Alessandro Del Rosso

La Cassazione non scagiona i modchip

La Corte ha annullato la sentenza di un tribunale del riesame che legittimava le modifiche per console. Gli editori di videogiochi esultano, ma le motivazioni della decisione non sono ancora state rese note

Roma - In un comunicato stampa diffuso ieri da AESVI, Associazione Editori Software Videoludico Italiana, si apprende che la terza sezione penale della Corte Suprema di Cassazione ha annullato con rinvio la sentenza emessa lo scorso gennaio dal Tribunale del Riesame di Firenze, sentenza che - in estrema sintesi - affermava come l'elusione delle tecnologie di protezione impiegate sulle console da gioco non costituisca reato.

AESVI non esita a descrivere la decisione della Cassazione come una vittoria per l'intera industria dei videogiochi, concludendo che "si tratta di una conferma importante circa l'illiceità penale del comportamento di coloro che svolgono commercialmente attività di elusione di misure tecniche di protezione". AESVI sostiene che questa decisione non faccia altro che confermare quanto sentenziato lo scorso 25 maggio 2007 dalla stessa Cassazione, che annullò il giudizio d'appello emesso in precedenza dal Tribunale del Riesame di Bolzano.

Giungere a delle conclusioni è però ancora prematuro visto che, come ammesso della stessa AESVI, bisognerà attendere che la Cassazione renda pubbliche le motivazioni alla base del suo provvedimento per comprenderne l'effettiva portata. Come giudice di legittimità, il cui compito è verificare che sia stata applicata correttamente la legge e che il processo nei gradi precedenti si sia svolto secondo le regole, la Cassazione può annullare la sentenza di un tribunale di grado inferiore anche per un semplice vizio di forma o altra irregolarità processuale.
"Visto il dispositivo del provvedimento della Suprema Corte, attendiamo con fiducia il deposito delle motivazioni, nelle quali riteniamo verrà ribadito con forza il principio per cui le attività commerciali relative alla modifica di console oppure alla elusione delle misure tecniche di protezione poste sui videogiochi costituisce reato" ha commentato Gaetano Ruvolo, presidente di AESVI. "A parte l'impatto sul caso specifico, il provvedimento della Cassazione consente di dare visibilità e censurare il gravissimo problema della pirateria che colpisce in modo sempre maggiore il mercato dei videogiochi e che viene erroneamente considerato come un comportamento accettabile e privo di conseguenze legali".

A tal proposito va ricordato che sebbene - come dice AESVI - la Cassazione possa "ribadire con forza un principio", le sue pronunce "non sono vincolanti che per il giudizio cui si riferiscono" (citazione da Wikipedia). È pur vero, tuttavia, che generalmente le decisioni della Corte Suprema - specie quando si riferiscono a casi emblematici - fanno giurisprudenza.

Nell'ambito delle modifiche alle console da gioco, e dei modchip in particolare, in Italia vigono oggi due interpretazioni giurisprudenziali contrapposte. Una sostiene che le modifiche hardware o software alle console abbiano principalmente lo scopo - come recita l'ordinanza del 31 dicembre 2003 emessa dal Tribunale del Riesame di Bolzano (riportata sopra) - di "eliminare gli ostacoli monopolistici per meglio utilizzare la playstation". Vale a dire, la funzione primaria e prevalente dei mopdchip non è quella di aggirare le protezioni e di consentire l'uso delle copie pirata, bensì quella di far girare legittime copie di sicurezza (backup) del software, di leggere supporti e formati diversi da quelli originariamente previsti dal produttore e, in generale, di sfruttare appieno le potenzialità di un prodotto regolarmente acquistato.

Per contro, c'è chi sostiene che qualsiasi modifica volta a bypassare le protezioni anticopia dei produttori di console e di videogiochi costituisca in sé e per sé una violazione del diritto d'autore e, in particolare, dell'articolo di legge 171-ter, il quale recita: "(È punito chiunque) fabbrica, importa, distribuisce, vende, noleggia, cede a qualsiasi titolo, pubblicizza per la vendita o il noleggio, o detiene per scopi commerciali, attrezzature, prodotti o componenti ovvero presta servizi che abbiano la prevalente finalità o l'uso commerciale di eludere efficaci misure tecnologiche di cui all'articolo 102quater ovvero siano principalmente progettati, prodotti, adattati o realizzati con la finalità di rendere possibile o facilitare l'elusione di predette misure".

