Alessandro Del Rosso

Nuovi Atom, tutte le specifiche

Con il lancio di Moorestown, e del relativo SoC Z6xx, Intel lancia il guanto di sfida ad ARM. Ecco le caratteristiche della nuova piattaforma e le possibili strategie di Intel

Roma - Con circa un anno di ritardo rispetto ai piani iniziali, ieri Intel ha ufficialmente lanciato la prima piattaforma Atom, nome in codice Moorestown, espressamente indirizzata ai dispositivi mobili palmari: smartphone di fascia alta, MID, player multimediali portatili e tablet.

Intel Atom Z600Al cuore della nuova piattaforma c'è un system-on-a-chip integrante una CPU Atom della nuova serie Z6xx (Lincroft), un motore per l'accelerazione grafica e uno per la codifica/decodifica video, oltre a un controller per memoria e display. Al SoC si affianca il Platform Controller Hub (PCH) MP20 (Langwell), che gestisce le interfacce di I/O (USB 2.0, USB OTG, porta host/device e HDMI) e include il supporto a due fotocamere (una con risoluzione VGA e una con risoluzione massima di 5 megapixel), all'accelerazione dell'audio, alla cifratura dei dati e agli SSD (sia di tipo SLC che MLC).

Il terzo componente della piattaforma Moorestown è il Mixed Signal IC (Briertown), o MSIC, il quale si occupa esclusivamente del power management. Per quanto riguarda invece la connettività wireless, Intel ha lavorato insieme a vari produttori, tra i quali ST-Ericsson e Marvell, per progettare moduli capaci di soddisfare un'ampia gamma di esigenze e di supportare WiFi, WiMAX, 3G, Bluetooth, GPS e TV mobile.
I processori Atom della serie Z6xx sono prodotti con una tecnologia di processo a 45 nanometri, hanno frequenze di clock comprese fra 1,5 e 1,9GHz, integrano 512 KB di cache L2 e supportano fino a 1GB di memoria LPDDR1 a 200MHz o fino a 2GB di memoria DDR2 a 400MHz. I nuovi Atom supportano poi la tecnologia Burst Performance, che consente al sistema di innalzare il clock della CPU in tempi rapidissimi, e quella Smart Idle, che spegne le parti inattive della CPU e del SoC. Queste due tecnologie, insieme ad altre implementate nel PCH e nel MSIC, contribuiscono a ridurre significativamente il consumo di energia di Moorestown. Rispetto alla piattaforma Atom di prima generazione (Menlow), Intel afferma che i nuovi chip forniscono una riduzione dei consumi di oltre 50 volte in idle, di 20 volte nell'elaborazione dell'audio, e di 2-3 volte in scenari d'utilizzo che prevedono la navigazione web e la riproduzione video. In soldoni, tutto ciò si dovrebbe tradurre in dispositivi capaci di fornire fino a 10 giorni di autonomia in stand by, 2 giorni in riproduzione audio e 4-5 ore in riproduzione video.

Intel Moorestown


I dati sui consumi vengono esaltati da quelli relativi alle performance, che secondo Intel sono da una volta e mezza a tre volte più elevati rispetto agli Atom "prima maniera". Da mettere in conto inoltre i vantaggi prestazionali relativi a grafica (2x-4x) ed esecuzione di codice JavaScript (4x), e il supporto alla decodifica di video 1080p e codifica di video 720p. Gli esperti fanno poi notare che se Intel avesse adottato la sua ultima tecnologia di processo, quella a 32 nm, i miglioramenti in termini di performance e consumi sarebbero ancora più marcati.

Il fatto che i nuovi Atom si avvalgano ancora di un processo produttivo a 45 nm si spiega con il fatto che il progetto Moorestown è nato ben prima dell'avvento della tecnologia a 32 nm, la stessa impiegata da Intel sull'ultima generazione di CPU server, desktop e mobili. Del resto, come si è detto in precedenza, la nuova piattaforma di Intel avrebbe dovuto raggiungere il mercato quasi un anno fa, ma alcuni contrattempi tecnici e produttivi ne hanno fatto slittare il debutto ad oggi.

