Mauro Vecchio

USA, stop al DNA fai da te

Bloccate le vendite del nuovo kit per scoprire tutto sul proprio codice genetico. Critiche della comunità scientifica, FDA interviene. L'eugenetica dovrà aspettare

Roma - Con 20 dollari sarebbe possibile acquistare lo speciale kit: un tubo di plastica per contenere la propria saliva e una busta già affrancata per inviarlo nei vari laboratori statunitensi. Poi, si dovrebbe sborsare fino a 250 dollari per ottenere i risultati, capaci di stabilire il potenziale rischio di contrarre più di 70 tra disturbi e malattie più serie.

Il condizionale è però d'obbligo, dal momento che la strada verso la diffusione nazionale dei test genetici fai da te si è fatta improvvisamente in salita. Erano già pronte le varie filiali di Walgreens, ipermercato a stelle e strisce, a mettere per la prima volta in vendita il kit prodotto dalla californiana Pathway Genomics.

Ma la Food and Drug Administration (FDA) statunitense è prontamente intervenuta, dopo le copiose critiche piovute dalla comunità scientifica. In un comunicato ufficiale, Walgreens ha così annunciato che la messa in vendita del test genetico fai da te verrà posticipata a data da destinarsi.
FDA dovrà investigare, valutare, accertarsi che si tratti di un prodotto affidabile, soprattutto dal momento che nessuna autorità ufficiale ha provveduto ad approvarlo. Alla base di questa decisione l'intervento della comunità dei genetisti, che ha sottolineato come i dati forniti dal test non siano affatto sufficienti per arrivare a diagnosticare malattie come il diabete o il cancro.

Gli scienziati hanno poi spiegato come sia possibile con il kit ottenere dati relativi ai vari marker genetici. Ma allo stesso tempo come sia impossibile comprenderli al meglio, dal momento che la ricerca attuale in campo genetico è ancorata a livelli piuttosto bassi. FDA ha quindi immediatamente dato ascolto alla comunità scientifica, imponendo il blocco temporaneo di un prodotto la cui validità deve essere ancora confermata.

Mauro Vecchio
Notizie collegate
  • TecnologiaChip al DNA a base di luceUna ricerca statunitense dimostra che è possibile usare la doppia elica per costruire circuiti logici e, in ultima istanza, microprocessori perfettamente funzionali. Con tempi e costi più che convenienti
  • AttualitàDNA, in USA si schedano i neonatiTest taciti e obbligatori per i bebè nati negli States. Ciò che preoccupa di più sono le politiche, variabili a seconda dello stato, che regolano il trattamento di questi dati
  • TecnologiaUK, l'anagrafe del DNA va regolataTroppa incertezza legislativa intorno al database di profili criminali ma non solo. Il Regno Unito vuole fare chiarezza
8 Commenti alla Notizia USA, stop al DNA fai da te
Ordina
  • Questi test permettono (se funzinano) di stabilire se una persona è portatrice di geni che la predispongano ad alcune malattie. Non vedo quali applicazioni eugenetiche possano avere. Mica ti permettono di decidere quali geni passerai ai tuoi figli e quali no.
    Bah, i soliti titoli/sottotitoli sensazionalistici/ignoranti.
    non+autenticato
  • Meglio così (per adesso).
    Poter conoscere la propria salute futura può avere vantaggi (prevenzione) ma soprattutto grossi svantaggi: niente assicurazioni sanitarie, niente assicurazioni sulla vita, niente lavoro, niente famiglia... Chi ha alte probabilità di ammalarsi per tare genetiche diventerebbe un ghettizzato.
    A volte nell'ignoranza si vive meglio.
  • Certo, e si tornerebbe alla selezione naturale che l'uomo ha quasi completamente ingannato.
    Teoricamente non sarebbe una brutta idea in quanto si laverebbero via dal DNA molte schifezze e tare genetiche, moralmente, bhe, moralmente è questione di gusti e di fortuna.
    Wolf01
    3342
  • o piu' facilmente, alcune grosse aziende comincerebbero a impegnarsi piu' seriamente per la modifica "in vivo" del codice genetico, cosa che sarebbe assolutamente fantasticaOcchiolino

    Al San Raffaele gia' lo fanno per curare la SCID-ADA:

    http://www.sanraffaele.org/60980.html

    "La terapia genica, infine, si propone di modificare l'informazione genetica delle cellule inserendo il gene normofunzionante, che produce l’enzima ADA, nei linfociti periferici, nelle cellule staminali midollari e nei progenitori da sangue di cordone ombelicale."
  • - Scritto da: koteko
    > Al San Raffaele gia' lo fanno per curare la
    > SCID-ADA
    Che però ha qualche effettino collaterale in quanto non si sa ancora benissimo a cosa servono tanti geni, tocchi quello sbagliato e ti ritrovi Blanka di Street Fighter, tocchi quello giusto e diventi uno Spartan
    Con ciò non dico che non funzioni la cura, anzi, però ha qualche piccola controindicazione.
    Sinceramente preferisco un'iniezione di nanocosi piuttosto a lasciarli giocare col mio DNA.
    Wolf01
    3342
  • - Scritto da: Luther_Blissett
    > Meglio così (per adesso).
    > A volte nell'ignoranza si vive meglio.

    tu vivrai benissimo, allora.
    Se l'analisi del mio codice genetico mostra una predisposizione a certe malattie preferisco saperlo per poter fare della prevenzione.

    Tra vent'anni vedremo i comportamenti odierni, politicamente corretti e contro l'eugenetica e la scienza come vere e proprie malattie mentali
    non+autenticato
  • Sei arrogante e ignorante.
    Ho solo espresso il mio punto di vista, se non sei d'accordo puoi anche spiegarti argomentando in modo intelligente ed esaustivo.

    Se rileggi bene quello che ho scritto (ma forse è più facile sputare sentenze che LEGGERE), ho detto che "Poter conoscere la propria salute futura può avere vantaggi (prevenzione)".
    Ma ho anche detto che questa cosa ha un possibile, deleterio rovescio della medaglia.
    -----------------------------------------------------------
    Modificato dall' autore il 17 maggio 2010 17.47
    -----------------------------------------------------------
  • Per il momento la genetica è a basso livello ma tra 10 anni avrà fatto grandi progressi.

    Stica
    non+autenticato