Mauro Vecchio

OLPC nella striscia di Gaza

Poco più di duemila XO in bianco e verde consegnati alle Nazioni Unite. Per un progetto più ampio: dotare di piccoli laptop circa mezzo milione di bambini palestinesi entro tre anni. Per farlo si torna a Sugar

Roma - Poco più di 2mila laptop, consegnati di recente nelle mani delle Nazioni Unite impegnate in uno speciale progetto per un'educazione più tecnologizzata dei bambini palestinesi. A spedirli l'organizzazione One Laptop Per Child (OLPC), che da tempo si batte per l'introduzione di dispositivi informatici semplificati nelle aree più povere del mondo.

2mila laptop che le Nazioni Unite distribuiranno nell'area della Striscia di Gaza, con il più generale intento di dotare di postazioni computerizzate circa mezzo milione di piccoli studenti entro tre anni. Postazioni che si sono così andate ad aggiungere agli altri 1.500 laptop XO distribuiti da OLPC nelle scuole di Ramallah, nella West Bank.

I computer arrivati in Palestina hanno inoltre segnato una sorta di ritorno alle origini per l'organizzazione fondata e gestita da Nicholas Negroponte. Dopo aver implementato la piattaforma software di Windows XP, gli ormai noti computer bianco-verdi hanno scelto di rimettere a bordo l'open source della suite Sugar, sviluppata da Sugar Labs.
Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • TecnologiaOLPC XO-3 vedrà la luce nel 2012Negroponte ha annunciato un piano per lo sviluppo di una nuova versione del celebre laptop a basso costo. Sarà un tablet e costerà meno di 100 dollari
  • TecnologiaIl laptop da 100 dollari esisteCosta 99 dollari, è piccolo, lento e con pochi fronzoli. Un PC capace di far girare Linux o Windows CE indirizzato a chi subisce gli effetti negativi del digital divide. Ma non lo ha progettato Nicholas Negroponte
  • AttualitàOLPC, il laptop da 75 dollariDurante un'intervista, Nicholas Negroponte prospetta l'abbandono dell'annunciato formato ebook per una nuova generazione di laptop XO. Al suo posto, due nuovi modelli. A meno dei famosi 100 dollari
11 Commenti alla Notizia OLPC nella striscia di Gaza
Ordina
  • Ottima iniziativa per aiutare le piccole vittime della
    follia umana (che riguarda entrambe le parti e se ai filo israeliani non sta bene... guardino cosa fa la parte che sostengono!)
    non+autenticato
  • - Scritto da: 0110
    > Ottima iniziativa per aiutare le piccole vittime
    > della
    > follia umana (che riguarda entrambe le parti e se
    > ai filo israeliani non sta bene... guardino cosa
    > fa la parte che
    > sostengono!)

    Invece di risolvere le questioni più urgenti pensano di "informatizzare" che è una cosa secondaria.
    Che fine faranno questi aggeggi?
    50% nella spazzatura dopo un anno, 40% verranno usati dagli adulti per provare a fare danni informatici ai nemici. 10% li useranno craker in gamba per fare il resto.
    E noi paghiamo.Arrabbiato
  • se i cracker in gamba usano quei computer li stanno messi maluccio eh..
  • - Scritto da: lordream
    > se i cracker in gamba usano quei computer li
    > stanno messi maluccio
    > eh..

    Si fa per dire ovviamente, ma anche con poco se si ha il software giusto, se si sa programmare (anche a basso livello) va bene (anche) un Linux senza grafica o un win 98 (anzi va meglio un 98 che un XP per il basso livello).
  • be dai apparte che se son esperti informatici, esperti ci son diventati con qualcos'altro....non credo aspettino quegli accrocchi...
    comunque ognuno fa quel che puo e nel suo campo...
    negroponte non regala certo pastasciutta....
    comunque in quella zona dove la guerra del terrore vien portata avanti anche grazie all'ignoranza, fare in modo che almeno i bambini abbian le armi per conoscere la realta' da soli senza imposizioni e' un ottima cosa...
  • - Scritto da: nemo230775
    > be dai apparte che se son esperti informatici,
    > esperti ci son diventati con qualcos'altro....non
    > credo aspettino quegli
    > accrocchi...
    > comunque ognuno fa quel che puo e nel suo campo...
    > negroponte non regala certo pastasciutta....
    > comunque in quella zona dove la guerra del
    > terrore vien portata avanti anche grazie
    > all'ignoranza, fare in modo che almeno i bambini
    > abbian le armi per conoscere la realta' da soli
    > senza imposizioni e' un ottima
    > cosa...