Il core grafico integrato in Lincroft è il GMA 600, il quale ha un clock di 400MHz ed è in grado di supportare le specifiche OpenGL ES 2.0, Open GL 2.1 e OpenVG 1.1; di decodificare video HD in formato MPEG4 part 2, H.264, WMV e VC1; e di codificare MPEG4 part 2 e H.264.

Moorestown avrà il non facile compito di traghettare i processori Atom - e più in generale l'architettura x86 - in segmenti del mercato mobile da tempo dominati dalle architetture ARM. Questa piattaforma colma il vuoto lasciato dalla vendita della divisione Xscale, avvenuta quattro anni or sono. Basati sulla collaudata architettura ARM, i chip XScale di Intel si indirizzavano ad una grande varietà di dispositivi, dai PDA ai router, per passare attraverso i controlli industriali. Atom non ha ancora raggiunto una tale duttilità, ma si sta evolvendo molto in fretta, e Moorestown ne è la prova più concreta.

Rispetto a XScale, Atom è pienamente compatibile con il codice x86, e dunque con tutte le applicazioni e i sistemi operativi a 32bit che girano sui tradizionali PC: ciò rappresenta un grande vantaggio per gli sviluppatori di software, che potranno portare le proprie applicazioni desktop sui dispositivi mobili con pochissimo sforzo. Microsoft, ad esempio, potrebbe sviluppare Windows Mobile direttamente sulla stessa base di codice di Vista e dei suoi futuri sistemi operativi desktop. Pare che il big di Redmond si stia già muovendo in questa direzione con il suo progetto Manlo, che stando a quanto fin qui carpito dalla giornalista Mary-Jo Foley è focalizzato a rimpiazzare Windows Embedded Compact (ex Windows CE) con un sistema operativo basato su un kernel NT (lo stesso utilizzato su tutte le versioni server di Windows e su tutte le versioni desktop a partire dalla 2000). Se questo intento verrà confermato, potrebbe non essere un caso che BigM abbia avviato un tale progetto proprio in concomitanza con l'avvento di Atom e l'ingresso delle architetture x86 - le uniche oggi supportate, a parte IA-64, dal kernel NT - nel settore smartphone.

Ma lo storico duo Wintel è oggi assai meno coeso rispetto a quanto fosse un tempo. Per spianare la strada ai suoi chip nel fertile mercato dei device mobili, Intel non ha alcuna intenzione di aspettare i comodi della sua vecchia partner: il gigante californiano ha già infatti implicitamente decretato MeeGo come sistema operativo d'elezione per Moorestown. Questo giovane OS open source, nato dalla recente unione tra Moblin e Maemo, sembra avere tutte le carte in regola per rivendicare una fetta del mercato mobile. Dal momento però che MeeGo è una piattaforma ancora in divenire, e assai poco collaudata, BigI ha già provveduto a realizzare un port di Android per Atom già ottimizzato per Moorestown.

Lo scontro-incontro delle attuali forze in gioco - Intel, Microsoft, ARM, Google e altri protagonisti del settore - potrebbe generare onde d'urto tali da rimodellare l'intero panorama dei dispositivi mobili e, forse, dell'intero personal computing.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • TecnologiaMetti un Atom nello smartphoneIntel sembra confidare molto in Meego, e non solo per cellulari e MID. Nelle frattempo con Moorestown si prepara alla lotta contro ARM per strappare quote del settore mobile
14 Commenti alla Notizia Nuovi Atom, tutte le specifiche
Ordina
  • Vuol dire che finalmente si potranno vederefilm in HD e DVD blue-ray?
    Sarebbe fantastico dato che non esiste che io sappia un harddisk multimediale capace di spingersi a tanto. Correggetemi se sbaglio.
    non+autenticato
  • Difficile correggerti, visto che non è chiarissimo quello che vuoi dire.
    non+autenticato
  • se prendi un minitower equipaggiato con questa CPU, si dovrebbero riuscire a vedere filmati in alta definizione. Intendevo questo...
    non+autenticato
  • "Microsoft, ad esempio, potrebbe sviluppare Windows Mobile direttamente sulla stessa base di codice di Vista e dei suoi futuri sistemi operativi desktop"


    BWAHWAHWAHHWAHWAHWAHWAHWAHWAHWAHW fortissima questa!