L'ultima decisione della Cassazione potrebbe contribuire a far pendere l'ago della bilancia verso questa interpretazione, lasciando poco o nessun margine di difesa ai modder di console e a chi commercializza modchip o dispositivi similari.

Alessandro Del Rosso
Notizie collegate
  • Diritto & InternetCaso mod chip, la parola alla difesaIl martello della giustizia italiana ha davvero sotterrato mod chip, schede R4 e compagnia bella? Secondo PCBox, la società in causa con Nintendo, le cose non stanno esattamente così: la battaglia in tribunale sarebbe ancora lunga
144 Commenti alla Notizia La Cassazione non scagiona i modchip
Ordina
  • Ogni settimana o cambio di stagione si ha una sentenza che ribalta la prima...

    In qualsiasi negozio di elettronica fanno il modchip tranquillamente... sapete perchè?

    Perchè la legge italiana tutela tanto il cliente quanto il detentore di copyright.

    Punisce chiunque scarichi giochi pirata tanto quanto chi fotocopi libri senza permesso.

    Però.

    Tutela anche chiunque detenga copia regolare a fare quante copie di backup voglia fare per sicurezza propria.


    Quindi.


    Permette ai produttori di software film giochi di proteggere il loro prodotto da copia pirata nella maniera che più ritiene opportuna.

    Però.

    Non vieta la modifica da parte del regolare PROPIETARIO che abbia il fine di poter utilizzare le sopracitate copie di backup.




    Quindi nn is possono vietare i modchip... o megli un giudice può dire quello ke vuole anke che se hai firmato un contratto per gioco in cui dichiaravi di vendere l'anima al diavolo sei ora tenuto a prostituirti però è campato in aria e un altro giudice non lo confermerebbe mai (se sano di mente)

    La conclusione è che io con la mia consolle faccio il cazzo che voglio.
    Non ho mica paura del vento...
    non+autenticato
  • - Scritto da: aid85
    > La conclusione è che io con la mia consolle
    > faccio il cazzo che
    > voglio.

    E cosa ci fai? Giusto per curiosità.
    ruppolo
    33147
  • Ebbene?
    Ammesso e non concesso che le motivazioni siano le più favorevoli che si possa immaginare (consacrando il divieto vantato dalle "majors")... embeh?!?!
    Cambiera' qualcosa nella pratica?
    Il protocollo P2P e' morto?
    Il Torrent e' scomparso?
    Il file-sharing in generale e' stato frenato (o idiotamente e ciecamente incentivato)?
    Le risposte, ovvie e palesi come l'aeroporto di Bari (che si chiama Bari-Palese! Occhiolino, si commentano da sole...
    Onore e merito alla Suprema Corte per aver come sempre atteso in modo eccelso e impeccabile al suo arduo compito.
    Ben poco di cui giorsi per i soggetti che vantano il divieto assoluto di copia... il consumatore medio impara, impara presto... e quando spende denaro... impara a tutelare le sue tasche e i suoi diritti.
    In fondo, nessuno dopo aver speso denari delle proprie tasche e fatiche per comperare un dischetto di pochi grammi di plastica e pochissimi microgrammi di metallo spesso 3 micron al prezzo di 15-20-30-40 Euro... ragionando con se stesso e chiedendosi << Ma quanto e' gigantesco il divario tra costo di questo cerchietto di plastica che ho in mano e quanto l'ho effettivamente pagato??!! ... >>, non possa rispondersi << ... Eh no!! Con quello che ho speso... non posso neanche farmene una copia di sicurezza ?!?!! Altro che "un DvD dura 100 anni" e altre bufale varie.. >>.
    Chi scappa davanti continuera' a correre... molto veloce... e chi rincorre da dietro... continuera' a rincorrere! Finche' chi rincorre si accorgera' che correre come degli idioti non serve a nulla. Basterebbe fermarsi a parlare e mettersi d'accordo su una giusta, razionale, ponderata via di mezzo.
    In fondo, i potenti soggetti che "rincorrono" quelle poveri volpine che "scappano" davanti... sono gli stessi che hanno creato il Masterizzatore, te lo hanno venduto con forza e infilato nel tuo computer... e oggi si lamentano se hai imparato a usarlo per salvare una copia di quel cerchietto di plastica che hai comprato ad un prezzo col quale di quei cerchietti di plastica loro ce ne fabbricano almeno qualche migliaio!
    Parafrasando un antico augurio latino, visti i tempi di oscurantismo giuridico che questo settore sta vivendo, direi, salutando, AD MELIORA!!!
  • - Scritto da: JohnnyY
    > Ebbene?
    > Cambiera' qualcosa nella pratica?
    > Il protocollo P2P e' morto?

