Mauro Vecchio

Cina, quota 400 milioni

La già più vasta popolazione online del mondo aumenta senza posa. E la penetrazione della banda larga è pari al 95 per cento. Ma le autorità di Pechino annunciano nuove censure, questa volta contro i siti d'informazione ostili

Roma - Alla fine del 2009 erano 384 i milioni di netizen che affollavano i meandri dell'ecosistema di Rete della Cina. Numeri più che sufficienti a creare la più vasta popolazione online dell'intero pianeta. Una popolazione connessa che è ora aumentata ulteriormente, raggiungendo quota 404 milioni.

Praticamente un terzo del numero totale di abitanti del paese asiatico, almeno stando a recenti dati riportati dall'agenzia di stampa di stato Xinhua, che ha a sua volta diramato una comunicazione ufficiale da parte delle autorità di Pechino.

Sarebbero 233 i milioni di netizen cinesi ad aver attualmente accesso a Internet tramite dispositivi mobile. Con 346 milioni ad usufruire delle più tradizionali connessioni a banda larga. Stando sempre ai numeri ufficiali, il 99,1 per cento delle città del paese asiatico ha possibilità di connettersi alla Rete. Percentuale che scende al 95,6 per quanto riguarda nello specifico la banda larga.
Attualmente, sono oltre 3 milioni gli spazi online in Cina, non tutti al di fuori di quella che è stata più volte soprannominata Grande Muraglia Digitale. Un più che esteso meccanismo di controllo governativo, che ora sembra prendersela con quei siti d'informazione stranieri guidati da "forze ostili". Ad annunciarlo, un portavoce del governo, che non ha tuttavia stilato un elenco ufficiale dei nuovi spazi web da combattere.

Mentre dunque il numero dei netizen asiatici cresce a dismisura, le esigenze di Pechino sembrano virare senza sosta verso un ecosistema chiuso ermeticamente dall'interno. La Cina ha puntato il dito contro quell'informazione online che parla apertamente di scottanti tematiche politiche, dando voce ad attivisti per i diritti umani su questioni spinose come quella tibetana.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • AttualitàCina, ISP costretti a spiare?Un emendamento al quadro normativo sui segreti di stato potrebbe diventare legge. Telco e ISP dovranno collaborare con le autorità di Pechino. Denunciando i propri clienti colti a discutere di argomenti segreti
  • SicurezzaCina: bugie sul cyberspionaggioSmentita ufficiale da parte del governo di Pechino: nessuna rete creata ad hoc per trafugare documenti segreti dalle infrastrutture informatiche dell'India
  • SicurezzaGoogle - Cina: ancora blocchiViolati anche alcuni account Yahoo! di giornalisti stranieri. Mentre BigG individua una botnet che stava infettando gli oppositori del governo vietnamita
3 Commenti alla Notizia Cina, quota 400 milioni
Ordina