    Ora ne racconto una io.
    Ci sono: un tedesco, un francese ed un italiano....
    non+autenticato
  • 1. il processo di produzione a 45 nanometri, cosa significa che il progetto è di oltre un anno fa e ha subito un ritardo? ARM in quest'anno non è certo stata a guardare e propone processori COrtex dual core e a breve Quad core, in grado di fornire autonomie di 6-8 ore nella riproduzione di filmati, quindi ben superiore a quanto promesso dalla nuova piattaforma intel
    2. Il SO, che SO utilizzerebbero? Il riferimento ad un presunto Windows spero sia una battuta di spirito, forse pochi sanno che M$ in questi giorni ha lanciato due smartphone (prodotti da Sharp) e che utilizzano un sistema operativo non meglio definito che non è windows mobile 7!
    Avete capito bene M$ per un suo prodotto non usa il suo SO, perchè mai dovrebbe utilizzarlo qualcun altro? Quanto al porting di Android o a Meego, perchè mai come utente dovrei comprare un'oggetto che dal lato hardware non presenta vantaggi tangibili e dal lato software ha probabili problemi di gioventù? Tanto certo non ci posso far girare sopra il parco applicativi windows, visto che si tratta di SO derivati da Linux...
  • riguardo gli atom non sono ancora al livello degli arm http://www.phoronix.com/scan.php?page=news_item&px...

    chissà i consumi quali saranno e con quali performance
    non+autenticato
  • - Scritto da: collione
    > riguardo gli atom non sono ancora al livello
    > degli arm
    > http://www.phoronix.com/scan.php?page=news_item&px
    >
    > chissà i consumi quali saranno e con quali
    > performance

    in effetti tegra 2 sembrerebbe un passo avanti. gira a 1 ghz di clock ma è dual core, ha un comparto grafico probabilmente migliore e i consumi dichiarati sono veramente bassissimi (16h di video HD)... certo bisogna vedere perché molto dipende dai consumi del display, ma questo vale anche per il nuovo atom.

    comunque:

    http://www.nvidia.com/object/tegra_250.html
    non+autenticato
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > 1. il processo di produzione a 45 nanometri, cosa
    > significa che il progetto è di oltre un anno fa e
    > ha subito un ritardo?

    Significa che la presto ci sarà una nuova generazione che consuma ancora meno.

    > ARM in quest'anno non è
    > certo stata a guardare e propone processori
    > COrtex dual core e a breve Quad core, in grado di
    > fornire autonomie di 6-8 ore nella riproduzione
    > di filmati, quindi ben superiore a quanto
    > promesso dalla nuova piattaforma intel

    Intel è in ritardo dunque è probabile che ARM sia ancora conveniente dal punto di vista dei consumi. Comunque i consumi sono una cosa e il mercato è un'altra.

    > Avete capito bene M$ per un suo prodotto non usa
    > il suo SO, perchè mai dovrebbe utilizzarlo
    > qualcun altro?

    Il suo SO non è ancora pronto e dunque è abbastanza ovvio che non venga offerto. Quando sarà pronto vedrai che non saranno pochi i vendor che lo proporranno.
    Non tutto il mondo ha pregiudizi negativi su MS. Stai parlando di un SO che non esiste ancora e nessuno puo' ancora tirare delle conclusioni. Inoltre Ms dalla sua piattaforma CE in avanti ha raggiunto grosse quote di mercato ed anche se probabilmente la cosa non ti piace, è un dato di fatto e questa quota non scomparirà da un giorno all'altro.

    > Quanto al porting di Android o a
    > Meego, perchè mai come utente dovrei comprare
    > un'oggetto che dal lato hardware non presenta
    > vantaggi tangibili e dal lato software ha
    > probabili problemi di gioventù?