    In teoria hai ragione, ma in pratica no.
    Per il semplice fatto che prima occorre risolvere i problemi di base, quindi compresa l'istruzione, poi in un secondo tempo si può fare di più, quindi ecco l'utilità di un computer economico in un contesto dove anche il cibo ed i generi di base costano relativamente poco.
  • - Scritto da: ninjaverde
    >
    > Invece di risolvere le questioni più urgenti
    > pensano di "informatizzare" che è una cosa
    > secondaria.

    Disquoto fortemente.
    Come pretendi che inizino uno sviluppo economico senza avere accesso all'IT?
    Sicuramente ha un effetto infinitamente più duraturo un corso di informatica e una antenna cellulare di tanto cibo e medicine dati in beneficienza.
    Funz
    12988
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: ninjaverde
    > >
    > > Invece di risolvere le questioni più urgenti
    > > pensano di "informatizzare" che è una cosa
    > > secondaria.
    >
    > Disquoto fortemente.
    > Come pretendi che inizino uno sviluppo economico
    > senza avere accesso all'IT?
    >
    > Sicuramente ha un effetto infinitamente più
    > duraturo un corso di informatica e una antenna
    > cellulare di tanto cibo e medicine dati in
    > beneficienza.

    E tu credi che chi ha la pancia vuota riesca a mettersi lì a studiare il computer e a fare chissà quale businnes?
    Oppure pensi che con un portatile si possano fabbricare piatti di spaghetti?
    Mettete un pò i "piedi per terra"...
    L'IT va bene quando l'economia di base già funziona bene altrimenti è un'utopia (o per meglio dire: stupidata).
  • be comunque la palestina e' si un territorio devastato e povero, ma ci sono comunque scuole gestite da associazioni umanitarie che danno la possibilita' ai bambini di studiare il minimo indispensabile....
    Diciamo che se gli dai un portatilino su cui imparare le basi, qualcuno tra quei mille appena avra' l'eta' potrebbe pensare anche di fuggire per trovare un mondo migliore altrove...del resto il progetto di negroponte quello e'...portare l'informatica nei paesi poveri, certo gli si potrebbe consigliare di mettersi a vangare la terra per fare patate per sfamare quei bambini, ma bu secondo me si sfava se glielo si dice....
  • - Scritto da: ninjaverde
    > E tu credi che chi ha la pancia vuota riesca a
    > mettersi lì a studiare il computer e a fare
    > chissà quale businnes?
    >
    > Oppure pensi che con un portatile si possano
    > fabbricare piatti di
    > spaghetti?
    > Mettete un pò i "piedi per terra"...
    > L'IT va bene quando l'economia di base già
    > funziona bene altrimenti è un'utopia (o per
    > meglio dire:
    > stupidata).

    Ignori che anche nei Paesi più poveri tra quello che muore di fame e il ricco c'è un'ampia fascia relativamente benestante, che avrebbe tanto da guadagnare dall'IT e potrebbe creare ricchezza.
    Funz
    12988
  • > Ignori che anche nei Paesi più poveri tra quello
    > che muore di fame e il ricco c'è un'ampia fascia
    > relativamente benestante, che avrebbe tanto da
    > guadagnare dall'IT e potrebbe creare
    > ricchezza.

    E quindi noi da buoni "coglioni" aiutiamo quelli che sono già ricchi.