    I ladri sono morti?

    > Il Torrent e' scomparso?

    La prostituzione è scomparsa?

    > Il file-sharing in generale e' stato frenato (o
    > idiotamente e ciecamente
    > incentivato)?

    La droga è stata eliminata?

    > Le risposte, ovvie e palesi come l'aeroporto di
    > Bari (che si chiama Bari-Palese! Occhiolino, si
    > commentano da
    > sole…

    Verissimo.

    > Onore e merito alla Suprema Corte per aver come
    > sempre atteso in modo eccelso e impeccabile al
    > suo arduo
    > compito.

    Onore e merito.

    > Ben poco di cui giorsi per i soggetti che vantano
    > il divieto assoluto di copia... il consumatore
    > medio impara, impara presto... e quando spende
    > denaro... impara a tutelare le sue tasche e i
    > suoi
    > diritti.

    Ma davvero? In quale mondo?

    > In fondo, nessuno dopo aver speso denari delle
    > proprie tasche e fatiche per comperare un
    > dischetto di pochi grammi di plastica e
    > pochissimi microgrammi di metallo spesso 3 micron
    > al prezzo di 15-20-30-40 Euro... ragionando con
    > se stesso e chiedendosi << Ma quanto e'
    > gigantesco il divario tra costo di questo
    > cerchietto di plastica che ho in mano e quanto
    > l'ho effettivamente pagato??!! ... >>,

    Me lo chiedo anch'io quando prendo in mano un libro: ma come può costare così tanto mezzo chilo di polpa di legno?

    Ma il massimo è stato l'altro giorno quando ho comprato l'aggiornamento di FileMaker Pro Advanced, scaricandolo dal sito e-commerce di FileMaker: 299 euro per il nulla, nemmeno un grammo di roba.

    > non possa
    > rispondersi << ... Eh no!! Con quello che ho
    > speso... non posso neanche farmene una copia di
    > sicurezza ?!?!! Altro che "un DvD dura 100 anni"
    > e altre bufale varie..
    > >>.

    Che dramma!

    > Chi scappa davanti continuera' a correre... molto
    > veloce... e chi rincorre da dietro... continuera'
    > a rincorrere!

    Un p' di moto fa beneA bocca aperta

    > Finche' chi rincorre si accorgera'
    > che correre come degli idioti non serve a nulla.
    > Basterebbe fermarsi a parlare e mettersi
    > d'accordo su una giusta, razionale, ponderata via
    > di
    > mezzo.
    > In fondo, i potenti soggetti che "rincorrono"
    > quelle poveri volpine che "scappano" davanti...
    > sono gli stessi che hanno creato il
    > Masterizzatore, te lo hanno venduto con forza e
    > infilato nel tuo computer... e oggi si lamentano
    > se hai imparato a usarlo per salvare una copia di
    > quel cerchietto di plastica che hai comprato ad
    > un prezzo col quale di quei cerchietti di
    > plastica loro ce ne fabbricano almeno qualche
    > migliaio!

    Pensa cosa dicono i coltellai...

    > Parafrasando un antico augurio latino, visti i
    > tempi di oscurantismo giuridico che questo
    > settore sta vivendo, direi, salutando, AD
    > MELIORA!!!