    Che ragionamento... allora perchè milioni di persone hanno comprato un iPhone ed a suo tempo perchè milioni di persona hanno comprato un Nokia? Secondo il tuo ragionamento dovremmo usare ancora il C=64.

    > Tanto certo non
    > ci posso far girare sopra il parco applicativi
    > windows, visto che si tratta di SO derivati da Linux...

    Sei un controsenso. Se desideri gli applicativi MS utilizzerai la soluzione MS, se non desideri MS scegli un prodotto della concorrenza, come ad esempio Android.
    non+autenticato
  • - Scritto da: non so
    > - Scritto da: Enjoy with Us
    > > 1. il processo di produzione a 45 nanometri,
    > cosa
    > > significa che il progetto è di oltre un anno fa
    > e
    > > ha subito un ritardo?
    >
    > Significa che la presto ci sarà una nuova
    > generazione che consuma ancora
    > meno.
    >

    A casa mia significa che intel cerca di entrare in un nuovo mercato con una soluzione obsoleta e non competitiva... perchè mai Io consumatore la dovrei preferire ad una soluzione ARM?

    > > ARM in quest'anno non è
    > > certo stata a guardare e propone processori
    > > COrtex dual core e a breve Quad core, in grado
    > di
    > > fornire autonomie di 6-8 ore nella riproduzione
    > > di filmati, quindi ben superiore a quanto
    > > promesso dalla nuova piattaforma intel
    >
    > Intel è in ritardo dunque è probabile che ARM sia
    > ancora conveniente dal punto di vista dei
    > consumi. Comunque i consumi sono una cosa e il
    > mercato è
    > un'altra.
    >

    Beh fino ad un certo punto, se la soluzione Intel è più costosa, meno performante e con autonomia più scarsa non vedo un solo motivo per cui dovrebbe avere successo!

    > > Avete capito bene M$ per un suo prodotto non usa
    > > il suo SO, perchè mai dovrebbe utilizzarlo
    > > qualcun altro?
    >
    > Il suo SO non è ancora pronto e dunque è
    > abbastanza ovvio che non venga offerto. Quando
    > sarà pronto vedrai che non saranno pochi i vendor
    > che lo
    > proporranno.

    Ma non ha lanciato di recente Windows mobile 7? Non è un SO specifico per smartphone? Allora perchè lancia due nuovi smartphone senza il suo SO?

    > Non tutto il mondo ha pregiudizi negativi su MS.
    > Stai parlando di un SO che non esiste ancora e
    > nessuno puo' ancora tirare delle conclusioni.

    A me risulta che Windows mobile 7 esiste e sia ormai disponibile
    http://www.megalab.it/5757/windows-mobile-7-e-pron...
    In alternativa aveva pur sempre Windows mobile 6.5!

    > Inoltre Ms dalla sua piattaforma CE in avanti ha
    > raggiunto grosse quote di mercato ed anche se
    > probabilmente la cosa non ti piace, è un dato di
    > fatto e questa quota non scomparirà da un giorno
    > all'altro.
    >

    Infatti sta semplicemente evaporando!

    > > Quanto al porting di Android o a
    > > Meego, perchè mai come utente dovrei comprare
    > > un'oggetto che dal lato hardware non presenta
    > > vantaggi tangibili e dal lato software ha
    > > probabili problemi di gioventù?
    >
    > Che ragionamento... allora perchè milioni di
    > persone hanno comprato un iPhone ed a suo tempo
    > perchè milioni di persona hanno comprato un
    > Nokia? Secondo il tuo ragionamento dovremmo usare
    > ancora il
    > C=64.
    >

    Qui non si sta parlando di prodotti innovativi, ma di porting di Android sotto x86 o di un SO alternativo che ha le stesse radici di Android... Meego appunto!
    Come utente perchè mai dovrei preferire uno smartphone con prestazioni inferiori, consumi superiori ed un SO alla versione 1.0 quando in giro ho appunto Android Symbian e iPhone, ossia soluzioni collaudate?


