infliggendo a Mancini una pena pecuniaria di mille euro per due post da lui stesso firmati, ma lo ha assolto dalla più controversa accusa di omissione di controllo che aveva valso al giornalista la solidarietà di osservatori e colleghi come Reporter Senza Frontiere.

Con l'appello è venuta quindi meno l'equiparazione del blogger al direttore responsabile di una testata giornalistica che ha responsabilità editoriali su tutti i contenuti pubblicati sulle pagine di un giornale. Il gestore di un blog - invece - risponde personalmente solo dei post da lui stesso firmati.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàI blogger? Sono direttori responsabilidi Daniele Minotti ? Fa riflettere e preoccupa una sentenza emessa dal Tribunale di Aosta che configura un precedente pericoloso, che potrebbe dare non poche noie a chi gestisce un sito web. Il quadro e l'analisi
  • Diritto & InternetUK, se la grammatica diffamaA deciderlo, un'alta corte britannica: il proprietario di un blog diventa responsabile di quanto caricato dal momento in cui controlla l'ortografia dei vari post. Soprattutto quando si getta fango su un'attivista tedesca
  • AttualitàAustralia, faccia a faccia sull'anonimatoUna legge entrata in vigore a gennaio vieta agli utenti di commentare in forma anonima su blog e community. Per le autorità, i rivali politici creerebbero personaggi fittizi per screditare. Ma un dettaglio fa crollare tutti i presupposti
28 Commenti alla Notizia Blogger, direttore a metà
Ordina
  • Forte di questa sentenza, mi aspetto che adesso PI rimuova la censura, lasciando ad ogni utente la responsabilita' di quello che scrive sul forum.
  • - Scritto da: panda rossa
    > Forte di questa sentenza, mi aspetto che adesso
    > PI rimuova la censura, lasciando ad ogni utente
    > la responsabilita' di quello che scrive sul
    > forum.

    Se è nato con la censura, andrà avanti così.
    E poi sta a te non farti censurare, oppure a non scrivere in un sito di bigotti e permalosi.
    E' vero che poi sta a loro volerlo essere o meno, e chiemarla in altro modo... e a te prendere i conseguenti provvedimenti.
    non+autenticato
  • che stia iniziando un periodo di buon senso oppure siamo davanti alla solita mosca bianca? vedremo
    non+autenticato
  • - Scritto da: rino
    > che stia iniziando un periodo di buon senso
    > oppure siamo davanti alla solita mosca bianca?
    > vedremo

    Buon senso in Italia? AHAHAHAAHAHAHHAAHAHAHAHA Rotola dal ridere
    non+autenticato
  • Buon senso di cosa, se uno apre un sito deve moderare cosa viene scritto, ma se permette la scrittura di cagate diffamatorie ne deve essere responsabile o diventa il far west come già è, e non è bene.
    non+autenticato
  • per la pubblicazione di un commento in cui equipari il sito del Mancini ad una raccolta di "escrementi", verrai citato in giudizio dal Mancini, e da Punto Informatico, per aver inquinato questo suo forum con testi ingiuriosi.
    Il tuo IP è registrato, lo sai no?
  • Dipende dai punti di vista, credo sia meglio se valga la filosofia del "vivi e lascia vivere"
    non+autenticato
  • - Scritto da: Pino
    > Buon senso di cosa, se uno apre un sito deve
    > moderare cosa viene scritto, ma se permette la
    > scrittura di cagate diffamatorie ne deve essere
    > responsabile o diventa il far west come già è, e
    > non è
    > bene.

    Non esistono cagate diffamatorie: se uno fa le cose per bene non teme di essere diffamato.

    Chissa' perche' tutti quelli che lamentano di venire diffamati, sono quelli che fanno qualcosa che non va, e si lamentano se qualcuno lo dice apertamente!
  • > Non esistono cagate diffamatorie: se uno fa le
    > cose per bene non teme di essere
    > diffamato.
    >
    quindi se io scrivessi in questo messaggio: "panda rossa è $vagonata_di_insulti_molto_pesanti" sarebbe in realtà colpa tua perché tu non fai le cose per bene ?

    > Chissa' perche' tutti quelli che lamentano di
    > venire diffamati, sono quelli che fanno qualcosa
    > che non va, e si lamentano se qualcuno lo dice
    > apertamente!

    capisco che la diffamazione spesso venga usata strumentalmente per chiudere la bocca a chi fa affermazioni scomode ma questo è un problema di uso improprio dello strumento più che dello strumento in se stesso.
  • - Scritto da: shevathas
    > > Non esistono cagate diffamatorie: se uno fa le
    > > cose per bene non teme di essere
    > > diffamato.
    > >
    > quindi se io scrivessi in questo messaggio:
    > "panda rossa è
    > $vagonata_di_insulti_molto_pesanti" sarebbe in
    > realtà colpa tua perché tu non fai le cose per
    > bene
    > ?