    I tempi sono quelli dell'indifferenza per gli altri. Se posso fotterti, ti fotto.
    ruppolo
    33147
  • I produttori di console dipendono dai produttori di software:
    per ogni copia PRODOTTA la sofware house paga denari sonanti al produttore di console.

    Ricordo a tutti che se produco 10000 copie di un gioco devo pagare 10000R (R= royalties) al produttore della console per farlo girare.

    Se una console e' "bucabile" il produttore di giochi chiedera' sconti sulle R o, peggio, non si metterà proprio a lavorare su quella console... è ciò che ha decretato la fine del Saturn, tra le altre cose.

    Per contro gli utenti possono fare una cosa terrificante a questo simpatico sodalizio:

    N O N C O M P R A R E U N A B E A T A F A V A

    non comprare proprio la console (se non puoi modificarla, non puoi goderne in modo pieno ed esclusivo... non è più diritto di proprietà, e allora perché pagare centinaia di euro un oggetto del quale non posso dire "mi appartiene"?
    Me lo noleggiassero allora, un bel contratto di uso gratuito come fa SKY col suo decoder, al confronto, è più onesto della farsa messa in scena da SONY, NINTENDO e Microsoft.

    Non comprando e magari spendendo il proprio denaro in altro modo (purché sia divertente) si riesce ad influenzare e a scardinare il meccanismo di cui sopra.

    Viceversa chi ha la strada spianata davanti a se sono quei produttori che fanno affari con i servizi accessori, prendiamo un esempio a caso: Ogame.
    Ogame è uno strategico in tempo reale (nel senso che si gioca h24/7 per 365gg l'anno) gratuito finché il giocatore non decide di prendersi una marcia in più.
    Allora paga per avere vantaggi rispetto agli altri giocatori...

    Lo so, è sleale, ma il risultato è che i server sono pieni di gente che gioca e chi vuole primeggiare paga una cifra relativamente bassa per appagare la propria sete di vittoria.

    Giochi online con questa filosofia ne stanno spuntando fuori un po' ovunque ed è una formula che funziona: il valore aggiunto del servizio non può essere piratato.

    A farlo capire a SONY e compagnia bella...

    Buon W.E. a tutti
    G.T.
    non+autenticato
  • - Scritto da: Guybrush
    >
    > Se una console e' "bucabile" il produttore di
    > giochi chiedera' sconti sulle R o, peggio, non si
    > metterà proprio a lavorare su quella console... è
    > ciò che ha decretato la fine del Saturn, tra le
    > altre
    > cose.

    Si chiama anche protezione degli investimenti.

    > Per contro gli utenti possono fare una cosa
    > terrificante a questo simpatico
    > sodalizio:
    >
    > N O N C O M P R A R E U N A B E A T A F A V A

    Esattamente.

    > non comprare proprio la console (se non puoi
    > modificarla, non puoi goderne in modo pieno ed
    > esclusivo... non è più diritto di proprietà, e
    > allora perché pagare centinaia di euro un oggetto
    > del quale non posso dire "mi
    > appartiene"?

    Esattamente, perchè comprarla e dare loro soldi?

    > Me lo noleggiassero allora, un bel contratto di
    > uso gratuito come fa SKY col suo decoder, al
    > confronto, è più onesto della farsa messa in
    > scena da SONY, NINTENDO e
    > Microsoft.

    Più che farsa è un sistema/mercato che ha avuto una sua propria evoluzione.
    L'alternativa che proponi potrebbe essere interessante, ma per le piattaforme attualmente presenti non sarebbe possibile in quanto sono tre società diverse, con modelli di business diversi.

    Piuttosto, si potrebbe creare una quarta console che abbiamo come modello il noleggio. Questo si.

    > Non comprando e magari spendendo il proprio
    > denaro in altro modo (purché sia divertente) si
    > riesce ad influenzare e a scardinare il
    > meccanismo di cui
    > sopra.

    Nel noleggio però vedo sempre il problema della pirateria. Mi abbono ad un pacchetto base e poi lo modifico per giocarci a tutti i giochi scaricati da Internet... mi sa che non è più interessante l'idea del noleggio. Troppi rischi.

    > Viceversa chi ha la strada spianata davanti a se
    > sono quei produttori che fanno affari con i
    > servizi accessori, prendiamo un esempio a caso:
    > Ogame.