    > > Tanto certo non
    > > ci posso far girare sopra il parco applicativi
    > > windows, visto che si tratta di SO derivati da
    > Linux...
    >
    > Sei un controsenso. Se desideri gli applicativi
    > MS utilizzerai la soluzione MS, se non desideri
    > MS scegli un prodotto della concorrenza, come ad
    > esempio
    > Android.



    Sto affermando una cosa un tantino diversa, facevo osservare che all'utente finale comunque gli applicativi del mondo x86 non gireranno sul suo smartphone, quindi sarà necessario comunque un porting e nel caso del software open dove sono disponibili i binari passare da x86 ad ARM non è questo gran problema, come testimonia la versione Arm di Ubuntu!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > A casa mia significa che intel cerca di entrare
    > in un nuovo mercato con una soluzione obsoleta e
    > non competitiva... perchè mai Io consumatore la
    > dovrei preferire ad una soluzione ARM?

    Perchè forse non è obsoleta e non competitiva come affermi.

    > Beh fino ad un certo punto, se la soluzione Intel
    > è più costosa, meno performante e con autonomia
    > più scarsa non vedo un solo motivo per cui
    > dovrebbe avere successo!

    Chi ha detto che è più costosa? Non è ancora in vendita! Tu che ne sai di che prezzo ad es farà Intel ad HP?

    > Ma non ha lanciato di recente Windows mobile 7?

    No.

    > Non è un SO specifico per smartphone?

    Si.

    > Allora perchè lancia due nuovi smartphone senza il suo SO?

    Prova ad indovinare Sorride

    > A me risulta che Windows mobile 7 esiste e sia
    > ormai disponibile
    > http://www.megalab.it/5757/windows-mobile-7-e-pron

    A parte il fatto che nelle prime righe dell'articolo c'è scritto testualmente:

    "Arriverà fra qualche tempo"

    Chi diavolo è megalab??? Sorride

    > In alternativa aveva pur sempre Windows mobile
    > 6.5!

    Infatti ci sono molti dispositivi con win mobile 6.5. Ti stupisce che vendano anche dei telefoni senza win mobile? Va bene, ammetto che è curioso, ma non vuol dir niente.

    > Infatti sta semplicemente evaporando!

    Non lo so, ma non mi fido molto di quanto dici.

    > Qui non si sta parlando di prodotti innovativi,
    > ma di porting di Android sotto x86 o di un SO
    > alternativo che ha le stesse radici di Android...
    > Meego appunto!

    Il ragionamento non regge. Cioè quando Apple ha migrato MacOsx da Power ad Intel tu avresti preso ancora macbook basati su Power? Č una scelta, per carità, se al PC avessi collegato una sala chirurgica prenderei queste ed altre precauzioni. Fortunatamente i sistemi nuovi non sono poi così bacati e comunque, nel caso ci fossero veri problemi, verrebbero patchati sicuramente. Inoltre i consumatori di massa non si fanno tutte queste paturnie Sorride

    > Come utente perchè mai dovrei preferire uno
    > smartphone con prestazioni inferiori, consumi
    > superiori ed un SO alla versione 1.0 quando in
    > giro ho appunto Android Symbian e iPhone, ossia
    > soluzioni collaudate?

    Perchè non sono tutti vecchi gufi..

    > Sto affermando una cosa un tantino diversa,
    > facevo osservare che all'utente finale comunque
    > gli applicativi del mondo x86 non gireranno sul
    > suo smartphone, quindi sarà necessario comunque
    > un porting e nel caso del software open dove sono
    > disponibili i binari passare da x86 ad ARM non è
    > questo gran problema, come testimonia la versione
    > Arm di Ubuntu!

    Non capisco cosa vuoi dire, passare da x86 ad ARM non è un problema, dovrebbe essere un problema maggiore ricompilare i programmi per Android ARM su x86?
    non+autenticato
  • - Scritto da: non so
    > Non capisco cosa vuoi dire, passare da x86 ad ARM
    > non è un problema, dovrebbe essere un problema
    > maggiore ricompilare i programmi per Android ARM
    > su
    > x86?