    Io so di non meritarmeli per quello che faccio.
    Al massimo puoi darmeli per quello che penso.
    Ma tanto Panda Rossa chi e'?
    Un personaggio virtuale che scrive sul forum di P.I.
    Tu insulteresti Panda Rossa, mica la persona che ci sta dietro che neanche sai chi e'.


    > > Chissa' perche' tutti quelli che lamentano di
    > > venire diffamati, sono quelli che fanno qualcosa
    > > che non va, e si lamentano se qualcuno lo dice
    > > apertamente!
    >
    > capisco che la diffamazione spesso venga usata
    > strumentalmente per chiudere la bocca a chi fa
    > affermazioni scomode ma questo è un problema di
    > uso improprio dello strumento più che dello
    > strumento in se
    > stesso.

    Quando uno strumento viene utilizzato in maniera impropria molto piu' spesso dell'utilizzo proprio, e usandolo impropriamente si fanno molti inaccettabili danni, forse e' il caso di vietare del tutto l'uso di tale strumento.

    Sono bastati due incidenti mortali a minorenni che guidavano le minicar per mettere in discussione il loro utilizzo indiscriminato.

    Analogamente basterebbero due ladri (giudicati tali da tribunali) che utilizzassero lo strumento della diffamazione verso qualcuno che li chiama "ladri", per togliere questo strumento o per regolamentarlo un po' meglio.
  • > Io so di non meritarmeli per quello che faccio.
    > Al massimo puoi darmeli per quello che penso.

    che te li meriti o meno non interessa, ti posso insultare pesantemente quanto mi pare.

    > Ma tanto Panda Rossa chi e'?
    > Un personaggio virtuale che scrive sul forum di
    > P.I.
    > Tu insulteresti Panda Rossa, mica la persona che
    > ci sta dietro che neanche sai chi
    > e'.
    >
    supponi che invece di panda rossa avrei scritto nome e cognome, o, come talvolta è capitato qualche buffone scriva:
    tizio caio fa p*p1n1 da sballo... tiziocoio@provider, +3934XXXXXX chiamami e prova...
    se fossi tizio caio come ti comporteresti ?

    > Quando uno strumento viene utilizzato in maniera
    > impropria molto piu' spesso dell'utilizzo
    > proprio, e usandolo impropriamente si fanno molti
    > inaccettabili danni, forse e' il caso di vietare
    > del tutto l'uso di tale
    > strumento.
    >

    o meglio di sanzionare pesantemente gli abusi ma non eliminarlo in toto.

    > Sono bastati due incidenti mortali a minorenni
    > che guidavano le minicar per mettere in
    > discussione il loro utilizzo
    > indiscriminato.
    >
    il loro "uso indiscriminato", è giusto che le minicar debbano essere usate in maniera appropriata, ma cosa penseresti se qualcheduno avesse proposto invece di vietare, in blocco, le auto ?

    > Analogamente basterebbero due ladri (giudicati
    > tali da tribunali) che utilizzassero lo strumento
    > della diffamazione verso qualcuno che li chiama
    > "ladri", per togliere questo strumento o per
    > regolamentarlo un po'
    > meglio.

    fra il togliere ed il regolamentare un po' meglio c'è molta differenza.
  • Guarda che la diffamazione in quei casi è decisamente diversa da quella del caso che stai continuando a portare avanti tu.
    In quel caso non si tratterebbe propriamente di diffamazione, quanto di "scoprire gli altarini", nel senso che se uno fa le cose di nascosto e al pubblico mostra sempre la faccia angelica e sorridente, quando qualcuno lo becca e lo fa notare ecco che si parla subito di diffamazione, e mica si va prima a controllare le attività losche del "diffamato" ma si infierisce su chi ha portato a conoscenza del fatto.

    Quella di cui parli tu è semplicemente diffamazione e insulto gratuito e ha tutto il diritto a farti spaccare il culo dalla polpost, praticamente un po' come nei 3/4 dei post riguardanti i "nostri" politici e manager vari di multinazionali.
    Wolf01
    3342
  • > il loro "uso indiscriminato", è giusto che le
    > minicar debbano essere usate in maniera
    > appropriata, ma cosa penseresti se qualcheduno
    > avesse proposto invece di vietare, in blocco, le
    > auto
    > ?

    Io stapperei bocce di spumante...