    Ma qui stai parlando di MMPORG, giochi che non soffrono del problema della pirateria proprio per il loro modello di business, però ti dirò che io preferisco giocare ad altro.

    > Ogame è uno strategico in tempo reale (nel senso
    > che si gioca h24/7 per 365gg l'anno) gratuito
    > finché il giocatore non decide di prendersi una
    > marcia in
    > più.
    > Allora paga per avere vantaggi rispetto agli
    > altri giocatori...

    Però... ripensandoci, anche tutti i giochi a cui gioco potrebbero avere una componente iniziale base free tipo DEMO ma col valore aggiunto dell'esperienza multiplayer... poi se voglio giocarci seriamente posso acquistare la versione full... magari potrebbe essere un punto di partenza.

    > Lo so, è sleale, ma il risultato è che i server
    > sono pieni di gente che gioca e chi vuole
    > primeggiare paga una cifra relativamente bassa
    > per appagare la propria sete di
    > vittoria.

    Perchè sleale? Secondo me invece è lecitissimo e permette all'utente di valutare effettivamente il valore del gioco: ossia se gli piace oppure no, e se è disposto a pagare per avere qualcosa di più oppure no.

    > Giochi online con questa filosofia ne stanno
    > spuntando fuori un po' ovunque ed è una formula
    > che funziona: il valore aggiunto del servizio non
    > può essere
    > piratato.
    >
    > A farlo capire a SONY e compagnia bella...

    Non so... magari con loro non funziona.
    Dovrebbe nascere una nuova start-up che spiazza tutta l'industria con un nuovo modello!

    > Buon W.E. a tutti
    > G.T.

    TGIF!
  • - Scritto da: Guybrush
    > il valore aggiunto del servizio non
    > può essere
    > piratato.
    >

    Vero solo in parte.
    Con un buon bot sotto, e con un miglioramento del client tramite greasemonkey si riesce a colmare il vantaggio che hanno quelli che pagano.
    Senza contare che quelli che pagano hanno un flag a true nel record del db degli utenti, se se qualcuno trovasse il modo di entrare nel db degli utenti...
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Guybrush
    > > il valore aggiunto del servizio non
    > > può essere
    > > piratato.
    > >
    >
    > Vero solo in parte.
    > Con un buon bot sotto, e con un miglioramento del
    > client tramite greasemonkey si riesce a colmare
    > il vantaggio che hanno quelli che
    > pagano.
    > Senza contare che quelli che pagano hanno un flag
    > a true nel record del db degli utenti, se se
    > qualcuno trovasse il modo di entrare nel db degli
    > utenti...

    Ma greasemonkey almeno a parole è vietato in ogame.
    Sono diversi anni che non ci gioco più, ai tempi (uni4) avevo la versione a pagamento, ma a parte la schermata riepilogativa e poco altro i vantaggi non erano poi così grandi.
    Diverso il caso di tanti giochi online in cui si può (deve) comprare un sacco di cose diverse: se non lo fai resti relegato ad un livello base, e se lo fai ci devi spendere un saccoTriste (esempio: gunbound)
    Funz
    13021
  • - Scritto da: Funz
    > Ma greasemonkey almeno a parole è vietato in
    > ogame.

    Si certo, a parole e' vietatissimo!
    Vogliamo aprire un dibattito?
  • - Scritto da: panda rossa
    > - Scritto da: Funz
    > > Ma greasemonkey almeno a parole è vietato in
    > > ogame.
    >
    > Si certo, a parole e' vietatissimo!
    > Vogliamo aprire un dibattito?

    Si, è tanto che manco... come fanno a beccarti? Lo fanno?
    Funz
    13021
  • - Scritto da: Funz
    > - Scritto da: panda rossa
    > > - Scritto da: Funz
    > > > Ma greasemonkey almeno a parole è vietato in
    > > > ogame.
    > >
    > > Si certo, a parole e' vietatissimo!
    > > Vogliamo aprire un dibattito?
    >
    > Si, è tanto che manco... come fanno a beccarti?
    > Lo
    > fanno?

