Claudio Tamburrino

Google chiede il diritto di linkare

I collegamenti ai file musicali mostrati nei risultati di ricerca non sarebbero sufficienti per accusare Google di violazione di copyright. Almeno secondo gli avvocati di Mountain View

Roma - A portare in tribunale BigG era stata la piccola etichetta indipendente Blues Destiny, che accusava Google e Bing di agevolare la violazione del diritto d'autore offrendo nei risultati della ricerca link verso contenuti illegalmente ospitati da RapidShare.

Nel frattempo, per la verità, l'etichetta indie aveva fatto cadere la denuncia, ma aveva ribadito l'intenzione di riprendere il processo, manifestando nuovamente a Google l'accusa secondo cui il motore di ricerca violerebbe la propria proprietà intellettuale. ╚ stata dunque Mountain View a dare avvio ad una nuova azione legale, volta stavolta a chiedere al giudice una sentenza dichiarativa che stabilisca univocamente che le richieste dell'etichetta musica e le presunte responsabilità pendenti sui motori di ricerca sono inconsistenti.

Mountain View invoca a sua difesa le disposizioni del Digital Millenium Copyright Act (DMCA), il principio di non responsabilità degli intermediari e la circostanza per cui, una volta notificata del materiale illegale linkato, tali collegamenti sono stati rimossi.
Se questa tesi fosse accettata, se il diritto di link venisse riconosciuto, osserva qualcuno pur facendo i debiti distinguo, il caso The Pirate Bay e la sua condanna in qualità di motore di ricerca di potrebbero tornare ad essere dibattuti.

Claudio Tamburrino
Notizie collegate
  • AttualitàSe i motori cercano troppoUn'etichetta accusa Google e Bing di agevolare la violazione del diritto d'autore. Basterebbe ricercare il nome dell'autore per ottenere un link al contenuto ospitato illegalmente su RapidShare
  • Diritto & InternetIntermediari in cerca d'autoredi G. Scorza - Il fornitore di servizi viene caricato di inaspettate responsabilitÓ: lo ha fatto la Cassazione per The Pirate Bay, lo ha fatto il Tribunale di Roma per Google. A rischio c'Ŕ la libertÓ di espressione
  • AttualitàGoogle: noi non siamo la Baia Dopo le polemiche seguite il verdetto su The Pirate Bay, Mountain View decide di fare chiarezza. Nel frattempo, in Svezia, i legali dei quattro imputati presentano ricorso contro la sentenza di primo grado
15 Commenti alla Notizia Google chiede il diritto di linkare
Ordina
  • Il paragone non regge: Google indicizza i siti dove vengono ospitati i file .torrent (come tutto il web, del resto); mentre Pirate Bay & Company offrono il download diretto di suddetti file (oppure il collegamento magnetico), necessari per scaricare file illegali.
    non+autenticato
  • "Se questa tesi fosse accettata, se il diritto di link venisse riconosciuto, osserva qualcuno pur facendo i debiti distinguo, il caso The Pirate Bay e la sua condanna in qualità di motore di ricerca di potrebbero tornare ad essere dibattuti"

    In realtà TPB non è un motore di ricerca ma un tracker site, due cose decisamente diverse tra loro... i distinguo ci voglio eccome!
    non+autenticato
  • Non più, si è separato dalla parte tracker diventando un semplice motore di ricerca per torrent
    Wolf01
    3342
  • - Scritto da: Wolf01
    > Non più, si è separato dalla parte tracker
    > diventando un semplice motore di ricerca per
    > torrent

    Ma la condatta fu comminata perchè era un tracker e non un semplice motore di ricerca!
    non+autenticato
  • Sempre un motore di ricerca è solo che cerca una tipologia specifica.
    Sgabbio
    26178
  • - Scritto da: Sgabbio
    > Sempre un motore di ricerca è solo che cerca una
    > tipologia
    > specifica.

    Ora, ma prima no...
    non+autenticato
  • Anche prima, perchè alla fine i contenuti te li dovevi cercare. Poi TPB non aveva materialmente alcun file che fanno arrabbiare le major.
    Sgabbio
    26178
  • Mi spieghi la differenza tra un tracker e un motore di ricerca alla google o bing ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: marco
    > Mi spieghi la differenza tra un tracker e un
    > motore di ricerca alla google o bing
    > ?

    Ma devo spiegartelo io? Fai prima a cercartelo!

    http://en.wikipedia.org/wiki/BitTorrent_tracker
    http://en.wikipedia.org/wiki/Internet_search

    Banalmente: un tracker è un server che mette in comunicazione diversi PC,
    un motore di ricerca è una sorta di pagine gialle, e ovviamente non mette in comunicazione diversi PC.
    non+autenticato
  • Capito.

    Pero' se invece metto su un sito con una semplice lista di file .torrent , che differenza c'e' con un motore di ricerca ?

    Oppure , se l'elenco e' composto da link che puntano a server esterni che magari hanno materiale copyright , che differenza c'e' con un motore di ricerca ?

    Ancora , che differenza c'e' tra mettere in contatto 2 o piu' pc con un tracker , invece che con un link ?
    non+autenticato
  • - Scritto da: marco
    > Capito.
    >
    > Pero' se invece metto su un sito con una semplice
    > lista di file .torrent , che differenza c'e' con
    > un motore di ricerca ?
    >
    >
    > Oppure , se l'elenco e' composto da link che
    > puntano a server esterni che magari hanno
    > materiale copyright , che differenza c'e' con un
    > motore di ricerca ?
    >
    >
    > Ancora , che differenza c'e' tra mettere in
    > contatto 2 o piu' pc con un tracker , invece che
    > con un link
    > ?

    C'è molta differenza, sia tecnica che giuridica.
    Ad ogni modo per rispondere a tutti i punti che hai sollevato i motori di ricerca come Google/Bing/Yahoo ecc... indicizzano l'intero WWW e nel momento in cui si vedono ricevere una richiesta di rimozione per link in violazione dei diritti di proprietà intellettuale, ognuno secondo le proprie policy, rimuovono tali link (come anche citato nell'articolo).

    Siti, forum, ecc... che raccolgono esclusivamente link ai contenuti sopracitati non rimuovono niente e la loro attività principale è quella di facilitare l'accesso a contenuti condivisi senza autorizzazione.

    Spero renda l'idea.
    non+autenticato
  • E' solo tecnica , non logica o giuridica.Questo e' il punto.

    Potrebbero benissimo comunicare al tracker di rimuovere il link al materiale illecito , invece di considerarlo parte dell'illecito.

    O si stabilisce per legge che non e' possibile dare informazioni su contenuti illegali attraverso qualsiasi forma , oppure tutti sono sullo stesso piano ( motori e tracker ). Non si puo' differenziare la cosa solo dal punto di vista tecnico.

    altro esempio :

    perche' e' reato guardare una foto pedopornografica e non lo e' guardare una rapina in corso ?
    non+autenticato