Mauro Vecchio

USA, governi aperti crescono

A rivelarlo, uno studio di Pew Internet: sempre più netizen a stelle e strisce interagiscono con Washington via web. L'openness voluta dal Presidente Obama sembra tradursi in maggiore stima per il potere centrale

Roma - Dal momento del suo insediamento alla Casa Bianca, il Presidente statunitense Barack Obama si è fatto promotore di una significativa apertura delle attività governative verso le vaste distese della partecipazione online. Una serie di siti - tra cui data.gov, apps.gov e recovery.gov - hanno così cercato di offrire ai netizen a stelle e strisce la facoltà di interagire meglio col potere centrale.

E pare che questa specifica strategia stia raccogliendo i suoi frutti. Almeno secondo un recente studio pubblicato dal Pew Internet & American Life Project. Nell'ultimo anno, l'82 per cento degli utenti statunitensi connessi ha cercato vari tipi d'informazione o portato a termine una qualche transazione su uno dei siti collegati al governo di Washington.

La ricerca di Pew è stata condotta tra la fine dello scorso novembre e il successivo 27 dicembre, partendo da un campione di 2258 cittadini statunitensi maggiorenni. Quasi la metà di questi ha per esempio dichiarato di aver ricercato informazioni online su tematiche riguardanti le public policy dei governi locali, statali e federali.
Il 46 per cento ha poi spiegato di aver spesso cercato di capire in Rete quali tipologie di servizio fossero offerte dalle varie agenzie governative. E poi altre percentuali piuttosto significative hanno riguardato lo scaricamento di documenti online, la ricerca di numeri statistici o il rinnovamento della patente di guida.

Tra gli heavy user individuati da Pew, più della metà ha dichiarato di preferire il web o l'email per entrare in contatto con il governo, andando così a costituire lo zoccolo duro di quei netizen statunitensi soddisfatti delle strategie dell'amministrazione Obama sul campo dell'apertura e dell'accessibilità. Più accesso, sembra mostrare lo studio, significa opinioni migliori sul governo stesso.

Ma un paradosso attende al varco l'osservatore delle risultanze di un altro studio condotto da Pew. Solo il 22 per cento degli intervistati ha dichiarato di fidarsi delle istituzioni di Washington. Quasi come se queste siano completamente slegate dai rispettivi (e apprezzati) siti web.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàBerners-Lee e i governi a porte aperteIl padre del Web spinge affinché neutralità e trasparenza diventino diritti fondamentali dei cittadini. Citando gli esempi di Brasile e India. Nel frattempo, gli USA annunciano una piattaforma video aperta per il governo federale
  • AttualitàUSA, governo a porte aperte sul webPubblicata la direttiva voluta dal presidente Barack Obama fin dal suo insediamento. Trasparenza, partecipazione e collaborazione. Questa la trinità a cui si dovranno ispirare le agenzie federali statunitensi per la loro presenza in Rete