    A me non mi hanno mai beccato!
    Pero' qualcuno ogni tanto viene bannato, ma non si riesce mai a sapere se perche' hanno deciso che usa un bot o se ha sfanculato un admin.
  • - Scritto da: Guybrush
    > I produttori di console dipendono dai produttori
    > di software:

    E viceversa.

    > Per contro gli utenti possono fare una cosa
    > terrificante a questo simpatico
    > sodalizio:
    >
    > N O N C O M P R A R E U N A B E A T A F A V A

    E cosa gliene viene in tasca?

    > non comprare proprio la console (se non puoi
    > modificarla, non puoi goderne in modo pieno ed
    > esclusivo…

    E chi se frega di usarla in modo pieno ed esclusivo? Per caso non vado al supermercato se non posso comprare ogni cosa che c'è dentro?

    > non è più diritto di proprietà,

    E chi se ne frega? Si può giocare? Si? E tanto basta.

    > e
    > allora perché pagare centinaia di euro un oggetto
    > del quale non posso dire "mi
    > appartiene"?

    E secondo te questa domanda se la pongono tutti quelli che pagano l'affitto di casa?
    Io sono uno di questi, e non posso liberamente buttare giù una parete. Pensi che questa restrizione sia un un problema, per me? O per altri che stanno in affitto?
    In compenso se mi va di cambiare casa sono molto più facilitato.

    > Me lo noleggiassero allora, un bel contratto di
    > uso gratuito come fa SKY col suo decoder,

    Allora dovrò chiamarli e chiedergli come mai ogni mese mi addebitano una cifra in conto corrente…

    > al
    > confronto, è più onesto della farsa messa in
    > scena da SONY, NINTENDO e
    > Microsoft.
    Il punto è che non c'è alcuna messa in scena.
    È dal 1902 che la gente conosce il sistema di legare un prodotto ad un consumabile, il rasoio Gillette.

    > Non comprando e magari spendendo il proprio
    > denaro in altro modo (purché sia divertente) si
    > riesce ad influenzare e a scardinare il
    > meccanismo di cui
    > sopra.

    Giusto per il gusto del vandalismo?

    > Viceversa chi ha la strada spianata davanti a se
    > sono quei produttori che fanno affari con i
    > servizi accessori, prendiamo un esempio a caso:
    > Ogame.
    > Ogame è uno strategico in tempo reale (nel senso
    > che si gioca h24/7 per 365gg l'anno) gratuito
    > finché il giocatore non decide di prendersi una
    > marcia in
    > più.
    > Allora paga per avere vantaggi rispetto agli
    > altri giocatori...
    >
    >
    > Lo so, è sleale, ma

    chi se frega?

    > il risultato è che i server
    > sono pieni di gente che gioca e chi vuole
    > primeggiare paga una cifra relativamente bassa
    > per appagare la propria sete di
    > vittoria.
    >
    > Giochi online con questa filosofia ne stanno
    > spuntando fuori un po' ovunque ed è una formula
    > che funziona: il valore aggiunto del servizio non
    > può essere
    > piratato.

    Ho qualche dubbio...
    ruppolo
    33147
  • Bene, ottima la sentenza della Corte di Cassazione!
    Però adesso basta cazzate, chi mi può modificare la Playstation e la xBox a pagamento?
    non+autenticato
  • - Scritto da: Uto Uty
    > Bene, ottima la sentenza della Corte di
    > Cassazione!
    > Però adesso basta cazzate, chi mi può modificare
    > la Playstation e la xBox a
    > pagamento?

    Perchè non vai da quelli che hanno beccato nell'articolo, ah già... non dicono chi è... però hai un indizio, Firenze!
    Usa il tasto cerca!
  • - Scritto da: ThEnOra
    > - Scritto da: Uto Uty
    > > Bene, ottima la sentenza della Corte di
    > > Cassazione!
    > > Però adesso basta cazzate, chi mi può modificare
    > > la Playstation e la xBox a
    > > pagamento?
    >
    > Perchè non vai da quelli che hanno beccato
    > nell'articolo, ah già... non dicono chi è... però
    > hai un indizio,
    > Firenze!
    > Usa il tasto cerca!