    I programmi Android sono tutti in Java, premettendo che il Java non si compila come il C, non ci sono questi problemi, basta un interprete Java ARM e un interprete Java x86 (come per il python e il ruby). Quanto al C e compagnia bella, GCC è in grado di compilare sia per ARM che per x86, quindi si possono ottenere facilmente i binari per altre piattaforme.

    Windows Seven invece è esclusivamente x86, proprio per questo esiste un Windows Mobile che è in grado di girare su ARM (e ha 4 applicazioni, a differenza del "cugino". Per di più, se la memoria non m'inganna, necessita dell'SDK Microsoft... Quanti sviluppatori attrarrà?). Questi Atom sono evidentemente pensati per netbook e tablet, dubito di vederli mai su cellulari. ARM invece, tra 3-4 anni, spero di vederlo su portatili. Il problema di Windows è che è mono-piattaforma, a differenza di Linux... Purtroppo questo fa da ancora per il mercato. I primi netbook sono usciti con Atom (rendendo per altro insoddisfatto il 50% degli utilizzatori) proprio perché potesse girarci Windows XP, il che è stato un bel contraccolpo per i produttori.
    non+autenticato
  • - Scritto da: non so
    > Inoltre Ms dalla sua piattaforma CE in avanti ha
    > raggiunto grosse quote di mercato ed anche se
    > probabilmente la cosa non ti piace, è un dato di
    > fatto e questa quota non scomparirà da un giorno
    > all'altro.

    Diciamo che è scomparsa dal segmento "casalingo", restando invece nel settore professionale. Ma tra non molto verrà fatta fuori anche in quel settore.
    ruppolo
    33147
  • Guarda la recensione della presentazione:

    http://www.anandtech.com/show/3696/intel-unveils-m...

    Se le prestazioni sono quelle che dice Intel (ed io ne dubito) mi sembra una soluzione potenzialmente valida (senza Seven, ovviamente). Se ARM ha dalla sua il design Intel ha il processo produttivo.

    Comunque per uno Smartphone mi sembra un po' esagerato, ma per un tablet potrebbe anche andare bene. Teniamo d'occhio Nokia!
  • - Scritto da: Enjoy with Us
    > 1. il processo di produzione a 45 nanometri, cosa
    > significa che il progetto è di oltre un anno fa e
    > ha subito un ritardo? ARM in quest'anno non è
    > certo stata a guardare e propone processori
    > COrtex dual core e a breve Quad core, in grado di
    > fornire autonomie di 6-8 ore nella riproduzione
    > di filmati, quindi ben superiore a quanto
    > promesso dalla nuova piattaforma
    > intel

    L'autonomia dipende anche da batteria, schermo e dagli altri componenti. ARM inoltre è molto interessante poiché fa le basi dei processori e poi altri produttori li sviluppano a loro modo. nVidia Tegra 2 è un esempio lampante di questo (CPU+GPU dual core 1Ghz).

    > 2. Il SO, che SO utilizzerebbero? Il riferimento
    > ad un presunto Windows spero sia una battuta di
    > spirito, forse pochi sanno che M$ in questi
    > giorni ha lanciato due smartphone (prodotti da
    > Sharp) e che utilizzano un sistema operativo non
    > meglio definito che non è windows mobile
    > 7!
    > Avete capito bene M$ per un suo prodotto non usa
    > il suo SO, perchè mai dovrebbe utilizzarlo
    > qualcun altro? Quanto al porting di Android o a
    > Meego, perchè mai come utente dovrei comprare
    > un'oggetto che dal lato hardware non presenta
    > vantaggi tangibili e dal lato software ha
    > probabili problemi di gioventù? Tanto certo non
    > ci posso far girare sopra il parco applicativi
    > windows, visto che si tratta di SO derivati da
    > Linux...

    MeeGo girerà nativamente anche su x86 ed è pensato per girare anche su Atom. Intel mica fa un sistema operativo per fare occhioni dolci alla concorrenza, ovviamente lo userà anche per promuovere i suoi prodotti. Detto questo dubito seriamente di vedere un Nokia con processore Atom, onestamente.
    non+autenticato