    Ah, gli importatori ufficiali del WODE in ItaliaA bocca aperta
  • Quello che veramente nn riesco a capire perchè le case videoludiche non propongano un modello di businnes con un bel comodato d'uso.
    10 euro al mese, consolle loro e io gioco a quello che mi pare

    In 5 anni di utilizzo (vita media di una consolle) fanno 600 euro di cui 300 coprono il costo del ferro e 300 coprono il costo di 5 giochi, cioè uno l'anno.
    Chiaramente uno si compra più di un gioco l'anno in media ma in questo modo prenderebbero soldi veramente da tutti.
    E anche chi oggi non si può permettere la spesa iniziale di 300 euro correrebbe ai negozi a fare la fila.
    non+autenticato
  • - Scritto da: dalai
    > Quello che veramente nn riesco a capire perchè le
    > case videoludiche non propongano un modello di
    > businnes con un bel comodato
    > d'uso.
    > 10 euro al mese, consolle loro e io gioco a
    > quello che mi
    > pare
    >
    > In 5 anni di utilizzo (vita media di una
    > consolle) fanno 600 euro di cui 300 coprono il
    > costo del ferro e 300 coprono il costo di 5
    > giochi, cioè uno
    > l'anno.

    Mah... io preferirei pagare una console solo 150/200 euro e ammortizzare in 5 anni con ore e ore di vg.

    > Chiaramente uno si compra più di un gioco l'anno
    > in media ma in questo modo prenderebbero soldi
    > veramente da
    > tutti.
    > E anche chi oggi non si può permettere la spesa
    > iniziale di 300 euro correrebbe ai negozi a fare
    > la
    > fila.

    Mah...
  • > Mah... io preferirei pagare una console solo
    > 150/200 euro e ammortizzare in 5 anni con ore e
    > ore di
    > vg.
    >

    bè ma con i 100 euro di differenza del prezzo che dici tu ci compri 1 gioco e mezzo, in 5 anni un po pochino
    non+autenticato
  • Per la PSP ho preso solo 3 giochi e 1 software: Monster Hunter 2, GTA Vice City Stories e Ridge Racer e GO!Explore.

    E sono 4 anni che ce l'ho, meno di un gioco all'anno.
    L'unico altro gioco che avrei comprato sarebbe Metal Slug Anthology, che però ho già per la Wii e quindi me lo sono direttamente scaricato.
    Tenendo conto che la PSP la usavo praticamente solo come media center e navigatore in auto o per giocare a Monster Hunter, Metal Slug e GTA (Ridge Racer mi ha stufato da subito perchè non si può giocare a giochi di guida nella PSP, è contro natura) avrebbero fatto affari d'oro con me.

    Per altro non la uso, 3 giochi originali, uno mezzo piratato (la licenza ce l'ho per un'altra piattaforma che non posso usare in quanto non posso portarmi dietro la Wii con tutto il televisore) e un navigatore GPS.
    Ah, si, dimenticavo l'homebrew per i PDF e IrShell per praticamente tutto il resto (tipo ascoltare musica mentre uso il navigatore, funzionalità impedita da Sony!)
    Wolf01
    3342
  • perchè ci sono giochi del calibro di pes, fifa, cod che escono con cadenza annuale (fifa anche in più versioni in un anno) che vengono acquistati dalla stragrande maggioranza dei giocatori, prendiamo titoli tipo gow, halo, splinter cell, ghost recon ecc... che non hanno cadenza annuale ma ogni volta che escono hanno vendite altissime. Quindi la media di giochi acquistati non è 5 all'anno per giocatore ma molto più alta (conosco persone che comprano 3 o 4 giochi al mese, originali, appena escono.
    non+autenticato
  • Si ma tutti quelli con la consolle moddata non spendono più un euro per non parlare dei problemi legati al mondo pc.
    poi comunque potrebbero essere previstie diverse tipologie di abbonamento.

    Non so ma mi pare che uno sforzo in questa direzione potrebbere mettere d'accordo utenti e produttori.
    non+autenticato
CONTINUA A LEGGERE I COMMENTI
1 | 2 | 3 | Successiva
(pagina 1/3 - 11 discussioni)